Richiedi una consulenza in studio gratuita!

La violenza sulle donne è "cosa nostra"


La violenza di genere come problema sociale
La violenza sulle donne è "cosa nostra"
Sono appena terminate le celebrazioni per la festa della donna ma non deve cessare la nostra attenzione sulla violenza di genere.
La cronaca, purtroppo, è densa di episodi che hanno visto le donne vittime o oggetto di violenza, dalle discriminazioni alle violenze sessuali, dai maltrattamenti fino ad arrivare al femminicidio, che è la conseguenza più estrema. I dati sono impressionanti: nel 2017 la media di donne uccise dal partner o dall’ex partner è di 1 su 3, 3 milioni e 468 mila le denunce per stalking e sempre secondo l’Istat sono circa 7 milioni le donne che hanno subito nel corso della loro vita almeno una forma di violenza (Violenza sulle donne, la strage continua - Redazione Ansa 21/09/2017 http://www.ansa.it/sito/notizie/speciali). A questi dati dobbiamo aggiungere il sommerso, cioè tutti i casi non denunciati.
La drammaticità dei dati ci indica che la violenza di genere non è un fenomeno isolato, ma è un fenomeno sociale, che ha purtroppo radici molto profonde nella cultura.
Secondo la Convenzione di Istanbul (2011) la violenza nei confronti delle donne è una violazione dei diritti umani e una forma di discriminazione che comprende atti di violenza fondati sul genere che provocano danni di natura fisica, sessuale, psicologica ed economica.
La violenza di genere è un fenomeno sociale perché si costruisce attorno a ruoli, comportamenti e funzioni che la società ha sancito e approvato, perché si alimenta di stereotipi e pregiudizi di genere.
Tali concezioni sono profondamente radicate nella nostra cultura. Lo stereotipo sessuale è infatti ancora molto attivo nelle relazioni uomo-donna, l’uomo è quello "che comanda", "che ha potere", la donna pur se più indipendente ed emancipata cerca di aderire all’immagine socialmente accettata. Può essere l’ "imprenditrice di successo" o la "casalinga", ma si adopererà per essere anche" la brava mamma"," la donna che si occupa di tutto", come se non si riconoscesse il diritto di essere anche diversa.
La storia ci insegna che da sempre le donne sono state relegate a posizioni subalterne, sono state considerate oggetto del potere maschile. La violenza di genere è cosi anche un fenomeno culturale.
E’ un fenomeno moderno, e non perché prima non sia esistita, ma perché nasce con la concezione moderna dell’unione, intesa come un patto d’amore, in cui ognuno è libero di esprimere sé stesso e la propria personalità. Un patto d’amore che a volte però uccide o maltratta, quando si vuole dire "No", quando si dice "Basta è finita", quando si cerca di affermarsi.
Fuori dalle mura domestiche, pur se osserviamo una forte emancipazione ed affermazione femminile, ancora assistiamo a discriminazioni sul lavoro, in alcuni casi, la donna viene solo considerata per il suo corpo, viene messa alla gogna quando è vittima di un episodio di violenza.
La violenza di genere è un problema articolato e complesso e richiede un intervento integrato.
E’ necessario un profondo cambiamento nel tessuto culturale, nelle credenze, nei valori e nella percezione di genere. Questo richiede la sensibilizzazione alla cultura di genere, la possibilità di riconoscere certi stereotipi e metterli in discussione, un’educazione al rispetto per le differenze, che poi è fondamentale per contrastare ogni discriminazione, non solo quella verso le donne. Tale processo deve investire tutti: Stato, Istituzioni, mass-media, opinione pubblica e privati cittadini.
La Convenzione di Istanbul individua le 3 P per contrastare il fenomeno: PREVENIRE, PROTEGGERE e PERSEGUIRE e uno Stato che si definisce civile deve assolvere a queste funzioni.
E’ doveroso, non possiamo più chiudere gli occhi o puntare il dito, pensando semplicemente che è accaduto a lei perché se l’è cercata.


Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

La crisi di coppia: significato ed evoluzione

La costituzione della coppia. La crisi di coppia: definizione ed effetti. La crisi come possibilità di cambiamento

Continua

Il bisogno e la paura dell’altro

Alcune riflessioni sull’uso e abuso dei social network

Continua

Aiuto!!! Il colloquio con gli insegnanti

Ansie e preoccupazioni sul colloquio con gli insegnanti. Il colloquio come giudizio. Il colloquio come scambio

Continua

Gli adulti dove sono?

Il branco e i fenomeni di devianza giovanile. Disagio giovanile come problema sociale. Ruolo della famiglia, della Scuola e delle Istituzioni

Continua

La relazione che cura

Principi generali della psicoterapia ad orientamento sistemico-relazionale

Continua

Difendersi dalle emozioni

Brevi cenni sull'esperienza emotiva e sulla dissociazione alla base di molti disturbi psichici

Continua

Il tempo della “Non-Esistenza”

La tensione nell’attesa di una risposta ad un messaggio. Alcune riflessioni dall’articolo di O. Burkeman

Continua

Ma è la persona giusta?

Il ruolo delle aspettative nella scelta e nella dinamica di relazione

Continua

Lei, Lui e...i suoi figli

Gestire i rapporti con i figli dei propri compagni. Dinamiche di relazione e definizione dei giusti confini

Continua

La paura che fa la differenza

Breve analisi sui fattori psicologici dietro la rabbia e la paura verso i migranti

Continua

Il rientro a scuola come rito di passaggio

Le emozioni attivate dall'ingresso nei diversi cicli scolastici. I disagi legati al cambiamento

Continua

Il senso di inadeguatezza

Origine e significati del senso di inadeguatezza nelle relazioni familiari. Aspetti clinici.

Continua

Il significato del dono nella relazione

Il dono inteso come atto basato sulla reciprocità della relazione. Differenza fra dono e regalo

Continua

Le emozioni possono essere contagiose

Le emozioni si trasmettono e possono insinuarsi nel nostro stato emotivo. E' importante riconoscerle

Continua

Lo Psicologo in corsia, una risorsa preziosa

Lo Psicologo in ospedale è una risorsa preziosa, come professionista è in grado di sostenere pazienti e familiari quando vengono “colpiti” da una diagnosi di malattia

Continua

Gestire la timidezza?... Si può!

La timidezza e l'insicurezza personale. Come scoprire i punti forza per avere un'altra immagine di sè nel confronto con gli altri

Continua

La Resilienza: la risorsa "nascosta"

Attribuire un nuovo senso alla propria vita in seguito a un evento drammatico. Attivazione di nuove risorse e possibilità

Continua

IL TRIANGOLO NO! Il bambino nella lotta fra i genitori

La triangolazione del bambino nella separazione, quando il figlio viene considerato come alleato o nemico

Continua

L'esame di maturità:...è solo un esame!

Esame di maturità come rito di passaggio. Ansie, aspettative e significati

Continua

La mia vita non cambierà mai!

Le aspettative che bloccano il cambiamento. Ansia e paura come segnali di stati emotivi più complessi

Continua

"Io sono le mie relazioni". Stile di attaccamento e personalità

E' nella relazione che si manifestano i nostri tratti di personalità, che nei casi sintomatici danno corpo ai disturbi di personalità

Continua

Il rientro dalle vacanze non è solo il ritorno alla routine

La funzione protettiva della routine. Riscoprire se stessi attivando processi di cambiamento

Continua