Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Azione riduzione unitamente a azione scioglimento comunione immobili


Azione riduzione e scioglimento di comunione sugli immobili ereditari. Criteri di applicazione dell'azione di riduzione alle donazioni effettuate in vita dal de cuius
Azione riduzione unitamente a azione scioglimento comunione immobili

Cassazione Civile Sez. II, Sent. n. 23862/2023 pubblicata il 4 agosto 2023

Proponibilità azione di riduzione unitamente a quella di scioglimento di comunione sugli immobili ereditari. Criteri di applicazione della azione di riduzione alle donazioni fatte in vita.

Azione di riduzione per lesione di legittima di donazioni – criterio riduzione delle donazioni- nei limiti di quanto sopravanzi in caso di successione legale - proporzionale per le disposizioni testamentarie – tassatività.

Azione di riduzione assenza di litisconsorzio necessario sia dal lato attivo che passivo- disposizioni lesive della legittima – non automatica nullità o inefficacia – diritto potestativo di renderle inefficaci in capo al solo legittimario che proceda con azione di riduzione. 

Il caso in esame trae origine dalla proposizione di azione di riduzione da parte di uno dei tre fratelli avverso le donazioni effettuate dal padre in vita, e morto senza testamento, a favore di due di essi in quanto lesive della quota di legittima. Unitamente alla domanda principale il figlio chiedeva la divisione dei terreni relitti dal padre e a seguito della successione legale passati in comunione pro-indiviso tra i tre. Il Tribunale di prime cure accoglieva la domanda dell’attore riducendo l’ultima donazione e quanto della penultima necessario a ripristinare la quota di legittima, assegnava i singoli lotti dei terreni agli eredi tramite assegnazione a sorte.

Seguiva appello alla sentenza da parte dei condannati, i quali tra le altre eccezioni contestavano l’erronea applicazione dei principi in tema di riduzione. La Corte d’Appello in accoglimento dell’appello procedeva alla riduzione in proporzione delle donazioni effettuate considerandole quasi coeve a vantaggio di tutti glie eredi legittimari non beneficiari di donazioni, confermando la divisione dei terreni.

La Cassazione è stata, dunque, chiamata a pronunciarsi sulla violazione dell’art 559 cod. civ. con esplicito riguardo alla modalità in cui dovevano essere ridotte le donazioni, sostenendo la necessità di procedere alla riduzione delle donazioni più recenti e poi a seguire quelle più risalenti e non di tutte in maniera proporzionale. Secondo motivo di impugnazione riguardava, poi, l’errata considerazione del diritto alla riduzione del legittimario come rilevabile di ufficio prescindendo dalla proposizione o meno della relativa azione; in questo modo, di fatto, ritenendo la azione di riduzione non un’azione personale, in pacifica violazione di quanto stabilito dall’art. 557 cod. civ.

La Consulta ha cassato la sentenza ritenendo meritevoli di accoglimento ambedue i motivi proposti.

La sentenza in commento analizza il complesso sistema delle azioni di riduzione ereditaria andando a toccare due temi estremamente importanti di questo argomento. Da un lato la Cassazione torna chiarificando in maniera inequivocabile quale sia la modalità con cui il Giudice di merito deve procedere alla riduzione delle donazioni fatte in vita; modalità che cambia, come previsto dal Codice civile, a seconda che trattasi di riduzione di donazioni fatte in vita dal de cuius in presenza di successione testamentaria o in presenza di successione legittima. Dall’altro ribadisce con precisione i confini di cui all’art. 557 cod. civ. in tema di natura dell’azione di riduzione, legittimazione ad agire, litisconsorzio necessario dal lato attivo e dal lato passivo in questo tipo di azioni.

Le azioni di riduzione trovano il proprio fondamento giuridico nelle previsioni di cui agli artt. 536 e 557 cod. civ. e sono poste dall’ordinamento a tutela della quota riservata gli eredi legittimari dal Codice. I legittimari, cui la legge riserva una quota di eredità, hanno, dunque, diritto nel concorso con altri successibili, ad ottenere la riduzione delle porzioni che spetterebbero agli altri successibili nei limiti necessari a reintegrare la quota loro riservata, al netto di eventuali donazioni o legati ricevuti dal defunto.

