Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Il riconoscimento del servizio pre-ruolo svolto nelle scuole statali


Ecco come si calcola il riconoscimento del servizio pre-ruolo svolto nelle scuole statali
Il riconoscimento del servizio pre-ruolo svolto nelle scuole statali

Mi viene chiesto parere in merito alla possibilità per un docente immesso in ruolo di richiedere il riconoscimento del servizio pre ruolo svolto nelle scuole statali.

In punto di fatto occorre chiarire che l’Ufficio Scolastico Regionale territorialmente competente, con apposito provvedimento, individuava la docente, quale destinataria di contratto a tempo indeterminato.

La docente dopo il periodo di formazione previsto e regolato dall’art. 1, commi da 115 a 120, della legge 15.7.2015 n. 107 a seguito della positiva valutazione da parte del tutor nonché del dirigente scolastico, sentito il comitato per la valutazione istituito ai sensi comma 129 dell’art. 1 della già citata legge, veniva definitivamente confermata in ruolo.

La docente inoltre, inviava tramite il servizio “istanze on line” la “domanda di ricostruzione carriera” precisando che, a partire dall’anno scolastico 2005/2006 e fino all’anno scolastico 2014/2015, antecedente a quello di immissione in ruolo, aveva svolto, per ogni anno, supplenza con contratto di lavoro a temo determinato per l’intero anno scolastico settembre – giugno.

L’Istituto Comprensivo, nel dare riscontro alla detta domanda di ricostruzione della carriera aveva applicato pedissequamente l’art. 485 del D.lgs. 16.4.1994 n. 297 riconosceva come servizio di ruolo, ai fini giuridici ed economici, per intero per i primi quattro anni e per i due terzi del periodo eventualmente eccedente, nonché ai soli fini economici per il rimanente terzo, ed inquadrando la docente nella prima posizione stipendiale di cui alle tabelle contrattuali vigenti.

Orbene il servizio preruolo prestato presso le scuole statali è riconosciuto come servizio di ruolo ai fini giuridici ed economici per intero per i primi quattro anni e per i due terzi per il periodo eventualmente eccedente, nonché ai soli fini economici per il rimanente terzo.

Dalla ricostruzione del quadro normativo è evidente che la norma di cui all’art. 485 del D.lgs. 16.4.1994 n. 297 sul riconoscimento del servizio preruolo agli effetti della carriera si pone in aperto contrasto ed in palese violazione con la clausola 4 dell’accordo quadro sul lavoro a tempo determinato, attuato dalla direttiva 1999/70 CE, non riconoscendo tutti gli anni pre ruolo e, quindi, gli scatti di anzianità maturati nel detto periodo non di ruolo.

La predetta clausola 4 dell’accordo quadro CES UNICE e CEEP sul lavoro a tempo determinato allegato alla direttiva n. 70/99 così precisa: Principio di non discriminazione 1. Per quanto riguarda le condizioni di impiego, i lavoratori a tempo determinato non possono essere trattati in modo meno favorevole dei lavoratori a tempo indeterminato comparabili per il solo fatto di avere un contratto o rapporto di lavoro a tempo determinato, a meno che non sussistano ragioni oggettive… 4. I criteri del periodo di anzianità di servizio relativi a particolari condizioni di lavoro dovranno essere gli stessi sia per i lavoratori a tempo determinato sia per quelli a tempo indeterminato, eccetto quando criteri diversi in materia di periodo di anzianità siano giustificati da motivazioni oggettive.”

La clausola è, dunque, inequivocabile nel vietare disparità di trattamento tra lavoratori a tempo determinato e a tempo indeterminato ed il punto 4 disponendo specificamente che i criteri di calcolo dei periodi di anzianità di servizio debbano essere gli stessi per le due categorie di lavoratori, anche con riferimento alle particolari condizioni di lavoro, presuppone che l’anzianità, in generale maturi per le due categorie con le medesime modalità.

