Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Sospensione notifica accertamenti COVID


Affermata la carenza di potere dell’Amministrazione Finanziaria per le notifiche in deroga alla sospensione di cui all’art. 157 del D.L. 34/2020
Sospensione notifica accertamenti COVID

La CTP di Napoli, con la sentenza n. 13326/34/2021, si pronuncia sul tema delle notifiche in deroga alla sospensione di cui all’art. 157 del D.L. 34/2020, affermando che non costituisce causa legittima di deroga alla sospensione delle notifiche dell’avviso di accertamento l’emersione di una fattispecie di reato che obblighi alla comunicazione di cui all’art. 331 c.p.p..

Difatti, proprio richiamando tale emergenza, l’Amministrazione Finanziaria, pur gestendo un atto inteso a rientrare nella proroga (risultando oggetto di rettifica il periodo d’imposta 2015 e rilevandosi la decadenza ordinaria del periodo d’imposta 2015 alla data del 31 dicembre 2020), ha inteso provvedere alla notifica anticipata (in data 26.11.2020), invocando motivazioni di indifferibilità ed urgenza.

Com’è noto, l’articolo 157 del D.L. 34/2020, interviene sulla questione dei termini di decadenza degli atti impositivi, in conseguenza della necessità di gestione dell’emergenza da COVID-19, prevedendo la scissione tra la data di emissione e la data di notifica degli stessi.

Su tema, appare evidente come la rubrica della norma (“Proroga dei termini al fine di favorire la graduale ripresa delle attività economiche e sociali”) abbia il chiaro intento di legittimare la tanto decantata finalità della disposizione: ovvero, consentire una distribuzione della notifica degli atti da parte degli uffici in un più ampio lasso di tempo rispetto agli ordinari termini di decadenza dell’azione accertatrice, garantendo ai contribuenti una migliore ripresa delle attività economiche, nel periodo di emergenza pandemica, libera dalla gestione delle attività relative al contenzioso tributario.

Ciò detto, l’articolo 157, comma 1, del D.L. 34/2020 dispone che, in deroga all’articolo 3 L. 212/2000 (c.d. Statuto del contribuente), gli atti di accertamento, contestazione, irrogazione delle sanzioni, recupero dei crediti di imposta, liquidazione e rettifica e liquidazione, in scadenza tra l’8 marzo 2020 e il 31 dicembre 2020, sono:

  • emessi entro il 31 dicembre 2020;

  • notificati nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2021 e il 28 febbraio 2022.

Dunque, la soluzione adottata dal Legislatore è quella di una proroga dei termini di notifica, fermi i termini di decadenza che debbono essere rispettati con l’emissione dell’atto impositivo.

È altresì precisato che, al fine di individuare gli atti in scadenza nel periodo sopra indicato (ovvero, tra l’8 marzo 2020 e il 31 dicembre 2020), non si tiene conto del periodo di sospensione previsto dall’articolo 67, comma 1, D.L. 18/2020. Tale disposizione è chiaramente diretta ad estendere la portata applicativa della norma anche a quegli atti che della citata proroga non avrebbero potuto beneficiare, ove si fosse tenuto conto degli 85 giorni di sospensione.

Vengono, inoltre, fatti salvi i casi di indifferibilità e urgenza

Difatti, detti casi attengono alla sussistenza di un “periculum in mora” che rende necessario procedere alla notifica anticipata dell’atto impositivo, esclusivamente a fini di garanzia della riscossione esattoriale. Ad esempio, la descritta necessità può essere conseguenza di atti destinati a soggetti sottoposti a procedure concorsuali, per la tempestiva insinuazione nel passivo ovvero al riscontro di un pericolo per la riscossione.

Al contrario, nel caso che occupa, il richiamo dell’obbligo di inoltro della comunicazione di notizia di reato, ex art. 331 c.p.p., non integra alcuna fattispecie di “periculum in mora”, in quanto risulta del tutto evidente che nulla vieta che l’Amministrazione Finanziaria provveda all’inoltro della comunicazione di notizia di reato, pur rispettando la sospensione della notificazione degli atti impositivi.

Sul punto, risultando carenti gli elementi giustificativi della notifica anticipata, l’Amministrazione Finanziaria risulta aver violato la espressa previsione di un termine dilatorio per l’emissione dell’atto impositivo.

Pertanto, testualmente, rilevano i giudici campani: “Ne consegue,alla luce delle considerazioni che precedono, che la notifica dell’avviso di accertamento impugnato, perfezionatasi in data 26.11. 2020, è da ritenersi avvenuta in violazione del suddetto termine, prorogato in forza della normativa innanzi indicata e conseguentemente inefficace. A contrariis non è idonea a confutare il predetto assunto la circostanza, dedotta dalla resistente nel provvedimento impugnato ed in sede di controdeduzioni, della sussistenza di ragioni di necessità ed urgenza, idoneee a giustificare la deroga al predetto divieto.

Al riguardo, in primo luogo, deve essere evidenziato che nessun pericolo per la riscossione scaturisce dal predetto divieto di notifica atteso che la legge, correlativamente alla sospensione dell’attività degli enti impositori, durante il periodo emergenziale, prevede la proroga dei termini di prescrizione e di decadenza della notifica degli avvisi di accertamento e degli altri atti di cui è preclusa la notifica. Del pari la circostanza che la fattispecie contestata sia eventualmente idonea ad integrare anche un illecito penale non integra, di per sè, in re ipsa, quelle ragioni di indifferibilità ed urgenza richiamate dalla resistente a fondamento del provvedimento impugnato.

