Il via all’acquamineralometro


La Corte di Cassazione dà il via all’ acquamineralometro
Il via all’acquamineralometro
La Corte di Cassazione accoglie il ricorso proposto dall'Agenzia delle Entrate avverso la sentenza della Commissione Tributaria Regionale del Lazio la quale aveva dichiarato l'illegittimità dell'avviso di accertamento basato sul consumo di acqua minerale di una società di ristorazione.

La Suprema Corte, richiamando le sentenze n. 17408/2012 e n. 5870/2012 con le quali aveva osservato che "nella prova per presunzioni, la relazione tra il fatto noto e quello ignoto non deve avere carattere di necessità, essendo sufficiente che l'esistenza del fatto da dimostrare derivi come conseguenza del fatto noto alla stregua di canoni di ragionevole probabilità", dichiara legittimo l'avviso di accertamento che ricostruisce i ricavi sulla base della quantità di acqua minerale consumata.

L'acqua, infatti, a parere della Suprema Corte, costituendo elemento indispensabile per lo svolgimento dell'attività di ristorazione/pizzeria, può fondare il potere dell’ufficio a procedere con accertamento induttivo.

L'onere della prova è, così, tutto a carico del contribuente, dovendo, quest’ultimo, dimostrare l'invalidità delle presunzioni addotte dall'ufficio. Così, dopo il tovagliometro, la Corte di Cassazione dà il via all'acquamineralometro: sarà interessante osservare come i giudici tributari "recepiranno" questa importante decisione della Suprema Corte, soprattutto con riferimento alla percentuale di sfrido che verrà riconosciuto.

Articolo del:



Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Notifiche Equitalia a mezzo posta

Commissione Tributaria Regionale Emilia Romagna, sent. n. 2005/8/2015

Continua

Indeducibilità indicazioni generiche in fattura

Corte di Cassazione n. 21980 del 28 ottobre 2015, "Fatturazione delle operazioni"

Continua

Mediazione tributaria obbligatoria

Ambiti di applicazione oggettivo e soggettivo

Continua

Atto Tributario annullabilità, nullità

Annullabilità, nullità ed inesistenza dell'atto tributario. <br />(Corte di Cassazione, con sentenza n. 22803 del 09.11.2015)

Continua

Amministratore di Condominio/Agente immobiliare?

L'Amministratore di Condominio può fare l'Agente Immobiliare?

Continua

Contenzioso tributario - Competenza territoriale

Commissioni Tributarie Provinciali - Determinazione in base alla sede del concessionario. Illegittimità. <br />Corte Costituzionale 3 marzo 2016

Continua

Notifica ai soggetti residenti all'estero

Per il cittadino italiano residente all'estero e iscritto all'AIRE, la notificazione è valida se effettuata all'indirizzo della residenza estera

Continua

Rottamazione delle cartelle

Rottamazione delle cartelle: ultime news (modifiche al DL 193/2016).

Continua

Diritto del consumo, adeguata informazione

Sentenza n. 17364/2016: l’adeguata informazione quale diritto fondamentale del consumatore/utente.

Continua

Redditometro: natante di piccole dimensioni

Corte di Cassazione: conferma l’annullamento dell’avviso di accertamento al contribuente proprietario di un natante di piccole dimensione

Continua

Rottamazione delle cartelle e semplificazione

Approvato il d. l. n. 193/2016: al via la rottamazione delle cartelle e non solo

Continua

Condominio e trasformazione dell`area giardino

La trasformazione in parcheggio di una parte del giardino non costituisce alterazione del decoro architettonico. Cassazione Sentenza n. 24960/2016

Continua

Eredità: accettazione tacita

Sentenza n. 6811/2016 pagamento debiti ereditari ed accettazione tacita dell'eredità ex art. 476 c.c.: non vi è coincidenza

Continua

Avviso di accertamento

La mancata risposta all'avviso di accertamento può comportare la legittimità dell'avviso di accertamento

Continua

Diritto Tributario: elusione e onere della prova

CTR Sardegna: abuso del diritto ed onere della prova, l’ufficio è tenuto a provare la condotta elusiva delle società.

Continua

Condominio e uso della cosa comune

Cassazione: verso un'interpretazione meno restrittiva circa l'uso della cosa comune in condominio

Continua