Richiedi una consulenza in studio gratuita!

E’ possibile sposarsi in Egitto durante la pandemia?


L’emergenza sanitaria Covid-19 e il diritto di scegliere località straniere per sposarsi
E’ possibile sposarsi in Egitto durante la pandemia?

Il 2020 è l’anno segnato dalla pandemia dovuta dal Covid-19, che continua a mettere a dura prova le libertà di ciascuno di noi, come la libertà di viaggiare e programmare spostamenti, soprattutto se rivolti a località straniere magari fortemente colpite dal virus, e finalizzati a soddisfare esigenze della sfera personale, come può essere la celebrazione del matrimonio.

Il Governo italiano ha recentemente prorogato lo stato di emergenza fino al 31 gennaio 2021, ed il 26 ottobre è entrato in vigore il nuovo decreto emesso dal Presidente del Consiglio dei Ministri che resterà efficace fino al 24 novembre 2020.

Per quanto riguarda la possibilità di viaggiare, i Paesi europei e del mondo sono suddivisi in elenchi in base ai quali è consentito viaggiare, ma con alcune restrizioni, oppure è espressamente vietato.

Per essere autorizzati all’espatrio dalle compagnie aeree e dalla polizia di frontiera non è però sufficiente indicare il Paese che si vuole raggiungere, ma è necessario specificarne il motivo.

Questo articolo non ha la pretesa di trattare quale sia la normativa vigente rivolta ad ogni singolo Stato, ma si soffermerà in particolare sull’Egitto, e sulla possibilità di potersi sposare in Egitto durante una pandemia mondiale.

L’Egitto è inserito tra i Paesi dell’elenco E, ossia nell’elenco che riguarda i Paesi del resto del mondo per cui sono state imposte specifiche restrizioni a viaggiare.

I motivi per cui è consentito recarsi in Egitto riguardano ragioni di lavoro, salute o di studio, assoluta urgenza, rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza.

Come si può notare il matrimonio non è espressamente indicato tra i motivi che ammettono il viaggio: quindi bisogna rinunciare a sposarsi in Egitto in questo periodo storico?

Assolutamente no.

Infatti, il matrimonio rientra nelle comprovate ragioni di assoluta urgenza, ed è quindi permesso organizzare il viaggio.

Attenzione però, bisogna essere puntuali nella pianificazione dei preparativi.

Da sempre siamo abituati semplicemente a preparare le valigie e a prenotare un volo, ma oggi non è sufficiente.

Appurato che la normativa italiana consente lo spostamento in Egitto per sposarsi, bisogna chiedersi cosa richiede il governo egiziano per entrare sul territorio.

E’ necessario, infatti, munirsi di un certificato sanitario che attesti la negatività al Covid-19 e che abbia delle indicazioni ben precise, in mancanza delle quali la compagnia aerea potrebbe impedire l’imbarco; inoltre è doveroso scaricare l’applicazione Immuni.

Alle autorità italiane preposte ai controlli che autorizzano l’espatrio, è dovuta la presentazione di ogni documentazione in grado di fornire la prova del motivo di assoluta urgenza a viaggiare. Nel nostro caso sarà quindi obbligatorio mostrare idonea attestazione comprovante il fatto che si sta viaggiando per contrarre matrimonio in Egitto.

Una volta raggiunto l’Egitto ed esaurite le attività desiderate, presumibilmente bisognerà far rientro in Italia.

Come comportarsi?

E’ innanzitutto obbligatorio compilare un apposito modello di autodichiarazione, da mostrare ogni qual volta le autorità di controllo lo richiedano, ed accertarsi che la compagnia aerea non preveda determinate imposizioni necessarie all’imbarco per l’Italia.

Essendo l’Egitto inserito nei paesi dell’elenco E, al rientro in Italia vi è l’obbligo di sottoporsi all’isolamento fiduciario di quattordici giorni e alla sorveglianza sanitaria. Inoltre, una volta atterrati si dovrà raggiungere il proprio domicilio, residenza solo con mezzi privati.

Si potrà evitare l’isolamento fiduciario soltanto se si sarà rimasti sul territorio egiziano meno di cinque giorni, tempo purtroppo insufficiente per completare tutte le attività necessarie alla celebrazione del matrimonio avanti alle autorità locali egiziane.

Detto ciò, consiglio caldamente di informarsi in maniera dettagliata e completa sul disbrigo delle attività necessarie alla partenza, per evitare di acquistare un biglietto aereo ed essere rifiutato al momento dell’imbarco in Italia oppure dalle autorità di frontiera egiziane.

Per concludere, quindi, sposarsi in Egitto durante il Covid-19 non è impossibile, anzi, bisogna però fare molta attenzione alla normativa nazionale e regionale italiana, nonché alla normativa egiziana, che potrebbero subire modifiche a causa dell’andamento dei contagi.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Il matrimonio civile italo-egiziano in Egitto

Il matrimonio civile avanti alle autorità egiziane tra persone di nazionalità diversa presenta delle peculiarità procedurali che è bene conoscere

Continua

Incidente con auto con targa straniera, come chiedere il risarcimento?

Richiesta di risarcimento danni alla persona: come fare se il conducente di un auto con targa estera commette un sinistro in Italia

Continua

Appalto privato: come tutelarsi dai danni da vizio e/o difetto

Cosa fare per tutelarsi da vizi o difetti dell'immobile, ma soprattutto per poterli rimuovere senza dover attendere i lunghi tempi processuali?

Continua

Il Matrimonio in Egitto tra due cittadini italiani è valido anche in Italia?

Il matrimonio celebrato all'estero è valido anche in Italia, anche se non trascritto presso gli uffici anagrafici del competente Municipio italiano

Continua