Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Come ci si avviCina alla Cina ?


Quali sono i motivi per cui negli investimenti è ormai una necessità essere posizionati anche sui mercati del “Celeste Impero”? E quali strumenti utilizzare?
Come ci si avviCina alla Cina ?

Prima di dare una risposta alla domanda “Come ci si avvicina alla Cina?” è necessario chiarire i motivi per cui negli investimenti sia ormai una necessità essere posizionati anche sui mercati del “Celeste Impero”.

Prima di tutto perché la Cina ormai da anni si è affermata come uno dei principali driver della crescita mondiale; tanto che entro il 2028 supererà gli Stati Uniti e diventerà la più grande economia del mondo. Giusto per ricordarlo l’anno scorso la Cina, con un Pil a + 2,3%, è stata l'unica grande economia ad aver registrato una crescita (con le stime per il 2021 che parlano addirittura di un +6%). E poi perché – analizzando le componenti di questa crescita – scopriamo che è sempre meno dipendente dalle esportazioni (che 20 anni fa rappresentavano il motore esclusivo) e sempre più fondata sui consumi interni: elemento questo importantissimo perché dà alle aziende cinesi immense e durature prospettive di sviluppo e crescita.

Per comprendere meglio questo aspetto, ricordo che:

  • la Cina ha una popolazione di oltre 1,4 miliardi di persone (i cinesi in giro per il mondo devo, invece, finire di contarli…..) il cui reddito procapite è destinato entro il 2030 a passare dai 6.000 $ attuali a 12.000 $;

  • la ricca classe media cinese, nei prossimi 3 anni, avrà 300 milioni di persone in più. Tant’è che - in base alle previsioni delle principali società di analisi - i consumi interni raddoppieranno nei prossimi 10 anni per raggiungere lo stesso livello degli Stati Uniti;

  • il recente Piano Quinquennale 2021-2025 varato dal Governo è incentrato sul miglioramento della produttività e sullo sviluppo della domanda interna.

Parlando dei mercati finanziari è utile sapere che quelli cinesi (sia gli azionari che obbligazionari) si posizionano al secondo posto al mondo per volumi di scambi. Sono quindi mercati troppo grandi per essere ignorati tanto più che, essendo ancora poco pesati sugli indici globali (Bloomberg, MSCI…) nel momento in cui ci sarà l’allineamento alla loro effettiva importanza i flussi di investimento aumenteranno ulteriormente con scontati effetti positivi sulle quotazioni.

Tutti ottimi motivi, quindi, per cominciare fin da subito ad entrare anche sul mercato obbligazionario considerato che, a fronte di rendimenti globali prossimi allo zero, gli stessi titoli di stato cinesi con rating A+ (quindi pienamente Investment Grade) offrono ritorni attorno al 3%. Ovvio che, come succede ogni qualvolta si investa in asset non denominati in euro, c’è il rischio cambio da tenere in considerazione (in questo caso relativo alla divisa cinese: il Reminbi).

Per quanto riguarda, invece, l’equity è utile ricordare che sono tre i mercati su cui poter operare:

  • quello storico “off shore” dove si trattano le azioni di aziende cinese quotate ad Hong Kong;

  • quello interno di Shanghai e Shenzhen;

  • quello complessivo di Cina, Hong Kong e Taiwan: la “Grande China”.

Io ho una particolare predilezione per quello interno (sulle azioni “A” Share) perché ancor più suscettibile d’apprezzamento in virtù del fatto che:
- è un mercato ancora poco presente sui portafogli internazionali considerando che fino a 6 anni fa era in pratica chiuso agli stranieri;
- è ancora prevalente la presenza degli investitori retail con la conseguenza che le poche società di investimento che hanno l’autorizzazione ad accedervi possono ricavarne grandi vantaggi per i propri clienti.


Volendo a questo punto dare una risposta su quali sono i migliori prodotti da utilizzare per investire sulla Cina non posso - per motivi normativi – fornire qui le denominazioni o i codici ma posso comunque dire che, per quanto mi riguarda, sono il risultato di una periodica selezione realizzata tra le decine (e per certe asset centinaia) di prodotti emessi dalle migliori società di investimento al mondo.
Una selezione LIBERA da condizionamenti e focalizzata sull’analisi dei rendimenti, sulla rischiosità (Volatilità, Var, Drawdown…) e sull’efficienza di gestione (Sharpe, Sortino, Information Ratio, Alpha, Beta…).

