Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Modifica di parte comune: innovazione vietata o sopraelevazione?


Cassazione: costituisce innovazione vietata e non sopraelevazione l’opera che sottrae un bene all’uso comune
Modifica di parte comune: innovazione vietata o sopraelevazione?

La Corte di Cassazione con ordinanza n. 11490 depositata il 15 giugno scorso ha stabilito che in materia condominiale costituisce innovazione vietata e non sopraelevazione l’opera che sottrae un bene all’uso comune. L’intervento edificatorio, per essere considerato sopraelevazione, deve infatti comportare solo l’occupazione della colonna d’aria sovrastante il fabbricato.

La vicenda trae origine dalla realizzazione - da parte di alcuni Condomini - di diverse opere volte alla espansione delle loro proprietà (lastrico solare, vano ascensore di un metro, due serre dotate di locali termici e servizi igienici…), interventi – questi – tutti approvati sia dall’assemblea condominiale che dalla Pubblica Amministrazione competente.

A seguito della realizzazione di tali lavori, tuttavia, alcuni Condomini convenivano in giudizio i proprietari delle unità abitative interessate, al fine di ottenere la riduzione in pristino delle opere ritenute illegittime, per aver le stesse ingiustamente alterato la proprietà comune, nonché la corresponsione di un’indennità di sopraelevazione, calcolata secondo i criteri di legge.

Ciò, sulla scorta dell’art. 1127 c.c. ai sensi del quale: “Il proprietario dell’ultimo piano dell’edificio può elevare nuovi piani o nuove fabbriche, salvo che risulti altrimenti dal titolo. La stessa facoltà spetta a chi è proprietario esclusivo del lastrico solare […] Chi fa la sopraelevazione deve corrispondere agli altri condomini un’indennità pari al valore attuale dell’area da occuparsi con la nuova fabbrica, diviso per il numero dei piani, ivi compreso quello da edificare, e detratto l’importo della quota a lui spettante. Egli è inoltre tenuto a ricostruire il lastrico solare di cui tutti o parte dei condomini avevano il diritto di usare”.

I giudici di merito rigettavano la ricostruzione degli attori e la domanda di riduzione in pristino, accordando solo la corresponsione dell’indennità di sopraelevazione: ad avviso dei giudici di secondo grado, i lavori dovevano essere qualificati come sopraelevazione in quanto alcuni spazi sostanzialmente non utilizzati erano stati trasformati in locali del tutto utilizzabili da parte di alcuni soltanto dei Condomini; da qui la determinazione dell’indennità.

La decisione della Corte di Appello veniva però impugnata dai Condomini soccombenti, secondo i quali le opere realizzate costituivano solo innovazioni non consentite e non si poteva parlare di sopraelevazione.

La Corte di Cassazione, nell’accogliere il ricorso, ha rimarcato la differenza tra sopraelevazione ed innovazione, ritenendo che ai fini dell’art. 1127 del codice civile la sopraelevazione di un edificio condominiale è costituita dalla realizzazione di nuovi piani o fabbriche sull’ultimo piano o comunque dalla trasformazione di locali preesistenti mediante incremento delle superfici o volumetrie, anche indipendentemente dall’aumento dell’altezza dello stabile.

Al contrario, non vi è sopraelevazione nell’ipotesi di modificazione solo interna di un sottotetto o nei casi in cui il proprietario dell’ultimo piano dell’edificio condominiale interviene con opere di trasformazione delle parti comuni che, per le loro caratteristiche strutturali (nella specie abbattimento del tetto per creare due terrazzi e trasformazione di spazi condominiali in vani utilizzabili solo da parte di alcuni Condomini) sono idonee a sottrarre il bene comune alla sua destinazione in favore degli altri Condomini e attrarlo nell’uso esclusivo del singolo condominio attraverso la creazione di un accesso diretto.

In altre parole, ad avviso della Corte di Cassazione, costituisce sopraelevazione soltanto l’intervento edificatorio che comporta l’occupazione della colonna d’aria sovrastante il fabbricato condominiale.

Quando, invece, il proprietario dell’ultimo piano abbatte parte della falda del tetto e della muratura per la costruzione di una terrazza, con destinazione a uso esclusivo, la modifica integra un’utilizzazione non consentita delle cose comuni e, dunque, un’innovazione vietata, giacché le trasformazioni strutturali realizzate determinano l’appropriazione definitiva di cose comuni alla proprietà individuale, con conseguente lesione dei diritti degli altri Condomini.

Sulla scorta di tali argomentazioni, la Suprema Corte cassa la decisione di appello con rinvio, sancendo come detto giudice non avesse nella propria decisione tenuto conto di quali opere fossero state realizzate nelle parti private e quali nelle parti comuni, con illegittima modifica delle stesse e conseguente diritto dei singoli Condomini a richiedere la riduzione in pristino.

La stessa indennità di sopraelevazione accordata dal giudice di secondo grado era stata calcolata in modo errato, in quanto avrebbe dovuto essere incentrata unicamente sulle opere che costituivano sopraelevazione (e quindi occupazione della colonna d’aria sovrastante il fabbricato) e non anche modificazioni avvenute all’interno del volume preesistente del condominio.

