Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Perchè fare testamento? Facciamo chiarezza...


Testamento: quale forma scegliere? Il nostro ordinamento giuridico prevede tre forme ordinarie di testamento, a cui si aggiungono i cosiddetti testamenti speciali
Perchè fare testamento? Facciamo chiarezza...

Il testamento è quell’atto con cui una persona dispone le proprie volontà dopo la morte.

L’etimologia è legata al verbo latino “testari”, che significa, appunto, attestare. Come si fa testamento? Quanti tipi ne esistono? Quale scegliere? Uno è migliore degli altri?

L’ordinamento giuridico italiano prevede tre forme ordinarie di testamento, che variano in funzione del contenuto e delle formalità adottate nella compilazione.

A queste si aggiungono i cosiddetti testamenti speciali.

Il testamento olografo è la forma più semplice e pratica: si redige scrivendo liberamente di proprio pugno le disposizioni di ultima volontà. Il documento deve essere datato e sottoscritto dal testatore. Il termine olografo deriva dal greco “olos”, tutto, e “grafos”, scritto: si tratta, dunque, di un documento interamente scritto di pugno dal testatore.

Il testamento pubblico, invece, viene redatto da un notaio, che riceve le disposizioni testamentarie alla presenza di due testimoni. Il documento rimane segreto fino alla morte del testatore ed è conservato dal notaio stesso fino al decesso: devono essere indicati il luogo di ricevimento delle ultime volontà, la data e l’ora della sottoscrizione con, obbligatoriamente, la firma del testatore, dei testimoni e del notaio.

Un’altra disposizione è il testamento segreto: si tratta di un documento dattiloscritto e firmato in ogni pagina dal testatore, l’unico che ne conosce il contenuto. Tale testo viene successivamente consegnato a un notaio e due testimoni.

Altra categoria sono i cosiddetti testamenti speciali, ai quali si ricorre in virtù della situazione in cui sono predisposti (calamità naturali o pubbliche, malattie contagiose, infortuni). Prevedono una semplificazione delle formalità normalmente richieste. La caratteristica fondamentale riguarda la loro validità: è limitata nel tempo. Trascorsi tre mesi dalla cessazione della situazione di emergenza, l’atto perde la sua validità.

 

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Fare testamento: un tabù da sdoganare

In Italia il testamento viene utilizzato soltanto dal 5% delle persone. Eppure grazie al testamento si eviterebbero le liti tra gli eredi

Continua

Come gestire il rischio degli investimenti

In ambito finanziario, ogni investimento implica un rischio. Bisogna farci i conti. Ciò che conta è sempre un'utile pianificazione finanziaria e patrimoniale

Continua

Come investire in maniera efficace? Meglio diversificare

Investire in un mercato composto da diversi titoli comporta un rischio minore rispetto al concentrare tutte le risorse disponibili in un solo titolo

Continua

Obbligazioni o azioni? Cosa sono e come funzionano

Obbligazioni e azioni: come funzionano? Quali differenze? Per investire i risparmi in sicurezza occorre conoscere le differenze tra i principali strumenti finanziari

Continua

Obbligazioni a tasso fisso o variabile: quale scegliere?

Serve una bussola oggi per navigare nei mercati obbligazionari? Conta la cedola? O meglio valutare solo il rendimento?

Continua

Investimenti e coronavirus: niente panico, la storia insegna!

Risparmi e gestione patrimoniale ai tempi del coronavirus? Evitiamo il panico e le soluzioni fai da te, meglio affidarsi a professionisti...

Continua

Mes, Eurobond, Coronabond: serve un piano di ripresa strutturale

Eurobond, Coronabond, Mes. Che fare? Interpellare la solidarietà europea per rispondere alla crisi del momento oppure intervenire sul fronte interno dei singoli Stati?

Continua

Investimenti, fase 2? Ripartire da meno rischio e finanza sostenibile

Post Covid-19: investimenti sostenibili e meno rischio. Inizia la fase 2 anche per gli investimenti. Non improvvisarsi trader dell'ultima ora ma affidarsi ad esperti

Continua

Effetto Covid: peggio del 2008? No, se riadattiamo modelli di business

Paragonare l’impatto economico legato al Covid allo shock del 2008 causato dalla crisi dei mutui subprime e seguito al crollo della Lehman Brothers? È inopportuno...

Continua

Criptovalute, futuro o rischio per il sistema bancario di deposito?

La diffusione sempre più massiccia della blockchain diventerà un vero e proprio metodo di pagamento? Andrà rivisitato il ruolo del sistema bancario di deposito?

Continua