Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Correzione della domanda di partecipazione al concorso a cattedra


E' possibile richiedere la correzione della domanda di partecipazione al concorso a cattedra 2022 se si sbaglia la classe di concorso?
Correzione della domanda di partecipazione al concorso a cattedra

Mi viene chiesto parere in merito alla possibilità di richiedere la correzione della domanda di partecipazione al concorso a cattedra 2022.  

In punto di fatto va evidenziato che il richiedente parere chiedeva di partecipare al concorso “ordinario, per titoli ed esami, finalizzato al reclutamento del personale docente per posti comuni e di sostegno nella scuola secondaria di primo e secondo grado” indetto con DDG n. 499 del 21.4.2020.

Tuttavia, nella domanda compilata tramite “istanze-online” il candidato, indicava erroneamente la classe di concorso per la quale intendeva partecipare.  

L’ufficio Scolastico Regionale per la Campania con l’Avviso prot. n. 7707 del 22.2.2022 avente ad oggetto “calendario delle prove scritte” pubblicava gli elenchi dei candidati al concorso e il nominativo del ricorrente, a causa degli errori evidenziati risultava nell’elenco degli ammessi al concorso per la classe erroneamente indicata.

Il candidato, avvedutosi degli errori commessi dal sindacato in sede di compilazione della domanda online chiedeva all’Ufficio Scolastico Regionale per la Campania di effettuare la necessaria rettifica e di inserire il suo nominato tra i candidati ammessi alla classe di concorso B019 “Laboratorio di servizi di accoglienza turistica”.  

L’Ufficio Scolastico Regionale per la Campania, tuttavia, ricevuta l’istanza di rettifica, non dava alla stessa, alcun riscontro, rigettando in maniera silente la richiesta del candidato

Com’è noto la Legge 7.8.1990 n.241 e succ. mod ed int. all’art. 6 “Compiti del responsabile del procedimento” prevede che il responsabile del procedimento: b) accerta di ufficio i fatti, disponendo il compimento degli atti all’uopo necessari, e adotta ogni misura per l’adeguato e sollecito svolgimento dell’istruttoria. In particolare, può chiedere il rilascio di dichiarazioni e la rettifica di dichiarazioni o istanze erronee o incomplete e può esperire accertamenti tecnici ed ispezioni ed ordinare esibizioni documentali”.

E ancora il D.P.R. 28.12.2000 n. 445 "Disposizioni legislative in materia di documentazione amministrativa” all’art. 71, comma 3, dell’avente ad oggetto la “modalità dei controlli” prevede che: “Qualora le dichiarazioni di cui agli articoli 46 e 47 presentino delle irregolarità o delle omissioni rilevabili d'ufficio, non costituenti falsità, il funzionario competente a ricevere la documentazione dà notizia all'interessato di tale irregolarità. Questi è tenuto alla regolarizzazione o al completamento della dichiarazione; in mancanza il procedimento non ha seguito”.

L’art. 6, comma 1, lett. b), della legge n. 241/1990 ed il successivo art. 71 del D.P.R.  445/2000 attribuiscono all’Amministrazione il potere di chiedere la rettifica delle dichiarazioni e delle istanze erronee o incomplete.  

Nelle procedure concorsuali, ove certamente le norme risultano applicabili, l’errore del candidato che non abbia correttamente compilato la domanda non impedisce, ma anzi impone all'Amministrazione di attivare i suoi poteri di soccorso istruttorio al fine di ottenere la correzione delle informazioni.  

Ciò è valido ancor più nell'ipotesi in cui sia ictu oculi riscontrabile una contraddizione tra le informazioni contenute nell’istanza e quelle contenute nella documentazione a corredo della stessa, in quanto l'eventuale incongruenza suggerisce all'Amministrazione non di adottare un provvedimento di segno negativo ma, secondo un principio di prevalenza della sostanza sulla forma alla base dei poteri di soccorso istruttorio, di chiedere al candidato ad una procedura concorsuale quei chiarimenti necessari a superare la situazione di incertezza del quadro fattuale e giuridico così generata (cfr. T.A.R. Veneto Venezia Sez. 1a sentenza n. 144 del 9.2.2017 e Consiglio di Stato Sez. 5a n. 7975 del 22.11.2019).  

L’attivazione dei poteri di soccorso istruttorio consente di dare attuazione al principio del giusto procedimento, informando a correttezza e buona fede l'esercizio dei poteri amministrativi; il citato art. 6, comma 1, lett. b), della legge n. 241/1990 esprime così un'esigenza non solo di cooperazione tra candidato e Amministrazione nell'ambito dell'attività amministrativa, ma anche di massima rispondenza alla realtà del quadro fattuale e giuridico acquisito dall'Amministrazione nel corso dell’istruttoria.

