Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Impossibilità della prestazione pecuniaria ai tempi del Covid


La questione dell'impossibilità delle prestazioni pecuniarie all'epoca della pandemia
Impossibilità della prestazione pecuniaria ai tempi del Covid

Prestazione pecuniaria ai tempi del Covid: la questione dell'impossibilità

La relazione tematica del 8 luglio 2020 della Corte Suprema di Cassazione ha la cura di precisare che, se, da un lato “è ben frequente che il calo o l’azzeramento dei consumi si sia tramutato in un drastico abbassamento del fatturato, limitando la liquidità disponibile e proiettando un’ombra spessa sulla regolare esecuzione delle obbligazioni pecuniarie”, ebbene, ciononostante “il principio non scalfito rimane quello che nega all’impotenza in questione, sebbene incolpevole, una vis liberatoria”.

Pertanto “l’eventuale crisi di liquidità del debitore è un rischio posto a carico dello stesso, anche laddove derivi dall’altrui insolvenza o da una crisi di mercato”. La Corte Suprema di Cassazione, attraverso queste parole, sembra negare una rivisitazione del principio genus umquam perit.

Il debitore deve dunque sempre dimostrare, per andare esente da responsabilità anche e soprattuto nelle obbligazioni pecuniarie:

a) l’impossibilità della prestazione;

b) che l’impossibilità derivi da causa a lui non imputabile.

Viene tuttavia in considerazione anche il nuovo art. 3 comma 6 bis del d.l. 23 febbraio 2020 n. 6, introdotto dall’art. 91 comma 1, d.l. 17 marzo 2020, n. 18, conv. con modificazioni dalla l. 24 aprile 2020 n. 27, il quale ha stabilito che “il rispetto delle misure di contenimento di cui al presente decreto è sempre valutato ai fini dell’esclusione, ai sensi e per gli effetti degli articoli 1218 e 1223 del codice civile, della responsabilità del debitore, anche relativamente all’applicazione di eventuali decadenze o penali connesse a ritardati o omessi pagamenti”.

La nuova misura incide sul bilanciamento fra l’inadempimento per colpa del debitore e l’esonero di responsabilità per causa a lui non imputabile.

Una interpretazione della norma, almeno quella più logica è quella che astrattamente consente un esonero della responsabilità del debitore per il semplice ritardo nell’adempimento delle prestazioni pecuniarie relativamente al periodo di lockdown (cfr. De Cristofaro, nonché sempre in dottrina G. Iorio).

In quest’ottica, dovrebbero escludersi giustificazioni, almeno se basate sulla norma in questione (altri possono essere i rimedi, comunque, astrattamente) per tutte quelle obbligazioni assunte nei mesi estivi del 2020, quindi successivamente alla cd. “riapertura” post-Covid.

La giurisprudenza, se in alcuni casi ha riaffermato il principio genus umquam perit, in un caso del tutto peculiare, in accoglimento di una istanza cautelare proposta dalla parte inadempiente che lamentava la difficoltà di pagare somme di danaro in conseguenza dell’impossibilità di esercitare la propria professione, con il conseguente blocco del fatturato, inibiva alla controparte di porre all’incasso o di girare a terzi le cambiali destinate a rafforzare l’obbligazione, nella specie con scadenza 30 giugno 2020, 30 luglio 2020 e 30 agosto 2020, nonché di sottoporle a protesto (Tribunale Bologna, 04.06.2020 in Foro it. 2020, 7-8, I, 2492).

Questo significa che in certi casi, vi sono timide aperture della giurisprudenza verso un’interpretazione solidaristica delle norme che disciplinano l’inadempimento delle prestazioni pecuniarie ed il concetto di impossibilità ad esse relativo.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Risarcimento del danno dal Comune per "buche stradali"

Cosa fare nel caso di danni subiti in connessione con buche ed avallamenti ed insidia stradale

Continua

Preliminare di compravendita, quando è possibile la risoluzione causa

Le problematiche risolutorie e/o risarcitorie relative ai contratti in essere nel periodo di emergenza da Coronavirus

Continua

Principio di minimizzazione nel trattamento dei dati bancari e risarcimento danni

Nel rapporto di conto corrente la banca può trattare solo i dati personali effettivamente necessari

Continua

Responsabilità sanitaria: le sentenze di San Martino della Cassazione civile

Sulle sentenze di San Martino (11 Novembre 2019) della Cassazione civile in tema di responsabilità medica

Continua

La responsabilità della banca per concessione abusiva del credito

Cosa succede se la banca concede abusivamente credito a un suo cliente?

Continua

Responsabilità per danni da infiltrazioni provenienti da lastrico

Che scenari si aprono nell'ipotesi di danni derivanti da infiltazioni provenienti da lastrico solare in ipotesi di condominio?

Continua

Bullismo (e connesse responsabilità)

Quali sono le principali conseguenze civilistiche (e non) del fenomeno del bullismo

Continua

Risarcimento danni: danno da nascita indesiderata

Ecco quali sono le opzioni giuridiche in caso di nascita indesiderata per cui è possibile richiedere il risarcimento danni

Continua

Il recesso della banca dal contratto di apertura di credito

Anche un recesso giustificato esercitato con modalità arbitrarie ed improvvise potrebbe fondare la responsabilità della banca per brusca o brutale rottura del credito

Continua

Accordi interni fra conviventi, evoluzione normativa

Evoluzione normativa degli accordi interni fra conviventi fino alla recente Legge Cirinnà

Continua

Il risarcimento da infedeltà coniugale

Si può chiedere il risarcimento del danno per tradimento? In che termini? Cosa dice la giurisprudenza al riguardo?

Continua

Aspetti risarcitori nella tematica del servzio delle cassette di sicurezza

Aspetti risarcitori in relazione ai danni subiti da correntisti titolari di cassette di sicurezza degli istituti di credito

Continua

La responsabilità del chirurgo plastico

Sintesi della responsabilità risarcitoria del chirurgo plastico

Continua

La collazione ereditaria ex art. 737 c.c.: profili probatori

La Collazione Ereditaria, con particolare riferimento ai profili probatori

Continua

La responsabilità del datore di lavoro ex art. 2087 c.c.

L’imprenditore è tenuto ad adottare nell’esercizio dell’impresa le misure necessarie a tutelare l’integrità fisica e la personalità morale dei prestatori di lavoro

Continua

Il problema degli interessi commerciali in grado d'Appello

La domanda di restituzione degli interessi commerciali può essere proposta (facoltativamente) anche in sede di giudizio d’Appello?

Continua

Buona fede e obbligo di rinegoziazione

Buona fede e obbligo di rinegoziazione in particolare in tempo di Covid-19

Continua

La cessione del quinto dello stipendio

Le principali peculiarità nella cessione del quinto dello stipendio

Continua

Danni da vaccinazione (in particolare contro il Covid)

Breve panoramica delle azioni giudiziarie esperibili contro il danno da vaccino anti COVID

Continua

Danni da lesione del congiunto

In breve, e in sintesi, l'articolo tratta tutto ciò che c'é da sapere e da conoscere con riferimento all'ipotesi dei danni da lesione del congiunto

Continua

Trasformazione da società a comunione: assoggettabilità a fallimento

Vediamo cosa può succedere, secondo la norma fallimentare, nel caso di trasformazione di una società in una comunione d'impresa

Continua

Recente giurisprudenza sul danno da perdita di chances derivante da responsabilità medica

In questo articolo trattiamo la recente giurisprudenza che riguarda il danno da perdita di chance in ambito medico

Continua

Danno da rumore e/o inquinamento acustico

Breve saggio sui danni da rumore

Continua