Richiedi una consulenza in studio gratuita!

La crisi di coppia: le parole sono come pallottole


Come afferma John Wittgenstein “le parole sono come pallottole” possono ferire ed è per questo che diventa fondamentale usarle diligentemente
La crisi di coppia: le parole sono come pallottole
La comunicazione è un fenomeno complesso più di quanto possiamo immaginare. Tutti noi pensiamo di saper già parlare e per tale motivo non ci preoccupiamo dei meccanismi che stanno alla base della comunicazione. Dietro quella che sembra una "banale e normale" affermazione, si può nascondere un atteggiamento insidioso. Esso sarebbe presente non solo nella comunicazione verbale ma anche in quella non verbale.

Come hanno evidenziato i ricercatori di Palo Alto (California, USA), negli anni 60’, gli esseri umani comunicano su tre livelli: il verbale (ossia il contenuto della comunicazione, ciò che comunemente si crede più importante e rilevante nella comunicazione); il para verbale (il tono della voce, la velocità, l’inflessione dialettale, il timbro, il volume) e il non verbale o linguaggio del corpo (i gesti, gli sguardi, la postura, il sorriso). L’inverosimile è che tutti noi utilizziamo la comunicazione non verbale senza rendercene conto, tutti noi "parliamo" con il linguaggio del corpo, ma non ne siamo assolutamente consapevoli e soprattutto non sappiamo «leggerlo» negli altri ed in noi stessi. Come dice Paul Watzlawick, non possiamo non comunicare perché anche quando stiamo in silenzio è il nostro corpo, la nostra gestualità, il nostro abbigliamento che parla.

Nei rapporti interpersonali quando ci relazioniamo con il nostro interlocutore la prima cosa che noi mostriamo è il nostro corpo, la nostra presenza fisica ma sarà solo dopo aver parlato che ci percepirà, poiché sono le parole a fare da ponte nei rapporti. Parole che ci permettono di aprire delle finestre o di sbattere contro un muro poiché è con esse che ci avviciniamo ad un familiare, ad un amico, ad un conoscente, ad uno sconosciuto o ci allontaniamo da essi fino al punto di chiudere la porta e alzare un muro. Noi però ignoriamo l’utilizzo che ne facciamo sia della comunicazione verbale che di quella non verbale.
Quando si è deciso di costruire una vita insieme dovremmo stare molto attenti alle parole e ai gesti poiché questi possono: fare bene o male all’altro o fare bene o male alla coppia. Ci sono parole che aprono e scaldano il cuore, le "parole magiche": quelle che ci fanno piacere, che ci aprono alla gioia, che ci strappano un sorriso, che ci fanno iniziare e predisporre bene alla giornata perchè le riceviamo come un dono, ma ci sono anche le parole che toccano l’animo nel suo profondo, parole che non dovrebbero mai essere pronunciate alla persona amata perché in lei provocano aggressività, risentimento, amarezza, disistima e solitudine. Sono le parole che mettono in dubbio la sua capacità e dignità: "Lascia stare faccio io tu non sei in grado"; "Sei un’irresponsabile!"; "Sei uno stupito o un’oca!"; "Non te ne importa niente di me e dei tuoi figli!", o che la offendono anche in maniera deleteria perché o coinvolgono i genitori dell’uno o dell’altro o toccano la sfera sessuale. Parole che come delle pallottole provocano ferite laceranti, lasciano il segno e che difficilmente si dimenticano.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Gestire l'emotività con la mediazione familiare

Una buona Mediazione potrebbe aiutare la coppia a separare il canale affettivo- emotivo da quello economico del danaro

Continua

Mediazione familiare: il conflitto latente

La Mediazione familiare come strumento di prevenzione della degenerazione del conflitto

Continua

I conflitti di coppia e le differenze di genere

Molti dei problemi di comunicazione all’interno della coppia possono derivare da una mancata comprensione delle differenze uomo-donna

Continua

Mediazione familiare cos'è?

