Richiedi una consulenza in studio gratuita!

B&B: tassa di soggiorno non versata all'erario: peculato o illecito tributario?


Illecito tributario o peculato per il titolare di esercizio ricettizio che ometta di versare la tassa di soggiorno alla luce del decreto rilancio?
B&B: tassa di soggiorno non versata all'erario: peculato o illecito tributario?

Prima dell’emissione del decreto rilancio secondo una interpretazione, non condivisibile da parte di chi scrive, la Corte di Cassazione riteneva che il titolare di un albergo o B&B che non versasse all’erario la tassa di soggiorno versata dal cliente, dovesse rispondere di reato di cui all’art. 314 cp.

Il reato di Peculato prevede pene molto severe, infatti l'articolo del codice stabilisce: “Il pubblico ufficiale o l'incaricato di un pubblico servizio, che, avendo per ragione del suo ufficio o servizio il possesso o comunque la disponibilità di denaro o di altra cosa mobile altrui, se ne appropria, è punito con la reclusione da quattro a dieci anni e sei mesi”.

Tale interpretazione, a nostro avviso, però non era condivisibile in quanto violava gli elementi costitutivi del reato, che essendo reato proprio può essere commesso solo dal pubblico ufficiale, cioè da soggetto inserito nel rapporto giuridico pubblico, e non da un soggetto privato che gestisca un’attività commerciale di natura prettamente civilistica e non già pubblicistica.

Comunque sia tale interpretazione creava una figura giuridica nuova in base alla quale un soggetto sarebbe portatore solo degli oneri pubblicistici, senza nel contempo avere i diritti e le funzioni che spettano al pubblico ufficiale.

A tale erronea situazione ha posto rimedio, anche se non direttamente e senza troppo coraggio, il c.d. decreto rilancio emesso dal dimissionario governo Conte Bis nell’ambito della legislazione dell’emergenza, decreto emesso forse non tanto per motivi di giustizia, ma per sottostanti esigenze di ordine politico.

Comunque sia l’art. 180 del DL 19.05.2020, stabilisce che da tale data, il titolare di esercizio ricettivo-turistico, che non versi all’erario a tassa di soggiorno incassata, divenga soltanto debitore dell’erario secondo i principi e i criteri del diritto tributario.

Il decreto, quindi, non direttamente ha disposto che l'albergatore non risponda più del reato di cui all’art. 314 cp anche se ciò non è scritto a chiare lettere.

Alla responsabilità penale, infatti, viene sostituita la responsabilità amministrativa.

Senonché, nonostante, l’introduzione del su ricordato DL che trasforma l’illecito penale in illecito amministrativo, la Corte di Cassazione (sez. VI- sentenza 30227/20) ha erroneamente stabilito che la depenalizzazione secondo il principio della successione delle leggi nel tempo, valga solo dalla data del 20/05/2020 e non possa essere esteso ai fatti antecedenti a tale data.

Tale interpretazione è assolutamente non condivisibile perchè con l’introduzione della sanzione amministrativa, il legislatore, prendendo atto della gravissima situazione del settore alberghiero – ricettivo, ha cercato di porvi rimedio eliminando la sanzione penale che avrebbe ulteriormente aggravato la situazione del settore, messo in ginocchio dalla pandemia Covid.

Ma soprattutto osserviamo che il ragionamento della Cassazione, se accettato, porterebbe ad una non consentita disparità di trattamento tra chi ha commesso i fatti prima del 20/05/20 e chi li aveva commessi prima, – con evidente violazione dell’art. 3 della Costituzione che prevede come elemento essenziale della nostra società, la parità di trattamento dei cittadini per situazioni identiche.

Fortunatamente la giurisprudenza dei giudici di merito, ha reagito all’interpretazione formulata dalla Cassazione, nel senso che ha stabilito che la depenalizzazione si estende anche a tutte le fattispecie precedenti a 20/05/2020.