Non vi è ragione di escludere che il principio di non discriminazione operi anche con riferimento alla maturazione dell’anzianità di servizio, infatti l’anzianità di servizio maturata dal lavoratore alla dipendenze di un medesimo datore di lavoro deve necessariamente rilevare ai fini della maturazione del tempo utile al conseguimento del diritto ad un determinato trattamento economico, essendo irrilevante  la circostanza per cui l’anzianità dii servizio sia stata raggiunta a seguito del servizio prestato in esecuzione di un contratto a tempo determinato ovvero indeterminato.  

Sul punto la Corte di Giustizia dell’Unione Europea in un caso riguardante la legislazione dei Paesi Baschi analogo a quello qui in esame, con la sentenza 13.9.2007 in causa C-307/05 Del Cerro Alfonso in applicazione al principio di non discriminazione, al punto n. 48 della motivazione, ha affermato che: “la nozione di «condizioni di impiego» di cui alla clausola 4, punto 1, dell'accordo quadro dev'essere interpretata nel senso che essa può servire da fondamento ad una pretesa come quella in esame nella causa principale, che mira ad attribuire ad un lavoratore a tempo determinato scatti di anzianità che l'ordinamento interno riserva ai soli lavoratori a tempo indeterminato”.

La clausola 4 fornisce, quindi, fondamento alla domanda  senza che abbiano rilevanza le distinzioni tra impiego di ruolo e non di ruolo perché la medesima sentenza del Cerro Alfonso al punto n.29 precisa che: “La mera circostanza che un impiego sia qualificato come «di ruolo» in base all'ordinamento interno e presenti taluni aspetti caratterizzanti il pubblico impiego dello Stato membro interessato è priva di rilevanza sotto questo aspetto, pena rimettere seriamente in questione l'efficacia pratica della direttiva 1999/70 e quella dell'accordo quadro nonché la loro applicazione uniforme negli Stati membri, riservando a questi ultimi la possibilità di escludere, a loro discrezione, talune categorie di persone dal beneficio della tutela voluta da tali strumenti comunitari”.

A sostegno è stata perciò richiamata la Giurisprudenza Comunitaria, per la quale nella nozione di “ragioni oggettive” di cui alla prefata direttiva non rientra la possibilità che tale differenza di trattamento sia prevista da una norma interna generale ed astratta, quale una legge o un contratto collettivo ma “richiede, al contrario, che la disparità di trattamento in causa sia giustificata dalla sussistenza di elementi precisi e concreti, che contraddistinguano il rapporto di impiego di cui trattasi, nel particolare contesto in cui si iscrive e in base a criteri oggettivi e trasparenti, al fine di verificare se tale disparità risponda ad una reale necessità, sia idonea a conseguire l’obiettivo perseguito e risulti a tal fine necessaria” (Sent. Dal Cerro Alonso del 13.09.2007 §§ 57-58; Cfr. sul punto Corte Europea del sentenza 18.10.2011 cause riunite da C-301/11 a C-305/11 Valenza e A).

Deve essere altresì rilevato che in materia di riconoscimento del servizio pre-ruolo prestato da personale docente la CGUE (Sentenza 20/9/2018, C-466/17, Motter), ha recentemente statuito che “la disparità di trattamento tra docenti assunti a tempo determinato e docenti assunti a tempo indeterminato può trovare oggettiva giustificazione – la cui concreta sussistenza deve essere valutata caso per caso dal giudice nazionale – nelle peculiarità caratterizzanti il processo di acquisizione della professionalità da parte dei docenti in ruolo rispetto ai docenti assunti a tempo determinato. Esso infatti, come evidenziato dalla stessa CGUE, è significativamente caratterizzato dalla requisito della continuità dello svolgimento dell’attività di docenza su un particolare insegnamento la quale, in linea di principio, svolge un ruolo particolarmente incisivo nel delineare la “qualità” professionale dell’insegnante di ruolo, in termini sia di esperienza didattica, sia di bagaglio conoscitivo. Pertanto, quantomeno in linea di principio, la continuità professionale acquisita per mezzo dell’insegnamento in ruolo non può essere considerata omogenea alla continuità d’insegnamento sperimentata dall’insegnante assunto a tempo determinato, qualora adibito alla copertura di supplenze frammentarie e discontinue”.

