Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Gli scenari dell'ansia


Possibili scenari dell'ansia e come curarli. Differenza tra ansia e paura
Gli scenari dell'ansia

Viviamo in un periodo storico complesso: ogni certezza è svanita, è quasi impossibile fare progetti a lungo termine. Siamo condizionati dai vari DPCM che cambiano ogni settimana: oggi possiamo fare una cosa che domani non è possibile fare, non ci è più consentito muoverci liberamente, fare cose che fino ad un anno fa erano scontate, anche andare a trovare o abbracciare un nostro caro è diventato pericoloso. Qual è o quali sono le emozioni che emergono da questo clima sociale?

Ansia, rabbia, paura, impotenza.

Queste emozioni non sono più questione privata della singola persona, in generale l’intera popolazione occidentale vi è immersa, e i fatti quotidiani legati alla pandemia ne hanno accentuato il potere. In questo contesto ansia e paura si identificano: sono il timore di qualcosa. Se invece riusciamo a separarle, emerge la possibilità di comprendere sia una che l’altra esperienza, contraddistinguendole in due diverse situazioni emozionali e vitali.

Le emozioni possiedono una realtà complessa e stratificata che può essere decifrata solo se riusciamo a scendere alle sue radici, isolando e distinguendo le cose. L’ansia, con diverse intensità e tematiche, contrassegna la condizione umana a cui appartiene e, anche se può apparire come interscambiabile ed equivalente, va contraddistinta dalla paura.

L’ansia è un’esperienza improvvisa o continuata, di spaesamento e inquietudine che ha in sé qualcosa di indeterminato: è inafferrabile e camaleontica nel sorgere e nello scomparire; la paura, d’altro canto, è uno stato d’animo che si indirizza verso una situazione reale e concreta, pericolosa e rischiosa, ma non oscura e ignota.

Un’altra considerazione da fare è la differenziazione tra diverse forme d’ansia: va contraddistinto se siano stati d’animo - a cui non si può essere estranei almeno in alcuni periodi ed eventi della vita -, risposte motivate a determinate esperienze, come la perdita di una persona, un sogno, una speranza o esperienze immotivate nelle quali non si riesce a rintracciare cause e motivazioni.

Ne consegue anche un differente modo di affrontarle: per quanto riguarda gli stati d’animo ansiosi, a ben poco serve una cura farmacologica, anzi fondamentale è una psicoterapia basata sull’ascolto e sul dialogo; le situazioni ansiose che nascono come risposta a situazioni di perdita, hanno invece bisogno di psicoterapia associata a dosi mitigate di farmaci. Solo negli stati d’ansia, che si inseriscono nell’area delle esperienze definite psicotiche, la farmacoterapia è lo strumento essenziale di cura, purché sia accompagnata da una psicoterapia.

La “medicalizzazione” di ogni condizione ansiosa porta a rischi di dipendenza farmacologica e di rifiuto della sofferenza. Sicuramente è più veloce e indolore ricorrere ai farmaci, piuttosto che confrontarsi con la complessità di ogni esperienza psicopatologica, nella quale sono intrecciati elementi psicologici e biologici, interpersonali e sociali in modo diverso per ogni situazione clinica.

Ogni individuo presenta il proprio vissuto, il proprio modo di vedere il mondo, la propria sofferenza, la propria unicità e, se viene visto e ascoltato, ha la possibilità di trovare un modo diverso di svelarsi a se stesso e agli altri e nuove possibilità di essere nel mondo; entrare in empatia con un soggetto ansioso, mettermi nei suoi panni, mi avvicina a lui, facendomi sentire in sintonia con un’altra esistenza e diminuendo, almeno per un istante, la mia e la sua solitudine.

E in questo senso, può essere fonte di solidarietà.

Infine, vorrei sottolineare come non sempre l’ansia sia da considerare un’esperienza negativa: può far riemergere possibilità nascoste, nuove che abbiano anche un significato creativo. Le situazioni d’ansia, in alcuni casi, se affrontate con creatività, fanno evolvere l’immaginazione e la fantasia. I molteplici aspetti con cui l’ansia si delinea nella nostra vita possono essere contrassegnati anche da significati e da valori.

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Psicoterapia della Gestalt: principi base

Principi base della Psicoterapia della Gestalt, origini e fondamenta. Un approccio all'apparenza ateoretico...

Continua

Bullismo: conoscerlo per combatterlo!

Nella società odierna si sente sempre più spesso parlare di bullismo e cyber bullismo. Caratteristiche principali e differenze

Continua

Cyber-bullismo...parliamone

Il cyber-bullismo è un fenomeno in espansione. Cos'è? Quali sono le caratteristiche? Ecco brevemente di cosa si tratta

Continua

L’esperienza corporea in GESTALT

Corpo e mente, sono sempre più visti in uno stretto legame reciproco. <br />Di seguito il punto di vista della Psicoterapia della Gestalt

Continua

Gestalt, creatività e arte

Somiglianze e differenze tra arte e psicoterapia. <br /> L'articolo che segue spiega come e perchè la psicoterapia della Gestalt utilizza varie forme d'arte

Continua

Il lavoro sul corpo in Gestalt

Il corpo come nostro mezzo di contatto col mondo che si esprime attraverso il sintomo psicosomatico

Continua

Ansia, desensibilizzazione e somatizzazione

E' una breve descrizione di cosa sia l'ansia e di come si manifesta

Continua

Meditazione e rilassamento: gli effetti sul corpo da un punto di vista scientifico

Evidenze scientifiche sui benefici di meditazione e tecniche di rilassamento corporeo

Continua

Tecniche per il rilassamento corporeo

Cosa succede nell'organismo quando siamo in ansia? Le tecniche di rilassamento corporeo aiutano?

Continua

Tecniche di rilassamento corporeo e vuoto fertile

Il vuoto fertile non è che lo spazio entro cui può avvenire il cambiamento

Continua

La Meditazione: cos'è e a cosa serve

Sentiamo tanto parlare di meditazione: qualcuno è affascinato, qualcuno intimorito, altri pensano sia una "cosa strana". Ma avete mai provato a meditare?

Continua

Le diverse tecniche di meditazione per raggiungere la consapevolezza di sé

Scopi e caratteristiche delle diverse tecniche di meditazione. L'importanza per il contatto corporeo, la consapevolezza e la concentrazione

Continua

MEDILATES: sperimentando un nuovo metodo tra meditazione e pilates

Il Medilates nasce dall'unione della meditazione, del Pilates e della PdG allo scopo di riscoprire in modo nuovo il nostro corpo

Continua

Il Medilates: obiettivi e metodo contro ansia e stress!

Ecco gli obiettivi e la metodologia del Medilates, in relazione alla consapevolezza corporea e mentale, alla gestione dell'ansia e della malinconia

Continua

La consapevolezza corporea: primo passo verso il rilassamento

L'importanza della consapevolezza corporea, come strumento per riuscire a gestire e a cambiare l'emozione e/o la tensione

Continua

Coronavirus: come in un film

Alcuni spunti per riflettere e affrontare questo periodo difficile, in cui siamo in guerra contro il Coronavirus

Continua

L’ansia e lo stress da Covid-19: alcuni suggerimenti per combatterli

In un tempo di emergenza da Coronavirus è normale essere in ansia o sotto stress. Alcuni consigli pratici per sostenere questi stati d'animo!

Continua