Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Magistrati e provvedimenti disciplinari (parte 4)


Rapporti personali col giudice, compensi eccessivi, provvedimenti abnormi e ritardo nel provvedere
Magistrati e provvedimenti disciplinari (parte 4)
Cass. SU n. 9156/2018 si occupa di un magistrato sanzionato con la perdita dell'anzianità di quattro mesi per una serie di fatti. Il giudice aveva nominato in un procedimento penale due commercialisti, con i quali aveva avuto frequentazione in passato, senza giustificarne la nomina congiunta e liquidando loro compensi in misura superiore al dovuto per legge. Aveva poi revocato la misura cautelare dell'imputato di stalking, motivando il provvedimento con la mancanza del fascicolo processuale, salvo poi ripristinare la misura su istanza del difensore della parte civile. Non aveva poi rinviato la causa per consentire la traduzione dell'imputato (accusato di cessione di sostanze stupefacenti), ne' delibato la sussistenza di una causa di legittimo impedimento a comparire e, dopo avere modificato l'imputazione, non sussistendo alcun potere in capo al giudice di riqualificare la imputazione in corso di causa per un fatto diverso, per avere rimesso la stessa ad altro giudice, violando il principio di immutabilità del giudice, avendo, tra l'altro assegnato un procedimento per il quale e' prevista l'udienza preliminare ad un giudice sprovvisto della prima valutazione di professionalità, non sussistendo in capo al giudice alcun potere di provvedere direttamente all'assegnazione di un affare in luogo del presidente del tribunale o di soggetto da lui delegato. Inoltre il magistrato in questione aveva nominato un consulente non iscritto all'albo relativo, con il quale aveva un rapporto di risalente frequentazione, avendo questi assicurato la correzione delle bozze di un romanzo giallo da lei scritto.
Il giudice ricorrente rilevava di aver avuto l'autorizzazione a nominare consulenti non iscritti all'albo e che nella sentenza impugnata non si motivava il suo preteso illecito. Inoltre non si poteva ritenere frequentazione aver pranzato talvolta al bar con il consulente e aver formulato apprezzamenti favorevoli nei suoi riguardi.
La sezione disciplinare del CSM, in relazione alle contestazioni aveva ritenuto sussistente solamente quella relativa alla lettera g) del Decreto Legislativo 23 febbraio 2006, n. 109 ("grave violazione di legge determinata da ignoranza o negligenza inescusabile").
La Cassazione ha ribadito l'illiceità della nomina da parte del giudice incolpato del correttore di bozze, da lui elogiato su Internet, di un suo romanzo poliziesco come consulente in 79 casi, e le nomine di altri consulenti, non dettate da esigenze giurisdizionali, ma da motivi personali. Illegittima poi la revoca della misura cautelare nei confronti dell'imputato di stalking per la mancanza del fascicolo d'ufficio, senza richiedere il parere del P.M., trattandosi di comportamenti abnormi. Del pari sono state respinti gli altri motivi di ricorso.
"La scelta della sanzione da applicare - ha motivato infine la Cassazine - e' stata effettuata, da parte della Sezione disciplinare del CSM non già in astratto, ma con specifico riferimento a tutte le circostanze del caso concreto, con un giudizio di proporzionalità, ancorato alla gravità ed entità delle incolpazioni, tra il fatto addebitato e la sanzione irrogata; nella motivazione si é infatti fatto riferimento alla gravita' dei fatti in rapporto alla loro portata oggettiva".

