Comprare immobili è il miglior investimento?


Ma è proprio vero che investire in immobili fa “guadagnare sempre e in modo sicuro”? O è un’altra distorsione dell’immaginario collettivo?
Comprare immobili è il miglior investimento?
Periodicamente a chi fa un lavoro come il mio, cioè di Consulente Finanziario, viene riferito spesso dai clienti che negli anni, "l’unico investimento che garantisca il capitale e una buona resa e oltretutto sicura è l’investimento in immobili".

Soprattutto in questo periodo storico di bassi rendimenti per gli asset obbligazionari a basso rischio ritorna di moda questo pensiero ricorrente.

E si, perché nell’immaginario di molti investitori, investire in immobili vuol dire fare un investimento a basso rischio e remunerazione medio/alta e soprattutto sicura.

A questo punto bisognerebbe capire cosa intendono per "basso rischio" e di quale rischio parlano, ma spesso non hanno i concetti chiari su che cosa si intende per rischio e quanti tipi di rischio esistono negli investimenti finanziari. Qualcuno intende il RISCHIO FINANZIARIO in senso stretto (pensando alla possibilità di perdere "pezzi dei propri risparmi in conto capitale"). Qualcuno intende il rischio di non guadagnare nulla con l’investimento finanziario mentre "vendendo l’immobile dopo vari anni sicuramente guadagno di più".

Ho usato i virgolettati perché ho preso a prestito delle risposte che negli anni ho spesso sentito dire da miei clienti o semplici conoscenti.

Bene, ammesso e non concesso che tutto ciò sia vero, dove lo mettiamo il RISCHIO di LIQUIDITA’ (inteso nel senso che se avessi bisogno in qualsiasi momento dei miei risparmi investiti, questi possano essere prontamente liquidabili)?

L’immobile, lo dice la parola stessa è IMMOBILE, fermo, bloccato, non liquidabile in tempi stretti. Secondo Voi quanto dovrebbe rendere un investimento che non so se prontamente mi farà riavere indietro i miei risparmi?

Aggiungo anche: negli anni; quanto mi è costato di manutenzione, tasse e oneri fiscali, costi notarili, costi finanziari (se ho contratto mutui e quant’altro per acquistarli).

Ed è proprio vero che quando rivenderò l’immobile "SICURAMENTE varrà perlomeno lo stesso" o "certamente di più"? E come si fa a valutare il prezzo di un immobile, chi lo valuta?

Sui mercati finanziari è facile, esiste un book con domanda e offerta e ogni secondo si vende e si compra praticamente... Per gli immobili invece? A me risulta che i tempi siano di molto più lunghi e le trattative spesso più estenuanti. E tra l’altro non è così immediato che siano disposti a pagare il prezzo richiesto dal venditore o proposto dall’acquirente...

Bisogna anche tener conto che, se anche rivendo l’immobile allo stesso prezzo dopo qualche anno (quindi apparentemente non ho perso nulla in conto capitale), sicuramente l’inflazione anno per anno avrà eroso il potere d’acquisto del denaro che ricaverò dalla vendita.

Tutto ciò per dire che è un falso mito l’idea che con "gli immobili si guadagna sempre". E’ una bella frase ma niente di più. Il mercato immobiliare è un mercato come un altro, soggetto a rialzi e cali ciclici. I mercati finanziari regolamentati sono certamente caratterizzati da una maggiore liquidità nei prezzi, trasparenza, e pronta liquidabilità degli strumenti trattati.
Sicuramente da almeno 10 anni a questa parte, abbiamo assistito ad un progressivo e generalizzato calo dei prezzi degli immobili dopo la "bolla speculativa" degli anni a cavallo del 2000, e a breve bisognerà anche fare i conti con l’inasprimento delle Imposte quando verrà approvata definitivamente la Riforma Fiscale e del Catasto Fabbricati.

Intendiamoci, può essere che una parte dei Vostri risparmi sia opportuno investirlo in Immobili ma prima di farlo sarebbe meglio interrogarsi se il momento è quello giusto, quali obiettivi di vita si vogliono soddisfare investendo in quella asset class, quale percentuale del Vostro totale patrimonio è corretto investire in Immobili, quali rischi si corrono ad investire in Immobili, che tipo di resa ci si aspetta da questo tipo di investimento...insomma ancora una volta è necessaria una sana programmazione.

Naturalmente la persona più adeguata a supportaVi in questa attività di riflessione e pianificazione è ancora una volta il vostro Consulente Finanziario/Patrimoniale di fiducia. Come ripeto spesso, "pianificare è meglio che aspettare", e permette di affrontare ogni tipo di investimento in modo sereno e consapevole.

Articolo del:



Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Le imposte sul passaggio generazionale dei beni

Breve riassunto sulla disciplina attuale riguardante le imposte sulle successioni e passaggio generazionale dei beni

Continua

Tasse di successione: Italia paradiso fiscale?

A breve potrebbe cambiare la disciplina sulle imposte di successione e donazione in senso peggiorativo per i contribuenti. Vediamo come

Continua

Operazione progetti in pensione

Ovvero sensibilizzazione a come affrontare finanziariamente e con serenità una aspettativa di vita in crescita

Continua