Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Sospensione contributi INPS: istanza da inviare entro il 30 settembre


L’INPS specifica che causa emergenza COVID-19 la data ultima di presentazione dell’istanza versamento contributi e premi per assicurazione obbligatoria è il 30/09/2020
Sospensione contributi INPS: istanza da inviare entro il 30 settembre

L’INPS, con il messaggio n. 3331 del 14 settembre 2020 ha specificato che l’istanza per il versamento dei contributi previdenziali e assistenziali e dei premi per l’assicurazione obbligatoria contro gli infortuni e le malattie professionali, a causa dell’emergenza epidemiologica da Covid-19, utile anche ai fini dell’avvio della rateizzazione secondo le modalità di cui all’art. 97 del D.L. n. 104/2020, può essere trasmessa fino al 30 settembre 2020.

Gli artt. 126 e 127 del D.L. n. 34/2020 (cd. “Decreto Rilancio”), convertito con modificazioni in L. n. 77/20220, hanno introdotto una proroga dei termini di ripresa della riscossione degli importi sospesi. In pratica, gli artt. 5 del D.L. n. 9/2020 e l’art. 18 del D.L. n. 23/2020, possono essere versati, senza l’aggravio di sanzioni o interessi, in un’unica soluzione, entro il 16 settembre, ovvero in quattro rate mensili di pari importo (con versamento della prima rata entro il 16 settembre 2020).

Successivamente, l’art. 97 del D.L. n. 104/2020 (cd. “Decreto Agosto”) ha poi previsto un’ulteriore possibilità di proroga dei versamenti sospesi. In alternativa a quanto appena illustrato, il versamento può essere effettuato, senza applicare sanzioni e interessi, nella seguente modalità:

  • per il 50% di quanto sospeso, in un’unica soluzione entro il 16 settembre 2020, o mediante rateizzazione, fino a un massimo di quattro rate mensili di pari;
  • per il restante 50% dell’importo dovuto, mediante rateizzazione, fino a un massimo di 24 rate mensili di pari importo, con il versamento della prima rata entro il 16 gennaio 2021.

Nel ricordare che la domanda per richiedere la fruizione della sospensione scade il 30 settembre 2020, l’INPS ha  rammentato altresì che resta fermo il termine del 16 settembre 2020:

  • sia per il versamento in unica soluzione;
  • sia per il versamento della prima rata della rateizzazione.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Bonus baby sitting e centri estivi: ulteriori chiarimenti operativi

Ecco come usufruire dei bonus per servizi di baby-sitting e centri estivi introdotti dal Decreto Rilancio

Continua

COVID-19: nuove disposizioni per la Cassa Integrazione in Deroga

Finanziamento dei trattamenti di cassa integrazione salariale in deroga in favore dei datori di lavoro privati: questi i temi del Decreto n. 9 del 20 giugno 2020

Continua

Congedo Covid-19: esteso al 31 agosto 2020 il periodo di fruibilità

Prevista l’estensione del periodo di fruizione del congedo COVID-19, con decorrenza dal 5 marzo 2020 fino al 31 agosto 2020, sempre per un massimo di 30 giorni

Continua

Covid-19: indennità di maternità e paternità per gli autonomi

Nel messaggio n. 3030 del 3 agosto 2020 dell'INPS indicazioni e chiarimenti sulla richiesta di congedo di maternità o paternità dei lavoratori autonomi

Continua

FSBA: 16/09 e 30/10 scadenze per esposizione in F24 e richiesta CIG

FSBA, Delibera n. 9 del 9 settembre 2020: nel modello F24, scadenza 16 settembre 2020, regole per esposizione sospensione versamenti. Entro il 30 ottobre richiesta CIG

Continua

CCNL Turismo Cidec - Accordo del 15/9/2020

Sottoscritto il CCNL per Turismo, Agenzie Viaggio, Pubblici Esercizi, siglato tra ANPIT, CIDEC, UNICA, CONFIMPRENDITORI, CISAL Terziario e Osservatorio Nazionale

Continua

COVID-19, nuovo DPCM: le misure ora in vigore

Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 265 del 25 ottobre 2020 il D.P.C.M. 24 ottobre 2020: le misure previste per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da Covid-19

Continua

Denunce contributive e quarantene Covid 19

Le istruzioni operative dell’INPS sull’equiparazione della c.d. quarantena alla malattia, ai fini del trattamento economico previsto dalla normativa di riferimento

Continua