Riportiamo a titolo esemplificativo le sentenze:

- GUP - Tribunale di Roma del 2/11/2020 sentenza n. 1520/20;

- Tribunale di Perugina del 24.11.2020 sentenza n. 1936/20;

- Trib. di Rimini (Ufficio GuP) del 24/7/20

In relazione a tali sentenze, e dall'interpretazione delle norme costituzionali e dei principi fondamentali della legge penale secondo cui un caso di successione di leggi nel tempo, all’imputato debba essere applicata la legge più favorevole (favor rei), riteniamo che anche per le imputazioni antecedenti al 20/5/2020 si possa ottenere una sentenza assolutoria, che eviti al titolare di attività ricettizie una responsabilità penale ai sensi dell’art. 314 c.p. (peculato), rimanendo obbligato solo per le sanzioni tributarie.

Pertanto qualora un albergatore – ristoratore – gestore dovesse essere imputato di tale reato dovrà, rivolgendosi ad un avvocato penalista di sua fiducia, portare all'attenzione del magistrato tutte le argomentazioni giuridiche e giurisprudenziali sopra riportate.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Stalking, come difendersi

Cosa si può fare se si è vittima di molestie o minacce ripetute, ma si ha paura che una denuncia aggravi o non risolva la situazione?

Continua

Guida in stato di ebbrezza, come difendersi?

Inutilità del rifiuto di sottoporsi al test dell’etilometro; il lavoro di pubblica utilità come alternativa alla condanna e al decreto penale

Continua

Accusa ingiusta? Quali strade intraprendere?

Quando si è calunniati è conveniente fare immediatamente una contro denuncia?

Continua

Danni causati dall'alunno: chi ne risponde?

Responsabilità Civile della scuola e degli insegnati per danni causati e subiti dal minore durante l'orario scolastico

Continua

Droga. Cosa è cambiato.

Quali sono le modifiche della normativa sugli stupefacenti apportate dalla sentenza della Corte Costituzionale? Chi può usufruire della “nuova” norma

Continua

Facebook, attenzione a quel che si scrive

Si può incorrere nella diffamazione aggravata da motivi razziali anche tramite i soli post

Continua

Facebook, messaggi sgraditi la Cassazione dice no!

La Cassazione definisce luogo aperto al pubblico la piazza virtuale assoggettandone i messaggi o post alle molestie di cui all`art. 660 del codice penale

Continua

Diritto di difesa e reato di calunnia

L'imputato può mentire incolpando implicitamente di falsa testimonianza purchè sia in relazione alla propria difesa.

Continua

Divorzio breve e negoziazione assistita: cosa sono?

Cosa cambia e cosa resta nelle procedure di separazione? Quando sono applicabili le nuove norme procedurali? Cosa conviene?

Continua

Coltivazione di marijuana, quando non è punibile?

Quali sono gli sviluppi in giurisprudenza? Quando è punibile? Quando si può sostenere l’uso personale? Quando la condotta può risultare inoffensiva?

Continua

Dichiarazione fraudolenta o Frode Fiscale

Il reato di Frode Fiscale è destinato a diventare sempre più di moda nei Tribunali del Bel Paese?

Continua

Accusa ingiusta? Una nuova arma contro la calunnia

Una recente sentenza della Corte di Cassazione potrà proteggerci dalle calunnie? I Giudici di merito valuteranno le testimonianze esagerate?

Continua

In quanto si prescrivono le cartelle di Equitalia?

Sanzioni Tributarie, cartelle definitive non impugnate, prescrizione quinquennale

Continua

Appropriazione indebita. Momento consumativo

Il momento consumativo del reato si manifesta nel momento in cui viene compiuto un atto di dominio sulla cosa appropriata

Continua

L'avviso di fine indagini è sempre dovuto

La mancanza di avviso di conclusione delle indagini 415 bis all'indagato emesso dalla Procura competente per luogo comporta la nullità del processo?

Continua

Pubblicità e spam via mail. Tuteliamoci

Cos'è lo spam? Quale tutela esiste? Esistono profili risarcitori per il danno da spamming?

Continua

Bloccare la strada ad un auto è violenza privata?

Il conducente che ostacola l'uscita da un parcheggio di una vettura durante un diverbio commette il reato di violenza privata ex art. 610 c.p.

Continua

Omesso versamento Iva e contrabbando

Il trasporto di aerei dalla Repubblica di San Marino sul suolo nazionale configura il reato di contrabbando? Quando l'Iva all'importazione è dovuta?

