Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Il matrimonio civile italo-egiziano in Egitto


Il matrimonio civile avanti alle autorità egiziane tra persone di nazionalità diversa presenta delle peculiarità procedurali che è bene conoscere
Il matrimonio civile italo-egiziano in Egitto

La celebrazione del matrimonio civile avanti alle autorità egiziane tra persone di nazionalità diversa presenta delle peculiarità procedurali e degli aspetti che è bene tenere in considerazione per evitare inutili perdite di tempo.
Il presente articolo infatti, vuole essere una piccola guida per chi intende sposarsi in Egitto.

Anzitutto per sposarsi avanti alle autorità civili egiziane è necessario procurarsi una serie di documenti in corso di validità al momento della loro presentazione.

La/Il sposa/o italiana/o dovrà fare richiesta di nulla-osta al matrimonio su apposito modulo, presso gli uffici della Cancelleria consolare italiana, situati al Cairo oppure in Alessandria; la scelta tra le due città si deve alla loro competenza territoriale la quale varia in base alla località di residenza dello/a sposo/a egiziano/a.
I tempi per ottenere il nulla-osta non sono immediati, pertanto, qualora in seguito alla richiesta fosse necessario rientrare in Italia, prima di ripartire per il matrimonio è consigliabile contattare la Cancelleria consolare per accertarsi che il documento sia pronto.

Inoltre, al momento del matrimonio la/il cittadina/o italiana/o dovrà essere in possesso di valido passaporto e del permesso di soggiorno rilasciato dall'autorità egiziana presso l'ufficio passaporti.
Lo/la sposo/a egiziano/a dovrà invece possedere la fotocopia della carta d'identità in corso di validità, il certificato di nascita ed il nulla-osta al matrimonio timbrato dagli uffici dello Stato egiziano; tutti questi documenti dovranno essere vidimati dall'ufficio sottoposto alla direzione del Ministro degli Affari Esteri egiziano.

A questo punto, i documenti scritti in arabo dello/a sposo/a egiziano/a e così vidimati, dovranno essere tradotti in italiano da un traduttore giurato, e successivamente legalizzati dalla Cancelleria consolare italiana.

Per la legalizzazione è necessario fissare un appuntamento presso gli uffici, anche se, per abbreviare le tempistiche, è bene usufruire del servizio predisposto dall'Amministrazione dello Stato civile del Ministero dell'Interno egiziano, relativo al rilascio dei certificati bilingue corredati da traduzione in italiano.

E', inoltre, consigliabile munirsi di un numero discreto di foto tessere che verranno applicate su diversi documenti e conservarne la fotocopia di ognuno, oltre a denaro contante, in quanto spesso negli uffici non è possibile il pagamento con la carta di credito.

Una volta tradotti e legalizzati i documenti citati sopra e ritirato il nulla-osta della/del cittadina/o italiana/o, già formulato in doppia lingua, è necessario che entrambi gli sposi siano in possesso del certificato sanitario rilasciato dall'ospedale statale egiziano.

A questo punto è possibile procedere alla celebrazione del matrimonio avanti alle autorità civili egiziane, che avverrà in presenza di due testimoni.

Personalmente, consiglio sempre di controllare il nulla-osta alla voce “Religione” in quanto è indispensabile che, qualora si professi la religione cristiana, sia specificato “cristiano cattolica” oppure “cristiano ortodossa”, eccetera.

Il fatto che il nulla-osta riporti soltanto il termine “cristiana” non è condizione sufficiente per la sua validità. Qualora il nulla-osta non fosse completo in questa parte, è necessario recarsi nuovamente alla Cancelleria consolare e chiederne la correzione; il nuovo nulla-osta solitamente viene corretto e rilasciato al momento.

Avanti alle autorità locali è, inoltre, possibile inserire nel contratto di matrimonio alcune clausole quali la separazione dei beni tra i coniugi, oppure il diritto del divorzio anche per la donna.