La citata norma trova applicazione sia in caso di successione testamentaria che in caso di successione ab intestato, ma secondo modalità differenti. La riserva di una quota di patrimonio del de cuius assume due connotazioni differenti a seconda della tipologia di delazione che opera. Nella successione testamentaria funge da limite all’autonomia privata del testatore, per regolare i casi in cui vi sia conflitto tra la volontà di quest’ultimo e le norme di legge. Nella successione ab intestato, invece, le norme sulla riduzione intervengono come limite all’ambito di applicazione delle norme in tema di riparto legale dei beni. In altre parole, quando la quota riservata al legittimario non gli consenta di ottenere sui beni lasciati almeno quanto in astratto gli attribuisce la legge, le norme sulla legittima si sostituiscono a quelle sulla successione ab intestato come criterio di determinazione delle quote spettanti agli eredi legittimari in concorso con altri successibili non legittimari.

Proprio in virtù della differente finalità assunta dalle norme in tema di riduzione a seconda della tipologia di delazione ereditaria che si apre, differente è anche la modalità in cui dette norme operano. Per quel che riguarda la sentenza in esame la decisione della Corte di Appello viene censurata proprio per il criterio adottato nella riduzione delle donazioni fatte in vita, in quanto il Giudice di merito ha seguito il criterio stabilito per la riduzione delle donazioni nelle successioni per testamento in luogo di quello per le successioni ab intestato. Ove le donazioni effettuate in vita intacchino la quota di legittima riservata al legittimario, infatti, e il de cuius sia deceduto senza lasciare disposizioni, a mente dell’art 555, co. 2 cod. civ., a seguito di azione di riduzione le donazioni sono soggette a riduzione nei limiti di quanto eventualmente sopravanzi a ciò che compete come legittimario, fino ad esaurimento dei beni che ne formano oggetto. Il menzionato articolo va, inoltre, letto ed applicato di concerto alla previsione del successivo art 559 cod. civ. che stabilisce che le donazioni si riducano cominciando dall’ultima, al fine di salvaguardare il principio di irrevocabilità delle donazioni più risalenti da parte del donante.

Nel diverso caso di decesso in presenza di disposizioni testamentarie l’art. 554 cod. civ. prevede una riduzione proporzionale delle donazioni lesive della quota di legittima, ma sempre secondo il criterio cronologico inderogabile dettato dall’art. 559 cod. civ. che è tassativo. A questo punto occorre determinare l’esatta successione temporale delle donazioni lesive al fine di poter procedere alla corretta riduzione proporzionale.

La Corte di merito ha, dunque, errato nell’applicare il criterio della riduzione proporzionale, previsto per la sola successione testamentaria, ad una successione ab intestato, con conseguente censura da parte della Consulta. L’applicazione del corretto principio cambia di fatto completamente la sentenza, facendo si che la sola ultima donazione venga ridotta essendo sufficiente e ri-perequare le quote e annullare la lesione della legittima, restando la precedente intoccata (facendo salvo il principio di irrevocabilità delle donazioni più risalenti).

La Consulta ribadisce, poi, un’importante nozione di diritto sempre in tema di azione di riduzione e quota di legittima.

La Corte di merito nel disporre la restituzione dell’avuto “in più” lo fa non solo a favore dell’erede che aveva promosso domanda di riduzione, ma anche a favore dell’altro erede legittimario senza che quest’ultimo avesse proposta la relativa domanda. Ebbene l’azione di riduzione ha il proprio fondamento come visto poco sopra nel diritto potestativo spettante all’erede legittimario di vedersi riconosciuta la quota riservatagli per legge. Trattasi di vero e proprio diritto potestativo, ovvero la facoltà di modificare la sfera giuridica altrui – rendere inefficaci in tutto o in parte le donazioni ricevute - su mero impulso della sola parte che lo detiene senza che l’altra possa impedirlo. L’azione di riduzione con cui si perviene all’esercizio di tale diritto è un’azione costitutiva il cui accoglimento determina il venir meno in tutto o in parte delle donazioni o disposizioni testamentarie effettuate al fine di reintegrare la quota riservata per legge al legittimario. Del resto, la Corte di legittimità è concorde nel ritenere l’insussistenza di un litisconsorzio necessario sia dal lato attivo che da quello passivo nell’azione di riduzione, ben potendo la medesima essere proposta contro uno solo dei soggetti beneficiari delle donazioni o disposizioni lesive e dispiegando i propri effetti solo su quest’ultimo. Dai già menzionati requisiti, unitamente alla previsione di cui all’art. 557 cod. civ. che limita la proposizione della medesima ai soli eredi legittimari o loro aventi causa, non può che discendere la stretta personalità dell’azione e la conseguente non rilevabilità d’ufficio della lesione della quota riservata ad un legittimato che non abbia esercitato l’azione di riduzione.

