Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Don’t touch my men! Gelosa io? NO…


Esistono tecniche molto semplici che ti permettono di cambiare i tuoi schemi e di gestire la gelosia
Don’t touch my men! Gelosa io? NO…

Non avevo avuto tante relazioni, ed erano durate poco con persone delle quali non ero veramente innamorata, erano stati dei miei esperimenti da giovane ragazza razionale.

La gelosia era per me una parola a dire assai nuova; iniziai a conoscerla quando mi innamorai la prima volta, anche se non mi ero resa conta di esserlo. E fu la ragione per la quale dopo 4 anni di relazione fui lasciata, mi disse che ero peggio di sua madre, che ero controllante, asfissiante. Per me fu un colpo. Io che credevo di essere, invece, tranquilla e a volte fin troppo accondiscendente e che, anzi, a volte mi sentivo sminuita e trascurata perché sentivo che lui non mi dedicava abbastanza tempo. Ormai per me è una cosa superata, mi fa ridere, e credo di riconoscere gli atteggiamenti che avevo fin dall’inizio.

Una delle prime cose che avevo fatto senza rendermene conto, dopo un mese che stavamo insieme, era stato presentarmi a casa sua, senza neanche avvisarlo. Come scusa gli avevo detto che ero in zona e che ero semplicemente curiosa di sapere dove abitava. In realtà, volevo tenerlo d’occhio, volevo tenere la cosa sotto controllo, volevo che sua madre mi conoscesse e sapesse chi ero.

Adesso che ci penso, in effetti, questo mio modo di fare mi portava a tenere sotto controllo la relazione e non lasciare che fosse lui a compiere i primi passi nel farmi conoscere alla sua famiglia e ai suoi amici. Era come se io avesse fretta a che tutti sapessero che lui era già impegnato con me e io ero in un certo modo la sua nuova proprietaria.

Cosi iniziai ad andare a casa sua tutti i weekend, mentre lui tutti i giorni mi chiamava. Una volta, mi ricordo, non avevo sue notizie, erano passati due giorni e lui non mi chiamava. Questo mi fece preoccupare, non capivo cosa stesse succedendo e nel frattempo ero a casa ammalata con 39° di febbre, ma il mio voler sapere cosa fosse successo mi fece uscire di casa con la febbre, prendere l’autobus per mezz’ora e, quando arrivai a casa sua, mi trovai la sorpresa: anche lui era a casa con la febbre, ma a 37°!

Pensai che non valevo niente: mentre stavo peggio di lui, lui era tranquillo a casa sua. Restai calma, molto sorpresa per ciò che stava accadendo. Penso ora che una ragazza normale lo avrebbe lasciato subito, o almeno avrebbe compreso come il suo coinvolgimento non fosse così forte. Io invece restai ancora con lui, non me ne ero resa conto di quanto fossi dipendente.

In altre occasioni, la dinamica fu la stessa, sempre con il risultato che lui continuava la vita che voleva e, invece, la mia gli girava attorno, io avevo sempre meno amici perché dedicavo tutto il mio tempo a lui, a volte anche a mio discapito. Lui, invece, i suoi amici continuava a frequentarli: avrei tanto voluto lasciarlo - e credo anche lui - ma tutti e due eravamo entrati in un loop e nessuno dei due riusciva a uscirne.

Finché un giorno scoprii ciò che sospettavo, o che immaginavo prima o poi sarebbe successo. Scoprii appunto che mi aveva mentivo riguardo a una sua uscita di lavoro, ma in realtà andava a trovare la sua nuova ragazza, con la quale usciva da più di 6 mesi.

Che colpo! Mi aspettavo sinceramente che mi tradisse, ma non da così tanto tempo. Io nel frattempo avevo capito che c’era qualcosa che non andava in lui, che c’erano dei momenti in cui mi trascurava più del solito e, così, mi ero lasciata andare, tradendolo anch’io, in quanto mi ero detta che prima o poi anche lui lo avrebbe fatto (e già, il pensiero che si auto avvera!). Certo, i mei tradimenti non erano mai durati così tanto, e poi tornavo sempre da lui.

Dopo tutta questa scoperta, io ovviamente non mi davo pace, volevo delle spiegazioni e quando le spiegazioni arrivavano, non mi bastavano; stavo così male e provavo molto dolore, perché alla fine anche se volevo lasciarlo, c’era qualcosa che mi tratteneva. Quando, infine, fu lui a decidersi, io mi sentii arrabbiata e molto confusa, non riuscivo a capire come mai, una relazione che era iniziata bene, alla fine era finita così male.

Impiegai circa 10 anni per dimenticarlo e fino a 15 per capire che nelle mie relazioni successive si ripetevano gli stessi schemi: ero sempre gelosa e nella mia scala di valori era sempre il mio uomo a stare per primo, oddio quanto mi sentivo fiera di questo. Ormai avevo associato amore con dolore, possesso, controllo. Ero consapevole di alcuni miei atteggiamenti, ma non riuscivo a cambiare molto, e finiva quasi sempre allo stesso modo.

