Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Nichel nei fazzoletti, produttore condannato


Obbligatoria sull'etichetta del prodotto l`informazione della presenza di nichel
Nichel nei fazzoletti, produttore condannato
Il caso sottoposto all’esame della Cassazione ha visto come protagonista una donna che aveva agito in giudizio nei confronti di una società produttrice di fazzoletti di carta contenenti nichel, per ottenere il risarcimento dai danni alla salute subiti a seguito di una forte e persistente dermatite.
La donna aveva usato un fazzolettino per asciugare il sudore e a seguito di tale uso, sul viso, sul collo e sulle braccia era comparsa una tremenda dermatite.
Ci sono voluti tre mesi di cure per sconfiggerla e per capire che erano stati i fazzoletti di carta che aveva usato a provocare la grave irritazione.
Infatti, essi contenevano nichel, metallo a cui la donna era allergica, senza che tuttavia tale presenza fosse specificata sulla confezione del prodotto.
La Corte di Cassazione con pronuncia n.3692 del 15 febbraio 2018 ha accolto le ragioni della donna, confermando la condanna dell’azienda produttrice di fazzoletti al risarcimento dei danni.
In particolare, è emerso che sulle confezioni di fazzoletti di carta non vi era l’avviso della presenza di nichel, mentre per un prodotto come dei fazzoletti di carta, naturalmente destinato ad entrare in contatto con la pelle, è stato ritenuto necessario tale avviso, essendo una sostanza che può cagionare un danno a persone, cose o ambiente.
Il produttore, nel processo in Cassazione, si è difeso lamentando che i giudici avevano concluso che i fazzoletti erano difettosi per il solo fatto che l’utilizzatore aveva patito un danno, contestando cioè la correlazione tra dermatite e prodotto difettoso.
La Corte di Cassazione ha disatteso in toto le giustificazioni del produttore, e ha confermato che il nichel, a prescindere dal beneficio che può apportare ad un prodotto, è un elemento noto come "sensibilizzante a contatto" e "causa di allergie", quindi idoneo a provocare danno all’uomo.
Questo giudizio di stampo scientifico, ma ricavato secondo l’id quod plerumque accidit, porta a ritenere anomala la sua presenza in un prodotto destinato per sua natura ad entrare a contatto con la pelle (un fazzoletto di carta).
Ne consegue che tale sua anomalia soddisfa i requisiti affinché ne debba essere segnalata la presenza ai sensi dell’art. 117, lett. a) del Codice del Consumo, così che l’utilizzatore - tra cui il danneggiato - sarebbe stato reso edotto della presenza di un elemento nocivo.
Dato che tale avvertenza è stato accertato essere assolutamente inesistente, cioè non c’era sulla confezione alcuna indicazione sulla presenza di nichel, ne deriva la responsabilità risarcitoria del produttore ai sensi dell’art. 114 e 117 lett. a, del Codice del Consumo.
Si tratta secondo la Corte di Cassazione di un rilievo decisivo ai fini della connotazione del prodotto come difettoso; invero, a prescindere dall'esistenza o meno di un'espressa affermazione della difettosità del prodotto nella relazione di c.t.u., la Corte è pervenuta ad affermare tale difettosità evidenziando elementi (segnatamente, l'anomalia della presenza di un metallo noto come sensibilizzante da contatto e causa di allergie in un fazzolettino di carta «destinato per sua natura a venire a contatto con la pelle, il naso o la bocca degli individui» e «sicuramente idoneo a provocare un danno all'uomo») che rispondono pienamente al paradigma normativo di cui all'art. 117 del Codice del Consumo; va escluso pertanto che la Corte abbia fatto discendere la difettosità del prodotto dal solo fatto che esso abbia prodotto un danno.
Pertanto, su tali premesse, la natura difettosa del prodotto è stata accertata sotto il duplice profilo dell’anomalia della presenza di un metallo idoneo ad arrecare danno all'uomo e - come detto sopra - della mancanza delle informazioni "minime" richieste dai citati artt. 6 e 117 lett. a) del Codice del Consumo, ovvero dell’assenza di ogni informazione sull’etichetta circa la presenza di nichel.
Avv. Sigmar Frattarelli

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Responsabilità solidale tra clinica e medico

Non occorre che clinica e medico siano legati da un vincolo contrattuale. Il medico agisce comunque come ausiliario dell’organizzazione aziendale

Continua

Vittima incidente. Risarcibile anche la fidanzata

Il danno morale non spetta solo ai parenti o al coniuge ma anche ai soggetti che siano stati legati alla vittima da uno stretto legame affettivo

Continua

Oltre al mobbing esiste anche lo straining

Il lavoratore vittima di vessazioni e atti ostili da parte dei suoi colleghi nella consapevolezza del datore di lavoro

Continua

Lecito adescare e spiare il dipendente su Facebook

Confermata la legittimità del licenziamento del dipendente colto a chattare su Facebook

Continua

L'infortunio nel percorso casa-luogo di lavoro

Infortunio in itinere. Concetto di infortunio "occasionato dal lavoro"

Continua

Fondo patrimoniale e salvaguardia dei propri beni

Quando è possibile opporre ai creditori l'impignorabilità dei beni del fondo patrimoniale

Continua

Il licenziamento ritorsivo e per rappresaglia

Reintegrazione nel posto di lavoro anche dopo l'entrata in vigore del Jobs Act

Continua

Jobs Act: quando scatta la prescrizione?

Contratti a tutele crescenti, dubbi sulla decorrenza della prescrizione

Continua

Non è licenziabile il dipendente maleducato

Illegittimo il licenziamento del lavoratore che ha comportamenti maleducati con i colleghi o accusa l'azienda di mobbing

Continua

Cassazione: nessun legame tra vaccini e autismo

Non esiste alcuna prova scientifica che i vaccini possano causare malattie dello spettro autistico

Continua

Sanzionata l'assenza a visita fiscale

Legittimo il licenziamento del dipendente assente ingiustificato alla visita fiscale

Continua

La riforma della responsabilità medica: le novità

Cosa cambia con l'entrata in vigore della Riforma Gelli sulla responsabilità penale e civile dei medici

Continua

Avv. Sigmar Frattarelli - Lecito svolgere un altro lavoro in malattia

Illegittimo il licenziamento se il lavoro svolto durante la malattia non compromette nè ritarda la g

Continua

Medico in colpa se non fornisce la prova contraria

Non spetta al paziente fornire la prova della colpa del medico, ma è quest'ultimo che deve dimostrare di avere agito con diligenza

Continua

Il lavoratore straniero va formato nella sua lingua

La mancata formazione dello straniero in lingua comprensibile può essere causa di infortunio o morte

Continua

L'investigatore privato non può controllare il lavoro del dipendente

Illecito servirsi di agenzie investigative per verificare lo svolgimento dell'attività lavorativa

Continua

Il risarcimento ai familiari del lavoratore morto sul lavoro

Gli indennizzi e risarcimenti spettanti ai familiari del lavoratore morto per infortunio o malattia

Continua

Il contagio da Coronavirus sul lavoro è considerato infortunio

Se si è stati infettati dal Coronavirus sul luogo di lavoro ovvero “in occasione di lavoro”, il contagio è assimilato all’infortunio sul lavoro

Continua