Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Nullità del contratto di mutuo per falsità del TAEG


Se il TAEG indicato in contratto è difforme da quello pagato si deve applicare l'art. 117 T.U.B. o, in subordine, l'art. 125 bis T.U.B., vista la nullità del contratto
Nullità del contratto di mutuo per falsità del TAEG

Recentemente, mi è capitato di leggere una sentenza del Tribunale di Savona, Dott.ssa Tabacchi (la n. 32 del 2019) che mi lascia molto perplesso in quanto ha affermato due principi che, a parere dello Scrivente, sono erronei.
Il Giudice afferma, difatti, che:
•    un contratto di mutuo, nel quale è indicato un TAEG, nel cui calcolo non è considerato il costo di una polizza assicurativa di circa € 16.000,00, non è nullo e, pertanto, non si applicherebbe a detto contratto di mutuo la sanzione civile di cui all’art. 117 T.U.B.;
•    sebbene il contratto di mutuo sia stipulato fra un consumatore e la banca, non si applicherebbe l’art. 125 bis TUB per motivi che non sono neppure  spiegati nella motivazione.
Questa decisione dà lo spinto per analizzare due argomenti molto interessanti, sui quali, sarebbe opportuno fare un po’ di chiarezza.


1. Sulle conseguenze della falsità del TAEG

Quanto al primo aspetto, la decisione è sbagliata perché se accogliamo quest’interpretazione della disposizione, le banche potrebbero scrivere quello che voglio, nel contratto di mutuo (anche che il TAEG è pari a 0), senza essere passibili di alcuna sanzione.

In quest’ipotesi, quindi, si vanificherebbe la funzione dell’art. 117 T.U.B. che sanziona tutti quei comportamenti atti a rendere vana la certezza che discende dalla forma scritta.
Non è un caso che l’art. 117 T.U.B. imponga la redazione del contratto mediante forma scritta ed il fatto che la banca debba consegnare un originale del contratto, sottoscritto, al cliente.

Non è neppure un caso che subito dopo aver imposto la forma scritta ad substanziam, imponga che l’importo delle commissioni e i tassi di interesse debbano essere specificatamente indicati nel contratto.

Il sistema che il legislatore ha voluto creare, a seguito delle note riforme che si sono susseguite in materia di trasparenza bancaria, è un sistema normativo rivolto a tutelare, nel modo più completo, il cliente di modo da evitare incertezza sul contenuto delle pattuizioni, soprattutto, quelle che contengono oneri (siano essi interessi, costi o commissioni).
In base al sistema normativo creato:
•    prima, il legislatore ha imposto il requisito della forma;
•    poi, ha imposto il contenuto: indicazione specifica del tasso di interesse e degli altri oneri.

Se si legge con un minimo di coerenza quanto ha scritto il legislatore, non si può che affermare che i tassi, gli oneri, i costi e le commissioni non solo debbono essere indicati, ma devono essere indicati in maniera corretta, ossia essere quelli, poi, applicati concretamente.
Affermare che tali voci debbano essere indicate, ma che non è necessario che siano quelle effettivamente applicate, è un modo come un altro  per dire che, sul contratto, ci si può scrivere tutto quello che si vuole (basta che ci sia scritto qualcosa).

Francamente, tale affermazione mi pare oltre modo illogica e contraria al diritto.
Non avrei mai pensato  di dover spiegare (ma evidentemente mi sbagliavo, visto quanto scritto in  questa sentenza) che se una disposizione recita: “…I contratti indicano il tasso d'interesse e ogni altro prezzo e condizione praticati, inclusi, per i contratti di credito, gli eventuali maggiori oneri in caso di mora…” significa che il tasso, i prezzi e le condizioni devono essere quelle, poi, applicate.

