Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Tasse di successione


Un'incognita per il futuro. Come affrontarla?
Tasse di successione
Se ne parla poco, ma la questione di un probabile aumento delle tasse di successione è di estrema attualità. Forse non tutti sanno che è stata presentata alla Camera dei Deputati in data 20 gennaio 2015 una proposta di legge (n. 2830) che prevede modifiche all’art. 2 del Decreto Legge 3.10.2006 n. 262 , in materia di aliquote e di determinazione dell’attivo ereditario
In Italia attualmente vige ancora un regime particolarmente favorevole in tema di imposte di successione e/o donazione. Ecco le aliquote:
Coniuge e figli, parenti stretti: solo per parte che eccede la franchigia da € 1.000.000,00 l'aliquota da applicare è del 4%
Fratelli e sorelle: in tal caso, la tassa di successione deve essere pagata solo se l’asse ereditario supera la franchigia da € 100.000,00. In tal caso sulla parte eccedente tale limite si applica un'aliquota pari al 6%.
Altri parenti fino al 4° grado, affini in linea retta, affini in linea correlata entro il 3°: (nipoti, zii e cugini di primo grado, suoceri e cognati) nessuna franchigia. Si applica un'aliquota del 6%.
Altri soggetti: in tal caso non esiste franchigia e l’aliquota da applicare sarà dell’8%.
Eredi disabili: è prevista una franchigia più alta pari a € 1.500.000,00.
Dal punto di vista successorio, possiamo pertanto dire che l’Italia è davvero un paradiso fiscale, dove conviene morire!!! La proposta di legge presentata alla Camera, prevede di rimodulare le aliquote attuali, abbassando l’attuale franchigia di 1 milione di euro a € 500.000,00 e innalzando l’aliquota attuale, pari al 4%, fino al 7% per il coniuge e i parenti in linea retta, dal 6% all’8% per fratelli e sorelle e dal 6% al 10% (senza franchigia) per tutti i parenti fino al 4 grado e affini in linea retta, e dall’8% al 15% sull’attivo ereditato da altri soggetti. Viene previsto inoltre un aumento delle tasse di successione fino a tre volte per assi ereditari che superano i € 5.000.000.

Al di là dell’aumento delle aliquote e la riduzione delle franchigie, esiste un’altra incognita: il Ddl delega di riforma del catasto, che, se approvato, porterà a un forte aumento delle rendite e valori catastali per circa 60 milioni di immobili.
L’obiettivo del legislatore è quello di portare i valori catastali ai valori di mercato degli immobili. L’imposta di successione si applica sul valore catastale (cioè al valore che risulta moltiplicando la rendita catastale per un determinato coefficiente, differente per le diverse categorie di immobili).
Anche le imposte catastali e ipotecarie aumenteranno in funzione dei nuovi valori.
Come ovviare a tali potenziali aumenti del carico fiscale?
Ad esempio attraverso l’istituto della donazione: si tratta a tutti gli effetti di un anticipo della futura successione.
Il passaggio tra generazioni fatto per mezzo di una donazione in vita è soggetto all’imposta di donazione. Si evita peciò la tassazione al momento della successione. Allo stato attuale donazione e successione hanno lo stesso costo. Quando il trasferimento della proprietà dei beni avviene in un’ottica di passaggio generazionale spesso si dona con riserva del diritto di usufrutto vitalizio sui beni donati. Pertanto verrà donata solamente la nuda proprietà mentre il donante mantiene il controllo della gestione dei beni e il loro uso: potrà quindi concedere tali beni in locazione percependo i canoni, ad esempio. Questo fino a quando il donante sarà in vita: dopodichè il nudo proprietario entrerà automaticamente nel pieno possesso dei beni donati.

Nel caso di aziende o di partecipazioni sociali si può beneficiare dell’esenzione totale dalle imposte prevista, in determinati casi, per i trasferimenti a favore dei discendenti . L’erede dovrà impegnarsi espressamente a proseguire nella gestione dell'azienda o a mantenere il controllo della società per almeno cinque anni dopo il trasferimento, a pena di decadenza dall'agevolazione. A tal fine il beneficiario deve rendere un'apposita dichiarazione nella denuncia di successione.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

PIR - Piani Individuali di Risparmio

Un nuovo modo di investire nell'economia reale. Ora si può

Continua

Previdenza integrativa

Il miglior prodotto finanziario che esista

Continua

La pianificazione patrimoniale

La strada che ogni imprenditore deve seguire se ha a cuore la sua azienda

Continua

Banche e fintech

Una sfida destinata a lasciare molte vittime sul campo

Continua

Il contante? Questo sconosciuto, almeno in Cina

Analisi di un fenomeno che cambierà le abitudini di tutti, nessuno escluso

Continua

Il debito mondiale. Un debito "Monstre"

Siamo sommersi da un mare di debiti: 233 mila miliardi di dollari

Continua

PSD2: rischio o opportunità per le banche?

Dall'Home-Banking all'Open-Banking

Continua

Più consulenti, meno impiegati bancari

La trasformazione in atto nel sistema distributivo bancario italiano

Continua

Il Bitcoin e il suo valore: la Blockchain

Il futuro del mercato dietro il Bitcoin

Continua

TFR in azienda: conviene?

Perchè accantonare nel fondo pensione anzichè in azienda

Continua

Conto corrente quanto mi costi?

Siamo sicuri che venga premiata la fedeltà del cliente?

Continua

Il nuovo EURIBOR

Quale impatto per i mutui a tasso variabile?

Continua

I contributi silenti

Quando l'INPS prende e non restituisce

Continua

Tutta colpa del VIX?

La miccia che ha fatto esplodere le turbolenze sui mercati

Continua

La forza dei Piani Individuali di Risparmio

La forza dei PIR e la debolezza del mercato delle PMI

Continua

L'esigenza previdenziale

La mutata gestione della ricchezza e le riforme pensionistiche

Continua

Millenials e risparmio

I Millenials: che rapporto hanno con i soldi?

Continua

Trump e la deregolamentazione bancaria

l'Economia americana e il cambio delle regole del gioco

Continua

Pil Mondiale

Il ruolo fondamentale del consulente nell'analisi del portafoglio dei clienti

Continua

Gli sportelli bancari: quale futuro?

La filiale bancaria non sparirà, anzi....

Continua

Scattano maggiori controlli sull'uso del contante

Verranno segnalate all'UIF le operazioni in contante superiori a € 3000

Continua

Spread Btp Bund

Lo spread e il comportamento dei risparmiatori

Continua

Contanti e segnalazioni all'UIF

Attività di contrasto all'uso del contante

Continua

Risparmio ed educazione finanziaria

Italia paese ricchissimo, ma finanziariamente poco informato

Continua

Risparmiatori italiani e consulenza finanziaria

Il difficile rapporto degli Italiani con la consulenza finanziaria

Continua

Gli Italiani: risparmiatori o investitori?

Gli Italiani creano valore o fanno solo sacrifici?

Continua

R.I.T.A. - Rendita Integrativa Temporanea Anticipata

Vuoi anticipare la rendita della tua pensione integrativa? Ora è possibile farlo

Continua

I risparmiatori e il mercato

Il risparmio e una consapevole pianificazione finanziaria

Continua