Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Il ciclo della violenza. La teoria di Leonore Walker


La violenza domestica, per Leonore Walker, procede per fasi cicliche, in cui cresce il potere maschile, s'indebolisce la donna e aumentano i rischi di femminicidio
Il ciclo della violenza. La teoria di Leonore Walker

 

La violenza domestica

Gli ultimi casi di femminicidio hanno destato nell’opinione pubblica l’urgenza di porre al centro la sicurezza delle possibili vittime, come indicato dalla Convenzione d’Istanbul. Quest’obiettivo esige, innanzitutto, di conoscere e saper riconoscere i comportamenti e le situazioni a rischio.

Senza entrare nell’analisi dei fattori socio-culturali e psicologici, che possono essere all’origine delle  varie forme di violenza contro le donne, e degli strumenti e modalità per individuare tempestivamente i comportamenti a rischio, ci vogliamo soffermare, in questa sede, sulla teoria di Leonore Walker [1], sulla  “violenza domestica” o “Intimate violence partner che può essere perpetuata, come indica l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS, 2017), con una varietà di possibili maltrattamenti, che minano la salute, creano danni vari, portano a invalidità, se non a morte” (Chiappi F. 2022).

 

La Teoria del Ciclo di violenza (cycle Theory of Violence)

Nelle varie versioni aggiornate del suo libro "The Battered Woman Syndrome", Leonore Walker ha descritto un costrutto teorico, seconco cui la violenza non è solo un insieme di aggressioni verbali e fisiche, ma anche un processo articolato, in cui l'abusante definisce e dà significato alle azioni e pensieri della partner, senza possibilità di contraddittorio, e la vittima costruisce una rappresentazione di sé come soggetto dipendente dall'aggressore. 

Questa spirale di violenza non sempre si manifesta esplicitamente sin da subito, ma presenta un’escalation di gravità che si evolve, articolandosi in più fasi che seguono delle leggi basilari: 

  • funziona a spirale, cioè si attiva, si sviluppa, si spegne, per poi riprendere a ripetere la sequenza delle sue fasi, in un crescendo d’intensità;
  • l’abusante usa tecniche di potere-controllo e manipolazione sulla vittima; con il ripetersi delle fasi della violenza, la vittima acquisisce passività e si abbandona al ciclo.

 

Le Fasi del ciclo di violenza

1° “Fase di accumulo tensione”

In questo primo step del ciclo, la violenza, in genere, non si manifesta in modo fisico ma piuttosto sotto forma di violenza psicologica, e in quanto tale meno riconoscibile (anche nella nostra società) come maltrattamento. L’uomo, in molti casi, giustifica il suo comportamento ostile con lo stress accumulato in altri ambiti di vita: lavoro, problemi economici, ma comincia anche ad accusare la donna di essere, in qualche modo, responsabile del suo malessere. La “vittima”, quando cade nella spirale della violenza, pensa di poter controllare la situazione, assumendo un atteggiamento accondiscendente, cercando di calmare l’altro con la gentilezza, ma anche stando attenta a cosa dire e a come dirlo.  

2° “Fase dell’esplosione della violenza”

L’uomo passa all’attacco esplicito e, attraverso la violenza fisica e spesso sessuale, impone il suo potere fisico sulla donna.  La vittima, impaurita dalle reazioni del partner, non si contrappone, anzi, per evitare un aumento della violenza, assume un atteggiamento di sottomissione.

La 3° “Fase del pentimento”

L’uomo, se da un lato chiede scusa, minimizza il suo comportamento e promette di cambiare, di non ripetere più quelle violenze, dall’altro cerca di discolparsi, sostenendo che è stata la partner  a provocarlo, oppure che ha perso il controllo per lo stress lavorativo o per l’alcool.  La donna, spaventata, stressata, cade nella trappola di credere che sia lei a dover cambiare, cercando di prevenire lo scoppio della violenza. “ Devo stare più attenta!” è una delle frasi che può ripetersi. 

La 4° “Fase della luna di miele”

L’aggressore si pone in modo dolce e affettuoso. Spesso fa regali, invita a cena fuori, inducendo nella donna l’illusione che quelle azioni violente siano finite e che tutto possa tornare a com’era all’inizio del loro rapporto. È sempre l’uomo che decide l’inizio e la fine di questa fase.

Il ciclo della violenza, quando si ripete, aumenta d’intensità, indebolendo sempre  più la “vittima”, che precipita in uno stato di profonda confusione e insicurezza. In questo crescendo, la donna, se non si sottrae o è sottratta a questa spirale di violenza, può finire anche con l’essere uccisa dal partner. 

