Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Stili relazionali Passivi e Aggressivi: ostacoli alla comunicazione


Se lo stile assertivo permette una comunicazione efficace, quelli passivi e aggressivi possono indebolire la qualità della comunicazione e minare l’autostima
Stili relazionali Passivi e Aggressivi: ostacoli alla comunicazione

Gli stili relazionali

Le nostre interazioni quotidiane sono guidate da vari stili relazionali, che possono essere classificati come passivi, aggressivi o assertivi. Anche se possiamo adottare diversi atteggiamenti nelle varie situazioni, spesso tendiamo ad avere uno stile relazionale prevalente, che influenza profondamente i nostri rapporti con gli altri (Chiappi F., 2008).

Secondo Joseph Wolpe, esistono tre approcci fondamentali: il primo avvantaggia esclusivamente il sé, opprimendo gli altri con atteggiamenti e comportamenti aggressivi; il secondo pone costantemente gli altri davanti a sé; infine, il terzo è caratterizzato da un giusto equilibrio, in cui si tiene in considerazione sia se stessi, sia gli altri.

Lo stile assertivo (Chiappi F. 2024) si distingue per la chiarezza nel proprio punto di vista, la capacità di esprimere le emozioni in modo tranquillo e rispettoso. È una comunicazione aperta e disponibile al dialogo e soprattutto finalizzata a instaurare relazioni basate sulla fiducia reciproca, sul rispetto dei rispettivi diritti e doveri e con la volontà di risolvere positivamente le situazioni di divergenza. Gli stili passivi e aggressivi, invece, anche se apparentemente opposti, sono entrambi la manifestazione di una mancanza di abilità comunicative

Lo stile passivo

Lo stile passivo è caratterizzato da un’assenza di chiarezza nel proprio punto di vista, da una tendenza a evitare le responsabilità e da un linguaggio reticente. Chi adotta questo stile può apparire facilmente manipolabile e non affidabile, compromettendo così la propria autostima e generando sentimenti d’insicurezza e frustrazione. Alcuni atteggiamenti e  comportamenti di questo stile relazionale sono:

  • Non aver chiaro il concetto di spazio personale, dei propri diritti e del limite altrui
  • Non avere un proprio punto di vista chiaro
  • Non esprimere quanto si sente, non riuscire a chiedere chiarimenti
  • Non partecipare, fuggire ed evitare le responsabilità
  • Non valutare le conseguenze del proprio comportamento
  • Usare un linguaggio fatto più di reticenze che di espressione di sé, evitare di apparire o usare il captatio benevolentiae per essere accettato da tutti
  • Dare agli altri l’immagine di una persona che può essere invasa, manipolata, non rispettata e, in quanto tale, non affidabile
  • Indebolire la propria autostima, ingenerando un’immagine di sé di tipo “Fantozziano”, sensi di insicurezza, frustrazione, colpa, ansia e tendenza all’isolamento.

Stile aggressivo

Lo stile aggressivo si manifesta attraverso comportamenti invadenti, manipolatori e irrispettosi verso gli altri. Chi adotta questo stile tende a imporre il proprio punto di vista senza considerare gli altri e può utilizzare un linguaggio censorio e aggressivo che può generare diffidenza e minare la fiducia nella relazione.  Alcuni atteggiamenti e comportamenti di questo stile relazionale sono:

  • Non aver chiaro il rispetto dei diritti e doveri propri e altrui
  • Ritenere che il proprio punto di vista sia sempre quello giusto e da imporre
  • Considerare solo se stessi e non rispettare gli altri, violare in qualche modo il loro spazio, opprimere, umiliare, manipolare per i propri scopi
  • Avere comportamenti reattivi, tesi ad aggredire chi afferma qualcosa che va contro i propri desideri, idee aspettative, immagini di sé
  • Non valutare le conseguenze delle proprie azioni
  • Utilizzare un linguaggio censorio: giudizi categorici, critiche aggressive, colpevolizzazioni
  • Ingenerare negli altri sensi di diffidenza, tendenza all’allontanamento, togliere la fiducia nella persona.
  • Reagire impulsivamente, innescando dentro di sé sfiducia nelle proprie capacità di autocontrollo e possibili sensi di colpa (il pianto del coccodrillo).  