Mediazione familiare come una “opportunità”, per le coppie e per le famiglie, per trasformare una situazione da critica in una esperienza positiva

Continua

L'importanza della presenza di un padre

L’assenza del padre, sia fisica che psicologica, crea notevoli difficoltà nello sviluppo della personalità dei figli. La madre dovrebbe impedirla

Continua

I figli ci guardano, ci ascoltano, ci imitano

I figli imparano dai loro genitori a gestire lo stress, per cui tutte le volte che i genitori danno ascolto alla propria emotività loro l'assorbono

Continua

Lo sviluppo della resilienza in mediazione

La Mediazione può aiutare a sviluppare la resilienza, cioè la capacità di resistere alle circostanze difficili della vita e di reagire positivamente

Continua

I suoceri invadenti sono la causa della crisi?

Una situazione scomoda per la coppia sone le interferenze dei suoceri, ma sono proprio loro la fonte del problema?

Continua

Il Mediatore familiare, una figura specializzata

Il Mediatore familiare, un professionista che svolge una professione complessa che richiede un’adeguata formazione e preparazione

Continua

Il senso della Mediazione Familiare

La Mediazione familiare ha un senso solo se si è protagonisti, se ci si assume la propria parte di responsabilità, se si ha a cuore il bene dei figli

Continua

Educare fa rima con mediare

La Mediazione familiare come strumento di gestione dei conflitti educativi potrebbe rappresentare un'opportunità non solo per i genitori separati

Continua

Il progetto della mediazione scolastica

La Mediazione tra pari: progetto volto a responsabilizzare i ragazzi così come previsto dalla Peer Mediation americana

Continua

La filosofia della comunicazione virtuale

Una civiltà, la nostra, definita tecnologicamente avanzata ma poco più che primitiva sul piano dell’uso degli strumenti della comunicazione

Continua

La comunicazione nel divorzio

E' mera utopia pensare che quella coppia che non abbia costruito una comunicazione possa poi rispettare gli accordi presi

Continua

La mediazione dei conflitti di coppia

Non è necessario ricorrere a percorsi terapeutici per risolvere problemi o questioni quotidiane

Continua

Il progetto educativo

Costruire un progetto educativo insieme al Mediatore familiare può essere la soluzione

Continua

Gli obblighi morali del "genitore sociale o terzo genitore"

Il fenomeno della genitorialità sociale è ormai un fenomeno europeo ed extra europeo

Continua

Come nella favola di Cenerentola?

La favola di Cenerentola come esempio di conflitti familiari

Continua

I conflitti inevitabili nella coppia

E’ praticamente impossibile pensare che con il tempo non si creino conflitti nella coppia convivente

Continua

La lotta di potere nelle relazioni di coppia (1^ parte)

Entrambi i partner possono agire dentro una logica del “ Io vinco e tu perdi”, una logica di potere

Continua

La lotta di potere nelle relazioni di coppia (2^ parte)

Entrambi i partner possono agire con la logica del “io vinco e tu vinci”, logica di collaborazione

Continua

Dal conflitto di coppia alla violenza nella coppia

Identificare il conflitto e distinguerlo dalla violenza al fine di prevenire la violenza domestica

Continua

Violenza domestica e Mediazione familiare (1^ parte)

Qualunque veste assuma la violenza domestica non deve avere ad oggetto sporadici episodi ma deve costituire una modalità quotidiana d’interazione della coppia

Continua

Violenza domestica e Mediazione familiare (2^ parte)

Ecco quali sono le varie tipologie di violenza domestica

Continua

Violenza domestica e Mediazione Familiare (3^ parte)

Le diverse forme di violenza e la differente gravità della stessa ha indotto gli studiosi a compiere un esame sull'opportunità del ricorso alla Mediazione familiare

Continua

Mediazione familiare: i figli al centro rispetto alle esigenze degli adulti

I figli hanno il diritto di essere informati e accompagnati dai genitori a comprendere la separazione dei genitori

Continua

“Ho bisogno di voi!”, l'urlo inascoltato di un figlio di genitori separati

La conflittualità che danneggia i figli. La mediazione familiare come valido strumento di recupero dell’alleanza genitoriale

Continua

L’importanza di separare il ruolo coniugale da quello genitoriale

La Mediazione Familiare come strumento che facilita l’esercizio della bigenitorialità

Continua

Riflessioni sull’esperienza di Mediazione familiare

La Mediazione familiare rappresenta un metodo per gestire conflitti attivando le risorse creative della coppia per il cambiamento del rapporto

Continua

La Mediazione familiare nella famiglia allargata

Il triste destino della coppia nella famiglia ricostituita, o allargata, e come essa può divenire artefice della propria sorte

Continua