È pur vero che in una procedura di tipo competitivo i poteri di soccorso istruttorio incontrano il limite di tutelare la par condicio tra tutti partecipanti, ma è anche vero che la presentazione di una documentazione che rechi per mero errore materiale, discordanze nelle medesime informazioni ivi riportate, non impedisce l'attivazione dei poteri di soccorso istruttorio.

Ciò è ancor più manifesto qualora l'onere dell'Amministrazione di discernere l'informazione corretta e il mero errore materiale sia facilmente assolvibile mediante semplice richiesta rivolta all'istante, che non ritarda l'attività procedimentale, oppure mediante documentazione già agli atti o acquisibile anche presso altre Amministrazioni.

Sul punto la giurisprudenza amministrativa ha unanimemente chiarito che: “in materia di concorsi pubblici, l'Amministrazione ha un preciso obbligo di verificare la correttezza delle domande di partecipazione alle procedure concorsuali e di attivarsi per mezzo del soccorso istruttorio ex art. 6 della L. n. 241 del 1990, ove siano riscontrati meri errori materiali, agevolmente desumibili dai documenti versati in atti. Tale obbligo di verifica e di controllo permane anche nei casi in cui la domanda di partecipazione al concorso sia presentata in modo informatizzato (T.A.R. Abruzzo L’Aquila Sez. 1a, sentenza n. 361 del 19.10.2020; T.A.R. Veneto Venezia Sez. 1a, sentenza n. 465 dell’11.4.2019) atteso che se l’errore è riconoscibile secondo le condizioni poste dalle disposizioni del codice civile per gli atti negoziali può richiedersi all’amministrazione lo sforzo diligente di emendarlo autonomamente (Consiglio di Stato, sez. V, 20 giugno 2019, n. 4198)” T.A.R. Abruzzo l’Aquila Sez. 1a sentenza n. 148 del 25.3.2021.  

Nello specifico la giurisprudenza amministrativa, in relazione a fattispecie in cui i candidati di procedure concorsuali indette dal Ministero dell’Istruzione nel presentare la domanda di partecipazioni alla procedura hanno errato nell’indicazione della classe di concorso per la quale intendevano concorrere, ha precisato che: “…è fondata la censura di violazione dell’art. 6, comma 1, lett. b), della l. n. 241/1990, dedotta con il secondo motivo del ricorso originario e reiterata con il secondo motivo aggiunto. Ed invero…l’Amministrazione, che di detti elementi aveva conoscenza, non avrebbe potuto disporre l’esclusione del candidato dalla classe concorsuale …, ma avrebbe dovuto esercitare il potere di cui all’art. 6, comma 1, lett. b), della l. n. 241/1990, accordandogli un termine per rettificare la dichiarazione. L’omissione di tale doveroso adempimento istruttorio comporta la fondatezza della doglianza (cfr. T.A.R. Veneto Venezia Sez. 1a, sentenza n. 1418 del 21.12.2016), si rammenta, sul punto, che secondo la giurisprudenza, ai sensi dell’art. 6, comma 1, lett. b), della l. n. 241/1990 e dell’art. 71, comma 3, del d.P.R. n. 445/2000, la P.A. deve concedere il soccorso istruttorio volto alla rettifica di dichiarazioni o istanze erronee o incomplete, salvo che costituiscano falsità, ove il modulo per la partecipazione al concorso pubblico rappresenti l’unica forma possibile di presentazione della domanda (T.A.R. Lombardia, Milano, Sez. 3a, sentenza n.58 del 13.1.2016); si è altresì chiarito: che l’informatizzazione dei procedimenti non può portare all’obliterazione della verifica degli atti in possesso della P.A. (T.A.R. Veneto Venezia Sez. 1a, sentenza n. 144 del 9.2.2017); che lo strumento informatico e i mezzi di comunicazione telematica devono essere considerati come serventi rispetto all’attività amministrativa (T.A.R. Lombardia, Sez. 2a, sentenza n. n. 1450 del 27.6.2017; T.A.R. Puglia, Bari, Sez. 1a, sentenza n. 765 del 9.6.2016, n. 765); che i noti principi di imparzialità, trasparenza, semplificazione, partecipazione, uguaglianza e non discriminazione, nonché di ragionevolezza, proporzionalità e favor participationis, improntano di sé l’azione amministrativa nella particolare materia concorsuale, anche se gestita in modalità telematica (T.A.R. Toscana, Sez. 1a, sentenza n. 758 del 5.6.2017)” T.A.R. Veneto Venezia Sez. 1a, sentenza n. 252 del 28.2.2019.

Dal quadro normativo e giurisprudenziale è evidente che l’istanza del candidato volta all’inserimento del suo nominativo nell’elenco dei candidati alla procedura concorsuale per la classe di concorso per la quale intendeva partecipare doveva essere accolta, previa correzione della domanda di partecipazione alla procedura medesima.