L’apprendimento degli stili relazionali e l’autostima

L’apprendimento degli stili relazionali avviene principalmente negli ambienti sociali come la famiglia, la scuola, lo sport, il lavoro, la vita asoociativa e può influenzare profondamente la nostra autostima. È importante notare che, sebbene le persone aggressive possano sembrare forti, in realtà spesso soffrono di una bassa autostima, proprio per la loro mancanza di autocontrollo. Allo stesso modo, le persone passive, pur apparendo corrette e ben educate, possono avere insicurezze a causa della loro incapacità di esprimere se stessi in modo assertivo.

Costruire un’autostima sana richiede l’adozione di comportamenti assertivi, che consentono di valutare le persone e le situazioni in modo consapevole ed efficace; sviluppare abilità comunicative può aiutare a costruire relazioni più sane e appaganti, sia con gli altri, sia con noi stessi.

Bibliografia e Sitografia

Chiappi F. (08//03/2024). Assertività, ponte fra comunicazione efficace e relazioni salutari. Pronto Professionista. https://www.prontoprofessionista.it/articoli/assertivit-ponte-fra-comunicazione-efficace-e-relazioni-salutari.html.

Chiappi F (2008). Oltre la tela di Penelope. Uno sguardo di genere sulla comunicazione. Firenze. AIDA edizioni.

Wolpe J. (1980). Tecniche di terapie del comportamento. Milano: FrancoAngeli. 

 

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Ragazze e ragazzi nel lockdown: fattori di rischio e di protezione

Durante il lockdown: aumento di stress negativo, rischi per la salute fra gli adolescenti ed esigenza di potenziare i fattori di protezione in famiglia e a scuola

Continua

Impotenze e nuove risorse durante il lockdown

Durante il lockdown tutti abbiamo vissuto un’improvvisa situazione avversa, oggettivamente stressante. Per alcune persone il malessere è stato particolarmente acuto

Continua

Lavoro in squadra: risorsa o ulteriore fonte di stress?

Il benessere organizzativo richiede attenzione ad alcuni aspetti del lavoro di gruppo: obiettivi, metodo, ruoli, leadership, comunicazione, clima e sviluppo.

Continua

La gratitudine paga? Riflessioni psicologiche su invidia e gratitudine

Con la gratitudine e la riconoscenza della generosità si costruiscono strati profondi di sicurezza interiore e la capacità di apprezzare gli altri e il mondo.

Continua

Life skills e promozione della salute psicofisica

Le life skill sono riconosciute dall’Organizzazione Mondiale della Sanità come una metodologia valida per la promozione della salute

Continua

Le soft skills: competenze per l’occupazione

La possibilità di cambiare e mantenere il lavoro nel mercato attuale e soprattutto nei periodi di crisi richiede alcune competenze trasversali, fra cui le soft skills

Continua

Endometriosi, la necessità di un supporto psicologico e un approccio multiprofessionale

Per l’endometriosi la diagnosi precoce e il trattamento tempestivo e individualizzato, anche psicologico, sono risorse essenziali per la qualità di vita delle persone

Continua

Il bonus psicologico: perché, come richiederlo e per quanto tempo?

Con la pandemia da COVID-19 è emersa un’emergenza psicologica per il crescente numero di disagi e disturbi. Il bonus psicologico è una prima risposta all’emergenza

Continua

Burnout, quando lo stress lavoro correlato non viene risolto

In un ambiente di lavoro, quando lo stress lavoro correlato non è risolto con azioni di miglioramento le persone possono cadere nel burnout.

