Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Cartelle esattoriali prescritte e prova della notifica


E' legittimo impugnare le cartelle esattoriali se l'agente della riscossione non è in grado di fornire la prova della notifica degli atti interruttivi
Cartelle esattoriali prescritte e prova della notifica

Si trascrive di seguito la motivazione della sentenza n. 385/1/2019 con la quale la Commissione Tributaria Provinciale di Genova ha accolto il ricorso presentato dallo Scrivente per l'annullamento di nove cartelle aventi per oggetto tributi vari.

Il cliente, per il tramite dello Scrivente, prima di adire la Commissione tributaria, aveva tentato di ottenere l'annullamento in autotutela delle cartelle e, comunque, di ricevere copia della prova della notifica degli atti interruttivi della prescrizione.

L'Agenzia delle Entrate servizio riscossione, prima aveva inviato della documentazione incompleta, poi, aveva dovuto ammettere l'assenza della prova della notifica degli atti interruttivi in quanto nell'ambito dell'agenzia sarebbe invalsa la prassi di conservare tale documentazione solo per cinque anni. Ciò è stato decisivo per l'accoglimento del ricorso.

Leggiamo la motiviazione della decisione.
"Il C......., avendo in passato subito accertamenti ed esecuzioni fiscali, ha richiesto un estratto di ruolo, a mezzo l'odierno difensore, onde verificare la propria posizione tributaria, e, a sua detta, è venuto a conoscenza, in quella sede, dell'esistenza a suo carico di nove cartelle esattoriali che risulterebbero a lui notificate in varie date comprese tra il 07.06.2005 ed il 15.03.2008.

Le cartelle concernono debiti tributari di varia natura (Tarsu per la cartella con numeri terminali 779000, relativa al 2003, .imposte dirette, compresa IRAP ed lva per la cartella con numeri terminali ..3000 e relativa all'anno 2000, ancora Tarsu per la cartella con numeri terminali ... 8000 e relativa all'anno 2004, nuovamente imposte dirette ed IVA per quelle a numeri terminali 69000 e relativa all'anno 2001, diritti della Camera di Commercio per l'anno 2002 per quella a numeri terminali 11000, imposte dirette ed IVA sempre del 2002 per quella a terminali 7000, ugualmente, ma in relazione all'anno 2003 per quella a terminali 479000, relativa alle stesse imposte ma per il 2004 per quella a terminali 66000, tassa automobilistica del 2001 per la terminali 46000, Tarsu per gli anni 2006, 2007 e 2008 per quella a terminali 41000 ed infine nuovamente tassa automobilistica, questa volta del 2006 per per quella a terminali 57000).

Il contribuente ha negato di aver ricevuto la notifica di ogni cartella richiedendo, ante causam, che l'Amministrazione documentasse una qualsiasi attività interruttiva della prescrizione.

L'Amministrazione, succeduta al concessionario della riscossione, non è stata in grado di produrre alcuna relata, ma solo gli atti attestanti la sussistenza di fermi amministrativi concernenti molte delle cartelle sopra elencate. Nondimeno, anche in relazione ai suddetti fermi, non è stata in grado di produrre i relativi preavvisi notificati, o almeno indirizzati al contribuente.

Il difetto di prova in proposito è ammesso dalla stessa Amministrazione con propria lettera del XX.XX.2018 nella quale si afferma una prassi di conservazione quinquennale.
Occorre prima di tutto escludere che la mera esecuzione del fermo amministrativo, senza comunicazione dello stesso, interrompa la prescrizione. E' ben vero che la giurisprudenza civile contempla il carattere non necessariamente ricettizio degli atti interruttivi della prescrizione, ma è altrettanto vero che l'atto deve comunque essere potenzialmente idoneo a venire tempestivamente a conoscenza del debitore e deve essere irrevocabilmente licenziato "a sua destinazione". Al contrario l'esecuzione del fermo avviene con comunicazione tra amministrazioni, salvo l'avviso, che è precisamente ciò di cui non vi è traccia.

Detto quanto sopra, e considerato che intercorre oltre un decennio dall'emissione anche della più recente delle cartelle in questione, divengono assolutamente irrilevanti tutte le questioni relative ai termini di prescrizione delle singole imposte, ai quali occorrerebbe, in teoria, far riferimento, posto che nessuna cartella risulta esecutiva di un giudicato e, come ormai pacifico, l'emissione della cartella non muta la natura del credito. La distinzione, infatti, farebbe emergere al massimo termini di prescrizione decennali i quali sarebbero comunque decorsi.

Il ricorso deve essere accolto. Il fatto che non sia stata neppure posta in discussione l'originaria sussistenza del debito tributario e la considerazione della sostanziale definizione della controversia su ammissione della stessa amministrazione, giustificano la compensazione delle spese di lite".