Orbene atteso il silenzio dell’Ufficio Scolastico Regionale per la Campania occorre impugnare con ricorso al T.A.R. Campania Napoli l’Avviso contenete il calendario delle prove e dell’allegato elenco dei candidati ammessi a sostenere la prova scritta, per la classe di concorso per la quale il candidato intende partecipare, nella parte in cui non include il nominativo dello stesso tra i soggetti ammessi a sostenere le prove della procedura entro il termine di 60 giorni ai sensi degli art. 29 e 41 c.p.a.


Avv. Leonardo Sagnibene
    

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

L'obiezione di coscienza dei medici anestesisti

Parere in merito all'obiezione di coscienza di un medico anestesista rispetto alla visita per un intervento di interruzione volontaria di gravidanza

Continua

L'ipotesi di silenzio di cui all’art.8 DPR 339/82

Transito del dipendente di Polizia Stato non idoneo nei ruoli civili dell'Amministrazione per silenzio assenso di cui all'art. 8 del DPR 339/1982

Continua

L`aspettativa per assegno di ricerca

Parere sulla possibilità di richiedere l’aspettativa per la sottoscrizione di un contratto per “assegno di ricerca” presso Università Straniere

Continua

L'attività libero professionale dei docenti MIUR

Parere in merito all'incompatibilità dell’attività libero professionale di un docente rispetto allo svolgimento dell’attività libero professionale

Continua

La sospensione del nulla osta della scuola guida

Possibile impugnativa di un provvedimento di sospensione del nulla osta per 30 giorni per l’effettuazione di corsi di recupero punti sulla patente

Continua

Il servizio preruolo degli insegnanti

Parere in merito alla richiesta di riconoscimento come servizio di ruolo dell’intero servizio di insegnamento non di ruolo degli insegnati

Continua

La video sorveglianza del territorio comunale

Parere in merito alla video sorveglianza del territorio comunale per il contrasto dell’abbandono dei rifiuti

Continua

Ricongiungimento familiare del personale militare

Ecco qual è la normativa in merito al trasferimento per ricongiungimento familiare del personale militare

Continua

Ordine di servizio orale del dirigente scolastico

Impugnativa di una sanzione disciplinare per il mancato rispetto dell’ordine di servizio orale dalla dirigente scolastica ad un’insegnate di sostegno

Continua

Assegno di ricerca per il personale militare

Parere in merito al periodo di aspettativa per la sottoscrizione di un contratto per “assegno di ricerca” da parte del personale militare

Continua

Valutazione del servizio nella scuola paritaria

Parere in merito possibilità di richiedere il riconoscimento del servizio prestato nelle scuole paritarie ai fini della mobilità territoriale

Continua

Concorso a cattedra 2018

Parere sulla possibilità di impugnare il bando del concorso a cattedra 2018 per i dottori di ricerca non abilitati

Continua

Trasferimento dei militari, ricongiungimento familiare

Trasferimento per ricongiungimento familiare di due militari coniugati appartenenti a diverse Amministrazioni del comparto Difesa

Continua

Trasformazione di un B&B in affittacamere

Parere in merito alla trasformazione di un B&B in affittacamere nel Comune di Anancapri in assenza del certificato di agibilità

Continua

Posizione del proprietario rispetto all’abuso edilizio commesso dall’inquilino

Gli obblighi del proprietario rispetto all’abuso edilizio commesso dall’inquilino in zona vincolata

Continua

Trasferimento di un Sergente dell’Esercito per ricongiungimento alla coniuge agente di polizia

La disciplina del trasferimento di un Sergente dell’Esercito per ricongiungimento

Continua

La posizione degli idonei delle graduatorie AA.SS.LL.

Prevalenza dell’utilizzazione delle graduatorie AA.SS.LL. rispetto all’indizione di un concorso .

Continua

Accesso al ruolo di Agente di Polizia Municipale per gli aspiranti con lenti intraoculari ICL

Accesso ai ruolo di Agente di Polizia Municipale per gli aspiranti con lenti intraoculari ICL

Continua

Liquidazione dell’ALSE e dell’I.S. per Esperto Nazionale distaccato presso l’AEDS

Liquidazione dell’ALSE e dell’I.S. per Esperto Nazionale distaccato presso l’AEDS

Continua

Graduatorie di circolo ed istituto e controlli sulle dichiarazioni

L'impugnativa della risoluzione anticipata del contratto di lavoro sottoscritto da un collaboratore scolastico supplente per irregolarità della posizione previdenziale

Continua

Il diritto di prelazione dello I.A.C.P. sulla vendita degli alloggi

La vendita un alloggio di edilizia residenziale pubblica decorsi 10 anni dall'acquisto a seguito del mancato esercizio del diritto di prelazione da parte dello I.A.C.P.