Benché non oggetto di contestazione in questo giudizio né in sede di merito né in sede di legittimità, merita un rilievo anche il fatto che le tre Corti abbiano ritenuto ammissibili, del che proponibili, le due azioni di riduzione e divisione della comunione ereditaria in unico Giudizio. In materia non vi sono previsioni che lo impediscano e, in tal senso, nessuna delle parti lo ha contestato né i Giudici chiamati ad esprimersi lo hanno rilevato anche se usualmente l’azione di divisione ereditaria viene proposta separatamente da quella di riduzione. Ebbene in ossequio al principio di economia processuale essendoci chiara connessione tra le due domande sia oggettiva che soggettiva e, previa notifica dell’azione a tutti i litisconsorti necessari – questi si in tema di azione di divisione della comunione ereditaria -, la proposizione delle due domande nel medesimo giudizio non solo permette una più spedita definizione delle questioni ereditarie, ma, consente anche al Giudice di procedere ad una eventuale compensazione tra gli importi riconosciuti come lesivi della quota di legittima e le quote dei beni ereditari da attribuire ai singoli eredi legittimari.

Nel caso di specie, poi, non vi si è provveduto in quanto – come non molto frequentemente accade – i terreni erano divisibili in natura e, dunque, attribuibili per medesime quote ai legittimari, addirittura tramite sorteggio dei lotti individuati dal CTU, ma può essere di monito per chi si accinga a dover affrontare non solo la necessità di ridurre le donazioni lesive, ma anche a dover sciogliere la comunione forzosa creatasi dalla successione sugli immobili ereditari.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Notifiche Equitalia a mezzo posta

Commissione Tributaria Regionale Emilia Romagna, sent. n. 2005/8/2015

Continua

Indeducibilità indicazioni generiche in fattura

Corte di Cassazione n. 21980 del 28 ottobre 2015, "Fatturazione delle operazioni"

Continua

Mediazione tributaria obbligatoria

Ambiti di applicazione oggettivo e soggettivo

Continua

Atto Tributario annullabilità, nullità

Annullabilità, nullità ed inesistenza dell'atto tributario. <br />(Corte di Cassazione, con sentenza n. 22803 del 09.11.2015)

Continua

Amministratore di Condominio/Agente immobiliare?

L'Amministratore di Condominio può fare l'Agente Immobiliare?

Continua

Contenzioso tributario - Competenza territoriale

Commissioni Tributarie Provinciali - Determinazione in base alla sede del concessionario. Illegittimità. <br />Corte Costituzionale 3 marzo 2016

Continua

Notifica ai soggetti residenti all'estero

Per il cittadino italiano residente all'estero e iscritto all'AIRE, la notificazione è valida se effettuata all'indirizzo della residenza estera

Continua

Rottamazione delle cartelle

Rottamazione delle cartelle: ultime news (modifiche al DL 193/2016).

Continua

Diritto del consumo, adeguata informazione

Sentenza n. 17364/2016: l’adeguata informazione quale diritto fondamentale del consumatore/utente.

Continua

Redditometro: natante di piccole dimensioni

Corte di Cassazione: conferma l’annullamento dell’avviso di accertamento al contribuente proprietario di un natante di piccole dimensione

Continua

Rottamazione delle cartelle e semplificazione

Approvato il d. l. n. 193/2016: al via la rottamazione delle cartelle e non solo

Continua

Il via all’acquamineralometro

La Corte di Cassazione dà il via all’ acquamineralometro

Continua

Condominio e trasformazione dell`area giardino

La trasformazione in parcheggio di una parte del giardino non costituisce alterazione del decoro architettonico. Cassazione Sentenza n. 24960/2016

Continua

Eredità: accettazione tacita

Sentenza n. 6811/2016 pagamento debiti ereditari ed accettazione tacita dell'eredità ex art. 476 c.c.: non vi è coincidenza

Continua

Avviso di accertamento

La mancata risposta all'avviso di accertamento può comportare la legittimità dell'avviso di accertamento

Continua

Diritto Tributario: elusione e onere della prova

CTR Sardegna: abuso del diritto ed onere della prova, l’ufficio è tenuto a provare la condotta elusiva delle società.

Continua

Condominio e uso della cosa comune

Cassazione: verso un'interpretazione meno restrittiva circa l'uso della cosa comune in condominio

Continua

Inapplicabilità del criterio della prevalenza per il concordato

Nella cessione dell'azienda in esercizio ovvero nel conferimento dell'azienda in esercizio in una o più società si applicano le disposizioni dell'art. 186-bis l.f.