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

BULLISMO E CYBERBULLISMO

IL CYBERBULLISMO: DEFINIZIONE, CONDOTTE E MEZZI DI CONTRASTO

Continua

L'inquilino nel condominio

Il conduttore di un immobile ha diritto ad essere convocato dall'Amministratore pro tempore; in caso contrario, le delibere approvate saranno viziate

Continua

Frazionamento di un bene in condominio

Il frazionamento di un bene di proprietà esclusiva di un condòmino: un caso pratico

Continua

Recesso ingiustificato del promittente compratore

Il mancato rispetto di un termine intermedio non costituisce grave inadempimento tale da giustificare il recesso del promittente compratore

Continua

Diniego illegittimo del permesso di soggiorno

Le condanne relative a reati ostativi non possono comportare automaticamente il diniego del permesso di soggiorno se intervenute prima del 2002

Continua

Illegittimità della C.M.S. e C.D.F.

Nullità di tutte le clausole comunque denominate che prevedano commissioni a favore delle banche a fronte della concessione di linee di credito

Continua

Il rapporto fra il condominio ed i suoi fornitori

Ottenuta la condanna del Condominio, il creditore può procedere all'esecuzione contro i singoli morosi in base alla quota di proprietà esclusiva

Continua

Opposizione a Decreto ingiuntivo e precetto

E' inammissibile proporre contestualmente, con lo stesso atto, l`opposizione a decreto ingiuntivo e l`opposizione all`atto di precetto

Continua

La delibera di approvazione del bilancio

Il Giudice dell’opposizione a decreto ingiuntivo non ha il potere di sindacare la validità della delibera che ha approvato il bilancio

Continua

E' esclusivo il foro del condominio consumatore

Il foro del consumatore è da considerarsi esclusivo ed inderogabile anche allorquando la qualità di consumatore è rivestita dal condominio

Continua

Efficacia della sentenza di divisione ereditaria

Il capo della sentenza di primo grado che condanni una parte a pagare all'altra una somma a titolo di conguaglio è provvisoriamente esecutiva

Continua

Quando è legittimo aprire una porta caposcala

E' invalida la delibera dell’assemblea con cui si vieta al proprietario di aprire un varco di collegamento fra il proprio immobile e l'androne.

Continua

Un contributo in tema di usura bancaria

Il dibattito sull'interpretazione dell'art. 644 c.p. in ambito bancario è aperto e attuale, proviamo a fare un po` di chiarezza

Continua

Il contributo in tema di usura: C.M.S. e C.D.S

Illegittimità delle C.M.S. e C.D.F. alla luce della più recente giurisprudenza di merito: le conseguenze pratiche

Continua

Valore delle istruzioni della Banca d'Italia

Le ragioni che inducono a ritenere che le istruzioni della Banca d'Italia non sono fonti del diritto in tema di calcolo del Teg del contratto di mutuo

Continua

Usura e differenziale di mora

Le argomentazioni giuridiche che dovrebbero indurre a considerare nel calcolo del TEG anche il differenziale di mora

Continua

Divisione immobiliare giudiziaria

Condanna alla rifusione delle spese di lite per la parte che si oppone alla divisione ingiustificatamente

Continua

Sulle linee di credito decide il giudice del conto

Linee di credito e conti anticipi non hanno autonomia rispetto al contratto di conto corrente di riferimento

Continua

Interessi di mora ed usura

Qualora le parti pattuiscano un tasso di mora superiore alla soglia il contratto di mutuo viene convertito in mutuo gratuito

Continua

Usura e costi eventuali

Tutti i costi pattuiti nel contrato di mutuo, anche se eventuali, devono essere considerati nel calcolo del Taeg da confrontare con il tasso soglia

Continua

Nullità del contratto di mutuo

Il contratto di mutuo fondiario è nullo se la banca eroga una somma superiore all'80% del valore dell'immobile compravenduto

Continua

Tasso di mora e usura

Tre orientamenti favorevoli ai clienti

Continua

Espropri di pubblica utilità in Liguria

Alcuni consigli pratici per chi si trovi coinvolto, proprio malgrado, in un esproprio per pubblica utilità

Continua

Nullità dei contratti bancari non sottoscritti

I contratti bancari che non siano sottoscritti da entrambe le parti sono nulli per carenza di uno dei requisiti fondamentali del contratto: la forma

Continua

Nullità del contratto di mutuo per falsità del TAEG

Se il TAEG indicato in contratto è difforme da quello pagato si deve applicare l'art. 117 T.U.B. o, in subordine, l'art. 125 bis T.U.B., vista la nullità del contratto

Continua