Continua

L'accertamento del diritto al mantenimento dei figli maggiorenni

La possibilità per un genitore di richiedere al Tribunale territorialmente competente l’accertamento negativo del diritto al mantenimento dei figli maggiorenni

Continua

Ricorso contro il rigetto della domanda di assegno di invalidità

Ricorso amministrativo avverso il provvedimento di rigetto della domanda di assegno ordinario di invalidità nelle gestione FPLD

Continua

Vincolo di permanenza quinquennale nella sede di prima nomina: deroghe

Deroga al vincolo di permanenza quinquennale nelle sede di prima nomina a seguito della vincita di un concorso da parte di una candidata coniugata con un militare

Continua

I requisiti morali del direttore didattico di scuola guida

L'annullamento della SCIA per l’apertura di una scuola guida per carenza del requisito di "buona condotta" in capo al “direttore didattico".

Continua

L’impugnativa di un Piano di Governo ad opera di un comitato locale

Parere sull’impugnativa di un Piano di Governo del Territorio ad opera di un Comitato locale per la salvaguardia di un nucleo rurale storico

Continua

L'iperbilirubinemia indiretta nei concorsi nelle FFA

La possibile impugnativa del decreto di inidoneità al concorso per la riscontrata iperbilirubinemia indiretta

Continua

Lo “status di vittima del dovere” e i relativi benefici

La possibilità per un militare di richiedere lo “status di vittima del dovere” e ottenere i relativi benefici previsti dalla normativa di settore

Continua

Il riconoscimento del servizio pre-ruolo svolto nelle scuole statali

Ecco come si calcola il riconoscimento del servizio pre-ruolo svolto nelle scuole statali

Continua

Il decreto di ricostruzione della carriera dei docenti statali

Parere in merito alla possibilità per un docente immesso in ruolo di richiedere il riconoscimento del servizio pre ruolo svolto nelle scuole statali

Continua

Lavori su un immobile vincolato in pendenza del'istanza di condono

Parere in merito alla presentazione un’istanza ex art. 35, comma 13, della L.28.2.1985 n. 47 con riferimento ad un immobile sottoposto ad un vincolo archeologico

Continua

Il condono edilizio su un immobile vincolato

Parere in merito al prevedibile esito dell’istanza di condono con riferimento ai lavori abusivi su un immobile vincolato

Continua

Ricorso gerarchico, l'impugnativa delle note caratteristiche

L'impugnativa di un decreto della D.P.G.M. del Ministero della Difesa con il quale è stato respinto il ricorso gerarchico proposto avverso il rapporto informativo

Continua

Immobile con vincolo archeologico, presentazione di istanza di sanatoria

Parere in merito alla possibilità di presentare un’istanza di sanatoria per abusi edilizi con riferimento ad un immobile sottoposto a vincolo archeologico

Continua

Impugnativa del decreto di inidoneità al concorso per allievi carabinieri

Parere in merito alla possibilità, per un candidato al concorso per allievi carabinieri di impugnare il decreto con il quale è stato dichiarato “inidoneo”

Continua

L'equo indennizzo e tempestività della domanda

Parere in merito alla possibilità per un Capo di 2a classe di impugnare il decreto di diniego dell’equo indennizzo per intempestività della domanda

Continua

Impugnazione per mancato rinnovo del permesso di soggiorno

Il rinnovo del permesso di soggiorno in presenza di precedenti penali per maltrattamenti in famiglia a carico del richiedente

Continua

Trattenimento in servizio fino al 70° anno degli Ufficiali giudiziari

L’applicazione dell’art. 99 del D.P.R. 1229/1959 agli Ufficiali giudiziari risultati idonei nelle procedure selettive avviate con “gli avvisi pubblici del 19.9.2016”

Continua

Il personale ATA e il riconoscimento del servizio nelle AA.SS.LL.

La valutazione del servizio prestato presso le AA.SS.LL. al fine dell’Inclusione nelle graduatorie di Circolo e di Istituto di Terza Fascia del personale ATA

Continua

Trasferimento del militare ai sensi della legge 5.2.1992, n. 104

Trasferimento del militare ai sensi delle legge 5.2.1992, n. 104 per assistenza al padre malato di alzheimer in fase avanzata in assenza di altri congiunti idonei

Continua

Ricorso gerarchico avverso il rapporto informativo

L'impugnativa di un rapporto informativo con un ricorso gerarchico ai sensi e per gli effetti dell’art. 1 D.P.R. 24.11.1971 n. 1199.

Continua

La vendita di un immobile originariamente di proprietà delle Poste

La vendita di un immobile originariamente di proprietà dell’Amministrazione delle Poste e delle Telecomunicazioni

Continua