Richiedi una consulenza in studio gratuita!

La rabbia adattiva e disadattiva


La rabbia, una delle emozioni fondamentali, compresa e gestita ci aiuta ad agire a nostro vantaggio, repressa o agita impulsivamente può attivare stati di stress
La rabbia adattiva e disadattiva

La rabbia

La rabbia, una delle emozioni fondamentali che fa parte del nostro bagaglio filogenetico, scatta con alcuni stimoli interni ed esterni (Izard C. E., 1977).  È un campanello di allarme che ci avverte che stiamo per subire un’ingiustizia, un danno o che qualcosa sta per interrompere il raggiungimento di qualche nostro obiettivo.

Come tutte le altre emozioni, la rabbia attiva strutture cerebrali e modificazioni fisiologiche che predispongono ad agire. Cresce la produzione di ormoni, come il cortisolo, che predispongono all’azione, se non alla lotta, per contrastare ciò che mina la propria sicurezza. Se il segnale di rabbia è ben compreso e gestito, cessa lo stato di allerta e d’inevitabile ansia connessa; se, però, non segue al segnale emotivo una risposta efficace, s’ingenera un inevitabile stato di stress, che, se reazione abituale, è un determinante di patologie, culminanti spesso in disturbi cardio-vascolari, che, in Italia, sono la prima causa di mortalità (Ars, 2013).    

 

Atteggiamenti e comportamenti che scatenano rabbia

Gli stimoli, prevalenti nell’insorgenza della rabbia, ingenerano in noi la convinzione, più o meno giusta, di essere aggrediti, manipolati, non rispettati nei propri diritti (Izard C. E., 1977).  Fra gli atteggiamenti e i comportamenti che riteniamo “ingiusti o dannosi per la nostra persona” (Lazarus R. S., 1991), ci sono quelli che ci fanno sentire:

  • Non rispettati
  • Non apprezzati per quello che si fa, per l’impegno che si mette a vantaggio delle altre persone
  • Insultati
  • Svalutati, deprezzati, umiliati
  • Criticati in modo aggressivo
  • Minacciati a livello verbale o fisico
  • Costretti a fare qualcosa che contrasta con la nostra volontà
  • Vittime d’ingiustizie
  • Traditi
  • Ostacolati nel raggiungimento dei nostri obiettivi
  • Derubati di oggetti, idee, progetti 
  • Privati delle proprie posizioni
  • Privati del nostro potere
  • Spettatori e non solo vittime di azioni violente altrui.

 

Rabbia adattiva e disadattiva

La rabbia è il segnale emotivo che, se ascoltato e ben compreso, ci permette di attivare dei comportamenti adattivi, funzionali a evitare ingiustizie e danni. Questo vale in tutti gli ambiti della nostra esistenza: familiari, lavorativi, sociali …

Quest’emozione, però, se per una pluralità di motivi (problematiche personali, assenza di padronanza di life skills e soft skills, ecc.) non è ben compresa e gestita, può generare turbolenze interiori, dis - regolazioni emotive che impediscono di organizzare risposte adeguate allo stimolo e modulare l’intensità delle proprie emozioni. In questi casi, in cui è la rabbia a prendere il sopravvento sulla capacità individuale di comprenderla e utilizzarla, le reazioni perdono di efficacia, non diventano funzionali a “proteggere” quanto viene ostacolato dallo stimolo che la rabbia c'indurrebbe  a osservare.

In alcuni casi prevale l’inibizione, che in qualche modo silenzia l’ascolto emotivo e la conseguente riflessione su quanto ci segnala la rabbia. Quando eccede, invece, l’intensità emotiva e si riduce la capacità di riflettere, di valutare cosa sia più opportuno, abbiamo una sorta di “sequestro cognitivo” (Goleman D., 2019), con possibili azioni impulsivo - reattive che possono essere inevitabilmente aggressive, se non violente.

Diventa, dunque, disfunzionale sia l’eccesso di rabbia agita impulsivamente, sia la rabbia inibita, silenziata, perché in entrambi i casi, non essendo compreso il significato di quello che c’indica questo  campanello d’allarme, non ci possiamo attivare per agire efficacemente a nostra protezione.   

 

Bibliografia
Goleman D. (2019 ) L’intelligenza emotiva. Milano: BUR Rizzoli.  
Izard C.E. (1997) Human Emotion: New York: Plenum Pass.
Lazarus R. S. (1991) Emotion and adaption. New York: Oxford University Press.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Ragazze e ragazzi nel lockdown: fattori di rischio e di protezione

Durante il lockdown: aumento di stress negativo, rischi per la salute fra gli adolescenti ed esigenza di potenziare i fattori di protezione in famiglia e a scuola

Continua

Impotenze e nuove risorse durante il lockdown

Durante il lockdown tutti abbiamo vissuto un’improvvisa situazione avversa, oggettivamente stressante. Per alcune persone il malessere è stato particolarmente acuto

Continua

Lavoro in squadra: risorsa o ulteriore fonte di stress?

Il benessere organizzativo richiede attenzione ad alcuni aspetti del lavoro di gruppo: obiettivi, metodo, ruoli, leadership, comunicazione, clima e sviluppo.

Continua

La gratitudine paga? Riflessioni psicologiche su invidia e gratitudine

Con la gratitudine e la riconoscenza della generosità si costruiscono strati profondi di sicurezza interiore e la capacità di apprezzare gli altri e il mondo.

