Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Diritto alla salute e custodia cautelare


La tutela della salute della persona sottoposta a custodia cautelare in carcere deve essere ampia e articolata. Il difensore è partecipe indispensabile. Sempre.
Diritto alla salute e custodia cautelare

Salute e carcere: la necessità della difesa dell’imputato nel corso  degli accertamenti medici

1. La custodia cautelare e la incompatibilità per motivi di salute

Nel corso della custodia cautelare in carcere è possibile avanzare istanza di revoca o sostituzione della misura basata sulle condizioni di salute del “custodito”.

In tal caso il difensore può richiedere al magistrato procedente la sostituzione della custodia cautelare in carcere con altra misura meno afflittiva, allegando a conforto della istanza documentazione clinica o medica, o anche una consulenza di parte che attesti lo stato di salute del detenuto “incompatibile” con il permanere in regime di custodia carceraria.

Il Giudice potrà accogliere la richiesta ritenendo valida la documentazione prodotta oppure, se ritiene di non poter accogliere la richiesta, dispone gli “accertamenti medici del caso” nominando un perito medico legale.

 

2. Le attività del perito medico legale

Gli accertamenti da svolgersi nel procedimento incidentale di revoca devono essere svolti con celerità ed urgenza in quanto il bene di cui si chiede la tutela sono la libertà dell’indagato o imputato e il suo diritto alla salute.

Pertanto l’art. 299 comma 4 ter (aggiunto all’art. 299 dalla legge n. 12/1991) prescrive che:

  • il giudice proceda con immediatezza (comunque entro il termine di gg.5 previsto dall’ art. 299 comma 3);
  • entro detto termine nomina il perito;
  • il perito sente il medico penitenziario e riferisce nel terrine di gg. 5;
  • in caso di “rilevata urgenza” il perito riferisce al giudice entro due giorni.

Il perito nominato, quindi, deve entro tempi ristretti: prestare giuramento, acquisire la documentazione dal carcere, assumere il parere del medico penitenziario, visitare la persona detenuta, formulare un giudizio medico legale in riferimento alla salute di quest’ultima ed alla compatibilità della sua permanenza in stato di restrizione cautelare massima.

 

3. Il fondamentale contraddittorio con la difesa tecnica dell’imputato

In questa procedura incidentale urgente e da svolgersi in cadenze ravvicinate è fondamentale e indispensabile, cioè a pena di nullità, la instaurazione del contraddittorio con la difesa dell’imputato.

In questi casi, imprescindibili diritti della difesa dell’indagato o imputato sono:

  • la partecipazione al giudizio incidentale concernente la libertà del proprio assistito;
  • la partecipazione alla udienza di giuramento del perito e alla formulazione dei quesiti;
  • la possibilità di nominare consulenti di parte;
  • la partecipazione alle operazioni peritali anche con consulenti di parte;
  • la possibilità di depositare consulenze di parte;
  • la possibilità di depositare memorie scritte;
  • la possibilità, attraverso l’Istituto delle investigazioni difensive, di acquisire documentazione dal centro medico della casa circondariale o da altre strutture.

Pertanto la instaurazione di un effettivo, leale e concreto “contraddittorio” , vero caposaldo del sistema processuale penale, come prevede e disciplina inderogabilmente l’ art. 111 della Costituzione.

 

4. Cassazione V sezione penale 19 ottobre 2020 n 28854

Di recente la Corte di Cassazione ha dovuto ribadire questi concetti e principi correggendo una decisone del Tribunale Riesame territoriale, non conforme agli stessi.

Era accaduto, infatti, che in una ipotesi di nomina di un perito al fine di accertare la compatibilità della custodia cautelare in carcere di una persona affetta da gravi problemi di salute, era stata totalmente  omessa  l’integrazione del contraddittorio con la difesa istante.

Il difensore, infatti, aveva presentato l’istanza, successivamente il Giudice aveva nominato il perito, senza convocare la difesa al momento del conferimento dell’incarico.

Il medico aveva, quindi, proceduto alla redazione della relazione peritale senza convocare la difesa.

Procedura chiaramente difforme al disposto dell’art. 299 comma 4 bis ed ai principi sopra enunciati.

Non solo il GIP aveva inteso procedere in questa maniera, ma successivamente il Tribunale del Riesame, investito della impugnazione, aveva deciso che non vi era stata alcuna violazione del contraddittorio e, quindi, rigettando l’appello proposto dalla difesa utilizzando “impropriamente” un precedente arresto giurisprudenziale della Cassazione.

La Corte di Cassazione, a sua volta investita della questione, con la sentenza richiamata in epigrafe, ha ristabilito i punti fermi della procedura incidentale che può sottrarsi alle regole del contradditorio.

La sezione V ha cassato la decisone del riesame affermando che detto provvedimento si pone in netto contrasto con un principio di diritto più volte affermato e cioè che è illegittimo “il provvedimento con cui il Giudice rigetti l’istanza di revoca della custodia cautelare in carcere, fondata sulla incompatibilità delle condizioni di salute con lo stato di detenzione, e comunque tali da non consentire adeguate cure in regime carcerario, in base ad una perizia disposta senza dare avviso al difensore della nomina e dell’inizio delle operazioni peritali e , quindi, in assenza del contraddittorio delle parti, in quanto, in tal caso, il giudice ha l’obbligo, ove ritenga di non accogliere la suddetta istanza, di disporre, previa nomina del perito, accertamenti medici che devono essere eseguiti, pur nella speditezza richiesta, con le formalità e le garanzie previste per la perizia ex art.220 c.p.p.”