Per fortuna, grazie alla mia decisione, prima di chiedere aiuto, per poi continuare da sola grazie a una tecnica che conobbi e allo studio all’università, oggi so che per me l’amore è prima di tutto amore verso se stessi, tranquillità, condivisione di valori, della gioia di vivere, libertà, comunicazione chiara, rispetto mutuo e passione.

Se hai una storia simile alla mia, sappi che esistono tecniche molto semplici, che ti permettono di cambiare i tuoi schemi ripetitivi e non funzionali. Non lasciare passare troppo tempo! Inizia a cambiare la tua vita oggi! A maggio organizzo un corso dove insegnerò come modificare gli schemi ripetitivi e come cambiare le credenze limitanti, in modo che tua abbia gli strumenti per modificare i tuoi schemi e scegliere l’uomo e la vita che ti meriti.
Chiedi informazione a info@radicalcoaching.it

 

Può interessarti anche l'articolo dello stesso autore "Il primo bacio non si scorda mai...ma tu puoi cambiare!"

Può interessarti anche l'articolo dello stesso autore "Schemi ripetitivi ed emozioni?"

Può interessarti anche l'articolo dello stesso autore "Ennesimo fallimento in amore? Prova e riprova, e niente!"

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Il professionista emotivamente competente

Hai mai pensato che la conoscenza delle proprie emozioni, e il sentire quanto sente l’altro, sono abilità molto utili nel lavoro?

Continua

Obiettivi, Focus, Emozioni

Tre parole chiave che cooperano tra loro

Continua

Professionista e Sindrome del sacrificio

Sindrome del sacrificio, cosa c’entra con il professionista?

Continua

Ottimismo e schemi mentali

E' meglio essere ottimisti e avere torto piuttosto che pessimisti e avere ragione (Albert Einstein)

Continua

Conosci te stesso, riconosci le tue potenzialità

Riconoscendo le nostre potenzialità, il lavoro può diventare meno noioso e stressante. Scopri come!

Continua

Schemi ripetitivi ed emozioni?

Sì, perché quando le nostre emozioni sono forti e inaspettate si legano ai nostri ricordi

Continua

Superare l’ansia di parlare in pubblico

Quando i trucchetti per parlare in pubblico non bastano...

Continua

La stessa persona!?

Quando i nostri ruoli diventano rigidi, ci dimentichiamo di noi stessi

Continua

Vivere senza stress? È possibile con la tecnica del FastReset

FastReset, accettiamo di avere un problema di stress e serviamoci degli strumenti per affrontarlo

Continua

Una Leadership riconosciuta e condivisa

Oggi vorrei iniziare con una storia che parla di fiducia reciproca in un gruppo coeso

Continua

Avete già in mente il vostro "Obiettivo 2019"?

Se ancora non avete definito il vostro obiettivo per questo anno, questo articolo è per voi!

Continua

Come diventare life coach

Voglio raccontarvi la mia esperienza e il perchè sono diventata coach

Continua

Smetti di mangiare peperoncini e sii felice!

Vi racconto una storia sulla felicità che ho sentito in una conferenza di Alejandro Jodorowsky

Continua

Alla ricerca di riconoscimento

Vi voglio raccontare una storia che ho letto su un libro di Jorge Bucay, che parla di quando desideriamo il riconoscimento dagli altri

Continua

Ennesimo fallimento in amore? Prova e riprova, e niente!

Non capisci cosa succede! I tuoi uomini sono sempre tutti sbagliati! Ti fai domande del tipo: quale sarà stato il mio errore questa volta?

Continua

Gli errori non ti fermano, ti fortificano

L’unica cosa che può veramente fermati sei tu! O, meglio, sono le tue emozioni a fermarti

Continua

Basta sentirsi Vittima!

Fin da piccola ho sempre visto lontana mia madre, aveva litigato con mio padre per colpa nostra (parlo in plurale perché ho una sorella gemella)

Continua

L’uomo perfetto esiste?

Fin da quando siamo piccole, a noi donne viene raccontata la storia del principe azzurro

Continua

Il primo bacio non si scorda mai...ma tu puoi cambiare!

Esistono tecniche molto semplici che ti permettono di cambiare i tuoi schemi mentali e non funzionali in amore

Continua

Seguire le proprie passioni? Non è mai troppo tardi!

Seguite sempre le vostre passioni anche se sembra che non vi portino da nessuna parte!

Continua

Non saper prendere una decisione può derivare da una scarsa fiducia in se stessi

Attraverso un lavoro su se stessi è possibile rimuovere gli ostacoli che impediscono di prendere in mano la propria vita

Continua

Io sono una brava ragazza! Io evito di litigare.

Era questo ciò che mi dicevo sempre, ogni volta che avrei invece voluto affrontare qualcuno.

Continua