Al fine poi, di escludere errori nel contratto di matrimonio, prima di sottoscriverlo, è buona regola verificare che i dati anagrafici siano corretti.

Ricevuto, quindi, il contratto di matrimonio, resta da recarsi presso gli uffici delle competenti autorità egiziane per la vidimazione e procedere poi alla traduzione e nuovamente alla legalizzazione della Cancelleria consolare italiana, affinchè se ne possa chiedere la trascrizione presso il Comune italiano di residenza.

Per concludere, con il nuovo certificato di stato civile rilasciato dal Comune italiano, il/la cittadino/a egiziano/a potrà richiedere e ottenere il visto presso l'Ambasciata italiana al Cairo per l'ingresso in Italia.

E' una procedura elaborata e macchinosa per cui si consiglia l'assistenza di un legale per evitare di commettere errori procedurali che possano allungare notevolmente i tempi per concludere il matrimonio oppure errori nell'atto di matrimonio, per cui si debbano chiedere agli uffici competenti delle rettifiche, non sempre possibili.
 

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Incidente con auto con targa straniera, come chiedere il risarcimento?

Richiesta di risarcimento danni alla persona: come fare se il conducente di un auto con targa estera commette un sinistro in Italia

Continua

Appalto privato: come tutelarsi dai danni da vizio e/o difetto

Cosa fare per tutelarsi da vizi o difetti dell'immobile, ma soprattutto per poterli rimuovere senza dover attendere i lunghi tempi processuali?

Continua

Il Matrimonio in Egitto tra due cittadini italiani è valido anche in Italia?

Il matrimonio celebrato all'estero è valido anche in Italia, anche se non trascritto presso gli uffici anagrafici del competente Municipio italiano

Continua

Matrimonio in Egitto e covid-19: si può viaggiare?

Viaggiare all'estero per contrarre matrimonio durante la pandemia del Covid-19

Continua

Passaggio di proprietà auto: è possibile al fratello in Egitto se si è in Italia?

Il proprietario di un'auto è egiziano ma risiede in Italia: può venderla al fratello residente in Egitto senza bisogno di recarvisi personalmente?

Continua

Rinnovo permesso di soggiorno del coniuge straniero

Il rinnovo della carta di soggiorno del coniuge straniero di un cittadino italiano e l'emissione della nuova tessera sanitaria

Continua

La tutela del patrimonio famigliare all'estero e della salute

La vendita di immobili di famiglia all'estero, in Egitto, a mezzo di procuratore a tutela della salute durante la pandemia

Continua

La corretta trascrizione dell'atto di matrimonio straniero

I nomi arabi: l'importanza della corretta trascrizione dell'atto di matrimonio celebrato all'estero

Continua

Il matrimonio civile italo-egiziano in Egitto

Trascrizione del matrimonio per ricongiungimento o per la separazione dei coniugi

Continua

Tutelare il patrimonio di famiglia nella Costa Del Sol spagnola

Tutelare il patrimonio della famiglia attraverso un sicuro investimento immobiliare in Spagna, in particolare nella Costa Del Sol

Continua

La famiglia e la cittadinanza italiana

La richiesta della cittadinanza italiana, anche a salvaguardia dell'unità famigliare dal punti di vista giuridico

Continua

Il matrimonio civile italo-egiziano: doppio nulla-osta

Doppia cittadinanza, doppio nulla-osta, trascrizione dell'atto di matrimonio ai fini della separazione giudiziale

Continua

Il riconoscimento della sentenza di divorzio italo-egiziana

Il riconoscimento della sentenza di divorzio in Italia o in Egitto. Casi di impossibilità di riconoscimento. Doppio procedimento pendente

Continua

L'applicazione della Mudawwana in Italia

L'applicazione della Mudawwana in Italia e il riconoscimento della sentenza di divorzio marocchina in Italia

Continua