Orbene deve essere compito del giudice quello di accertare se, nel caso concreto, l’insegnante non in ruolo abbia svolto la propria attività di insegnamento con modalità tali da consentire la maturazione di un’esperienza professionale qualitativamente comparabile rispetto a quella propria dell’insegnante in un ruolo.

Sul punto la Corte d’Appello dell’Aquila con sentenza n. 148 del 14.3.2019 pur recependo i più rigidi principi da ultimo enucleati dalla la Corte di Giustizia dell’Unione Europea con Sentenza 20/9/2018, C-466/17, Motter ha evidenziato come emerga chiaro il contrasto dell’art. 485 del D.lgs. 297/94 con tale clausola 4 e per l’effetto sia necessario disapplicare tale articolo per “conformare l’ordinamento interno a quello comunitario” considerato che  non vi sono ragioni che giustificano l’indubbia disparità di trattamento effettuata dalla normativa nazionale tra personale di ruolo e non di ruolo che svolga le stesse mansioni e sia in possesso dei medesimi requisiti soggettivi ed oggettivi, valutato altresì il relativo percorso “professionale”.

Da ultimo la Suprema Corte di Cassazione Sez. Lavoro con la sentenza n. 31149 del 28.11.2019 ha statuto che  “a) l'art. 485 del d.lgs. n. 297/1994, che anche in forza del rinvio operato dalle parti collettive disciplina il riconoscimento dell'anzianità di servizio dei docenti a tempo determinato poi definitivamente immessi nei ruoli dell'amministrazione scolastica, viola la clausola 4 dell'Accordo Quadro allegato alla direttiva 1999/70/CE, e deve essere disapplicato, nei casi in cui l'anzianità risultante dall'applicazione dei criteri dallo stesso indicati, unitamente a quello fissato dall'art. 489 dello stesso decreto, come integrato dall'art. 11, comma 14, della legge n. 124/1999, risulti essere inferiore a quella riconoscibile al docente comparabile assunto ab origine a tempo indeterminato; b) il giudice del merito per accertare la sussistenza della denunciata discriminazione dovrà comparare il trattamento riservato all'assunto a tempo determinato, poi immesso in ruolo, con quello del docente ab origine a tempo indeterminato e ciò implica che non potranno essere valorizzate le interruzioni fra un rapporto e l'altro, né potrà essere applicata la regola dell'equivalenza fissata dal richiamato art. 489; c) l'anzianità da riconoscere ad ogni effetto al docente assunto a tempo determinato, poi immesso in ruolo, in caso di disapplicazione dell'art. 485 del d.lgs. n.297/1994 deve essere computata sulla base dei medesimi criteri che valgono per l'assunto a tempo indeterminato”.

Orbene applicando al caso in esame i più rigidi principi da ultimo enucleati dalla Corte di Giustizia dell’Unione Europea (Sentenza 20/9/2018, C-466/17, Motter) va rilevato che la carriera della ricorrente è stata caratterizzata da una sostanziale “continuità” nell’insegnamento, laddove ha continuativamente lavorato, presso Istituti statali di ordine e grado omogenei, dedicandosi alle medesime materie d’insegnamento.

Inoltre, anche con riferimento ai principi enunciati dalla Suprema Corte di Cassazione Sez. Lavoro con la sentenza n. 31149 del 28.11.2019, va rilevata la continuità d’esercizio della professione docente svolta per ogni anno di supplenza con contratti di lavoro a temo determinato per l’intero anno scolastico nel periodo settembre – giugno.  Ne consegue il diritto della ricorrente al riconoscimento ai fini giuridici ed economici dell’anzianità maturata in tutti in servizi non di ruolo e per tutto il periodo prestato nella scuola statale così come al personale assunto a tempo indeterminato con il conseguente collocamento al livello stipendiale corrispondente all’anzianità di servizio secondo quanto previsto dal C.C.N.L. “comparto scuola” e a percepire le differenza retributive maturate.

