Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Il Mediatore familiare, una figura specializzata


Il Mediatore familiare, un professionista che svolge una professione complessa che richiede un’adeguata formazione e preparazione
Il Mediatore familiare, una figura specializzata
La Mediazione familiare è da considerare come un valido strumento di gestione e di risoluzione dei conflitti familiari, peccato però che ancora oggi nel nostro Paese, nonostante vi siano professionisti specializzati in Mediazione e una conflittualità familiare piuttosto accesa e diffusa, si debba fare ancora molta fatica a farla decollare.
Causa di ciò una scarsa conoscenza dell’istituto dovuta al fatto che attualmente in Italia non esiste un Albo o un Ordine dei mediatori familiari. Attualmente i Mediatori familiari fanno riferimento alla legge n. 4 del 2013, che detta le disposizioni per le "professioni non regolamentate" ed alla norma UNI 11644 del 2016 che definisce i requisiti relativi all’attività professionale del Mediatore familiare in termini di conoscenza, abilità e competenza in conformità al Quadro Europeo delle Qualifiche.
La norma definisce anche i programmi relativi alla formazione del mediatore, al fine di garantire all’utenza un certo livello qualitativo di formazione e professionalità.
Non esistendo un ordine o un albo, i Mediatori Familiari che vogliono svolgere la professione con competenza e professionalità, dopo aver frequentato una Scuola di specializzazione biennale in Mediazione Familiare (che prevede oltre alle lezioni in aula, lo svolgimento di un tirocinio presso una struttura pubblica o privata ed un esame finale), provvedono ad iscriversi ad una delle associazioni di rilievo nazionale come: l’A.I.me.F., A.I.M.S., S.I.M.E.F., ecc... L’iscrizione ed il mantenimento della qualifica come socio dell’associazione comporta dunque l’aver conseguito delle certificazioni (laurea in giurisprudenza o psicologia e titolo abilitante alla professione di Mediatore F.) e una formazione continua consistente in determinate ore annuali d’ aggiornamento e di supervisione (gruppi di mediatori familiari che si riuniscono per discutere dei casi che hanno trattato e che sono risultati essere un po’ più complicati).
Vediamo nel concreto chi è il Mediatore Familiare e cosa fa.
Il Mediatore Familiare è un professionista che interviene in un conflitto o in una lite familiare come terzo imparziale e neutrale con lo scopo di mettere in relazione le parti, di aprire una comunicazione e facilitarle nel trovare una soluzione al loro problema.
Il Mediatore per mettere in comunicazione le parti utilizza però determinate tecniche, di comunicazione e di negoziazione che servono a facilitare e guidare le parti nel raggiungere un accordo, ciò non significa assolutamente decidere la controversia al posto delle parti ma significa aiutare le parti a negoziare un accordo che sia condiviso, che soddisfi cioè i bisogni e gli interessi di entrambe. Il Mediatore non è dunque un giudice perché non giudica e non decide nulla. Quale esperto della comunicazione e della gestione dei conflitti, deve essere pronto ad affrontare non solo quelli che sono i risvolti emotivi e pratici legati alla conflittualità familiare, ma più in generale ogni situazione che potrebbe richiedergli delle conoscenze proprie di altre professioni come: quello dello psicologo, del consulente familiare, del giurista, del ragioniere, del pedagogista familiare. Ed è per questo che deve ritenersi una professione complessa che non può essere svolta senza un’adeguata formazione e preparazione.
Dott.ssa Maria Antonietta Canestrino, Mediatrice Familiare e sociale, Codroipo (Ud).

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Gestire l'emotività con la mediazione familiare

Una buona Mediazione potrebbe aiutare la coppia a separare il canale affettivo- emotivo da quello economico del danaro

Continua

Mediazione familiare: il conflitto latente

La Mediazione familiare come strumento di prevenzione della degenerazione del conflitto

Continua

I conflitti di coppia e le differenze di genere

Molti dei problemi di comunicazione all’interno della coppia possono derivare da una mancata comprensione delle differenze uomo-donna

Continua

La crisi di coppia: le parole sono come pallottole

Come afferma John Wittgenstein “le parole sono come pallottole” possono ferire ed è per questo che diventa fondamentale usarle diligentemente

Continua

Mediazione familiare cos'è?

