Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Decadenza in 4 anni per esenzione dichiarativa


La decadenza dall'accertamento spira nei termini ordinari nelle ipotesi di esenzione dalla presentazione del modello dichiarativo
Decadenza in 4 anni per esenzione dichiarativa
La Commissione Tributaria Regionale di Potenza, con la Sentenza n. 7/03/2018 del 04.01.2018, affronta il tema della decadenza dall'esercizio del potere impositivo dell'Amministrazione Finanziaria, ex art. 43 del D.p.r. 600/1973, nelle ipotesi di possesso esclusivo di redditi di lavoro dipendente.
Difatti, com’è noto, l’esercizio del potere impositivo è soggetto a termine di natura decadenziale disciplinato dall’art. 43 D.p.r. 600/1973 che dispone, a seguito della novella di cui all’art. 1, comma 132, della L. 28 dicembre 2015 n. 208:
"Gli avvisi di accertamento devono essere notificati, a pena di decadenza, entro il 31 dicembre del quinto anno successivo a quello in cui e' stata presentata la dichiarazione. Nei casi di omessa presentazione della dichiarazione o di presentazione di dichiarazione nulla ai sensi delle disposizioni del titolo I l'avviso di accertamento puo' essere notificato fino al 31 dicembre del settimo anno successivo a quello in cui la dichiarazione avrebbe dovuto essere presentata".
Conseguentemente, risulta ovvio che la qualificazione della dichiarazione come "omessa" determina una considerevole modificazione dei termini decadenziali.
La problematica affrontata dalla Commissione tributaria Regionale afferisce alle fattispecie in cui la dichiarazione sia non trasmessa in presenza di ipotesi legittima di esenzione dall’invio.
Segnatamente, nel caso di specie, il contribuente risultava possessore, nel periodo d’imposta, unicamente di redditi di lavoro dipendente ed aveva regolarmente ricevuto il modello CUD da parte del datore di lavoro.
La Commissione Tributaria Regionale rileva che la sussistenza di un""omissione" dichiarativa è postulabile non in ogni fattispecie di omesso invio ma, unicamente, qualora l’invio risulti non effettuato in una fattispecie di obbligo specifico per tale adempimento.
Difatti, l’obbligo di presentazione della dichiarazione per le persone fisiche è disciplinato dall’art. 1 del D.p.r. 600/1973 che statuisce come:
"Sono esonerati dall'obbligo della dichiarazione: a) le persone fisiche che non possiedono alcun reddito sempre che non siano obbligate alla tenuta di scritture contabili; b) le persone fisiche non obbligate alla tenuta di scritture contabili che possiedono soltanto redditi esenti e redditi soggetti a ritenuta alla fonte a titolo di imposta nonché redditi fondiari per un importo complessivo, al lordo della deduzione di cui all'articolo 34, comma 4-quater, del testo unico delle imposte sui redditi, approvato con D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917, non superiore a lire 360.000 annue ; b-bis) le persone fisiche non obbligate alla tenuta di scritture contabili che possiedono soltanto redditi esenti, redditi soggetti a ritenuta alla fonte a titolo di imposta e il reddito fondiario dell'abitazione principale e sue pertinenze purché di importo non superiore a quello della deduzione di cui all'articolo 34, comma 4-quater, del citato testo unico delle imposte sui redditi; c) le persone fisiche non obbligate alla tenuta di scritture contabili che possiedono soltanto redditi esenti, redditi soggetti a ritenuta alla fonte a titolo di imposta, reddito fondiario dell'abitazione principale e sue pertinenze purché di importo non superiore a quello della deduzione di cui all'articolo 34, comma 4-quater, del testo unico delle imposte sui redditi, approvato con D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917, nonché altri redditi per i quali la differenza tra l'imposta lorda complessiva e l'ammontare spettante delle detrazioni di cui agli articoli 12 e 13 del citato testo unico, e le ritenute operate risulta non superiore a lire 20 mila".
Dalla evidenza documentale della menzionata disposizione normativa risultano disciplinati una plurima serie di esoneri e, con riferimento alla fattispecie analizzata, sono esonerate dall’obbligo di presentazione della dichiarazione dei redditi le persone fisiche titolari unicamente di reddito di lavoro subordinato in quanto ricomprese nella let. c) delle surriportate esenzioni.
In tal senso depongono, inoltre, le istruzioni per la compilazione del Modello UNICOPF, approvato ratione temporis, ove dispongono che:
"Non siete obbligati a presentare la dichiarazione dei redditi se avete posseduto:
• solo reddito di lavoro dipendente o di pensione corrisposto da un unico sostituto d’imposta obbligato ad effettuare le ritenute d’acconto".
Da tanto consegue che, non essendo la contribuente tenuta alla presentazione della dichiarazione dei redditi, il medesimo adempimento non può mai essere considerato "omesso" pertanto non determinandosi l’estensione dei termini di decadenza per l’attività di accertamento.
Ne consegue che il potere di accertamento dell’Ufficio è decaduto al quarto anno successivo alla presentazione del CUD da parte del datore di lavoro.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Non sanzionabile la compensazione oltre limite

