Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Privacy, Algoritmo e Intelligenza Artificiale


Spunti di discussione dalla Corte di Cassazione
Privacy, Algoritmo e Intelligenza Artificiale

La Suprema Corte di Cassazione con l’ordinanza del 25 maggio 2021, n. 14381 ha pronunciato una rilevante e centrale “massima” per quanto riguarda il diritto del trattamento dei dati personali e il rapporto che esso ha con gli algoritmi e l’intelligenza artificiale.

Il caso

Nel caso in specie si trattava di una piattaforma web con archivio informatico che si proponeva come oggetto quello di elaborare profili reputazionali di persone fisiche e giuridiche. Il Sito si proneva di raggiungere due scopi:  per primo, combattere la creazione di profili reputazionali falsi e, conseguentemente per secondo, calcolare attraverso l'uso di un sofisticato algoritmo matematico, il relativo « rating» dei soggetti raccolti (con attribuzione di punteggi divisi in sottocategorie e condivisibili con gli altri utenti della piattaforma),  garantendo che tale selezione sarebbe avvenuta secondo modalità di imparzialità, affidabilità, ed oggettività.

Si pensava in questo modo, di rendere possibile per soggetti terzi la verifica della propria credibilità con il conseguente aumento di limpidezza e sicurezza nel campo del business networking.

L'Autorità Garante per la protezione dei dati personali aveva ritenuto il trattamento operato mediante tale piattaforma “non conforme alla disciplina sulla protezione dei dati personali” considerandola carente in merito a:  

  • liceità del trattamento in termini di “consenso” non risultando esso libero, specifico e informato; 
  • principi di necessità e proporzionalità, risultando eccessiva e dubbia la rilevanza e pertinenza di molti dei dati raccolti; 
  • principio di qualità dei dati non essendo chiaro sia la modalità di funzionamento dell'algoritmo sia il rapporto tra questo e l’efficacia del rating.

Con l’ordinanza in questione, la Corte ha considerato legittimi i motivi proposti dal Garante della Privacysoprattutto in merito all’analisi dei “requisiti di validità del consenso” e dell' “utilizzo dell'algoritmo”.

Si presupponeva infatti che l’adesione alla piattaforma non implicasse in maniera implicita anche l’avvenuta accettazione dell’algoritmo ricordando che il consenso può considerarsi “valido” “se riferito a un trattamento chiaramente individuato e che fosse comunque necessario rendere conoscibile “lo schema esecutivo” attraverso il quale viene calcolato l’algoritmo con le ripercussioni che questo trattamento ha per l’interessato anche secondo i principi indicati nel Regolamento Europeo  - GDPR

Motivi di interesse giuridico 

 La Corte di Cassazione, con questo provvedimento emesso proprio al compimento del terzo anno dall’entrata in vigore del GDPR ha posto in esame il complicato rapporto tra il supposto consenso dell’interessato e l’uso degli algoritmi con riguardo ai temi di profilazione che attraverso i primi sono posti in essere. 

Il consenso dell'interessato è dunque ritenuto la base di liceità per il trattamento dei dati personali per lo più in un contesto sensibile come quello dei sistemi di intelligenza artificiale.

Il GDPR è chiamato proprio ad operare in questa rinnovata realtà sempre più virtuale. In questo senso viene consolidato “il ruolo del consenso” arricchendolo del requisito dell' “inequivocabilità”, ed inserendolo tra le principali basi giuridiche principali anche in contesti automatizzati come quello della profilazione. 

Proprio in merito alla profilazione e alla richiesta di trasparenza trasformatasi in “diritto alla spiegazione”, va premesso che strumenti come gli algoritmi hanno delle capacità notevoli non solo in merito alla loro automatizzazione rispetto alla possibilità di analisi ma anche per la  loro capienza rispetto ad enormi quantità di dati. In più tali sistemi posseggono, sulla base di tecniche di “machine learning”, la facoltà di prevedere e decidere in forma autonoma. Tutto ciò li rende spaventosamente vicini alla capacità di ponderazione degli esseri umani.

È in questo ambito che va inserito quanto previsto dalla Corte di Cassazione. Vale a dire la facoltà per l’interessato di “conoscere” l’algoritmo secondo quanto previsto dagli artt. 13, par. 2, lett. f), e 14, par. 2, lett. g), del GDPR. Si discute se in tale contesto rientri anche quanto enunciato dall’art. 22 del GDPR in merito alla profilazione. Infatti, in base a tale disposizione, il titolare del trattamento è tenuto a dare all’interessato tutta una serie di informazioni rispetto « l'esistenza di un processo decisionale automatizzato, compresa la profilazione [...] e, almeno in tali casi, informazioni significative sulla logica utilizzata, nonché l'importanza e le conseguenze previste di tale trattamento per l'interessato ». 

Tale “interesse” a conoscere la logica di funzionamento dell'algoritmo è stato denominato dalla dottrina «diritto alla spiegazione» o alla «leggibilità».  Secondo la tesi principale sarebbe in questo caso necessario procurare informazioni significative sulla logica utilizzata senza però andare più a fondo senza che tale materia entri in conflitto con altri diritti quali quello della proprietà intellettuale ed industriale. 

