Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Start up innovativa: come si costituisce con pochi euro


Cos'è una start up? Come posso crearne una? La mia azienda può essere definita una start up? Proviamo a fare chiarezza
Start up innovativa: come si costituisce con pochi euro

Al telegiornale, sui social, al bar. Ormai da anni sembra che tutte le aziende neo nate siano etichettate come start up. Ci permettiamo di dire che è un termine del quale spesso viene fatto un uso improprio. In questo contributo ci concentreremo sui requisiti che deve necessariamente avere una start up per definirsi tale. E su quanto effettivamente costi creare da zero una realtà di questo tipo. Inoltre, accenneremo ai principali benefici e relativi svantaggi di questa particolare categoria di impresa. Ma andiamo con ordine.

 

 

 

Start up innovativa: quali imprese possono definirsi tali?

Innanzitutto chiariamo subito un aspetto che può sembrare banale. Tutte le start up sono aziende ma non tutte le aziende sono start up. Diverse volte è capitato che nel nostro studio si presentassero potenziali imprenditori con le idee ben chiare in testa. Un modello di business valido, una lista di potenziali investitori, una buona capacità finanziaria. Con la precisa intenzione di aprire una start up. Peccato che, una volta approfondito l’oggetto sociale di quella che sarebbe stata la nuova realtà imprenditoriale, le carte in tavola cambiavano improvvisamente. Ad esempio, una società che ha come oggetto la vendita all’ingrosso di calzature, tendenzialmente non può considerarsi una start up. Facciamo un altro esempio. L’apertura di una residenza che accolga e presti servizio alle persone non autosufficienti non può essere una start up. Cos’hanno di male questi due esempi di business per non ottenere quell’etichetta di cui tutti parlano?

 

 

Start up = innovazione

Semplicemente, mancano di innovazione. Una start up è l’impresa innovativa per eccellenza. La legge prevede espressamente che l’oggetto sociale dell’impresa consista nello “sviluppo, la produzione e la commercializzazione di prodotti o servizi innovativi ad alto valore tecnologico“. E’ facilmente intuibile come i due esempi di business sopracitati, non abbiano (all’apparenza) alcun connotato tecnologico. Quali sono gli altri requisiti che necessariamente deve possedere una start up?

  • deve essere costituita sotto forma di società di capitali. Le sue azioni o quote non sono quotate su un mercato regolamentato o su un sistema multilaterale di negoziazione. 
  • la sede principale dei propri affari e interessi deve trovarsi in Italia. Oppure in uno degli Stati membri dell’Unione Europea.
  • non deve distribuire utili.
  • il totale del valore della produzione annua non deve essere superiore a 5 milioni di euro. A partire dal secondo anno di attività.
  • non deve derivare da una fusione, scissione societaria ovvero da una cessione di azienda o di ramo di azienda.

 

 

Start up innovativa: il requisito fondamentale

Oltre ai quattro elementi distintivi menzionati, è fondamentale il possesso di almeno uno dei tre seguenti requisiti.

  • sostenere spese in ricerca e sviluppo uguali o superiori al 15% del maggiore valore fra costo e valore totale della produzione.
  • almeno 1/3 dei dipendenti o collaboratori a qualsiasi titolo impiegati, devono essere in possesso di titolo di dottorato di ricerca. In alternativa, almeno i 2/3 del personale deve essere in possesso di laurea magistrale.
  • essere titolare o depositaria o licenziataria di almeno una privativa industriale.

Il rispetto e il mantenimento di questi requisiti permette di ottenere delle agevolazioni. Si tratta di agevolazioni che vanno a premiare chi effettivamente dimostra fiducia in questo tipo di realtà. E di conseguenza investe su di esse. L’intento del legislatore è palese. Rendere appetibili gli investimenti in quelle aziende che sostengono ed alimentano il progresso tecnologico del paese. Di quali agevolazioni stiamo parlando? Occorre prima di tutto fare una distinzione tra investitori persone fisiche e società.

 

 

Start up e agevolazioni fiscali per gli investitori

Per quanto riguarda la prima categoria, ovvero gli investitori privati, è possibile sfruttare una detrazione di imposta che può arrivare al 50% dell’investimento. Tale detrazione è però sfruttabile a determinate condizioni.

  • il conferimento di capitale nella società deve essere effettuato in denaro.
  • l’importo massimo agevolabile è pari a 100.000 € per ciascun investitore.
  • i soci devono mantenere le quote sociali per almeno 3 anni.

E per quanto riguarda le società già esistenti, che volessero investire in una realtà innovativa come una start up? La legge prevede che le società che volessero investire nel capitale di start up innovative avrebbero diritto ad una deduzione del 30% dell’investimento. Con tetto massimo di investimento annuo pari a 1.800.000 euro.