La CTP di Potenza ritiene non sanzionabile l'utilizzo del credito in compensazione oltre i limiti di cui alla L. 388/2000.

Continua

ICI sul fotovoltaico: affidamento e buona fede

La CTP Potenza tutela l’affidamento del contribuente in riferimento alle imposte locali (I.C.I. ed I.M.U.) su impianti fotovoltaici anteriori al 2013.

Continua

Contraddittorio obbligatorio anche per il registro

La CTR di Potenza pone al vaglio il contraddittorio endoprocedimentale negli accertamenti di registro affermandone la necessarietà

Continua

Rivalutazione terreni: chiarite le decadenze

La CTR di Potenza assume la legittimità della cessione di terreni edificabili rivalutati ad un corrispettivo inferiore al valore periziato

Continua

Presunzioni D.L. 78/2009 non retroattive

Affermata la irretroattività della presunzione legale conseguente alla mancata compilazione del quadro RW in presenza di investimenti esteri

Continua

Ammissibile la lite sull'avviso del C.U.T.

E’ impugnabile l’avviso bonario con il quale la segreteria della commissione tributaria richiede il pagamento del contributo unificato

Continua

Fotovoltaico, diritto di superficie non imponibile

La CTP di Potenza accerta la non imponibilità della costituzione di diritto di superficie da parte di soggetto non imprenditore

Continua

IVA agevolata alle Cooperative sociali

Le cooperative sociali godono dell'aliquota IVA agevolata per le prestazioni socio-sanitarie ivi comprese le prestazioni di trasporto disabili

Continua

Il Redditometro non ha efficacia retroattiva

Le modifiche al redditometro non operano con efficacia retroattiva ed escludono la rilevanza di indici di spesa post 2009 ad anni precedenti

Continua

Raddoppio dei termini per Sanzioni ex D.L. 78/2009

Affermata la irretroattività del raddoppio dei termini per la irrogazione di sanzioni conseguente alla mancata compilazione del quadro RW

Continua

L’Affidamento legittimo esclude l’imposta

La CTR di Potenza afferma l’idoneità del principio di legittimo affidamento ad escludere la debenza dell’imposta

Continua

Impugnabile il diniego all'interpello sulle società di comodo

E' autonomamente impugnabile il diniego all'interpello sulle società di comodo

Continua

Rivalutazione terreni: esclusa la decadenza da cessione

Rivalutazione terreni: non decade in caso di cessione ad un corrispettivo inferiore

Continua

Operazioni accessorie fuori dal pro-rata IVA

Affermata l'esclusione dal calcolo del pro-rata IVA per le operazioni di natura accessoria anche se non occasionali secondo canoni di natura “quantitativa”

Continua

Cartelle MedioCredito nulle per assenza di titolo esecutivo

Illegittima l’iscrizione a ruolo per surroga del MedioCredito, di cui al Fondo di Garanzia, non preceduta da titolo esecutivo

Continua

La rottamazione delle cartelle si estende alle Casse private

Illegittima la scelta di Cassa Geometri di comunicare l'inapplicabilità della rottamazione alle proprie iscrizioni a ruolo

Continua

Atto istitutivo di Trust con ipo-catastali in misura fissa

L’attribuzione patrimoniale effettuata in sede di istituzione di un atto di Trust sconta l’imposta ipo-catastale in misura fissa

Continua

Verifiche fiscali e locali ad uso promiscuo

La natura di locale ad uso promiscuo non è esclusa nè dall’autonomo identificativo catastale né dall’utilizzo esclusivo

Continua