Continua

Life skills e promozione della salute psicofisica

Le life skill sono riconosciute dall’Organizzazione Mondiale della Sanità come una metodologia valida per la promozione della salute

Continua

Le soft skills: competenze per l’occupazione

La possibilità di cambiare e mantenere il lavoro nel mercato attuale e soprattutto nei periodi di crisi richiede alcune competenze trasversali, fra cui le soft skills

Continua

Endometriosi, la necessità di un supporto psicologico e un approccio multiprofessionale

Per l’endometriosi la diagnosi precoce e il trattamento tempestivo e individualizzato, anche psicologico, sono risorse essenziali per la qualità di vita delle persone

Continua

Il bonus psicologico: perché, come richiederlo e per quanto tempo?

Con la pandemia da COVID-19 è emersa un’emergenza psicologica per il crescente numero di disagi e disturbi. Il bonus psicologico è una prima risposta all’emergenza

Continua

Burnout, quando lo stress lavoro correlato non viene risolto

In un ambiente di lavoro, quando lo stress lavoro correlato non è risolto con azioni di miglioramento le persone possono cadere nel burnout.

Continua

Il mobbing: conoscerlo, riconoscerlo e contrastarlo

Il mobbing, l'abuso sul lavoro, ingenera disturbi psicopatologici, psicosomatici e comportamentali. Occorre conoscerlo e riconoscerlo per contrastarlo

Continua

Cosa hanno imparato alcune coppie dal lockdown?

Il lockdown ha intensificato fattori di crisi nella coppia, quali gli atteggiamenti simbiotici e la difficoltà a riconoscere le differenze, ma anche di protezione

Continua

La sensibilità all’incertezza nel rapporto con sé e con gli altri

La sensibilità all’incertezza è la condizione necessaria per un pensiero in grado di concepire il cambiamento delle proprie convinzioni e il confronto con gli altri

Continua

Il contrasto alla violenza di genere

Il contrasto alla violenza contro le donne per motivi di genere richiede azioni globali, europee e italiane, coordinate e complesse per gestire il fenomeno e prevenirlo

Continua

Abusi della violenza domestica

La violenza domestica può essere agita con maltrattamenti: fisici, sessuali, economici, socio-relazionali, psicologico-verbali, psicologico - affettivi e lavorativi

Continua

L’intimità. Risorsa delle coppie

L’intimità di coppia è una dimensione fondamentale per la coesione di coppia, che spesso è negata dalla paura di perdersi nella relazione con l’altro/a.

Continua

Cogenitorialità: cambiamento nella società dei ruoli di madre e padre

Nella società si è affermato un modello di cogenitorialità che, se non ben compreso, può essere contraddetto dal retaggio di vecchie immagini di ruoli familiari

Continua

Frustrazione e Problem Solving

Se non si riesce ripetutamente a soddisfare bisogni e desideri vitali per motivi esterni e/o interni, per mancanza di problem solving, un rischio è la frustrazione

Continua

Occuparsi della rabbia nelle Organizzazioni. Una competenza gestionale

Fra le competenze gestionali c' è la valutazione del clima aziendale, fra cui quello connotato da rabbia disadattiva, e l'attuazione delle azioni di miglioramento

Continua

La Consolazione. Risorsa umana nelle tragedie e disastri

Durante tragedie e disastri, come l’alluvione in Romagna, la consolazione è una grande risorsa umana

Continua

Empatia. Fattore di protezione e contrasto alla violenza

Il contrasto alla violenza, inclusa quella contro le donne, richiede anche lo sviluppo di life skills, fra cui l’empatia.

Continua

Limiti e rischi dell'empatia

L’empatia, talvolta, è stata mitizzata. In realtà è un’abilità psico-sociale da saper usare con consapevolezza dei suoi limiti e rischi

Continua

Differenze generazionali nelle organizzazioni. Risorsa o problema?

Nel mondo del lavoro oggi ci sono cinque generazioni, con differenze valoriali, motivazioni e possibili atteggiamenti e comportamenti diversi da conoscere e gestire

Continua

Il ciclo della violenza. La teoria di Leonore Walker

La violenza domestica, per Leonore Walker, procede per fasi cicliche, in cui cresce il potere maschile, s'indebolisce la donna e aumentano i rischi di femminicidio

Continua

Prevenzione e promozione della salute psicofisica

Prevenzione, promozione della salute e consapevolezza degli stili di vita salutari sono obiettivi non sempre facili da raggiungere quanto necessari

Continua

Assertività, ponte fra comunicazione efficace e relazioni salutari

L’assertività è l’abilità che contribuisce a realizzare nei vari ambienti relazioni soddisfacenti e produttive e a creare una società compiutamente democratica

Continua

Stili relazionali Passivi e Aggressivi: ostacoli alla comunicazione

Se lo stile assertivo permette una comunicazione efficace, quelli passivi e aggressivi possono indebolire la qualità della comunicazione e minare l’autostima

Continua

La manipolazione come assenza di relazione

Nella manipolazione, negazione della relazione e della cultura dei diritti, spesso il manipolatore, la vittima e chi assiste difettano di consapevolezza

Continua

Smart Skills. Abilità per orientarsi nel Mondo Digitale

Per muoversi in modo efficace nell’attuale mondo lavorativo a continua innovazione tecnologica e digitale occorrono specifiche abilità: le smart skills.

Continua