 

La “Sindrome della donna maltrattata”

Secondo Leonore Walker, quando una donna subisce almeno due cicli di violenza, è soggetta alla “Sindrome della donna maltrattata” che la trattiene nella relazione perversa. Il primo freno a lasciare il partner scatta nel momento in cui, sentendosi paralizzata dal trauma, si percepisce totalmente impotente. Dopo aver sperimentato che gli abusi non sono prevedibili e controllabili, si rende conto che nessun suo comportamento potrà placare la furia dell’altro. Rimane solo la speranza che lui possa cambiare. “Se è cambiato per un po’ prima, forse cambierà per sempre, dopo!” E’ una delle sue possibili frasi.  

Altre cause che trattengono la donna nella relazione

Sempre secondo la Walker, ci sono altre cause, che rendono la dona tollerante nei confronti della situazione, fra cui le seguenti:

  • la dipendenza economica
  • la paura di rimanere sola
  • il temere che le siano portati via i figli
  • la perdita di autostima e la depressione
  • il cadere facilmente nei sensi di colpa, quasi nel credere di meritarsi tutto
  • la subordinazione femminile
  • lo svilimento psicologico che non le consente di vedere vie di fuga.

Riflessioni Conclusive

Per ogni operatore e operatrice che s’impatta con situazioni di violenza è importante conoscere lo schema che caratterizza il ciclo di violenza e non cadere nella stessa illusione che prova la vittima: credere che l’uomo cambi. Il cambiamento è possibile solo se l’uomo, attraverso un suo percorso, come quelli nei gruppi psico educativi con i maltrattanti, riconosce i suoi comportamenti violenti, non li giustifica e impara a rapportarsi, senza essere agito dalla sua pulsione violenta (Fondazione OPT, 2019).

È prioritario, dunque mettere le vittime in sicurezza. Il tutto con tempestività, perché con l’andare del tempo e l’intensificarsi del ripetersi delle varie fasi, il rischio cresce. Questa esigenza di “velocità” d’intervento rimanda, pertanto, a progetti Inter-Istituzionali e all’utilizzo di strumenti specifici per la rilevazione del rischio, come indica anche il Report del GREVIO del 2020.

Altro aspetto da non sottovalutare è l’insorgenza del disturbo da stress post traumatico che subiscono le donne vittime e che esige da parte di chi li prende a carico la capacità di comprendere il loro stato d’animo e soprattutto di non colpevolizzare in alcun modo. “Ma perché non l’ha lasciato prima!” “Poteva chieder aiuto!” sono alcune delle frasi che non andrebbero mai dette, perché vanno a ferire chi lo è già, diventando forme di “vittimizzazione secondaria”.

Bibliografia

Chiappi F. (21/10/2022). Abusi della violenza domestica. Pronto Professionista.https://www.prontoprofessionista.it/articoli/abusi-della-violenza-domestica.html.

GREVIO. (2020). Rapporto di Valutazione di Base Italia. https://www.informareunh.it/wp-content/uploads/GREVIO-RapportoValutazioneItalia2020-ITA.pdf.

Fondazione OPT. La Valutazione del rischio;  Il lavoro con gli autori di maltrattamento. Criteri e modalità d’intervento. In Il Contrasto e la Prevenzione alla violenza di Genere. Firenze: Fondazione Ordine Psicologi della Toscana.

Walker E. (2016). The Battered Woman Syndrome 4th Edition.  Springer Publishing Company.

 


[1] Leonore Walker,  docente presso il Dipartimento di Psicologia Clinica a NSU (Nova Southeastern University) in Florida, è conosciuta a livello internazionale soprattutto con Il suo famoso libro “The Battered Women Syndrome”, con cui descrive la sua teoria del ciclo della violenza, le risposte traumatiche, la psicoterapia sul trauma, le informazioni sui bambini esposti alla violenza, ecc. 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Ragazze e ragazzi nel lockdown: fattori di rischio e di protezione

Durante il lockdown: aumento di stress negativo, rischi per la salute fra gli adolescenti ed esigenza di potenziare i fattori di protezione in famiglia e a scuola

Continua

Impotenze e nuove risorse durante il lockdown

Durante il lockdown tutti abbiamo vissuto un’improvvisa situazione avversa, oggettivamente stressante. Per alcune persone il malessere è stato particolarmente acuto

Continua

Lavoro in squadra: risorsa o ulteriore fonte di stress?

Il benessere organizzativo richiede attenzione ad alcuni aspetti del lavoro di gruppo: obiettivi, metodo, ruoli, leadership, comunicazione, clima e sviluppo.