A quanto sopra, si aggiunga che il TAEG non è altro che il tasso che riassume il costo globale  del contratto; esso è costituito, in termini percentuali e su base annua, dalla somma di tutti i costi e remunerazioni.
La sua falsità costituisce una violazione dell’art. 117 T.U.B. in quanto esso è un tasso di interesse, o meglio, esso rappresenta, per eccellenza, il costo del finanziamento proprio come recita il quarto comma dell’art. 117 TUB che stabilisce “…I contratti indicano il tasso d'interesse e ogni altro prezzo…”.

L’indicazione non corretta del prezzo costituisce una causa di nullità della clausola che determina il costo globale del finanziamento.
La conseguenza di quanto sopra è che:
•    le commissioni ed le spese riassunte nel TAEG non saranno dovute;
•    i tassi saranno sostituiti secondo quanto statuito dall’art. 117 T.U.B.
Un’interpretazione differente non è coerente con l’interpretazione letterale della legge.


2. Sull’applicabilità al caso di specie dell’art. 125 bis T.U.B.

Prescindendo, per un attimo dai ragionamenti dei quali sopra, si evidenzia che, ad ogni buon conto, il Giudice, in base al principio jura novit curia ben avrebbe potuto applicare al contratto di mutuo l’art. 125 bis T.U.B.
Il contratto di mutuo è stato stipulato fra la banca (professionista) ed i clienti (consumatori), pertanto, rientra, a pieno titolo, nei contratti disciplinati dal Capo II del Titolo VI del T.U.B.
Il Capo II, difatti,  è rubricato “Credito ai consumatori”.

Esso detta le disposizioni che disciplinano i contratti di credito ai consumatori.
Alcuni interpreti che leggono la rubrica del titolo in maniera disattenta (o di parte) parlano di credito al consumo che è cosa ben diversa.

Con l’espressione credito al consumo si intendono tutte quelle attività di finanziamento delle persone fisiche e delle famiglie che hanno lo scopo di sostenere i consumi. Il credito al consumo si caratterizza per il fatto che non serve per sostenere investimenti, ma solo per finanziare la spesa corrente delle famiglie. Allorquando si parla di credito al consumo, pertanto, ha rilievo sia il soggetto che compie l’operazione (la persona fisica o la famiglia) ma anche la natura dell’operazione economica, ossia, il fatto che essa rientri nell’ambito della spesa corrente.

Il credito ai consumatori è una cosa ben diversa perché ciò che rileva è esclusivamente il soggetto che compie l’operazione: il consumatore.

In pratica il rapporto fra credito ai consumatori e credito al consumo è assimilabile al rapporto fra genere e specie.
Il credito al consumo è una specie del genere credito ai consumatori.
Il T.UB. con le disposizioni contenute nel II titolo del capo VI disciplina il credito ai consumatori.
Non vi è dubbio che il contratto di mutuo sia uno strumento finanziario con il quale il professionista (banca) concede credito al consumatore (cliente). Il fatto che detto credito sia utilizzato per acquistare o ristrutturare un immobile (invece che per fare acquistare un televisore e/o un viaggio) è assolutamente indifferente perché  la rubrica del suddetto titolo è “Credito ai consumatori” e non “Credito al consumo”.

La conseguenza di quanto sopra, è l’applicazione dell’art. 125 bis T.U.B.
Vista la dedotta nullità, il Giudice ritenendo applicabile l’art. 125 bis T.U.B. in luogo dell’art. 117 T.U.B., avrebbe dovuto applicarlo in virtù del principio jura novità curia.

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

BULLISMO E CYBERBULLISMO

IL CYBERBULLISMO: DEFINIZIONE, CONDOTTE E MEZZI DI CONTRASTO

Continua

L'inquilino nel condominio

Il conduttore di un immobile ha diritto ad essere convocato dall'Amministratore pro tempore; in caso contrario, le delibere approvate saranno viziate

Continua

Frazionamento di un bene in condominio

Il frazionamento di un bene di proprietà esclusiva di un condòmino: un caso pratico

Continua

Recesso ingiustificato del promittente compratore

Il mancato rispetto di un termine intermedio non costituisce grave inadempimento tale da giustificare il recesso del promittente compratore

Continua

Diniego illegittimo del permesso di soggiorno

Le condanne relative a reati ostativi non possono comportare automaticamente il diniego del permesso di soggiorno se intervenute prima del 2002

Continua

Illegittimità della C.M.S. e C.D.F.