 

5. Conclusioni. Il contradditorio, faro nella notte buia

Sembra incredibile che la Cassazione debba intervenire per ribadire concetti che fanno parte del patrimonio indistruttibile del processo accusatorio.

Anche una procedura incidentale, ma rilevantissima per le sorti del richiedente, quale la procedura per la revoca o la sostituzione della misura cautelare carceraria, è assoggettata ai canoni del rito accusatorio e da essi non può discostarsi.

Nulla probatio sine defensione” ammonisce ancora oggi l’imperituro canone garantista.

Ma occorre ribadirlo in ogni occasione visti i tempi bui che i principi cardine del rito accusatorio sta attraversando.

A novembre  2019, ad esempio. altra sentenza della Cassazione (sezione III n.49808) aveva annullato con rinvio una ordinanza del GIP presso il tribunale che aveva denegato l’ingresso in carcere di un medico di fiducia della persona detenuta.

Il medico di fiducia doveva valutare le condizioni di salute della persona detenuta, ma gli era stato vietato l’ingresso perché poteva veicolare all’esterno informazioni fornitegli dall’assistito.

Anche in questo caso la Corte ribadì la necessità di garantire il diritto alla salute innanzitutto della persona detenuta e più ampiamente il diritto di difesa e il diritto della difesa ad assumere, al pari dell’Organo della Accusa, tutte le informazioni e i dati possibili e necessari per un corretto esercizio dei diritti della persona detenuta o in custodia cautelare.

 

Avv. Filippo Castellaneta

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Bancarotta, non è necessario il risarcimento per evitare il carcere

Le condanne definitive per bancarotta prevedono il carcere. E' possibile chiedere misure alternative pur non avendo la possibilità di risarcire il danno alle vittime

Continua

I benefici della continuazione per l'imprenditore fallito

Reati fallimentari e reati tributari commessi nello stesso contesto. Dimostrare la continuazione tra i reati limita i danni per l'imprenditore

Continua

Istanza cautelare e notifica alla persona offesa

La Cassazione ribadisce che la notifica della istanza cautelare alla vittima del reato non è sempre necessaria nei delitti con violenza alla persona

Continua

La Consulta: la seminfermità mentale può prevalere sulla recidiva

La Corte Costituzionale interviene ancora per eliminare automatismi e preclusioni che violano principi Costituzionali

Continua

Prove reati: utilizzabili le chat intercettate e decriptate nel WEB

La attività di decriptazione dei messaggi in chat non può ritenersi avvenuta all'estero ma all'interno di un mondo virtuale delocalizzato (web)

Continua

Maltrattamenti e stalking, il percorso giusto per evitare il carcere

Evitare il carcere per i reati di maltrattamenti, violenza sessuale e atti persecutori è possibile con una strategia difensiva che si avvalga di esperti psicologi

Continua

Processo indiziario, sentenza e tutela dell'innocente

La difesa penale nel processo indiziario: l'obiettivo è il giusto processo e la tutela dell'innocente

Continua

Libertà: fatti risalenti nel tempo e applicazione delle misure coercitive

L'applicazione di misura coercitiva per contestazioni di fatti risalenti nel tempo necessita di specifica e approfondita motivazione per consentire una adeguata difesa

Continua

Stalking telematico: competenza territoriale e misure cautelari

Gli atti persecutori commessi soltanto con strumenti telematici presentano problemi di competenza territoriale e di applicazione delle misure cautelari: come orientarsi

Continua

Trattenimento di minore all’estero: niente automatismi, il giudice valuta caso per caso

Cade un altro automatismo: illegittima la sospensione della responsabilità genitoriale nel caso di trattenimento di minore all’estero

Continua

Il Giudice non può porre domande suggestive al testimone

La cross examinaton deve essere lasciata in prima battuta al lavorio delle parti, con interventi solo chiarificatori del Giudice

Continua

Tutela della libertà personale e contestazioni a catena

La custodia cautelare ha termini ineludibili. Se si contestano più fatti con più ordinanze, gli effetti decorrono, a determinate condizioni, dalla prima ordinanza

Continua

Libertà personale e pene pecuniarie

Il pagamento di multe e ammende di natura "penale" può essere un problema quando la sentenza è definitiva. Come evitare compressioni ai diritti di libertà

Continua

Le norme per evitare che i bambini seguano le madri in carcere

L'ordinamento penale appresta una serie di previsioni per evitare il carcere alle donne con prole inferiore ai 10 anni. L'analisi della normativa e delle sentenze

Continua

Coltivazione di canapa e arresto in flagranza

Arresto di persone presenti presso un terreno coltivato a canapa indiana: mancanza del requisito della "flagranza" perchè possa procedere la polizia giudiziaria

Continua

Il diritto a vedere riconosciuta la propria innocenza: modi e tempi

Recenti casi di cronaca ci dicono che la condanna penale può non essere frutto di un corretto ragionamento giuridico. La revisione è lo strumento per rimediare

Continua

Carcere e donne: gli istituti a custodia attenuata

Le misure cautelari e le misure alternative alla detenzione attuabili nei confronti di donne madri: la legge prevede gli Istituti a Custodia Attenuata

Continua

Annullare o modificare sentenze penali di condanna: casi e modi

Analisi delle possibilità per la difesa di annullare o modificare una sentenza penale di condanna anche se è definitiva

Continua

Captazione dati di carte magnetiche: quando è reato

L'at. 617 quinquies del codice penale punisce l'installazione di apparecchiature atte ad intercettare comunicazioni relative ad un sistema informatico

Continua

Tossicodipendenza e reato continuato

Lo stato di tossicodipendente induce a ideare più reati, anche da commettere in tempi diversi, per procurarsi la sostanza. È un motivo per riconoscere la continuazione

Continua