Il “diritto alla spiegazione” del funzionamento dell’algoritmo si sviluppa in maniera duplice:  per primo, in una spiegazione ex ante, riguardo le funzionalità tecniche del sistema e, in secondo luogo, in una spiegazione ex post, in cui vengono evidenziate le articolazioni logiche di interazione tra gli input iniziali conferiti all’algoritmo fino a giungere agli output finali. 

Conclusioni

Questa breve analisi dell’interazione tra privacy ed intelligenza artificiale mostra come debba essere sviluppato un attento lavoro di studio tale da rendere strumenti come gli algoritmi effettivamente al servizio dell'uomo. In questo modo si potrà svilupparli progressivamente e utilizzarli correttamente in chiave antropocentrica, nel pieno rispetto dei diritti inalienabili dell’uomo come quello alla privacy.

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Green Pass e privacy: un matrimonio discusso ma felice

Il Green Pass è un pericolo per la protezione dei dati personali in ambito sanitario?

Continua

Privacy e storie di password

Password: come formularle? Cosa si rischia per il loro uso improprio? In questo articolo proponiamo suggerimenti ed esempi tratti dalla Giurisprudenza

Continua

Privacy e videosorveglianza nei condomini

Come armonizzare l’esigenza di riservatezza e privacy con l’utilizzo dei sistemi di videosorveglianza all’interno dei condomini

Continua

Green Pass e privacy sul lavoro

Consegna di copia della certificazione verde per i lavoratori del settore pubblico e privato: quali sono le perplessità relative alla privacy

Continua

Privacy e cyberbullismo: scenari e ambiti di applicazione

Come la regolamentazione privacy si integra nella tutela del minore vittima di cyberbullismo

Continua

Privacy e diritto di difesa

Il datore di lavoro, per esercitare il proprio diritto alla difesa, estrae documenti contenenti dati personali dal PC aziendale del dipendente. Può farlo?

Continua

Privacy e Green Pass: ennesima puntata

Quando è necessario il “Green Pass Rafforzato”?

Continua

“Diritto all'oblio”, privacy on web

Quali sono le responsabilità dei web provider? Riportiamo una sentenza esemplare

Continua

Telemarketing selvaggio e privacy

Quali sono i nuovi strumenti di difesa? Le ultime novità proposte dal Garante

Continua

Fidelity card e privacy

Come possiamo tutelare e proteggere i nostri dati personali?

Continua

Ahi ahi la privacy! Cosa si rischia in caso di violazioni

Breve guida sui rischi sanzionatori a carico di chi fa un uso scorretto dei dati personali

Continua

“Phishing”, la “Pesca” dei nostri dati personali

In cosa consiste e come evitare spiacevoli furti della nostra privacy!

Continua

Anagrafe nazionale degli assistiti: step privacy in ambito sanitario

Anagrafe nazionale degli assistiti: cos'è e come funziona e il potenziamento del Fascicolo sanitario elettronico

Continua

Cosa sono i “Cookie” e quale è il loro impatto sulla privacy?

Cosa sono i famigerati “Cookie” e quale è la loro importanza circa un corretto utilizzo in materia di privacy?

Continua

Privacy, minori e new tecnology

I rischi di un uso “inconsapevole” degli strumenti della nuova tecnologia da parte dei minori e possibilità di tutela

Continua

Diritto di cronaca ed esercizio della privacy

Quali sono i limiti per l'esercizio del diritto di cronaca? Qual è il rapporto con la privacy e quali i criteri per bilanciare le rispettive esigenze?

Continua

Qualcuno ha violato la tua privacy?

Contatta il Garante…Presenta un Reclamo…fai così!

Continua

Privacy Vs. trasparenza amministrativa 1-0

Cosa accade quando le “esigenze” di privacy in materia sanitaria si scontrano con quelle legate alla trasparenza amministrativa

Continua

Il caso Tik Tok: la base giuridica del consenso al trattamento del dato

Come di riconosce il presupposto giuridico che rende il trattamento lecito

Continua

Servizio di geolocalizzazione e privacy

La valutazione di impatto nel trattamento dei dati nella giurisprudenza amministrativa

Continua

Privacy e video sorveglianza, un caso sempre aperto

Tutela alla sicurezza per il proprietario di un immobile o privacy del vicino di casa? Questo è il problema...

Continua

Privacy in ambito sanitario

Mancato aggiornamento dei dati personali delle piattaforme per l'invio di informazioni ai pazienti e sanzione del garante

Continua

Condominio e possibili violazioni di privacy

L’affissione dell’ordine del giorno dell'assemblea nell’androne condominiale e possibile violazione dei dati personali

Continua

Videosorveglianza e Smart Cities: il Garante della Privacy dice Stop

Ancora una volta l’attenzione del Garante si è indirizzata verso i sistemi di videosorveglianza intelligente

Continua

Telefonate mute: come tutelarsi?

Ecco quali sono le tutele previste dal Garante della Privacy

Continua

Video Sorveglianza e privacy, telecamere in un bar

Telecamere in un bar: tutela del lavoratore, obbligo di informativa e accordo sindacale

Continua