Nullità di tutte le clausole comunque denominate che prevedano commissioni a favore delle banche a fronte della concessione di linee di credito

Continua

Il rapporto fra il condominio ed i suoi fornitori

Ottenuta la condanna del Condominio, il creditore può procedere all'esecuzione contro i singoli morosi in base alla quota di proprietà esclusiva

Continua

Opposizione a Decreto ingiuntivo e precetto

E' inammissibile proporre contestualmente, con lo stesso atto, l`opposizione a decreto ingiuntivo e l`opposizione all`atto di precetto

Continua

La delibera di approvazione del bilancio

Il Giudice dell’opposizione a decreto ingiuntivo non ha il potere di sindacare la validità della delibera che ha approvato il bilancio

Continua

E' esclusivo il foro del condominio consumatore

Il foro del consumatore è da considerarsi esclusivo ed inderogabile anche allorquando la qualità di consumatore è rivestita dal condominio

Continua

Efficacia della sentenza di divisione ereditaria

Il capo della sentenza di primo grado che condanni una parte a pagare all'altra una somma a titolo di conguaglio è provvisoriamente esecutiva

Continua

Quando è legittimo aprire una porta caposcala

E' invalida la delibera dell’assemblea con cui si vieta al proprietario di aprire un varco di collegamento fra il proprio immobile e l'androne.

Continua

Un contributo in tema di usura bancaria

Il dibattito sull'interpretazione dell'art. 644 c.p. in ambito bancario è aperto e attuale, proviamo a fare un po` di chiarezza

Continua

Il contributo in tema di usura: C.M.S. e C.D.S

Illegittimità delle C.M.S. e C.D.F. alla luce della più recente giurisprudenza di merito: le conseguenze pratiche

Continua

Valore delle istruzioni della Banca d'Italia

Le ragioni che inducono a ritenere che le istruzioni della Banca d'Italia non sono fonti del diritto in tema di calcolo del Teg del contratto di mutuo

Continua

Usura e differenziale di mora

Le argomentazioni giuridiche che dovrebbero indurre a considerare nel calcolo del TEG anche il differenziale di mora

Continua

Divisione immobiliare giudiziaria

Condanna alla rifusione delle spese di lite per la parte che si oppone alla divisione ingiustificatamente

Continua

Sulle linee di credito decide il giudice del conto

Linee di credito e conti anticipi non hanno autonomia rispetto al contratto di conto corrente di riferimento

Continua

Interessi di mora ed usura

Qualora le parti pattuiscano un tasso di mora superiore alla soglia il contratto di mutuo viene convertito in mutuo gratuito

Continua

Usura e costi eventuali

Tutti i costi pattuiti nel contrato di mutuo, anche se eventuali, devono essere considerati nel calcolo del Taeg da confrontare con il tasso soglia

Continua

Nullità del contratto di mutuo

Il contratto di mutuo fondiario è nullo se la banca eroga una somma superiore all'80% del valore dell'immobile compravenduto

Continua

Tasso di mora e usura

Tre orientamenti favorevoli ai clienti

Continua

Espropri di pubblica utilità in Liguria

Alcuni consigli pratici per chi si trovi coinvolto, proprio malgrado, in un esproprio per pubblica utilità

Continua

Nullità dei contratti bancari non sottoscritti

I contratti bancari che non siano sottoscritti da entrambe le parti sono nulli per carenza di uno dei requisiti fondamentali del contratto: la forma

Continua