Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Bancarotta, non è necessario il risarcimento per evitare il carcere


Le condanne definitive per bancarotta prevedono il carcere. E' possibile chiedere misure alternative pur non avendo la possibilità di risarcire il danno alle vittime
Bancarotta, non è necessario il risarcimento per evitare il carcere

1. Premessa

Evitare il carcere, con particolare riguardo ai reati fallimentari, e quando non si è risarcito il danno alla vittima del reato, è possibile a determinate condizioni.

Infatti, i reati di bancarotta fraudolenta (art. 216 L. Fallimentare) o anche di bancarotta semplice (art. 217 L.Fall.) prevedono pene edittali alte (da 3 a 10 di reclusione il primo, e da 6 mesi a due anni il secondo) con possibilità di aumento per le aggravanti proprie di quei tipi di reato previste dall'art. 219 della stessa legge.

Una volta definitiva la condanna si pone il problema della esecuzione della pena che può essere sospesa qualora sia stata irrogata o sia ancora da espiare in misura inferiore a 4 anni (art. 656 comma 5 c.p.p. e Corte Cost. n. 41/2018): in tal caso la Procura competente emetterà un ordine di esecuzione con contestuale sospensione.

La sospensione comporta che il condannato deve, a pena di decadenza, entro 30 giorni proporre istanza per l'affidamento di misure alternative alla detenzione.

La decisone sulle misura alternative alla detenzione spetta al Tribunale di Sorveglianza competente che valuterà l'entità della pena, la personalità del condannato nonché altri presupposti quali la sua pericolosità sociale, il rischio di recidiva, la presenza di attività lavorative lecite, l'idoneità di un domicilio.


2. Fattori di valutazione della personalità del condannato

Per valutare la personalità dell'imputato condannato si fa ricorso a criteri quali la disponibilità a svolgere lavori socialmente utili, l'assenza di altri processi penali, le iniziative volte a risarcire il danno alle vittime del reato.

Quest'ultimo aspetto può costituire un problema per le difficoltà economiche in cui si trovano di solito i condannati per bancarotta, impossibilitati a far fronte alle richieste risarcitorie dei creditori, anche perché sottoposti spesso a sequestro e pignoramento dei propri beni.

Tuttavia, la mancata attivazione del condannato a fini risarcitori non può diventare un indice negativo della personalità di una persona condannata che richiede misure alternative alla detenzione, nonostante l'art. 47 comma 7 della legge 354 del 1975 stabilisca che l'affidato al servizio sociale deve adoperarsi in quanto possibile in favore della vittima del suo reato.

Di qui la preoccupazione per molti condannati che non riescano ad avviare iniziative risarcitorie, ed abbiano condanne a pene detentive, che temono possano aprirsi, per loro, le porte del carcere.

Ma una corretta interpretazione della norma, suffragata da recentissimi interventi della Suprema Corte di Cassazione, consente di effettuare un prezioso distinguo ai fini di una sua applicazione in senso più garantista.


3 Significato dell' "Adoperarsi in favore della vittima del reato"

La Corte di Cassazione sezione prima con sentenza del 16 aprile 2020 n. 12324 ha trattato un caso simile: ipotesi di richiesta di affidamento in prova al servizio sociale da parte di una persona condannata per il reato di bancarotta. Richiesta negata in quanto il condannato non aveva provveduto ad effettuare "alcuna iniziativa di carattere risarcitorio" a favore dei creditori vittime del reato.

L'occasione è stata propizia per un intervento chiarificatore dei Supremi Giudici: i quali hanno ribadito che la volontà del legislatore non è quella di richiedere il risarcimento del danno o, iniziative in tal senso, "per l'affidamento", ma semmai di richiederle, eventualmente, come prescrizione "dell'affidamento" ai sensi del richiamato art. 47 comma 7 Legge 354/1975.

In sostanza: non è necessario che il condannato risarcisca prima di aver ottenuto la misura, ma l'affidamento può inserire tra le prescrizioni il dovere del condannato di adoperarsi, per quanto possibile, ad alleviare alla vittima le conseguenze del reato.

Per "quanto possibile" significa poi, che il risarcimento deve essere considerato "nei limiti delle possibilità economiche del condannato" (come pure aveva ribadito Cass. sez. I n. 23047 del 19.5.20009).


