L'obiezione di coscienza dei medici anestesisti


Parere in merito all'obiezione di coscienza di un medico anestesista rispetto alla visita per un intervento di interruzione volontaria di gravidanza
L'obiezione di coscienza dei medici anestesisti
Mi viene chiesto parere in merito alla possibilità che un Ente Ospedaliero obblighi un anestesista obiettore di coscienza ad effettuare visita anestesiologica in relazione ad un intervento di interruzione volontaria della gravidanza.
Occorre preliminarmente ricordare che l'art. 9 della L. 22 maggio 1978 n. 194 al 1° comma prevede che "il personale sanitario ed esercente le attività ausiliarie non è tenuto a prendere parte alle procedure di cui agli artt. 5 e 7 ed agli interventi per l'interruzione della gravidanza quando sollevi obiezione di coscienza, con preventiva dichiarazione" ed al 3° comma "l'obiezione di coscienza esonera il personale sanitario ed esercente le attività ausiliarie dal compimento delle procedure e delle attività specificamente e necessariamente dirette a determinare l'interruzione della gravidanza e non dall'assistenza antecedente e conseguente all'intervento".
Tale norma nell'introdurre nel nostro ordinamento giuridico il principio dell'interruzione volontaria della gravidanza ha specularmente previsto al citato art. 9 l'obiezione di coscienza per il personale sanitario ed esercente le attività ausiliarie che sarebbe eventualmente tenuto a prendere parte agli interventi interruttivi.
Lo Stato, quindi, pur riaffermando, con tale norma, la laicità del proprio ordinamento giuridico ha ritenuto di riconoscere anche alla luce dell'art. 2 Cost. che garantisce a ciascun soggetto il rispetto dei diritti inviolabili individuali, l'istituzione dell'obiezione di coscienza escludendo la generale obbligatorietà di un precetto, qualora il personale sanitario ed esercente le attività ausiliarie ritenga di dover opporre ad esso valori morali o religiosi.
Orbene con riguardo al quesito prospettato alla luce dell'omnicomprensività della formulazione dell'art. 9 citato, occorre rilevare che non possono essere certo esclusi dal diritto dell'obiezione di coscienza i medici addetti alle visite anestesiologica preordinate ad un intervento di interruzione della gravidanza.
Infatti occorre osservare che il confine dell’obiezione di coscienza nelle procedure per l’interruzione della gravidanza è costituito dalla individuazione dell’atto "direttamente ed astrattamente idoneo a produrre l’evento interruttivo" ovvero una serie di "attività preparatorie e fungibili dotate di rilevanza causale e diretta" all’aborto, tra cui certamente rientrano le visite anestesiologiche in relazione agli interventi di interruzione volontaria della gravidanza.
Sostanzialmente quindi è da ritenere che le visite anestesiologiche in relazione agli interventi di interruzione volontaria della gravidanza si presentino proprio come atte a turbare la coscienza dell’obiettore, trattandosi, per quanto sopra chiarito, di attività ancorchè preliminari ma certamente "legate in maniera indissolubile, in senso spaziale, cronologico e tecnico" al processo di interruzione della gravidanza secondo quanto dalla giurisprudenza anche risalente ha pure specificato.
E' evidente, infatti, che le visite anestesiologiche avendo proprio lo scopo di una valutazione anestesiologica delle pazienti in relazione all'intervento, con l'assegnazione delle stesse ad una classe di rischio operatorio, la predisposizione di un programma sangue per l'intervento, la scelta del tipo di anestesia più idoneo per lo specifico intervento, nonché la programmazione dei tempi di esecuzione della procedura stessa, oltre alla previsione di terapia antalgica più adatta alla fase post operatoria, rientrano tra "le procedure e le attività specificamente e necessariamente dirette a determinare l'interruzione della gravidanza" che ai sensi del 3° comma dell'art. 9 L. 194/78 esonerano il personale sanitario ed esercente le attività ausiliarie dichiaratosi obiettore.
Sul punto, infatti, la citata risalente giurisprudenza amministrativa ha sostenuto che "l'art. 9 L. 22 maggio 1978 n. 194, nell'attribuire l'obiezione di coscienza al personale sanitario ed esercente le attività ausiliarie chiamato a prendere parte alle procedure di cui agli art. 5 e 7 della legge medesima ed agli interventi per l'interruzione della gravidanza, non ha voluto far riferimento ad una partecipazione o ad una collaborazione abituale, né ad una particolare categoria di operatori sanitari e neanche ad interventi specifici, in quanto qualsiasi sanitario od esercente le attività ausiliarie che abbia preventivamente e con le modalità di legge sollevato obiezione di coscienza e che venga chiamato anche occasionalmente, a prendere parte alle procedure di cui agli art. 5 e 7 citati o ad interventi specifici, ha il diritto riconosciutogli dalla norma di astenersene (T.A.R- Emilia Romagna - Bologna sentenza n. 30 del 29.1.1981, Consiglio di Stato Sez.V sentenza n. 428 del 10.10.1983.
Occorre altresì operare un distinguo tra le visite anestesiologiche in relazione ad un intervento di interruzione volontaria della gravidanza e le visite aventi a oggetto accertamento dello stato di gravidanza richiesta al medico di un Consultorio, laddove sole prime esonerano il personale medico rientrano nell’obiezione di coscienza di cui al citato art. 9 della L. n. 194/1978.
Del tutto illegittimo sembrerebbe quindi un ordine di servizio avente il fine di obbligare il medico obiettore ad effettuare visite anestesiologiche essendo tali visite finalizzate e strumentalmente dirette ad un intervento di interruzione volontaria della gravidanza, e pertanto i medici anestesisti che abbiano proposto la preventiva dichiarazione di obiezione di coscienza devono essere esonerati dal compimento di tali visite.

