Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Sanzioni omesso versamento contributo unificato


Le sanzioni per l’omesso versamento del contributo unificato non trovano automatica determinazione nella misura pari al 200%
Sanzioni omesso versamento contributo unificato

La Commissione Tributaria Regionale per la Basilicata, con la Sentenza n. 120/01/2020, affronta la tematica della determinazione delle sanzioni conseguenti all’omesso versamento del Contributo Unificato nel processo tributario.

La questione scaturisce da un orientamento di prassi che assume la sanzione irrogabile, sempre e in conseguenza di automatismo, nella misura del 200% del tributo di cui è omesso il versamento. Tale interpretazione è enunciata con la Circolare del Ministero dell’Economia e delle Finanze del 21.09.2011 ove si assume che il calcolo delle sanzioni sarebbe normativamente previsto nella misura del 200% del tributo di cui è omesso il versamento, facoltizzando l’Ente impositore ad una motivazione semplificata.

Il Collegio Potentino, effettuata una ricognizione della normativa applicabile, assume la insussistenza di una predeterminazione normativa della sanzione che, al contrario, affermata la natura tributaria, risulta soggetta agli obblighi, anche normativi, di cui al D.lgs. 472/1997.  

Difatti, la fattispecie sanzionatoria inerente l’omesso versamento del contributo unificato è disciplinata dall’art. 16, comma 1-bis, del D.p.r. 115/2002 che statuisce: “1-bis. In caso di omesso o parziale pagamento del contributo unificato, si applica la sanzione di cui all'articolo 71 del testo unico delle disposizioni concernenti l'imposta di registro di cui al decreto del Presidente della Repubblica 26 aprile 1986, n. 131, esclusa la detrazione ivi prevista”.

Ulteriormente, l’art. 71 del D.p.r. 131/1986, verso cui è esplicato un rinvio materiale, a sua volta dispone: “1. Se il valore definitivamente accertato dei beni o diritti di cui al terzo e al quarto comma dell'articolo 51, ridotto di un quarto, supera quello dichiarato, si applica la sanzione amministrativa dal cento al duecento per cento della maggiore imposta dovuta. Per i beni e i diritti di cui al quarto comma dell'articolo 52 la sanzione si applica anche se la differenza non è superiore al quarto del valore accertato”.

In forza del combinato disposto dell’art. 71 del D.p.r. 131/1986 e dell’art. 16, comma 1-bis, del D.p.r. 115/2002, la sanzione per l’omesso versamento del contributo unificato è irrogata entro una forbice determinabile in un “minimo edittale” pari al 100% del tributo dovuto ed in un “massimo edittale” pari al 200% del tributo dovuto.

Ulteriormente, il Collegio ribadisce che la sanzione di cui si discute è, indubitabilmente, una sanzione di natura tributaria (sul tema rinvia alle statuizioni della Sentenza Cassazione civile, sez. Unite, 05-05-2011, n. 9840) e, pertanto, disciplinata dal D.lgs. 472/1997.

Da tanto consegue che la concreta determinazione delle sanzioni di natura tributaria, ove sussista una forbice tra un minimo ed un massimo edittale, è disciplinata dall’art. 7, comma 1, del D.lgs. 472/1997 che dispone: “1. Nella determinazione della sanzione si ha riguardo alla gravità della violazione desunta anche dalla condotta dell'agente, all'opera da lui svolta per l'eliminazione o l'attenuazione delle conseguenze, nonché' alla sua personalità e alle condizioni economiche e sociali”.

Per i giudici territoriali risulta, dunque, indubbio che al contrario di quanto ipotizzato dall’Ente impositore, non sussiste un automatismo nella irrogazione della sanzione che, ove sia prevista una forbice edittale, deve essere sempre motivata nell’esercizio del potere discrezionale attribuito all’Ente impositore. Come già rilevato, il Ministero dell’Economia e delle Finanze, a sostegno del proprio operato, richiama una Circolare.

Sul tema, è decisa la statuizione del Collegio Potentino diretta ad escludere alcun valore normativo al richiamato documento di Prassi. Sul tema, si rinvia all’insegnamento costante per cui la facoltà dell’Amministrazione Finanziaria di emanare documenti di prassi è del tutto legittima nei limiti e nell’oggetto ammessi alla disciplina della Circolare che è mero parere interpretativo e non rientra tra le Fonti del Diritto. Tale è l’alto insegnamento della SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE - SEZIONI UNITE CIVILI - Sentenza 9 ottobre – 2 novembre 2007, n. 23031.

Nell’applicazione del sopra richiamato principio di diritto, i giudici Potentini rilevano che, non avendo natura regolamentare, la Circolare dell’Amministrazione Finanziaria:
•    non può assumere natura interpretativa della norma primaria;
•    non può assumere natura abrogativa della norma primaria.

Tali conclusioni, peraltro, trovano alta conferma nell’art. 23 della Carta Costituzionale che assoggetta l’ordinamento tributario sanzionatorio al principio della riserva di legge.

Da ciò consegue che l’affermazione dell’automatismo nella determinazione della misura della sanzione per l’omesso versamento del contributo unificato è esposta, nel menzionato documento di prassi, in palese violazione dell’art. 7 del D.lgs. 472/1997.

Pertanto, la motivazione nella irrogazione delle sanzioni è sempre un elemento costitutivo dell’atto impositivo e non è ammissibile alcun criterio fondato su automatismi che esima l’Ente impositore dalla detta motivazione.