Mediazione familiare come una “opportunità”, per le coppie e per le famiglie, per trasformare una situazione da critica in una esperienza positiva

Continua

L'importanza della presenza di un padre

L’assenza del padre, sia fisica che psicologica, crea notevoli difficoltà nello sviluppo della personalità dei figli. La madre dovrebbe impedirla

Continua

I figli ci guardano, ci ascoltano, ci imitano

I figli imparano dai loro genitori a gestire lo stress, per cui tutte le volte che i genitori danno ascolto alla propria emotività loro l'assorbono

Continua

Lo sviluppo della resilienza in mediazione

La Mediazione può aiutare a sviluppare la resilienza, cioè la capacità di resistere alle circostanze difficili della vita e di reagire positivamente

Continua

I suoceri invadenti sono la causa della crisi?

Una situazione scomoda per la coppia sone le interferenze dei suoceri, ma sono proprio loro la fonte del problema?

Continua

Il senso della Mediazione Familiare

La Mediazione familiare ha un senso solo se si è protagonisti, se ci si assume la propria parte di responsabilità, se si ha a cuore il bene dei figli

Continua

Educare fa rima con mediare

La Mediazione familiare come strumento di gestione dei conflitti educativi potrebbe rappresentare un'opportunità non solo per i genitori separati

Continua

Il progetto della mediazione scolastica

La Mediazione tra pari: progetto volto a responsabilizzare i ragazzi così come previsto dalla Peer Mediation americana

Continua

La filosofia della comunicazione virtuale

Una civiltà, la nostra, definita tecnologicamente avanzata ma poco più che primitiva sul piano dell’uso degli strumenti della comunicazione

Continua

La comunicazione nel divorzio

E' mera utopia pensare che quella coppia che non abbia costruito una comunicazione possa poi rispettare gli accordi presi

Continua

La mediazione dei conflitti di coppia

Non è necessario ricorrere a percorsi terapeutici per risolvere problemi o questioni quotidiane

Continua

Il progetto educativo

Costruire un progetto educativo insieme al Mediatore familiare può essere la soluzione

Continua

Gli obblighi morali del "genitore sociale o terzo genitore"

Il fenomeno della genitorialità sociale è ormai un fenomeno europeo ed extra europeo

Continua

Come nella favola di Cenerentola?

La favola di Cenerentola come esempio di conflitti familiari

Continua

I conflitti inevitabili nella coppia

E’ praticamente impossibile pensare che con il tempo non si creino conflitti nella coppia convivente

Continua

La lotta di potere nelle relazioni di coppia (1^ parte)

Entrambi i partner possono agire dentro una logica del “ Io vinco e tu perdi”, una logica di potere

Continua

La lotta di potere nelle relazioni di coppia (2^ parte)

Entrambi i partner possono agire con la logica del “io vinco e tu vinci”, logica di collaborazione

Continua

Dal conflitto di coppia alla violenza nella coppia

Identificare il conflitto e distinguerlo dalla violenza al fine di prevenire la violenza domestica

Continua

Violenza domestica e Mediazione familiare (1^ parte)

Qualunque veste assuma la violenza domestica non deve avere ad oggetto sporadici episodi ma deve costituire una modalità quotidiana d’interazione della coppia

Continua

Violenza domestica e Mediazione familiare (2^ parte)

Ecco quali sono le varie tipologie di violenza domestica

Continua

Violenza domestica e Mediazione Familiare (3^ parte)

Le diverse forme di violenza e la differente gravità della stessa ha indotto gli studiosi a compiere un esame sull'opportunità del ricorso alla Mediazione familiare

Continua

Mediazione familiare: i figli al centro rispetto alle esigenze degli adulti

I figli hanno il diritto di essere informati e accompagnati dai genitori a comprendere la separazione dei genitori

Continua