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

L'obiezione di coscienza dei medici anestesisti

Parere in merito all'obiezione di coscienza di un medico anestesista rispetto alla visita per un intervento di interruzione volontaria di gravidanza

Continua

L'ipotesi di silenzio di cui all’art.8 DPR 339/82

Transito del dipendente di Polizia Stato non idoneo nei ruoli civili dell'Amministrazione per silenzio assenso di cui all'art. 8 del DPR 339/1982

Continua

L`aspettativa per assegno di ricerca

Parere sulla possibilità di richiedere l’aspettativa per la sottoscrizione di un contratto per “assegno di ricerca” presso Università Straniere

Continua

L'attività libero professionale dei docenti MIUR

Parere in merito all'incompatibilità dell’attività libero professionale di un docente rispetto allo svolgimento dell’attività libero professionale

Continua

La sospensione del nulla osta della scuola guida

Possibile impugnativa di un provvedimento di sospensione del nulla osta per 30 giorni per l’effettuazione di corsi di recupero punti sulla patente

Continua

Il servizio preruolo degli insegnanti

Parere in merito alla richiesta di riconoscimento come servizio di ruolo dell’intero servizio di insegnamento non di ruolo degli insegnati

Continua

La video sorveglianza del territorio comunale

Parere in merito alla video sorveglianza del territorio comunale per il contrasto dell’abbandono dei rifiuti

Continua

Ricongiungimento familiare del personale militare

Ecco qual è la normativa in merito al trasferimento per ricongiungimento familiare del personale militare

Continua

Ordine di servizio orale del dirigente scolastico

Impugnativa di una sanzione disciplinare per il mancato rispetto dell’ordine di servizio orale dalla dirigente scolastica ad un’insegnate di sostegno

Continua

Assegno di ricerca per il personale militare

Parere in merito al periodo di aspettativa per la sottoscrizione di un contratto per “assegno di ricerca” da parte del personale militare

Continua

Valutazione del servizio nella scuola paritaria

Parere in merito possibilità di richiedere il riconoscimento del servizio prestato nelle scuole paritarie ai fini della mobilità territoriale

Continua

Concorso a cattedra 2018

Parere sulla possibilità di impugnare il bando del concorso a cattedra 2018 per i dottori di ricerca non abilitati

Continua

Trasferimento dei militari, ricongiungimento familiare

Trasferimento per ricongiungimento familiare di due militari coniugati appartenenti a diverse Amministrazioni del comparto Difesa

Continua

Trasformazione di un B&B in affittacamere

Parere in merito alla trasformazione di un B&B in affittacamere nel Comune di Anancapri in assenza del certificato di agibilità

Continua

Posizione del proprietario rispetto all’abuso edilizio commesso dall’inquilino

Gli obblighi del proprietario rispetto all’abuso edilizio commesso dall’inquilino in zona vincolata

Continua

Trasferimento di un Sergente dell’Esercito per ricongiungimento alla coniuge agente di polizia

La disciplina del trasferimento di un Sergente dell’Esercito per ricongiungimento

Continua

La posizione degli idonei delle graduatorie AA.SS.LL.

Prevalenza dell’utilizzazione delle graduatorie AA.SS.LL. rispetto all’indizione di un concorso .