Continua

La gratitudine paga? Riflessioni psicologiche su invidia e gratitudine

Con la gratitudine e la riconoscenza della generosità si costruiscono strati profondi di sicurezza interiore e la capacità di apprezzare gli altri e il mondo.

Continua

Life skills e promozione della salute psicofisica

Le life skill sono riconosciute dall’Organizzazione Mondiale della Sanità come una metodologia valida per la promozione della salute

Continua

Le soft skills: competenze per l’occupazione

La possibilità di cambiare e mantenere il lavoro nel mercato attuale e soprattutto nei periodi di crisi richiede alcune competenze trasversali, fra cui le soft skills

Continua

Endometriosi, la necessità di un supporto psicologico e un approccio multiprofessionale

Per l’endometriosi la diagnosi precoce e il trattamento tempestivo e individualizzato, anche psicologico, sono risorse essenziali per la qualità di vita delle persone

Continua

Il bonus psicologico: perché, come richiederlo e per quanto tempo?

Con la pandemia da COVID-19 è emersa un’emergenza psicologica per il crescente numero di disagi e disturbi. Il bonus psicologico è una prima risposta all’emergenza

Continua

Burnout, quando lo stress lavoro correlato non viene risolto

In un ambiente di lavoro, quando lo stress lavoro correlato non è risolto con azioni di miglioramento le persone possono cadere nel burnout.

Continua

Il mobbing: conoscerlo, riconoscerlo e contrastarlo

Il mobbing, l'abuso sul lavoro, ingenera disturbi psicopatologici, psicosomatici e comportamentali. Occorre conoscerlo e riconoscerlo per contrastarlo

Continua

Cosa hanno imparato alcune coppie dal lockdown?

Il lockdown ha intensificato fattori di crisi nella coppia, quali gli atteggiamenti simbiotici e la difficoltà a riconoscere le differenze, ma anche di protezione

Continua

La sensibilità all’incertezza nel rapporto con sé e con gli altri

La sensibilità all’incertezza è la condizione necessaria per un pensiero in grado di concepire il cambiamento delle proprie convinzioni e il confronto con gli altri

Continua

Il contrasto alla violenza di genere

Il contrasto alla violenza contro le donne per motivi di genere richiede azioni globali, europee e italiane, coordinate e complesse per gestire il fenomeno e prevenirlo

Continua

Abusi della violenza domestica

La violenza domestica può essere agita con maltrattamenti: fisici, sessuali, economici, socio-relazionali, psicologico-verbali, psicologico - affettivi e lavorativi

Continua

L’intimità. Risorsa delle coppie

L’intimità di coppia è una dimensione fondamentale per la coesione di coppia, che spesso è negata dalla paura di perdersi nella relazione con l’altro/a.

Continua

Cogenitorialità: cambiamento nella società dei ruoli di madre e padre

Nella società si è affermato un modello di cogenitorialità che, se non ben compreso, può essere contraddetto dal retaggio di vecchie immagini di ruoli familiari

Continua

Frustrazione e Problem Solving

Se non si riesce ripetutamente a soddisfare bisogni e desideri vitali per motivi esterni e/o interni, per mancanza di problem solving, un rischio è la frustrazione

Continua

La rabbia adattiva e disadattiva

La rabbia, una delle emozioni fondamentali, compresa e gestita ci aiuta ad agire a nostro vantaggio, repressa o agita impulsivamente può attivare stati di stress

Continua

Occuparsi della rabbia nelle Organizzazioni. Una competenza gestionale

Fra le competenze gestionali c' è la valutazione del clima aziendale, fra cui quello connotato da rabbia disadattiva, e l'attuazione delle azioni di miglioramento

Continua

La Consolazione. Risorsa umana nelle tragedie e disastri

Durante tragedie e disastri, come l’alluvione in Romagna, la consolazione è una grande risorsa umana

Continua

Empatia. Fattore di protezione e contrasto alla violenza

Il contrasto alla violenza, inclusa quella contro le donne, richiede anche lo sviluppo di life skills, fra cui l’empatia.

Continua

Limiti e rischi dell'empatia

L’empatia, talvolta, è stata mitizzata. In realtà è un’abilità psico-sociale da saper usare con consapevolezza dei suoi limiti e rischi

Continua

Differenze generazionali nelle organizzazioni. Risorsa o problema?

Nel mondo del lavoro oggi ci sono cinque generazioni, con differenze valoriali, motivazioni e possibili atteggiamenti e comportamenti diversi da conoscere e gestire

Continua

Prevenzione e promozione della salute psicofisica

Prevenzione, promozione della salute e consapevolezza degli stili di vita salutari sono obiettivi non sempre facili da raggiungere quanto necessari

Continua