Continua

Il mobbing: conoscerlo, riconoscerlo e contrastarlo

Il mobbing, l'abuso sul lavoro, ingenera disturbi psicopatologici, psicosomatici e comportamentali. Occorre conoscerlo e riconoscerlo per contrastarlo

Continua

Cosa hanno imparato alcune coppie dal lockdown?

Il lockdown ha intensificato fattori di crisi nella coppia, quali gli atteggiamenti simbiotici e la difficoltà a riconoscere le differenze, ma anche di protezione

Continua

La sensibilità all’incertezza nel rapporto con sé e con gli altri

La sensibilità all’incertezza è la condizione necessaria per un pensiero in grado di concepire il cambiamento delle proprie convinzioni e il confronto con gli altri

Continua

Il contrasto alla violenza di genere

Il contrasto alla violenza contro le donne per motivi di genere richiede azioni globali, europee e italiane, coordinate e complesse per gestire il fenomeno e prevenirlo

Continua

Abusi della violenza domestica

La violenza domestica può essere agita con maltrattamenti: fisici, sessuali, economici, socio-relazionali, psicologico-verbali, psicologico - affettivi e lavorativi

Continua

L’intimità. Risorsa delle coppie

L’intimità di coppia è una dimensione fondamentale per la coesione di coppia, che spesso è negata dalla paura di perdersi nella relazione con l’altro/a.

Continua

Cogenitorialità: cambiamento nella società dei ruoli di madre e padre

Nella società si è affermato un modello di cogenitorialità che, se non ben compreso, può essere contraddetto dal retaggio di vecchie immagini di ruoli familiari

Continua

Frustrazione e Problem Solving

Se non si riesce ripetutamente a soddisfare bisogni e desideri vitali per motivi esterni e/o interni, per mancanza di problem solving, un rischio è la frustrazione

Continua

La rabbia adattiva e disadattiva

La rabbia, una delle emozioni fondamentali, compresa e gestita ci aiuta ad agire a nostro vantaggio, repressa o agita impulsivamente può attivare stati di stress

Continua

Occuparsi della rabbia nelle Organizzazioni. Una competenza gestionale

Fra le competenze gestionali c' è la valutazione del clima aziendale, fra cui quello connotato da rabbia disadattiva, e l'attuazione delle azioni di miglioramento

Continua

La Consolazione. Risorsa umana nelle tragedie e disastri

Durante tragedie e disastri, come l’alluvione in Romagna, la consolazione è una grande risorsa umana

Continua

Empatia. Fattore di protezione e contrasto alla violenza

Il contrasto alla violenza, inclusa quella contro le donne, richiede anche lo sviluppo di life skills, fra cui l’empatia.

Continua

Limiti e rischi dell'empatia

L’empatia, talvolta, è stata mitizzata. In realtà è un’abilità psico-sociale da saper usare con consapevolezza dei suoi limiti e rischi

Continua

Differenze generazionali nelle organizzazioni. Risorsa o problema?

Nel mondo del lavoro oggi ci sono cinque generazioni, con differenze valoriali, motivazioni e possibili atteggiamenti e comportamenti diversi da conoscere e gestire

Continua

Il ciclo della violenza. La teoria di Leonore Walker

La violenza domestica, per Leonore Walker, procede per fasi cicliche, in cui cresce il potere maschile, s'indebolisce la donna e aumentano i rischi di femminicidio

Continua

Prevenzione e promozione della salute psicofisica

Prevenzione, promozione della salute e consapevolezza degli stili di vita salutari sono obiettivi non sempre facili da raggiungere quanto necessari

Continua

Assertività, ponte fra comunicazione efficace e relazioni salutari

L’assertività è l’abilità che contribuisce a realizzare nei vari ambienti relazioni soddisfacenti e produttive e a creare una società compiutamente democratica

Continua

La manipolazione come assenza di relazione

Nella manipolazione, negazione della relazione e della cultura dei diritti, spesso il manipolatore, la vittima e chi assiste difettano di consapevolezza

Continua