Ritardato rilascio di imputati soggetti ad arresto cautelare - Un gruppo di sentenze riguarda sanzione (censura) irrogata a magistrati che avrebbero ordinato tardivamente il rilascio di imputati soggetti a provvedimenti cautelari. Tutti i ricorrenti hanno invocato quale esimente (disattesa) la disorganizzazione degli uffici ed il carico di lavoro. La motivazione in ordine al respingimento merita, a mio avviso, un opportuno approfondimento.
Particolare attenzione si presta, come è naturale, all'osservanza dei termini in ordine ai provvedimenti di restrizione della libertà. La Cassazione con giurisprudenza costante ha stabilito che "il magistrato ha l'obbligo di diuturnamente vigilare circa la persistenza delle condizioni, anche temporali, cui la legge subordina la privazione della liberta' personale di chi e' sottoposto ad indagini o imputato"(vedi, fra le altre: Cass. SU 12 gennaio 2011 n. 507; 12 marzo 2015, n. 4954; 20 settembre 2016, n. 18397).
In particolare Cass. SU n. 507/2011 non ha ritenuto giustificata la dimenticanza del magistrato, costretto ad annotare sulla propria agenda personale i termini di scarcerazione in mancanza di registro tenuto dall'ufficio, che aveva provveduto con oltre un mese di ritardo.
Va rilevato a questo proposito che i provvedimenti relativi alla sopravvenuta inefficacia della carcerazione sono di competenza del giudice che ha emesso la sentenza impugnata (art. 91 att. c.p.p.) e che deve tenere un sottofascicolo dell'esecuzione provvisoria, in sostituzione del fascicolo principale trasmesso alla Cassazione, da cui trarre lo scadenzario degli adempimenti come da circolare ministeriale n. 540/1990. Lo scadenzario che ne deriva è considerato attività giurisdizionale in senso stretto e non delegabile in alcun modo alla Cancelleria, sicché l'unica esimente può esser quindi eventualmente rappresentata dalla mancata disponibilità del fascicolo per la disorganizzazione dell'ufficio (CSM 34/2001).
Neppure vale come esimente il fatto che l'imputato fosse posto agli arresti domiciliari e non alla carcerazione in istituto di pena (Cass. SU n. 7307/2017: nel caso di specie l'imputato era stato trattenuto per 92 giorni in più, dei quali però solo 78 ascrivibili al magistrato). Il ricorrente aveva invocato questo come esimente citando l'art. 3Bis che solleva il giudice sotto accusa "quando il fatto è di scarsa rilevanza", giacché "la privazione della libertà personale e' una delle lesioni più pesanti che una persona possa subire e rappresenta di per se' un danno che, nella specie, e' da considerare ingiusto a causa della violazione della norma che fissa i limiti massimi delle misure coercitive".
Per il resto anche qui né il carico di lavoro, né la svista della Cancelleria possono valere da esimente.

Articolo del:



Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Il valore giudiziale del CAI o CID

Il contenuto del CAI vale solo tra i sottoscrittori. Il giudice lo apprezza liberamente, ma deve tenerne conto in mancanza di contrari indizi o prove.

Continua

Valenza probatoria del modello CAI o CID

Libera interpretazione da parte del giudice, ma divieto di ignorare il CAI nei confronti del confitente in mancanza di indizi e prove contrarie

Continua

La responsabilità dell'avvocato: il danno

L'inadempimento deve esser causa esclusiva dell'esito negativo della causa. La prova è a carico del cliente, l'avvocato deve provare la sua diligenza

Continua

La responsabilità dell'avvocato (parte II)

Diligenza oltre mandato, quantificazione danno ed esame ex officio del giudice

Continua

L'insegnante di scuola privata

Quando l'insegnante di scuola privata può esser considerato lavoratore autonomo e quando lavoratore subordinato?

Continua

Protesta e diffamazione di Pubblico Ufficiale

Fino a che punto è lecito nella protesta eccedere senza incorrere nel reato di diffamazione o calunnia di pubblico ufficiale?

Continua

Cessione ramo d'azienda e opposizione dipendenti

Se la cessione di ramo d'azienda è illegittima i lavoratori non reintegrati hanno diritto alla retribuzione? No

Continua

Domanda e potere del Giudice

Domanda relativa ad un titolo accolta in ragione di titolo diverso

Continua

Eccezioni di prescrizione e di interruzione

La prescrizione è un'eccezione in senso stretto e non può esser rilevata d'ufficio. Non così l'eccezione di interruzione della prescrizione

Continua

Riproposizione delle eccezioni in appello

Pronuncia del giudice di primo grado su eccezione in senso lato o stretto; appello incidentale o riproposizione? Mancata pronuncia del primo giudice

Continua

Il Modello C.A.I.