Articolo del:



Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

L'ipotesi di silenzio di cui all’art.8 DPR 339/82

Transito del dipendente di Polizia Stato non idoneo nei ruoli civili dell'Amministrazione per silenzio assenso di cui all'art. 8 del DPR 339/1982

Continua

L`aspettativa per assegno di ricerca

Parere sulla possibilità di richiedere l’aspettativa per la sottoscrizione di un contratto per “assegno di ricerca” presso Università Straniere

Continua

L'attività libero professionale dei docenti MIUR

Parere in merito all'incompatibilità dell’attività libero professionale di un docente rispetto allo svolgimento dell’attività libero professionale

Continua

La sospensione del nulla osta della scuola guida

Possibile impugnativa di un provvedimento di sospensione del nulla osta per 30 giorni per l’effettuazione di corsi di recupero punti sulla patente

Continua

Il servizio preruolo degli insegnanti

Parere in merito alla richiesta di riconoscimento come servizio di ruolo dell’intero servizio di insegnamento non di ruolo degli insegnati

Continua

La video sorveglianza del territorio comunale

Parere in merito alla video sorveglianza del territorio comunale per il contrasto dell’abbandono dei rifiuti

Continua

Ricongiungimento familiare del personale militare

Parere in merito al trasferimento per ricongiungimento familiare del personale militare

Continua

Ordine di servizio orale del dirigente scolastico

Impugnativa di una sanzione disciplinare per il mancato rispetto dell’ordine di servizio orale dalla dirigente scolastica ad un’insegnate di sostegno

Continua

Assegno di ricerca per il personale militare

Parere in merito al periodo di aspettativa per la sottoscrizione di un contratto per “assegno di ricerca” da parte del personale militare

Continua

Valutazione del servizio nella scuola paritaria

Parere in merito possibilità di richiedere il riconoscimento del servizio prestato nelle scuole paritarie ai fini della mobilità territoriale

Continua

Concorso a cattedra 2018

Parere sulla possibilità di impugnare il bando del concorso a cattedra 2018 per i dottori di ricerca non abilitati

Continua

Trasferimento dei militari, ricongiungimento familiare

Trasferimento per ricongiungimento familiare di due militari coniugati appartenenti a diverse Amministrazioni del comparto Difesa

Continua

Trasformazione di un B&B in affittacamere

Parere in merito alla trasformazione di un B&B in affittacamere nel Comune di Anancapri in assenza del certificato di agibilità

Continua

Posizione del proprietario rispetto all’abuso edilizio commesso dall’inquilino

Gli obblighi del proprietario rispetto all’abuso edilizio commesso dall’inquilino in zona vincolata

Continua

Trasferimento di un Sergente dell’Esercito per ricongiungimento alla coniuge agente di polizia

La disciplina del trasferimento di un Sergente dell’Esercito per ricongiungimento

Continua

La posizione degli idonei delle graduatorie AA.SS.LL.

Prevalenza dell’utilizzazione delle graduatorie AA.SS.LL. rispetto all’indizione di un concorso .

Continua