 

 

Start up innovativa: come si costituisce

Facciamo un breve recap. Primo. E’ superfluo ricordare che ogni start up si basa su un’idea di fondo che permette “fare impresa”. Secondo. E’ importante essere consapevoli dei requisiti necessari per “guadagnare” lo status di start up. E i benefici che ne derivano. Terzo, passiamo alla pratica. Come facciamo materialmente a costituire una start up? La prima opzione prevede la consulenza di un notaio. Quest’ultimo dovrà redigere l’atto costitutivo e lo statuto della società. E’ un’operazione laboriosa che prevede il rispetto delle volontà e delle esigenze di tutte la parti in causa. Per questo motivo si parla di (poche) migliaia di euro che i soci devono immediatamente versare ancora prima di avere iniziato la propria attività imprenditoriale.

 

 

Come risparmiare in sede di costituzione

La seconda opzione è più economica. Sulla piattaforma dedicata della Camera di Commercio, è possibile creare la propria start up in totale autonomia. Così facendo, ovvero seguendo gli step della procedura guidata, è possibile risparmiare il costo oneroso del notaio e procedere alla costituzione. Creando così la la propria start up con poche centinaia di euro. E’ pleonastico ricordare che per dare vita ad un progetto imprenditoriale non bastano pochi click e una bella idea. Per questo motivo, come studio di consulenza ci prefissiamo l’obiettivo di accompagnare gli imprenditori o potenziali tali attraverso quel sentiero che si chiama “fare impresa”. Fin dai primi passi.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Bonus 2021: credito d'imposta al 50% per i beni strumentali

Tra i bonus 2021 inseriti nella neo nata Legge di Bilancio 2021, troviamo il potenziamento del credito di imposta per i beni strumentali, la cosiddetta "Industria 4.0"

Continua

Auto aziendale assegnata ai dipendenti: le ultime novità

Ecco quali sono le novità relative alla fiscalità dell'auto aziendale assegnata ai dipendenti

Continua

Assumere dipendenti 2021: risparmio fino a 6 mila euro annui

La neo nata Legge di Bilancio 2021 ha introdotto esoneri contributivi a carico dei datori di lavoro. Vediamo di cosa si tratta

Continua

Superbonus 110%: conviene cedere il credito alle banche?

E' una delle domande che ci pongono più spesso i nostri clienti: conviene cedere il credito alla banche? Proviamo a fare chiarezza

Continua

Superbonus 110% e cessione del credito: 3 esempi per capire quando conviene

La cessione del credito da superbonus è sempre convenente? E a che condizioni? Abbiamo ipotizzato 3 differenti casi per comprendere al meglio

Continua

Ricerca e sviluppo: bonus investimento fino al 45%

L'investimento in ricerca e sviluppo permette di ottenere un cospicuo credito di imposta. Un'opportunità molto interessante per gli imprenditori.

Continua

Finanza agevolata: come ottenerla in soli 3 giorni

Uno degli ultimi strumenti utili ad ottenere finanziamenti agevolati. Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta

Continua

Ricerca e sviluppo: bonus investimento fino al 45%

La legge di bilancio 2021 proroga fino al 31/12/22 e potenzia il bonus ricerca e sviluppo.

Continua

Finanza agevolata: come ottenerla in soli 3 giorni

Nello Studio Brega abbiamo sempre dedicato ampio spazio alla finanza agevolata, tematica diventata sempre più centrale per tutti gli imprenditori

Continua

Superbonus e sconto in fattura: è possibile fare i lavori gratis?

Superbonus 110%, tre vie per il recupero. Dichiarazione dei redditi, cessione del credito o sconto in fattura

Continua

Regime forfettario, addio definitivo alla Flat Tax?

Nel 2020 oltre 215 mila persone hanno aderito al regime forfettario. Quale sarà il futuro per questo particolare regime agevolato?

Continua

Beni strumentali e industria 4.0: tax planning fondamentale

La Legge di Bilancio 2021 ha potenziato il premio fiscale per gli acquisti di beni strumentali. Vediamo nel dettaglio a quanto ammonta l'agevolazione.

Continua

Comprare bitcoin: come comportarsi con il fisco?

Abbiamo appurato come il mondo di internet abbia rivoluzionato i mercati finanziari. Oggi comprare bitcoin è diventata un’operazione quasi ordinaria. Vediamo però come

Continua

Bonus 110%: è possibile cedere il credito a parenti e amici?

In merito alla cessione del bonus 110 %, l’A.E. chiarisce una questione di non poca importanza. E’ possibile cedere il credito d’imposta ad amici e parenti?

Continua

Smart working e zero tasse? Si può, ma non in Italia

Diversi Stati si stanno organizzando per attirare nel proprio territorio tutti i lavoratori in smart working a colpi di agevolazioni fiscali

Continua

Cessione credito 110: cosa fare prima di scegliere la banca

Nell'ambito della cessione credito 110 vediamo cosa fare prima di scegliere la banca

Continua

18app: come ottenere il bonus cultura di 500 euro

In questo articolo vediamo come ottenere il bonus cultura di 500 euro attraverso 18app

Continua

Contributo a fondo perduto per imprese al femminile

Arriva il contributo a fondo perduto per incentivare la creazione di imprese a partecipazione giovanile o femminile

Continua

Bonus 110% con abusi edilizi, è possibile sfruttarlo?

In questo articolo analizziamo gli abusi edlizi in relazione al bonus 110%

Continua