Oscillazione della giurisprudenza - confessione - assicuratore - proprietario che non l'ha sottoscritto - prova contraria - libero apprezzamento

Continua

Salute e idoneità alle mansioni di lavoro

Il Testo Unico su Sicurezza e Salute nel Lavoro. Doveri del Datore di Lavoro. Il Medico Competente. Inidoneità. Licenziamento o Repéchage

Continua

Concorso e lavoro privato

Concorso come offerta pubblica, concorso e requisiti psico-fisici, discriminazione tra uomini e donne, il problema della statura

Continua

Concorso interno e smarrimento della cartella sanitaria

L`onere della prova e il criterio della vicinanza alla prova

Continua

Intervento medico e danni causati dal paziente

Paziente lede la mano dell'infermiera durante un intervento odontoiatrico, sentenza cassata per carenza di prova della colpa

Continua

La Vicinanza della Prova

Criterio generale ex art. 2697 c.c. Prova esageratamente difficile per l'attore. Principio di vicinanza. Limiti

Continua

Magistrati e provvedimenti disciplinari (parte 1)

Decreto legislativo n.109/2006; principio di salvaguardia del prestigio della magistratura; tipizzazione degli illeciti; la scarsa rilevanza del fatto

Continua

Magistrati e provvedimenti disciplinari (parte 2)

Decreto legislativo n.109/2006: principio di salvaguardia del prestigio della magistratura, tipizzazione degli illeciti e la scarsa rilevanza del fatto

Continua

Magistrati e provvedimenti disciplinari (parte 3)

Mancata lettura del dispositivo in causa di lavoro e mancata astensione di un pubblico ministero

Continua

Magistrati e provvedimenti disciplinari (parte 5)

Termini carcerazione, qualificazione fatti e rapporto di specialità tra fattispecie illeciti disciplinari

Continua

Anomalia e abnormità nel processo civile

Provvedimento anomalo e provvedimento abnorme. Provvedimento anomalo profili funzionali. Provvedimento abnorme e i rimedi secondo la Cassazione

Continua

L'accoglienza ai migranti: il caso della Can Ap

La nave tedesca Can Ap appartenente ad una Ong salva 37 migranti, ma viene poi sequestrata in Italia ed il comandante processato. Perché?

Continua

Sicurezza e soccorso in mare

Convenzioni internazionali sulla sicurezza, loro aggiornamenti, obblighi dei Comandanti; poteri dei governi nazionali per quanto riguarda l'ingresso

Continua

La Disputa Italia-Malta sulle zone SAR

La normativa sul soccorso in mare ha criteri non coordinati e la zona di competenza di Malta è troppo ampia

Continua

Part Time Full Time e TFH

Il TFH, full time dei turnisti quando prevede orari differenziati fa sorgere questioni diversamente risolte dalle Corti di Appello e dalla Cassazione

Continua

La Cassazione Giudice dei CCNL

Dal 2006 è possibile subito il ricorso in Cassazione anche per violazioni al CCNL

Continua

CCNL e comportamenti concludenti

CCL: forma libera scritta e/o fatti concludenti; diverso regime processuale delle due componenti

Continua

CCNL e Comportamenti Concludenti

Cass. SS.UU. 21691/2016 che rimette al merito i comportamenti concludenti non è esaustiva

Continua

Cassazione ed esame diretto dei CCNL

La sentenza Cass. 5533/2016 ha segnato una svolta nella giurisprudenza del diritto del lavoro

Continua

Cassazione e Violazione di Legge

Non è consentito l'esame diretto del ricorso per violazione di legge, previsto invece per i CCNL

Continua

Condebitori: alcuni limiti alla solidarietà

I condebitori sono obbligati in solido, ma non sempre e non sempre nello stesso modo e misura

Continua

Responsabilità solidale da fatto illecito

Trattasi di responsabilità relativa diversamente regolata in sede civile ed amministrativa

Continua