Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Compravendita: è possibile il recesso dal preliminare in mancanza di agibilità?


Cassazione: il rifiuto del promissario acquirente al rogito, nell’ipotesi di immobile non conforme, è giustificato
Compravendita: è possibile il recesso dal preliminare in mancanza di agibilità?

Con l’Ordinanza n. 9226/2020 la Seconda Sezione Civile della Corte di Cassazione ha risolto una controversia legata all’acquisto di un immobile, sancendo il diritto del promissario acquirente di recedere dal preliminare di vendita anche quando, al momento della firma del preliminare, fosse stato al corrente della mancata agibilità dell’immobile.

L’inadempimento del venditore, infatti, è considerato di non scarsa importanza, perché la sola conoscenza dell’anomalia non equivale a rinuncia al requisito della regolarità urbanistica del bene.

La vertenza aveva ad oggetto la legittimità del recesso esercitato dal compratore il quale, dopo la firma del preliminare, aveva opposto l’incommerciabilità del bene, rifiutandosi di sottoscrivere l’atto definitivo e chiedendo il differimento della data del rogito in assenza della documentazione essenziale.

Nel giudizio di primo grado, a sostegno della propria tesi, il promittente venditore aveva osservato che il compratore fosse stato informato e, quindi, pienamente a conoscenza, che l’immobile non fosse agibile e che la pratica di condono edilizio (relativa ai posti auto) non fosse stata completata e, con questa consapevolezza, aveva ugualmente deciso di sottoscrivere il preliminare di vendita. Aveva proseguito dicendo che la mancata presentazione davanti al notaio, per la firma dell’atto definitivo, era, dunque, da considerarsi come inadempimento alle obbligazioni assunte in sede di preliminare determinando, così, il suo diritto a ritenere la caparra versata.

Costituendosi in giudizio, il promissario acquirente, aveva richiesto il rigetto delle domande attoree e, con riconvenzionale, la condanna del venditore al pagamento in suo favore, del doppio della caparra a suo tempo versata.

Il Tribunale adito aveva accolto la tesi del promissario acquirente rigettando la domanda del venditore volta a far accertare l’altrui inadempimento.
Anche i Giudici della Corte d’Appello avevano confermato la pronuncia emessa in primo grado sostenendo che non ci fosse la prova della rinuncia del promissario acquirente al requisito dell’agibilità dell’immobile.
A fondamento della decisione, anche la Corte aveva riaffermato l’infondatezza dei motivi d’appello formulati dal promittente venditore, confermando, in particolare - con riferimento alla valutazione di reciproci inadempimenti – la non scarsa importanza di quello imputabile a parte promittente venditrice.

Le contestazioni del promittente venditore, in estrema sintesi, avevano ad oggetto la scelta dell’altra parte di sottoscrivere il preliminare pur essendo a conoscenza del fatto che l’immobile fosse sprovvisto del certificato di agibilità tanto più che tale mancanza, non andava ad incidere sul godimento del bene.

La vicenda è così stata portata al vaglio della Cassazione.

La Suprema Corte, conformandosi all’univoca giurisprudenza in materia (Cass. Civ. 15969/2000, Cass. Civ. 10820/2009), ha stabilito che il rifiuto del promissario acquirente alla stipula del definitivo, nell’ipotesi di immobile non conforme, è da ritenersi giustificato perché l’acquirente ha diritto di essere proprietario di un bene che soddisfi tutti i bisogni che lo inducono all’acquisto e che, pertanto, i certificati di agibilità e di conformità edilizia devono ritenersi essenziali (Cass. Civ. 23265/2019).

Ha, quindi, respinto il ricorso del promittente venditore, affermando che la formula “non c’è il certificato di agibilità” contenuta nel preliminare non può essere intesa come esplicita rinuncia del promissario acquirente a vedersi consegnato - al momento del definitivo – il documento attestante la piena regolarità del bene. Al contrario, il rifiuto dell’acquirente appare giustificato perché, il medesimo, ha un interesse ad ottenere la proprietà di un bene idoneo ad assolvere la funzione economico-sociale e a soddisfare i bisogni dell’acquirente, tra i quali, quello di essere proprietario di un bene fruibile e commerciabile.

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Notifiche Equitalia a mezzo posta

Commissione Tributaria Regionale Emilia Romagna, sent. n. 2005/8/2015

Continua

Indeducibilità indicazioni generiche in fattura

Corte di Cassazione n. 21980 del 28 ottobre 2015, "Fatturazione delle operazioni"

Continua

Mediazione tributaria obbligatoria

Ambiti di applicazione oggettivo e soggettivo

Continua

Atto Tributario annullabilità, nullità

Annullabilità, nullità ed inesistenza dell'atto tributario. <br />(Corte di Cassazione, con sentenza n. 22803 del 09.11.2015)

Continua

Amministratore di Condominio/Agente immobiliare?