Continua

Il peculato, limiti e requisiti

Costituisce reato di peculato o peculato d'uso l'utilizzo per fini personali di internet e telefono della pubblica amministrazione?

Continua

Furto in abitazione o privata dimora

Quando è configurabile il reato di cui all'art. 624 bis (furto in appartamento o privata dimora)?

Continua

Cittadinanza dei Robot e A.I. profili giuridici

L'umanizzazione della macchina che conseguenze potrebbe avere? I robot potrebbero esercitare diritti e doveri in uno Stato?

Continua

Associazione in partecipazione per fare impresa

Cos'è? Come funziona? A chi può convenire?

Continua

Come si può provare l'esistenza di un prestito?

E' sufficiente la copia dell'assegno come prova? È valido l'accordo orale? Come si può ottenere la restituzione della somma?

Continua

Il Trust e la protezione dei patrimoni

Funzionamento e disciplina del Trust riconosciuto in Italia

Continua

Stalking, remissione della querela

La querela per il reato di atti persecutori è sempre rimettibile?

Continua

Legittima difesa, cosa cambia?

È sempre riconosciuta? Vediamo a quali condizioni

Continua

Si può estinguere il reato mediante il risarcimento?

Le condotte riparatorie dell'art. 162 ter c.p. come istituto deflattivo del processo penale

Continua

I lavori di pubblica utilità

Sanzione sostitutiva o strumento deflattivo?

Continua

Peculato, truffa aggravata e abuso d'ufficio. Distinzioni tra i tre reati?

Quando si parla di pubblica amministrazione, pubblici ufficiali o incaricati di pubblici servizi?

Continua

Occultamento delle scritture contabili o evasione fiscale

L’art. 10 del D.Lgs. 74/2000 quando si perfeziona? Come si determina il termine della prescrizione?

Continua

Quando è reato la mancata esecuzione dolosa del provvedimento del giudice?

Il semplice inadempimento della sentenza non può essere condotta sufficiente se non sono stati commessi atti fraudolenti

Continua

Cannabis light: un caos giudiziario

Vendita legittima trasformata in reato che forse i singoli tribunali potranno ritenere tenue?

Continua

Distruzione e occultamento di contabilità, quando è insussistente?

Assoluzione per assenza degli elementi costitutivi del reato dell'art. 10 D.Lgs. 74/00: condotta e impossibilità di ricostruire il volume d'affari

Continua

Assolto in I° grado è possibile essere condannato in II° grado?

No, se la Corte d'Appello non rispetta i principi della Corte Europea e supera il ragionevole dubbio

Continua

Legge Pinto ovvero l'equa riparazione alla luce della CEDU

Risarcimento per la lentezza dei processi. L'inammissibilità di cui all'art.2 c.1 L.89/01 alla luce della sentenza della Corte Costituzionale 34/19.

Continua

La riforma Bonafede tra incostituzionalità e giustizialismo forcaiolo

La prescrizione è un istituto di civiltà giuridica, non è un escamotage per i furbetti

Continua

A.I., Robocop, Terminator…non siamo pronti e ne siamo sicuri?

I sistemi giuridici sono pronti a questa rivoluzione? Quali profili giuridici si determineranno a breve? I robot potrebbero esercitare i diritti e i doveri di un uomo?

Continua

Coronavirus e decreto "Io resto a casa", eventuali sanzioni penali

Cosa impone il decreto "Io resto a casa" e quali sono le sanzioni in caso di violazioni?

Continua

La riforma Bonafede di cui nessuno vuol sentire parlare

Prescrizione, ragionevole durata del processo ed altri mostri mitologici...

Continua

Diritto penale al tempo del Coronavirus: cosa prevede il nuovo decreto

Brevi osservazioni sulla rilevanza Penale dei decreti del presidente del consiglio relativo all'emergenza Covid 19

Continua

Il futuro è quel che è: non c'è più scampo per me!

Riflessione semiseria su ciò che sta diventando la culla del diritto

Continua

Si fa presto a dire Libertà, ma è assoluta o limitata?

La libertà si comprende solo quando si incontrano i suoi limiti e si apprezza di più quando manca!

Continua