Richiedi una consulenza in studio gratuita!

«LIKE» sui social e istigazione a delinquere


I c.d. «mi piace» sono indizi sufficienti per la configurazione del reato di propaganda e istigazione a delinquere per motivi di discriminazione
«LIKE» sui social e istigazione a delinquere

La Cassazione Penale, Sezione Prima, n. 4534/2022, con motivazione depositata lo scorso 9 febbraio si è espressa sulla configurabilità del reato di propaganda e istigazione a delinquere per motivi di discriminazione razziale, etnica e religiosa di cui agli artt. 604 bis comma 2 e e 604 ter, realizzato a mezzo social.

La vicenda trae origine dall’osservazione di tre distinte piattaforme social, nelle quali era stata creata una comunità virtuale caratterizzata da una vocazione ideologica di estrema destra, con riferimenti propagandistici di idee antisemite e negazioniste.

In particolare veniva contestato al soggetto coinvolto di aver rilanciato, attraverso distinti profili a lui riconducibili, post e commenti dal contenuto negazionista e antisemita e di aver messo «mi piace» a post di altrettanto tenore. 

La questione sulla quale la Suprema Corte si è espressa, interessante sotto il profilo strettamente giuridico, concerne il rilievo penalistico dei c.d. «mi piace» ed il fatto che tali azioni possano essere considerate un indizio sufficiente per la configurazione del reato di propaganda e istigazione a delinquere per motivi di discriminazione, qualora, ovviamente, destinatari del like siano pubblicazioni di questo tenore.

La risposta a tale quesito, al di là del fatto concretamente deciso, attiene alla portata offensiva di like e commenti che, nonostante la leggerezza con i quali spesso vengono posti in essere, potrebbero essere assunti quali presupposti per la contestazione di gravi fattispecie delittuose.

La Cassazione si è espressa nel senso che i c.d. «mi piace» scambiati sui social piuttosto che interazioni, condivisioni e commenti proprio per la loro intrinseca portata offensiva, essendo in grado di raggiungere un numero indeterminato di soggetti, sono in grado di integrare il reato di propaganda ed incitamento all’odio razziale.

Pertanto maggiore attenzione e meno leggerezza nell’uso dei social possono prevenire da rischi concreti di essere coinvolti in procedimenti penali.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Iva non versata: il ruolo della crisi di liquidità dell'impresa

La crisi di liquidità dell'impresa e la sua rilevanza in tema di mancato versamento Iva, ex art. 10 ter D.lgs. 274/2000

Continua

Art. 10 bis D.lgs. 74/2000: quando il modello 770 da solo non basta

La rilevanza probatoria della dichiarazione modello 770 nel reato di omesso versamento di ritenute dovute o certificate prima della riforma del 2015

Continua

Stalking: il ruolo della vittima

Nella Pronuncia in commento la Corte di Cassazione affronta il tema della rilevanza del comportamento della vittima nel delitto di stalking

Continua

Come cambia la prescrizione con la riforma del ministro Bonafede

Con la recente riforma Bonafede la prescrizione viene di fatto abolita compromettendo ogni principio garantista per vittime e imputati

Continua

Emergenza Covid-19 tra sanzione penale ed amministrativa

Le previsioni sanzionatorie penali ed amministrative relative alle misure di contrasto al diffondersi della pandemia relativa al c.d. «Coronavirus»

Continua

Reato di stalking, cosa prevede

L’art. 612 bis del codice penale disciplina nel nostro ordinamento il reato di atti persecutori

Continua

Il reato di maltrattamenti in famiglia: cosa prevede?

L’art. 572 del codice penale punisce il reato di maltrattamenti contro familiari e conviventi

Continua

Il reato di guida in stato di ebbrezza: cosa fare?

L’art. 186 CdS punisce la guida sotto l’influenza dell’alcool

Continua

Diffamazione a mezzo social network

I social network non sono zona franca: i commenti e i post che si pubblicano possono avere una rilevanza penale.

Continua