L'Amministratore di Condominio può fare l'Agente Immobiliare?

Continua

Contenzioso tributario - Competenza territoriale

Commissioni Tributarie Provinciali - Determinazione in base alla sede del concessionario. Illegittimità. <br />Corte Costituzionale 3 marzo 2016

Continua

Notifica ai soggetti residenti all'estero

Per il cittadino italiano residente all'estero e iscritto all'AIRE, la notificazione è valida se effettuata all'indirizzo della residenza estera

Continua

Rottamazione delle cartelle

Rottamazione delle cartelle: ultime news (modifiche al DL 193/2016).

Continua

Diritto del consumo, adeguata informazione

Sentenza n. 17364/2016: l’adeguata informazione quale diritto fondamentale del consumatore/utente.

Continua

Redditometro: natante di piccole dimensioni

Corte di Cassazione: conferma l’annullamento dell’avviso di accertamento al contribuente proprietario di un natante di piccole dimensione

Continua

Rottamazione delle cartelle e semplificazione

Approvato il d. l. n. 193/2016: al via la rottamazione delle cartelle e non solo

Continua

Il via all’acquamineralometro

La Corte di Cassazione dà il via all’ acquamineralometro

Continua

Condominio e trasformazione dell`area giardino

La trasformazione in parcheggio di una parte del giardino non costituisce alterazione del decoro architettonico. Cassazione Sentenza n. 24960/2016

Continua

Eredità: accettazione tacita

Sentenza n. 6811/2016 pagamento debiti ereditari ed accettazione tacita dell'eredità ex art. 476 c.c.: non vi è coincidenza

Continua

Avviso di accertamento

La mancata risposta all'avviso di accertamento può comportare la legittimità dell'avviso di accertamento

Continua

Diritto Tributario: elusione e onere della prova

CTR Sardegna: abuso del diritto ed onere della prova, l’ufficio è tenuto a provare la condotta elusiva delle società.

Continua

Condominio e uso della cosa comune

Cassazione: verso un'interpretazione meno restrittiva circa l'uso della cosa comune in condominio

Continua

Inapplicabilità del criterio della prevalenza per il concordato

Nella cessione dell'azienda in esercizio ovvero nel conferimento dell'azienda in esercizio in una o più società si applicano le disposizioni dell'art. 186-bis l.f.

Continua

Coronavirus: inadempimento e forza maggiore

Non è semplice stabilire se il Coronavirus, o le consequenziali misure restrittive adottate dalle Autorità, possa costituire valida causa di impossibilità

Continua

RC auto: gli effetti delle misure urgenti

Tra le misure urgenti adottate dal Governo connesse all'emergenza Coronavirus rientra la possibilità di sospensione del pagamento delle polizze RC auto obbligatorie

Continua

Nuove disposizioni per l'accesso al Fondo di solidarietà mutui prima casa

Con l'entrata in vigore della L. 244/2007, il nostro ordinamento ha istituito il Fondo di solidarietà per i mutui utilizzati per l'acquisto della prima casa

Continua

Procedura esecutiva immobiliare e contratto di locazione opponibile

"Non è infrequente trovarsi di fronte a terzi occupanti l'immobile sottoposto a pignoramento che esibiscono contratti di locazione"

Continua

Contratti di locazione, sospensione dei termini

La sospensione prevista dal decreto riguarda anche il versamento dell’imposta di registro dei contratti di locazione

Continua

Amministratore di condominio condannato per appropriazione indebita

L'amministatore che utilizza le somme versate sul conto corrente di un condominio per far fronte alle necessità di un altro condominio commette reato

Continua

Coronavirus: la sospensione dei mutui

E' possibile richiedere la sospensione del mutuo per un massimo di due volte e per un periodo complessivo di 18 mesi prorogandone così la scadenza

Continua

Fisco e compravendita: contestazione del contenuto dell'atto notarile

Il fisco può contestare che l’immobile acquistato sia in uno stato diverso da quello descritto nel rogito

Continua

Modifica di parte comune: innovazione vietata o sopraelevazione?

Cassazione: costituisce innovazione vietata e non sopraelevazione l’opera che sottrae un bene all’uso comune

Continua

Il Condomino non può accorpare al suo appartamento parti comuni

Quando la cosa di proprietà collettiva è sottratta al godimento altrui, risulta necessario il consenso negoziale di tutti in forma scritta

Continua