Disfunzione erettile (o impotenza): ecco le possibili cause e i rimedi


La disfunzione erettile o impotenza è un disturbo comune a molti uomini. Capiamo insieme le cause e i rimedi con cui affrontare questo disturbo in modo definitivo
Disfunzione erettile (o impotenza): ecco le possibili cause e i rimedi

 

La disfunzione erettile, che è anche denominata impotenza sessuale o disturbo maschile dell'erezione, è un disturbo persistente o occasionale che riguarda l'incapacità dell'uomo di raggiungere o mantenere l'erezione per un tempo sufficiente a terminare il rapporto sessuale. Capirne le cause è necessario per trovare il rimedio adatto e tornare ad avere una normale vita sessuale.

 

 

 

Quando si parla di disfunzione erettile?

Non sempre l'incapacità di raggiungere o mantenere l'erezione è sinonimo di impotenza sessuale. Si parla, infatti, di disfunzione erettile o di disturbo maschile dell'erezione quando l'anomalia è persistente e causa notevoli disagi e difficoltà, non solo nell'atto sessuale, ma anche nell’ instaurare le relazioni interpersonali. Le cause non sono da attribuire esclusivamente a motivi fisiologici, e quindi a problemi medici di ordine generali, ma spesso riguardano anche problemi che attengono alla sfera psicologica.

Bisogna precisare, inoltre, che non tutti i soggetti manifestano la disfunzione erettile nello stesso modo. Alcuni pazienti, ad esempio, manifestano la disfunzione erettile soltanto all'inizio della loro esperienza sessuale, quando hanno avuto poche occasioni per “mettersi alla prova”. In questo caso il disturbo scompare autonomamente dopo le prime volte.

Altri soggetti, invece, che soffrono di disfunzione erettile sono in grado di avere una erezione soltanto al risveglio o nella masturbazione solitaria. Altri pazienti affetti da disfunzione erettile riescono a raggiungere un'adeguata erezione, ma poi la perdono tentando l'atto della penetrazione, mentre altri ancora raggiungono un'erezione adeguata valida anche durante l'atto della penetrazione ma non riescono a mantenerla fino alla fine del rapporto.

 


Quali sono le possibili cause dell’impotenza?

Le cause della disfunzione erettile sono molteplici e diverse tra loro. La causa dell’impotenza può essere una soltanto o possono essere molte concatenate tra loro.

L'impotenza è spesso associata, nella visione collettiva, ad un disturbo di origine medico o anatomico, ma spesso le difficoltà dell'erezione riguardano qualcosa di interiore, una specie di ansia sessuale. Sono molteplici, infatti, i fattori di ordine psichico che possono influire negativamente sulla capacità di mantenere l'erezione maschile.

Tra le cause della disfunzione erettile si ricordano: l’ansia da prestazione (o ansia sessuale), il timore del fallimento, la ridotta sensazione soggettiva e la ridotta eccitazione sessuale, la scarsa percezione del piacere, nonché la preoccupazione riguardante la qualità della prestazione sessuale. Tra le altre cause si trovano, inoltre, lo scarso interesse verso il partner e un problema all’interno del rapporto di coppia che non viene affrontato.

Il soggetto che soffre di disfunzione erettile spesso manifesta un disagio nell'approccio sessuale con il partner, motivo per cui il problema non si manifesta qualora si masturbi da solo. Si tratta, però, di una problematica in grado di compromettere le relazioni inter-personali, nonché le relazioni sentimentali e coniugali. Non sono pochi, infatti, i matrimoni in cui il rapporto non viene consumato o viene definito dai coniugi stessi “sterile”.

 


È un problema diffuso? Possono influire i problemi di salute?

Il paziente che riscontra problemi di disfunzione erettile deve sapere di non essere da solo. I disturbi dell'erezione, infatti, sono tra quelli più frequenti: si parla di circa il 10% della popolazione globale, un dato che può salire fino al 50% con l'aumentare dell'età.

Bisogna aggiungere che, se anche la causa medica sia la meno diffusa, alcune problematiche di salute possono influire sull’impotenza. Si tratta di fattori organici, disturbi neurologici, problemi cardiovascolari, ed altri disturbi che possono gettare un’influenza negativa sulle capacità di mantenere l'erezione.

Spesso, infatti, la disfunzione erettile non è causata solamente da fattori psicologici, quali l'ansia, ma anche da problemi medici che sono in grado di incidere in modo significativo. Se però il soggetto riesce a manifestare un’erezione duratura durante la notte o al proprio risveglio, nonché la capacità di mantenere l'erezione durante la masturbazione solitaria, allora questo va interpretato come l’indice del fatto che la disfunzione erettile è di natura psicologica e non medica, e va affrontato con una terapia specifica.

 


Come curare la disfunzione erettile?

Una volta riconosciuta la disfunzione erettile, è necessario un complesso percorso per raggiungere la cura definitiva. Il trattamento dell’impotenza, infatti, passa attraverso fasi accurate, a partire dalla valutazione del problema, volto in primis all'esclusione delle cause mediche, fino ad arrivare alla terapia cognitivo-comportamentale.

Escluse le cause mediche, infatti, la terapia psicologica di tipo cognitivo comportamentale è l'unica terapia in grado di produrre buoni risultati nella cura della disfunzione erettile e dei disturbi di erezione.

Prima di accingersi ad un approccio psicologico, però, bisogna escludere le eventuali cause ed implicazioni mediche, ed è pertanto necessario eseguire alcuni test tra cui: dosaggi ormonali, test della papaverina, ecodoppler penieno, elettrometria notturna, ecc…

Qualora figurino delle cause mediche, allora sarà necessario rivolgersi anche ad un andrologo o ad un urologo, ed eventualmente valutare una terapia di tipo farmacologico, ormonale, piuttosto che un intervento chirurgico.

Nel caso in cui la causa della disfunzione erettile, invece, sia di origine psicologica, allora sarà il caso di iniziare un percorso di psicoterapia cognitivo-comportamentale.

Durante la terapia sarà importante individuare quali sono le cause scatenanti della disfunzione erettile o impotenza, quali lo stress, la paura, l'ansia da prestazione, i problemi di coppia. Successivamente saranno affrontati fino al completo superamento.

(I contenuti di testo di questo articolo sono di proprietà della Dott.ssa Cristiana Prada. E' vietata la riproduzione e la divulgazione anche parziale senza autorizzazione scritta).

 

Articolo del:


di Dott.ssa Cristiana Prada

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse