Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Inapplicabilità del criterio della prevalenza per il concordato


Nella cessione dell'azienda in esercizio ovvero nel conferimento dell'azienda in esercizio in una o più società si applicano le disposizioni dell'art. 186-bis l.f.
Inapplicabilità del criterio della prevalenza per il concordato

Nel caso della previsione nel piano concordatario della continuazione dell'attività aziendale, seppure in forma limitata, non si può parlare di un tertium genus rispetto al concordato liquidatorio e al concordato in continuità (c.d. concordato misto), bensì si deve sempre far riferimento alla figura del concordato in continuità, disciplinato dall'art. 186-bis, comma 1 L.F. (Cassazione civile, sez. I, 15 Gennaio 2020, n. 734. Pres. Didone. Est. Pazzi).

La fattispecie rimessa al vaglio dei giudici di merito, poi approdata in Cassazione, riguardava una proposta di concordato che prevedeva un'operazione finalizzata a conseguire un valore di realizzo superiore a quello ottenibile dalla liquidazione del compendio immobiliare nelle condizioni in cui si trovava al momento dell'avvio della procedura. In una prima fase si sarebbe proceduto alla vendita di alcuni immobili allo scopo di consentire la formazione di una iniziale liquidità funzionale al completamento, in un secondo momento, degli altri immobili.

Nel caso di specie, si configura, secondo l'apprezzamento della Corte Suprema di Cassazione, l'ipotesi speciale prevista dall'art. 186-bis L.F.

In particolare, quest'ultimo articolo regola il concordato con continuità aziendale, offrendo al primo comma una definizione dell'istituto. Così la norma: "Quando il piano di concordato di cui all'articolo 161, secondo comma, lettera e) prevede la prosecuzione dell'attività di impresa da parte del debitore, la cessione dell'azienda in esercizio ovvero il conferimento dell'azienda in esercizio in una o più società, anche di nuova costituzione, si applicano le disposizioni del presente articolo. Il piano può prevedere anche la liquidazione di beni non funzionali all'esercizio dell'impresa".

Ed è proprio l'art. 186-bis L.F. ad includere espressamente nel novero della disciplina speciale il caso in cui si riscontri la liquidazione di beni non funzionali all'esercizio dell'impresa.

La compresenza nel piano di attività liquidatorie ed attività di prosecuzione è, quindi, espressamente prevista dalla legge fallimentare. Il concordato tradizionalmente definito come misto è, nelle intenzioni del legislatore, un concordato in continuità che prevede la dismissione di beni.

Ma vi è di più. Tale norma non sancisce alcun giudizio di prevalenza fra le porzioni di beni a cui sia assegnato una diversa destinazione, ma fa riferimento alla liquidazione dei beni non funzionali all'esercizio dell'impresa, implicitamente ritenendo che quelli funzionali siano destinati alla prosecuzione dell'attività aziendale.

Così la citata Cassazione: "La regola prevista dalla norma non riguarda la quantità delle porzioni a cui sia affidato un diverso destino (e la conseguente prevalenza dell'una rispetto all'altra in funzione delle risorse da devolvere alla soddisfazione dei creditori), ma la funzionalità di una porzione di beni alla continuazione dell'impresa in uno scenario concordatario". "Il parametro della funzionalità impone perciò all'interprete di indagare l'effettivo persistere di una continuità d'impresa che, sia pur in misura limitata o ridotta a taluni rami o sedi, assuma una sua autonoma rilevanza in termini economici ed a cui i beni sottratti alla liquidazione siano effettivamente strumentali".

Va da sé che includere un concordato così strutturato nel novero dei concordati con continuità comporta la necessità di introdurre la clausola del miglior soddisfacimento dei creditori. Nell'ipotesi di concordato con continuità aziendale il piano deve dimostrare la sostenibilità finanziaria della continuità stessa, in un contesto di cautele da adottare al fine di evitare un aggravamento del dissesto ai danni dei creditori, al cui miglior soddisfacimento la continuazione dell'attività non può che essere funzionale (Cass. 9061/2017).

Tra le cautele necessarie anche l'osservanza della peculiare disciplina del concordato in continuità concernente il contenuto del piano e della relazione del professionista attestatore, ricordando tra l'altro la possibilità di una moratoria fino ad un anno del pagamento dei cediti privilegiati, la prosecuzione dei rapporti in corso e la partecipazione a procedure di affidamento a contratti pubblici anche a seguito del deposito del ricorso.

Altre norme sono poi applicabili alla tipologia di concordato in esame, tra cui l'art. 160, comma 4 L.F. in tema di soddisfazione minima dei creditori, l'art. 163, comma 5 L.F. in materia di proposte di concordato concorrenti, e l'art. 182-quinquies, comma 5L.F., in punto di autorizzazione di crediti anteriori.

