Condominio e trasformazione dell`area giardino


La trasformazione in parcheggio di una parte del giardino non costituisce alterazione del decoro architettonico. Cassazione Sentenza n. 24960/2016
Condominio e trasformazione dell`area giardino
La Corte di Cassazione ribalta la sentenza n. 34/2012 pronunciata dalla Corte d'Appello di Trento in quanto la destinazione a parcheggio di una piccola area del giardino non integra gli estremi dell'art. 1120 c.c., ultimo comma, il quale vieta le innovazioni che, tra le altre cose, possano arrecare alterazione al decoro architettonico dell'edificio.

Nel caso di specie, la Corte d'Appello non ha tenuto conto delle dimensioni dell'area che è stata adibita a parcheggio: solo 60 mq su circa 800 mq totali. Il mutamento dell'esigua area del giardino, a parere dei giudici della Suprema Corte, non altera neppure il godimento dell'uso del giardino quale bene comune del condominio: i condomini dissenzienti possono, infatti, continuare ad usufruire della restante ampia parte di giardino la cui destinazione è rimasta immutata.

Al più, tale mutamento comporta esclusivamente un'utilità ai singoli condomini e una valorizzazione economica degli edifici e, conseguentemente, un innalzamento del valore dei singoli appartamenti che costituiscono il condominio.

La Corte di Cassazione con sentenza n. 2490/2016 nega, dunque, che la delibera condominiale che decide circa la trasformazione a parcheggio di una piccola area di giardino debba essere approvata all'unanimità; è necessario, infatti, esaminare il caso di specie per valutare se la trasformazione integri la fattispecie dell’art. 1120 c.c., ultimo comma.

Articolo del:



Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Notifiche Equitalia a mezzo posta

Commissione Tributaria Regionale Emilia Romagna, sent. n. 2005/8/2015

Continua

Indeducibilità indicazioni generiche in fattura

Corte di Cassazione n. 21980 del 28 ottobre 2015, "Fatturazione delle operazioni"

Continua

Mediazione tributaria obbligatoria

Ambiti di applicazione oggettivo e soggettivo

Continua

Atto Tributario annullabilità, nullità

Annullabilità, nullità ed inesistenza dell'atto tributario. <br />(Corte di Cassazione, con sentenza n. 22803 del 09.11.2015)

Continua

Amministratore di Condominio/Agente immobiliare?

L'Amministratore di Condominio può fare l'Agente Immobiliare?

Continua

Contenzioso tributario - Competenza territoriale

Commissioni Tributarie Provinciali - Determinazione in base alla sede del concessionario. Illegittimità. <br />Corte Costituzionale 3 marzo 2016

Continua

Notifica ai soggetti residenti all'estero

Per il cittadino italiano residente all'estero e iscritto all'AIRE, la notificazione è valida se effettuata all'indirizzo della residenza estera

Continua

Rottamazione delle cartelle

Rottamazione delle cartelle: ultime news (modifiche al DL 193/2016).

Continua

Diritto del consumo, adeguata informazione

Sentenza n. 17364/2016: l’adeguata informazione quale diritto fondamentale del consumatore/utente.

Continua

Redditometro: natante di piccole dimensioni

Corte di Cassazione: conferma l’annullamento dell’avviso di accertamento al contribuente proprietario di un natante di piccole dimensione

Continua

Rottamazione delle cartelle e semplificazione

Approvato il d. l. n. 193/2016: al via la rottamazione delle cartelle e non solo

Continua

Il via all’acquamineralometro

La Corte di Cassazione dà il via all’ acquamineralometro

Continua

Eredità: accettazione tacita

Sentenza n. 6811/2016 pagamento debiti ereditari ed accettazione tacita dell'eredità ex art. 476 c.c.: non vi è coincidenza

Continua

Avviso di accertamento

La mancata risposta all'avviso di accertamento può comportare la legittimità dell'avviso di accertamento

Continua

Diritto Tributario: elusione e onere della prova

CTR Sardegna: abuso del diritto ed onere della prova, l’ufficio è tenuto a provare la condotta elusiva delle società.

Continua

Condominio e uso della cosa comune

Cassazione: verso un'interpretazione meno restrittiva circa l'uso della cosa comune in condominio

Continua