Continua

Coronavirus: inadempimento e forza maggiore

Non è semplice stabilire se il Coronavirus, o le consequenziali misure restrittive adottate dalle Autorità, possa costituire valida causa di impossibilità

Continua

RC auto: gli effetti delle misure urgenti

Tra le misure urgenti adottate dal Governo connesse all'emergenza Coronavirus rientra la possibilità di sospensione del pagamento delle polizze RC auto obbligatorie

Continua

Nuove disposizioni per l'accesso al Fondo di solidarietà mutui prima casa

Con l'entrata in vigore della L. 244/2007, il nostro ordinamento ha istituito il Fondo di solidarietà per i mutui utilizzati per l'acquisto della prima casa

Continua

Procedura esecutiva immobiliare e contratto di locazione opponibile

"Non è infrequente trovarsi di fronte a terzi occupanti l'immobile sottoposto a pignoramento che esibiscono contratti di locazione"

Continua

Contratti di locazione, sospensione dei termini

La sospensione prevista dal decreto riguarda anche il versamento dell’imposta di registro dei contratti di locazione

Continua

Amministratore di condominio condannato per appropriazione indebita

L'amministatore che utilizza le somme versate sul conto corrente di un condominio per far fronte alle necessità di un altro condominio commette reato

Continua

Coronavirus: la sospensione dei mutui

E' possibile richiedere la sospensione del mutuo per un massimo di due volte e per un periodo complessivo di 18 mesi prorogandone così la scadenza

Continua

Fisco e compravendita: contestazione del contenuto dell'atto notarile

Il fisco può contestare che l’immobile acquistato sia in uno stato diverso da quello descritto nel rogito

Continua

Compravendita: è possibile il recesso dal preliminare in mancanza di agibilità?

Cassazione: il rifiuto del promissario acquirente al rogito, nell’ipotesi di immobile non conforme, è giustificato

Continua

Modifica di parte comune: innovazione vietata o sopraelevazione?

Cassazione: costituisce innovazione vietata e non sopraelevazione l’opera che sottrae un bene all’uso comune

Continua

Il Condomino non può accorpare al suo appartamento parti comuni

Quando la cosa di proprietà collettiva è sottratta al godimento altrui, risulta necessario il consenso negoziale di tutti in forma scritta

Continua

Danno per mancata locazione immobile a causa di infiltrazioni d'acqua

Il Tribunale di primo grado ha condannato il Condominio al risarcimento del danno subito dai condomini per l’impossibilità di locare l’immobile

Continua

Condominio: quando il contraddittorio deve essere integrato nei confronti di tutti i condomini?

Accertamento dell’usucapione di un diritto di servitù di passaggio sul bene condominiale: il contraddittorio deve essere integrato nei confronti di tutti i condomini

Continua

Cappotto termico in condominio a carico di tutti

Tutte le opere effettuate sulle facciate esterne sono assoggettate alla ripartizione delle spese in misura proporzionale al valore delle singole proprietà

Continua

Sciolto preliminare per mutuo dissenso con restituzione della caparra

Con l’ordinanza n. 28391/2020 si precisa che in caso di inadempimenti reciproci posti in essere, il preliminare si scioglie con restituzione della caparra

Continua

Paletti di ferro in garage: non necessario il permesso di costruire

Il Tribunale Regionale ha accolto il ricorso del condominio contro l’ordinanza del Comune che aveva ingiunto di abbattere i paletti infissi al suolo senza calcestruzzo

Continua

Posti auto in condominio: tanti quanti sono gli immobili di proprietà

In via generale la delibera assembleare non può attribuire ai condomini con più millesimi due o più posti auto, questo perché ne deve essere consentito l’uso paritario

Continua

La ditta creditrice può agire verso i condomini insolventi

La condomina richiedeva la revoca del titolo esecutivo affermando che la ditta creditrice avrebbe dovuto in primis escutere il condominio e non il singolo condomino

Continua

Mancata notifica: stop alla demolizione dell'immobile abusivo

I comproprietari contestavano la violazione e falsa applicazione dell’art. 31 del D.P.R. 380/2001 per difetto assoluto dei presupposti.

Continua

No al beneficio del proprietario se affitta riservandosi l'uso di una stanza

La conservazione dell’agevolazione è subordinata alla manifestazione di volontà di destinare anche il nuovo immobile ad abitazione principale

Continua

Posti auto in condominio

Il proprietario di due appartamenti accorpati ha diritto ad altrettanti spazi per il parcheggio?

Continua

Responsabile il notaio che viola il dovere di consiglio

Risulta responsabile il notaio che viola il dovere di consiglio in fase di compravendita immobiliare.