Da ultimo, la sentenza della Commissione Lucana offre un interessante spunto di riflessione sulla concreta motivazione che individuando le gravi ragioni possa giustificare l’applicazione della sanzione nel massimo edittale: in tal senso, vista la natura ordinariamente esigua degli importi dovuti a titolo di tributo, le ragioni di gravità non possono essere sganciate dalle condizioni economiche e sociali della parte che debbono essere lette anche alla luce della tipologia del contenzioso da cui scaturisce la debenza del contributo.

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Non sanzionabile la compensazione oltre limite

La CTP di Potenza ritiene non sanzionabile l'utilizzo del credito in compensazione oltre i limiti di cui alla L. 388/2000.

Continua

ICI sul fotovoltaico: affidamento e buona fede

La CTP Potenza tutela l’affidamento del contribuente in riferimento alle imposte locali (I.C.I. ed I.M.U.) su impianti fotovoltaici anteriori al 2013.

Continua

Contraddittorio obbligatorio anche per il registro

La CTR di Potenza pone al vaglio il contraddittorio endoprocedimentale negli accertamenti di registro affermandone la necessarietà

Continua

Rivalutazione terreni: chiarite le decadenze

La CTR di Potenza assume la legittimità della cessione di terreni edificabili rivalutati ad un corrispettivo inferiore al valore periziato

Continua

Presunzioni D.L. 78/2009 non retroattive

Affermata la irretroattività della presunzione legale conseguente alla mancata compilazione del quadro RW in presenza di investimenti esteri

Continua

Ammissibile la lite sull'avviso del C.U.T.

E’ impugnabile l’avviso bonario con il quale la segreteria della commissione tributaria richiede il pagamento del contributo unificato

Continua

Fotovoltaico, diritto di superficie non imponibile

La CTP di Potenza accerta la non imponibilità della costituzione di diritto di superficie da parte di soggetto non imprenditore

Continua

IVA agevolata alle Cooperative sociali

Le cooperative sociali godono dell'aliquota IVA agevolata per le prestazioni socio-sanitarie ivi comprese le prestazioni di trasporto disabili

Continua

Il Redditometro non ha efficacia retroattiva

Le modifiche al redditometro non operano con efficacia retroattiva ed escludono la rilevanza di indici di spesa post 2009 ad anni precedenti

Continua

Raddoppio dei termini per Sanzioni ex D.L. 78/2009

Affermata la irretroattività del raddoppio dei termini per la irrogazione di sanzioni conseguente alla mancata compilazione del quadro RW

Continua

L’Affidamento legittimo esclude l’imposta

La CTR di Potenza afferma l’idoneità del principio di legittimo affidamento ad escludere la debenza dell’imposta

Continua

Decadenza in 4 anni per esenzione dichiarativa

La decadenza dall'accertamento spira nei termini ordinari nelle ipotesi di esenzione dalla presentazione del modello dichiarativo

Continua

Impugnabile il diniego all'interpello sulle società di comodo

E' autonomamente impugnabile il diniego all'interpello sulle società di comodo

Continua

Rivalutazione terreni: esclusa la decadenza da cessione

Rivalutazione terreni: non decade in caso di cessione ad un corrispettivo inferiore

Continua

Operazioni accessorie fuori dal pro-rata IVA

Affermata l'esclusione dal calcolo del pro-rata IVA per le operazioni di natura accessoria anche se non occasionali secondo canoni di natura “quantitativa”

Continua

Cartelle MedioCredito nulle per assenza di titolo esecutivo

Illegittima l’iscrizione a ruolo per surroga del MedioCredito, di cui al Fondo di Garanzia, non preceduta da titolo esecutivo

Continua

La rottamazione delle cartelle si estende alle Casse private

Illegittima la scelta di Cassa Geometri di comunicare l'inapplicabilità della rottamazione alle proprie iscrizioni a ruolo

Continua

Atto istitutivo di Trust con ipo-catastali in misura fissa

L’attribuzione patrimoniale effettuata in sede di istituzione di un atto di Trust sconta l’imposta ipo-catastale in misura fissa

Continua

Verifiche fiscali e locali ad uso promiscuo

La natura di locale ad uso promiscuo non è esclusa nè dall’autonomo identificativo catastale né dall’utilizzo esclusivo

Continua

Esenzione IMU beni ecclesiastici, la dichiarazione non è costitutiva

L’esenzione IMU per i beni ecclesiatici non è soggetta a decadenza per il mancato invio della dichiarazione

Continua

Il finanziamento garantito MCC non si riscuote con cartella

La riscossione dei crediti di natura privatistica a mezzo ruolo esattoriale, ex art. 21 del D.Lgs. 46/1999, non è derogata dall’art. 2, comma 4, D.M. 20.06.2005

Continua

La Regione Basilicata in pressing su MEF ed AGENZIA ENTRATE

La Regione Basilicata intima il recupero delle quote IRAP da accertamento nei confronti del MEF e dell'Agenzia delle Entrate

Continua

Abuso del diritto e credito d'imposta sugli investimenti

La CTR Potenza esclude la sussistenza di abuso di diritto a fronte dell’acquisto di beni per i quali è invocato il credito d’imposta sugli investimenti.

Continua

La notifica per irreperibilità assoluta va accertata in loco

L’agente notificatore non può attestare l’irreperibilità in forza di elementi acquisiti aliunde ed anteriormente alla notifica

Continua