Solo a seguito della precisazione della natura delle opere, quindi, si sarebbe potuta precisare la quantificazione dell’indennità di sopraelevazione.

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Notifiche Equitalia a mezzo posta

Commissione Tributaria Regionale Emilia Romagna, sent. n. 2005/8/2015

Continua

Indeducibilità indicazioni generiche in fattura

Corte di Cassazione n. 21980 del 28 ottobre 2015, "Fatturazione delle operazioni"

Continua

Mediazione tributaria obbligatoria

Ambiti di applicazione oggettivo e soggettivo

Continua

Atto Tributario annullabilità, nullità

Annullabilità, nullità ed inesistenza dell'atto tributario. <br />(Corte di Cassazione, con sentenza n. 22803 del 09.11.2015)

Continua

Amministratore di Condominio/Agente immobiliare?

L'Amministratore di Condominio può fare l'Agente Immobiliare?

Continua

Contenzioso tributario - Competenza territoriale

Commissioni Tributarie Provinciali - Determinazione in base alla sede del concessionario. Illegittimità. <br />Corte Costituzionale 3 marzo 2016

Continua

Notifica ai soggetti residenti all'estero

Per il cittadino italiano residente all'estero e iscritto all'AIRE, la notificazione è valida se effettuata all'indirizzo della residenza estera

Continua

Rottamazione delle cartelle

Rottamazione delle cartelle: ultime news (modifiche al DL 193/2016).

Continua

Diritto del consumo, adeguata informazione

Sentenza n. 17364/2016: l’adeguata informazione quale diritto fondamentale del consumatore/utente.

Continua

Redditometro: natante di piccole dimensioni

Corte di Cassazione: conferma l’annullamento dell’avviso di accertamento al contribuente proprietario di un natante di piccole dimensione

Continua

Rottamazione delle cartelle e semplificazione

Approvato il d. l. n. 193/2016: al via la rottamazione delle cartelle e non solo

Continua

Il via all’acquamineralometro

La Corte di Cassazione dà il via all’ acquamineralometro

Continua

Condominio e trasformazione dell`area giardino

La trasformazione in parcheggio di una parte del giardino non costituisce alterazione del decoro architettonico. Cassazione Sentenza n. 24960/2016

Continua

Eredità: accettazione tacita

Sentenza n. 6811/2016 pagamento debiti ereditari ed accettazione tacita dell'eredità ex art. 476 c.c.: non vi è coincidenza

Continua

Avviso di accertamento

La mancata risposta all'avviso di accertamento può comportare la legittimità dell'avviso di accertamento

Continua

Diritto Tributario: elusione e onere della prova

CTR Sardegna: abuso del diritto ed onere della prova, l’ufficio è tenuto a provare la condotta elusiva delle società.

Continua

Condominio e uso della cosa comune

Cassazione: verso un'interpretazione meno restrittiva circa l'uso della cosa comune in condominio

Continua

Inapplicabilità del criterio della prevalenza per il concordato

Nella cessione dell'azienda in esercizio ovvero nel conferimento dell'azienda in esercizio in una o più società si applicano le disposizioni dell'art. 186-bis l.f.

Continua

Coronavirus: inadempimento e forza maggiore

Non è semplice stabilire se il Coronavirus, o le consequenziali misure restrittive adottate dalle Autorità, possa costituire valida causa di impossibilità

Continua

RC auto: gli effetti delle misure urgenti

Tra le misure urgenti adottate dal Governo connesse all'emergenza Coronavirus rientra la possibilità di sospensione del pagamento delle polizze RC auto obbligatorie

Continua

Nuove disposizioni per l'accesso al Fondo di solidarietà mutui prima casa

Con l'entrata in vigore della L. 244/2007, il nostro ordinamento ha istituito il Fondo di solidarietà per i mutui utilizzati per l'acquisto della prima casa

Continua

Procedura esecutiva immobiliare e contratto di locazione opponibile

"Non è infrequente trovarsi di fronte a terzi occupanti l'immobile sottoposto a pignoramento che esibiscono contratti di locazione"

Continua

Contratti di locazione, sospensione dei termini

La sospensione prevista dal decreto riguarda anche il versamento dell’imposta di registro dei contratti di locazione

Continua

Amministratore di condominio condannato per appropriazione indebita

L'amministatore che utilizza le somme versate sul conto corrente di un condominio per far fronte alle necessità di un altro condominio commette reato

Continua

Coronavirus: la sospensione dei mutui

E' possibile richiedere la sospensione del mutuo per un massimo di due volte e per un periodo complessivo di 18 mesi prorogandone così la scadenza

Continua

Fisco e compravendita: contestazione del contenuto dell'atto notarile

Il fisco può contestare che l’immobile acquistato sia in uno stato diverso da quello descritto nel rogito

Continua

Compravendita: è possibile il recesso dal preliminare in mancanza di agibilità?

Cassazione: il rifiuto del promissario acquirente al rogito, nell’ipotesi di immobile non conforme, è giustificato

Continua

Il Condomino non può accorpare al suo appartamento parti comuni

Quando la cosa di proprietà collettiva è sottratta al godimento altrui, risulta necessario il consenso negoziale di tutti in forma scritta

Continua