Il Trust - Parte Prima


La protezione del patrimonio, il passaggio generazionale ordinato e una gestione professionale dei beni sono alcune delle finalità di quest'istituto
Il Trust - Parte Prima
Il Trust è un istituto di matrice anglosassone di lunga tradizione, sviluppatosi nei paesi common low e che ha fatto il sui ingresso in Italia con la ratifica della Convenzione dell'Aja.
La sua struttura essenziale vede la presenza di tre soggetti, non necessariamente persone diverse tra loro ovvero:
1) il disponente;
2) il trustee;
3) il beneficiario o i beneficiari

Il disponente trasferisce alcuni beni al trustee, il quale ne diventa proprietario ed amministratore, con il vincolo di gestirli nell'interesse dei beneficiari, ovvero in funzione di uno scopo.
L'effetto principale del Trust è quello di segregare il dato patrimonio, sicchè lo stesso non potrà essere aggredito da terzi creditori, siano essi del disponente, del trustee o del/i beneficiario/i, salva la sussistenza di situazione patologiche (ad esempio sottrazione da parte del disponente di massa patrimoniale ai propri creditori). Il Trust interno quando tutti gli elementi costitutivi sono italiani, e quaindi l'unico elemento esogeno è la legge regolatrice.

Il Trust è un atto attraverso il quale il disponente, sia esso persona fisica o persona giuridica, trasferisce un bene o un diritto a un altro soggetto, il trustee, che può essere anch'esso una persona fisica o giuridica. I beni conferiti al trust costituiscono il Fondo in Trust ed escono definitivamente dal patrimonio del disponente ma non entrano afar parte del patrimonio del Trustee e quindi non possono essere oggetto delle pretese dei creditori o degli eredi o del coniuge del trestee.
Il Trustee che ha ricevuto i beni o i diritti in proprietà, dovrà amministrarli a favore dei beneficiari secondo le regole dello statuto del Trust e senza alcun vincolo formale, in accordo con i "desideri" del disponente.

Nella pratica si riscontra spesso la nomina anche di un altro soggetto, il guardiano, nel quale il disponente riveste particolare fiducia, con funzioni di controllo e di suplenza al trustee.
La disposizione dei beni in Trust determina lo spossessamento da parte del disponente che quindi non potrà più essere aggredito su tali beni, salvo ovviamente l'esperimento di azioni revocatorie.
Di norma nell'atto di Turst è presente una clausola volta a garantire al disponente il mantenimento dell'attuale tenore di vita oppure l'assistenza in caso di necessità. Tale circostanza rende l'istituto più digeribile in quanto attenua sensibilmente i timori connessi alla perdita della proprietà derivanti dallo spossessamento.

Articolo del:



Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Associazioni: costituire e gestire! Un bel rebus

L'esperienza quotidiana mi ha fatto notare come molte persone si avvicinano al mondo dell'associazionismo senza conoscerne i meccanismi

Continua

Nido famiglia: chi, come e perchè?

Il Nido Famiglia è un servizio INNOVATIVO sostitutivo dei servizi offerti da asili nido, micro-nido e baby-sitter

Continua

S.R.L. ma quanto mi costi?

Analisi sintetica e analitica dei costi di costituzione e di gestione di una S.r.l.

Continua

OMAGGI NATALIZI: fiscalmente cosa faccio?

Come ogni anno con l’avvicinarsi delle festività natalizie è consuetudine per le imprese ed i professionisti offrire omaggi ai propri clienti

Continua

L'Iva per cassa

Il cash accounting introdotto con il Decreto Sviluppo 2012 (Dl 83-2012) e regolamentato dall’art. 32-bis ha abrogato la legge 2/2009

Continua

IL PUNTO SULLE COLLABORAZIONI DAL 01/01/2016

Per le collaborazioni autonome, il 1° gennaio 2016 scatta l’applicazione delle previsioni del <br />Dlgs 81/2015, che ha abolito il contratto a progetto.

Continua

Il punto sulle collaborazioni dal 01/01/2016

Per le collaborazioni autonome, il 1° gennaio 2016 scatta l’applicazione delle previsioni del <br />Dlgs 81/2015, che ha abolito il contratto a progetto

Continua

Super bollo 2016

Il superbollo è ulteriore importo da versare oltre all’ordinario bollo auto

Continua

Detrazioni del 50% - 65% e bonus mobili

La “Legge di stabilità” ha riproposto, per l’anno 2016, le agevolazioni fiscali riguardanti i lavori di ristrutturazione edilizia e il bonus mobili

Continua