Quest’ultima, infatti, aveva l’onere di comprovare, le circostanze, "di fatto", integranti l’indifferibilità dell’accertamento mentre, viceversa, si è limitata a richiamare le ipotesi soltanto “astrattamente” previste dalla circolare, peraltro, da lei stessa emanata”.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Non sanzionabile la compensazione oltre limite

La CTP di Potenza ritiene non sanzionabile l'utilizzo del credito in compensazione oltre i limiti di cui alla L. 388/2000.

Continua

ICI sul fotovoltaico: affidamento e buona fede

La CTP Potenza tutela l’affidamento del contribuente in riferimento alle imposte locali (I.C.I. ed I.M.U.) su impianti fotovoltaici anteriori al 2013.

Continua

Contraddittorio obbligatorio anche per il registro

La CTR di Potenza pone al vaglio il contraddittorio endoprocedimentale negli accertamenti di registro affermandone la necessarietà

Continua

Rivalutazione terreni: chiarite le decadenze

La CTR di Potenza assume la legittimità della cessione di terreni edificabili rivalutati ad un corrispettivo inferiore al valore periziato

Continua

Presunzioni D.L. 78/2009 non retroattive

Affermata la irretroattività della presunzione legale conseguente alla mancata compilazione del quadro RW in presenza di investimenti esteri

Continua

Ammissibile la lite sull'avviso del C.U.T.

E’ impugnabile l’avviso bonario con il quale la segreteria della commissione tributaria richiede il pagamento del contributo unificato

Continua

Fotovoltaico, diritto di superficie non imponibile

La CTP di Potenza accerta la non imponibilità della costituzione di diritto di superficie da parte di soggetto non imprenditore

Continua

IVA agevolata alle Cooperative sociali

Le cooperative sociali godono dell'aliquota IVA agevolata per le prestazioni socio-sanitarie ivi comprese le prestazioni di trasporto disabili

Continua

Il Redditometro non ha efficacia retroattiva

Le modifiche al redditometro non operano con efficacia retroattiva ed escludono la rilevanza di indici di spesa post 2009 ad anni precedenti

Continua

Raddoppio dei termini per Sanzioni ex D.L. 78/2009

Affermata la irretroattività del raddoppio dei termini per la irrogazione di sanzioni conseguente alla mancata compilazione del quadro RW

Continua

L’Affidamento legittimo esclude l’imposta

La CTR di Potenza afferma l’idoneità del principio di legittimo affidamento ad escludere la debenza dell’imposta

Continua

Decadenza in 4 anni per esenzione dichiarativa

La decadenza dall'accertamento spira nei termini ordinari nelle ipotesi di esenzione dalla presentazione del modello dichiarativo

Continua

Impugnabile il diniego all'interpello sulle società di comodo

E' autonomamente impugnabile il diniego all'interpello sulle società di comodo

Continua

Rivalutazione terreni: esclusa la decadenza da cessione

Rivalutazione terreni: non decade in caso di cessione ad un corrispettivo inferiore

Continua

Operazioni accessorie fuori dal pro-rata IVA

Affermata l'esclusione dal calcolo del pro-rata IVA per le operazioni di natura accessoria anche se non occasionali secondo canoni di natura “quantitativa”

Continua

Cartelle MedioCredito nulle per assenza di titolo esecutivo

Illegittima l’iscrizione a ruolo per surroga del MedioCredito, di cui al Fondo di Garanzia, non preceduta da titolo esecutivo

Continua

La rottamazione delle cartelle si estende alle Casse private

Illegittima la scelta di Cassa Geometri di comunicare l'inapplicabilità della rottamazione alle proprie iscrizioni a ruolo

Continua

Atto istitutivo di Trust con ipo-catastali in misura fissa

L’attribuzione patrimoniale effettuata in sede di istituzione di un atto di Trust sconta l’imposta ipo-catastale in misura fissa

Continua

Verifiche fiscali e locali ad uso promiscuo

La natura di locale ad uso promiscuo non è esclusa nè dall’autonomo identificativo catastale né dall’utilizzo esclusivo

Continua

Sanzioni omesso versamento contributo unificato

Le sanzioni per l’omesso versamento del contributo unificato non trovano automatica determinazione nella misura pari al 200%

Continua

Esenzione IMU beni ecclesiastici, la dichiarazione non è costitutiva

L’esenzione IMU per i beni ecclesiatici non è soggetta a decadenza per il mancato invio della dichiarazione

Continua

Il finanziamento garantito MCC non si riscuote con cartella

La riscossione dei crediti di natura privatistica a mezzo ruolo esattoriale, ex art. 21 del D.Lgs. 46/1999, non è derogata dall’art. 2, comma 4, D.M. 20.06.2005

Continua

La Regione Basilicata in pressing su MEF ed AGENZIA ENTRATE

La Regione Basilicata intima il recupero delle quote IRAP da accertamento nei confronti del MEF e dell'Agenzia delle Entrate

Continua

Abuso del diritto e credito d'imposta sugli investimenti

La CTR Potenza esclude la sussistenza di abuso di diritto a fronte dell’acquisto di beni per i quali è invocato il credito d’imposta sugli investimenti.

Continua

La notifica per irreperibilità assoluta va accertata in loco

L’agente notificatore non può attestare l’irreperibilità in forza di elementi acquisiti aliunde ed anteriormente alla notifica

Continua

La garanzia MedioCredito non attiene ad entrate pubblicistiche

Il Tribunale di Potenza, con la Sentenza n. 1082 del 30 settembre 2021, consolida il proprio orientamento sul tema della (il)legittimità dell’iscrizione a ruolo MCC

Continua

Intimazione di pagamento e avvisi di accertamento impoesattivi

Illegittima l’intimazione di pagamento qualora non indichi quale titolo esecutivo l’atto rideterminativo

Continua