4. E' possibile evitare il carcere pur non avendo risarcito il danno alla vittima del reato

In conclusione: non aver risarcito il danno alla vittima del reato di bancarotta (ma anche per altri reati) non può mai incidere negativamente sulla personalità del condannato e, quindi, non può essere assunto come requisito negativo per rigettare la richiesta di misura alternativa alla detenzione.

E' possibile, allora, con un accorta dimostrazione di indici che denotino la mancanza di pericolosità sociale e di assenza del pericolo di recidiva, chiedere al Tribunale di Sorveglianza che alla previsione del carcere venga sostituita una misura meno afflittiva che consenta al condannato un reinserimento sociale e tenda alla sua rieducazione in conformità dei principi della Costituzione (art. 27) e di quelli enunciati nelle leggi sull'ordinamento penitenziario.

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

I benefici della continuazione per l'imprenditore fallito

Reati fallimentari e reati tributari commessi nello stesso contesto. Dimostrare la continuazione tra i reati limita i danni per l'imprenditore

Continua

Istanza cautelare e notifica alla persona offesa

La Cassazione ribadisce che la notifica della istanza cautelare alla vittima del reato non è sempre necessaria nei delitti con violenza alla persona

Continua

La Consulta: la seminfermità mentale può prevalere sulla recidiva

La Corte Costituzionale interviene ancora per eliminare automatismi e preclusioni che violano principi Costituzionali

Continua

Prove reati: utilizzabili le chat intercettate e decriptate nel WEB

La attività di decriptazione dei messaggi in chat non può ritenersi avvenuta all'estero ma all'interno di un mondo virtuale delocalizzato (web)

Continua

Maltrattamenti e stalking, il percorso giusto per evitare il carcere

Evitare il carcere per i reati di maltrattamenti, violenza sessuale e atti persecutori è possibile con una strategia difensiva che si avvalga di esperti psicologi

Continua

Processo indiziario, sentenza e tutela dell'innocente

La difesa penale nel processo indiziario: l'obiettivo è il giusto processo e la tutela dell'innocente

Continua

Libertà: fatti risalenti nel tempo e applicazione delle misure coercitive

L'applicazione di misura coercitiva per contestazioni di fatti risalenti nel tempo necessita di specifica e approfondita motivazione per consentire una adeguata difesa

Continua

Stalking telematico: competenza territoriale e misure cautelari

Gli atti persecutori commessi soltanto con strumenti telematici presentano problemi di competenza territoriale e di applicazione delle misure cautelari: come orientarsi

Continua

Trattenimento di minore all’estero: niente automatismi, il giudice valuta caso per caso

Cade un altro automatismo: illegittima la sospensione della responsabilità genitoriale nel caso di trattenimento di minore all’estero

Continua

Il Giudice non può porre domande suggestive al testimone

La cross examinaton deve essere lasciata in prima battuta al lavorio delle parti, con interventi solo chiarificatori del Giudice

Continua

Tutela della libertà personale e contestazioni a catena

La custodia cautelare ha termini ineludibili. Se si contestano più fatti con più ordinanze, gli effetti decorrono, a determinate condizioni, dalla prima ordinanza

Continua

Libertà personale e pene pecuniarie

Il pagamento di multe e ammende di natura "penale" può essere un problema quando la sentenza è definitiva. Come evitare compressioni ai diritti di libertà

Continua

Le norme per evitare che i bambini seguano le madri in carcere

L'ordinamento penale appresta una serie di previsioni per evitare il carcere alle donne con prole inferiore ai 10 anni. L'analisi della normativa e delle sentenze

Continua

Coltivazione di canapa e arresto in flagranza

Arresto di persone presenti presso un terreno coltivato a canapa indiana: mancanza del requisito della "flagranza" perchè possa procedere la polizia giudiziaria

Continua

Il diritto a vedere riconosciuta la propria innocenza: modi e tempi

Recenti casi di cronaca ci dicono che la condanna penale può non essere frutto di un corretto ragionamento giuridico. La revisione è lo strumento per rimediare

Continua

Carcere e donne: gli istituti a custodia attenuata

Le misure cautelari e le misure alternative alla detenzione attuabili nei confronti di donne madri: la legge prevede gli Istituti a Custodia Attenuata

Continua

Annullare o modificare sentenze penali di condanna: casi e modi

Analisi delle possibilità per la difesa di annullare o modificare una sentenza penale di condanna anche se è definitiva

Continua

Captazione dati di carte magnetiche: quando è reato

L'at. 617 quinquies del codice penale punisce l'installazione di apparecchiature atte ad intercettare comunicazioni relative ad un sistema informatico

Continua