Continua

Le sorti del pagamento in via anticipata dei canoni di locazione

Procedura esecutiva immobiliare e contratto di locazione opponibile: le sorti del pagamento in via anticipata dei canoni di locazione

Continua

Responsabilità nell'identificazione del soggetto che rilascia procura

In questo articolo trattiamo la tematica relativa alla responsabilità del notaio nell’identificazione del soggetto che rilascia procura

Continua

Demolizione muro, eliminazione posto per accedere alla proprietà

Cortile comune: il condomino non può demolire il muro nel cortile per accedere alla sua proprietà se elimina i posti auto

Continua

Infiltrazioni da rottura tubo in condominio: quando paga l’assicurazione?

Riconosciuta la piena responsabilità del condominio per tutti i danni da infiltrazione di acqua nelle unità immobiliari di proprietà esclusiva

Continua

Abusi edilizi: niente niente demolizione se sono di scarsa entità

Niente demolizione se sono di scarsa entità, risalenti nel tempo e se l’Amministrazione ha ingenerato nel privato un legittimo affidamento

Continua

Prima casa, la mancanza di abitabilità non costituisce forza maggiore

Benefici “prima casa”: la mancanza di abitabilità non costituisce forza maggiore

Continua

Realizzazione di innovazione in condominio: occorre unanimità

E’ necessaria l’unanimità nel caso in cui una delibera condominiale abbia ad oggetto la realizzazione di una vera e propria innovazione

Continua

Nessun compenso all'amministratore di condominio per lavori straordinari

E' sorto il dubbio se sia legittima la richiesta dell’amministratore di condominio di un compenso per i lavori straordinari non indicato nel preventivo

Continua

Notaio responsabile dei danni subiti dalla banca

Notaio responsabile dei danni subiti dalla banca per aver omesso e/o non eseguito con la dovuta diligenza, le verifiche sulla libertà dell’immobile oggetto di garanzia

Continua

Regolamento condominiale: esclusione dei condomini dalla comproprietà

Il regolamento di condominio non può escludere alcuni condomini dalla comproprietà del lastrico solare

Continua

L’intonaco si stacca dalla facciata: i condomini sono responsabili

Se l'intonaco di stacca dalla facciata, i condomini sono responsabili per la mancata messa in sicurezza

Continua

Ascensore per disabili in Condominio: quali regole?

La realizzazione dell’impianto rientra nell’eliminazione delle barriere architettoniche e l’interessato può provvedere a sue spese contro la volontà degli altri

Continua

Controlli più stringenti nelle località da “seconda casa”

Il comune può negare la residenza anche se i controlli dei vigili sono stati fatti in orario d’ufficio

Continua

Comunione di beni immobili, utilizzo esclusivo del bene e indennità

Cass. Civ. II Sezione 12028/2023 del 9/03/23. Utilizzo esclusivo del bene comune. Indennità ai non utilizzatori, non dovuta in assenza di prova esclusione uso

Continua

Vendibili immobili abusivi anche in assenza certificato di agibilità

Cassazione Civile II Sez. n. 23370/2023 pubblicata il 1° agosto 2023

Continua

Donazioni in vita e testamentarie, sentenza della Cassazione Civile

Proponibilità azione di riduzione unitamente a quella di scioglimento di comunione sugli immobili ereditari

Continua

Certificato di agibilità immobile: sentenza della Cassazione Civile

Interpretazione del contratto, necessaria lettura delle clausole convenute dalle parti per comprendere la reale volontà delle medesime, interpretazione del contratto

Continua

Comunione di immobili, utilizzo esclusivo di uno dei comproprietari

L'utilizzo esclusivo di un immobile da parte di uno dei comproprietari è stato definito nella sentenza della Corte di Cassazione

Continua

Obblighi contributivi in cessione di azienda dichiarata invalida

L’obbligo di pagare i contributi previdenziali rimane a carico del cedente l’azienda, anche per il periodo in cui la cessione è rimasta in itinere

Continua

Legge di Bilancio 2023 e la decontribuzione nelle assunzioni

Misure per far entrare nel mercato giovani, ex percettori di reddito di cittadinanza occupabili ed altre misure

Continua

Lastrico solare condominiale: è diritto di tutti i condomini

Il regolamento di condominio non può escludere alcuni condomini della comproprietà del lastrico solare

Continua

Rapporti tra aree urbane e agricole: distanze stalle dalle abitazioni

La regolamentazione delle distanze delle stalle dalle case in Lombardia. Commento al TAR Lombardia 3167/2011. Divieto applicazione analogia a fonti non normative

Continua