Continua

Accesso al ruolo di Agente di Polizia Municipale per gli aspiranti con lenti intraoculari ICL

Accesso ai ruolo di Agente di Polizia Municipale per gli aspiranti con lenti intraoculari ICL

Continua

Liquidazione dell’ALSE e dell’I.S. per Esperto Nazionale distaccato presso l’AEDS

Liquidazione dell’ALSE e dell’I.S. per Esperto Nazionale distaccato presso l’AEDS

Continua

Graduatorie di circolo ed istituto e controlli sulle dichiarazioni

L'impugnativa della risoluzione anticipata del contratto di lavoro sottoscritto da un collaboratore scolastico supplente per irregolarità della posizione previdenziale

Continua

Il diritto di prelazione dello I.A.C.P. sulla vendita degli alloggi

La vendita un alloggio di edilizia residenziale pubblica decorsi 10 anni dall'acquisto a seguito del mancato esercizio del diritto di prelazione da parte dello I.A.C.P.

Continua

L'accertamento del diritto al mantenimento dei figli maggiorenni

La possibilità per un genitore di richiedere al Tribunale territorialmente competente l’accertamento negativo del diritto al mantenimento dei figli maggiorenni

Continua

Ricorso contro il rigetto della domanda di assegno di invalidità

Ricorso amministrativo avverso il provvedimento di rigetto della domanda di assegno ordinario di invalidità nelle gestione FPLD

Continua

Vincolo di permanenza quinquennale nella sede di prima nomina: deroghe

Deroga al vincolo di permanenza quinquennale nelle sede di prima nomina a seguito della vincita di un concorso da parte di una candidata coniugata con un militare

Continua

I requisiti morali del direttore didattico di scuola guida

L'annullamento della SCIA per l’apertura di una scuola guida per carenza del requisito di "buona condotta" in capo al “direttore didattico".

Continua

L’impugnativa di un Piano di Governo ad opera di un comitato locale

Parere sull’impugnativa di un Piano di Governo del Territorio ad opera di un Comitato locale per la salvaguardia di un nucleo rurale storico

Continua

L'iperbilirubinemia indiretta nei concorsi nelle FFA

La possibile impugnativa del decreto di inidoneità al concorso per la riscontrata iperbilirubinemia indiretta

Continua

Lo “status di vittima del dovere” e i relativi benefici

La possibilità per un militare di richiedere lo “status di vittima del dovere” e ottenere i relativi benefici previsti dalla normativa di settore

Continua

Il decreto di ricostruzione della carriera dei docenti statali

Parere in merito alla possibilità per un docente immesso in ruolo di richiedere il riconoscimento del servizio pre ruolo svolto nelle scuole statali

Continua

Lavori su un immobile vincolato in pendenza del'istanza di condono

Parere in merito alla presentazione un’istanza ex art. 35, comma 13, della L.28.2.1985 n. 47 con riferimento ad un immobile sottoposto ad un vincolo archeologico

Continua

Il condono edilizio su un immobile vincolato

Parere in merito al prevedibile esito dell’istanza di condono con riferimento ai lavori abusivi su un immobile vincolato

Continua

Ricorso gerarchico, l'impugnativa delle note caratteristiche

L'impugnativa di un decreto della D.P.G.M. del Ministero della Difesa con il quale è stato respinto il ricorso gerarchico proposto avverso il rapporto informativo

Continua

Immobile con vincolo archeologico, presentazione di istanza di sanatoria

Parere in merito alla possibilità di presentare un’istanza di sanatoria per abusi edilizi con riferimento ad un immobile sottoposto a vincolo archeologico

Continua

Impugnativa del decreto di inidoneità al concorso per allievi carabinieri

Parere in merito alla possibilità, per un candidato al concorso per allievi carabinieri di impugnare il decreto con il quale è stato dichiarato “inidoneo”

Continua

L'equo indennizzo e tempestività della domanda

Parere in merito alla possibilità per un Capo di 2a classe di impugnare il decreto di diniego dell’equo indennizzo per intempestività della domanda

Continua

Impugnazione per mancato rinnovo del permesso di soggiorno

Il rinnovo del permesso di soggiorno in presenza di precedenti penali per maltrattamenti in famiglia a carico del richiedente

Continua