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Notifiche Equitalia a mezzo posta

Commissione Tributaria Regionale Emilia Romagna, sent. n. 2005/8/2015

Continua

Indeducibilità indicazioni generiche in fattura

Corte di Cassazione n. 21980 del 28 ottobre 2015, "Fatturazione delle operazioni"

Continua

Mediazione tributaria obbligatoria

Ambiti di applicazione oggettivo e soggettivo

Continua

Atto Tributario annullabilità, nullità

Annullabilità, nullità ed inesistenza dell'atto tributario. <br />(Corte di Cassazione, con sentenza n. 22803 del 09.11.2015)

Continua

Amministratore di Condominio/Agente immobiliare?

L'Amministratore di Condominio può fare l'Agente Immobiliare?

Continua

Contenzioso tributario - Competenza territoriale

Commissioni Tributarie Provinciali - Determinazione in base alla sede del concessionario. Illegittimità. <br />Corte Costituzionale 3 marzo 2016

Continua

Notifica ai soggetti residenti all'estero

Per il cittadino italiano residente all'estero e iscritto all'AIRE, la notificazione è valida se effettuata all'indirizzo della residenza estera

Continua

Rottamazione delle cartelle

Rottamazione delle cartelle: ultime news (modifiche al DL 193/2016).

Continua

Diritto del consumo, adeguata informazione

Sentenza n. 17364/2016: l’adeguata informazione quale diritto fondamentale del consumatore/utente.

Continua

Redditometro: natante di piccole dimensioni

Corte di Cassazione: conferma l’annullamento dell’avviso di accertamento al contribuente proprietario di un natante di piccole dimensione

Continua

Rottamazione delle cartelle e semplificazione

Approvato il d. l. n. 193/2016: al via la rottamazione delle cartelle e non solo

Continua

Il via all’acquamineralometro

La Corte di Cassazione dà il via all’ acquamineralometro

Continua

Condominio e trasformazione dell`area giardino

La trasformazione in parcheggio di una parte del giardino non costituisce alterazione del decoro architettonico. Cassazione Sentenza n. 24960/2016

Continua

Eredità: accettazione tacita

Sentenza n. 6811/2016 pagamento debiti ereditari ed accettazione tacita dell'eredità ex art. 476 c.c.: non vi è coincidenza

Continua

Avviso di accertamento

La mancata risposta all'avviso di accertamento può comportare la legittimità dell'avviso di accertamento

Continua

Diritto Tributario: elusione e onere della prova

CTR Sardegna: abuso del diritto ed onere della prova, l’ufficio è tenuto a provare la condotta elusiva delle società.

Continua

Condominio e uso della cosa comune

Cassazione: verso un'interpretazione meno restrittiva circa l'uso della cosa comune in condominio

Continua

Coronavirus: inadempimento e forza maggiore

Non è semplice stabilire se il Coronavirus, o le consequenziali misure restrittive adottate dalle Autorità, possa costituire valida causa di impossibilità

Continua

RC auto: gli effetti delle misure urgenti

Tra le misure urgenti adottate dal Governo connesse all'emergenza Coronavirus rientra la possibilità di sospensione del pagamento delle polizze RC auto obbligatorie

Continua

Nuove disposizioni per l'accesso al Fondo di solidarietà mutui prima casa

Con l'entrata in vigore della L. 244/2007, il nostro ordinamento ha istituito il Fondo di solidarietà per i mutui utilizzati per l'acquisto della prima casa

Continua

Procedura esecutiva immobiliare e contratto di locazione opponibile

"Non è infrequente trovarsi di fronte a terzi occupanti l'immobile sottoposto a pignoramento che esibiscono contratti di locazione"

Continua

Contratti di locazione, sospensione dei termini

La sospensione prevista dal decreto riguarda anche il versamento dell’imposta di registro dei contratti di locazione

Continua

Amministratore di condominio condannato per appropriazione indebita

L'amministatore che utilizza le somme versate sul conto corrente di un condominio per far fronte alle necessità di un altro condominio commette reato

Continua

Coronavirus: la sospensione dei mutui

E' possibile richiedere la sospensione del mutuo per un massimo di due volte e per un periodo complessivo di 18 mesi prorogandone così la scadenza

Continua

Fisco e compravendita: contestazione del contenuto dell'atto notarile

Il fisco può contestare che l’immobile acquistato sia in uno stato diverso da quello descritto nel rogito

Continua

Compravendita: è possibile il recesso dal preliminare in mancanza di agibilità?

Cassazione: il rifiuto del promissario acquirente al rogito, nell’ipotesi di immobile non conforme, è giustificato

Continua

Modifica di parte comune: innovazione vietata o sopraelevazione?

Cassazione: costituisce innovazione vietata e non sopraelevazione l’opera che sottrae un bene all’uso comune

Continua

Il Condomino non può accorpare al suo appartamento parti comuni

Quando la cosa di proprietà collettiva è sottratta al godimento altrui, risulta necessario il consenso negoziale di tutti in forma scritta

Continua