E per evidenziare gli effetti positivi che un siffatto approccio può produrre sugli investimenti (ovviamente sempre in un’ottica di medio-lungo termine) termino la chiacchierata con un grafico che riporta i risultati di un’analisi che ho realizzato su 305 sicav esistenti sul mercato e focalizzate sull’azionario cinese.

Con un indice di riferimento (MSCI China) che negli ultimi 3 anni ha fatto +28,1% (linea viola) e pur in presenza di una sicav che ha realizzato uno stratosferico + 89,7% (linea verde) segnalo che la maggioranza di esse non è riuscita a fare meglio dell’indice (c'è chi si è addirittura limitata ad un +3,1% linea rossa). Sicuramente positivo è stato l’andamento della “Selezione Cordella” col suo bel +56,6% (linea azzurra).

大家好投

CORDELLA FILIPPO
Private Banker
FIDEURAM – INTESA SANPAOLO PRIVATE BANKING
Cell: 320 0222185
Tel: 071 5010432
Via XXIX Settembre, 18/a
60122 Ancona
Altri uffici: Pesaro, Senigallia, Jesi

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

L’investimento del Secolo...ma è davvero così?

Viste le assurde quotazioni a cui sono arrivati i bond, attenzione al comparto obbligazionario soprattutto sulle scadenze medio/lunghe (io direi dai 10 anni in su)

Continua

Wall Street e il gioco delle 3 carte: i BUYBACK

I BUYBACK hanno fatto finora la felicità di tutti.... Ma ricordiamoci che tutto questo resta, comunque, solo un giochino, un’illusione, un “Campo dei Miracoli”...

Continua

Trappola della liquidità: perché il cavallo non beve più?

Le Banche Centrali (BCE e Bank of Japan in primis) sono ormai prigioniere della famosa "trappola della liquidità"

Continua

The Elephant in the Room

Da diversi anni c’è uno zombie che si aggira sui mercati europei e mondiali: una banca di dimensioni enormi con problemi altrettanto grandi...

Continua

Chi non lavora, non fa l'amore...

Il tasso di disoccupazione è un dato a cui bisognerebbe dare il giusto valore (senza esasperarlo) per capire lo stato di salute di uno Stato

Continua

Al mio segnale, scatenate l'inferno!

E’ diverso tempo che sto aspettando questo ritracciamento dei mercati. Lo sanno bene quei miei clienti i cui portafogli sono stati costruiti negli ultimi anni/mesi...

Continua

E rimetti a noi i nostri debiti...

Mettiamoci il cuore in pace che - sia i debiti che ognuno di noi ha che quelli che abbiamo come Paese Italia - prima o poi bisognerà pagarli

Continua

Speravo de morì prima...

Prendo spunto dallo striscione comparso all'Olimpico in occasione dell’ultima partita di Totti per introdurre un importante argomento per chiunque abbia un patrimonio

Continua

Tesla: investimento o scommessa?

Tra le tante persone che mi contattano sono sempre più quelle alla ricerca di qualche azione “interessante” da utilizzare per farci una "speculazione veloce...

Continua

Mercati, immobili e... George Clooney!

Con il vostro immobile avete fatto un buon investimento? E' ancora conveniente investire nel mattone? O è meglio il mercato azionario?

Continua

Adda venì Baffone??? (1a parte)

Quali sono le componenti di un patrimonio più a rischio di essere colpite da future manovre alla “Baffone” quali inasprimento imposte, patrimoniali, prelievi forzosi?

Continua

Adda venì Baffone??? (2a parte)

Ecco cosa fare per ridurre quanto più possibile l'impatto che un’eventuale prossima manovra fiscale potrebbe avere sul nostro patrimonio

Continua

Donazione: come farla e perché

Quando si decide di fare una donazione è indispensabile "farlo bene" al fine di evitare tutta una serie di problematiche con figli, nipoti, parenti...

Continua

Spendi, spandi, effendi...

C'era una volta un mondo dove bastava lasciare i propri soldi nel conto corrente che la banca a fine anno, assieme all’agenda, ti dava pure gli interessi...

Continua