Richiedi una consulenza in studio gratuita!

La vendita di un immobile originariamente di proprietà delle Poste


La vendita di un immobile originariamente di proprietà dell’Amministrazione delle Poste e delle Telecomunicazioni
La vendita di un immobile originariamente di proprietà delle Poste

Mi viene chiesto parere in merito alla insussistenza di cause ostative alla vendita di un immobile originariamente di proprietà dell’Amministrazione delle Poste e delle Telecomunicazioni (già Ente Poste Italiane oggi Poste Italiane s.p.a.) e già oggetto di due cessioni, anche rispetto alla inapplicabilità allo stesso delle norme di cui alla legge 24.12.1993 n. 560.  

In punto di fatto va precisato che con atto, Repertorio n. 9918 del 24.2.1984, di “cessione in proprietà l‘alloggio di tipo popolare ed economico con pagamento in un'unica soluzione” l’Amministrazione delle Poste e delle Telecomunicazioni vendeva, agli eredi, su parere dell’Avvocatura Generale dello Stato di autorizzazione alla stipula a seguito di richiesta ministeriale n. 13574 del 18.6.1983, l’alloggio di servizio, agli eredi del cessionario dipendete.

Trascorso il prescritto termine di 10 anni di cui al citato all’art. 28, quinto comma della legge 8.8.1977 n. 513, richiamato dall’art. 5 del contratto di cessione in proprietà, gli eredi del dipendete, vendevano l’immobile al richiedente parere.

Sul punto occorre evidenziare che l’Amministrazione P.T. richiama ed applica negli atti di compravendita la legge n. 513 dell’8.8.1977 recante il “Testo unico e disposizioni generali sull’edilizia popolare ed economica.

Provvedimenti urgenti per l’accelerazione dei programmi in corso, finanziamento di un programma straordinario e canone minimo dell’edilizia residenziale pubblica” al fine di regolamentare la cessione in proprietà degli alloggi di servizio oggetto di concessione di uso abitativo ai dipendenti della medesima Amministrazione, assegnati presso gli Uffici del luogo in cui si trova l’immobile.

In particolare, il richiamo alla normativa in materia di immobili di edilizia popolare ed economica aveva non solo lo scopo di individuare i parametri di calcolo del prezzo di cessione degli alloggi, da effettuarsi secondo le previsioni di cui all’art. 28, comma 1, della legge 513/1977, ma anche la finalità di utilizzare i rimedi previsti dalla legge medesima volti a prevenire comportamenti speculativi nella rivendita degli alloggi da parte degli acquirenti.

La legge, proprio al fine di prevenire intenti speculativi nella rivendita degli alloggi di edilizia popolare ed economica prevede, all’art. 28 comma 5, un vincolo di inalienabilità decennale degli stessi, precisando che: “Per un periodo di tempo di 10 anni dalla data di stipulazione del contratto e comunque fino a quando non ne sia stato pagato l’intero prezzo, l’alloggio acquistato non può essere alienato a nessun titolo né su di esso può costituirsi alcun diritto reale di godimento” ed al successivo comma 7 precisa che: “l'assegnatario può alienare l'alloggio qualora ricorrano le condizioni di cui al precedente quinto comma. In tal caso deve darne comunicazione al competente istituto autonomo per le case popolari, il quale potrà esercitare, entro 60 giorni dal ricevimento della comunicazione, il diritto di prelazione all'acquisto per un prezzo pari a quello di cessione rivalutato sulla base della variazione accertata dall'ISTAT dell'indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati.

Pertanto trascorso il termine decennale di cui al citato art. 28, comma 5, il dipendente acquirente dell’alloggio al fine di alienarlo a terzi, dovrà darne comunicazione all’Amministrazione o all’Ente da cui lo ha acquistato.

L’Amministrazione potrà, a sua volta, entro i successivi 60 giorni dal ricevimento della comunicazione, esercitare il diritto di prelazione all'acquisto per un prezzo pari a quello di cessione rivalutato secondo le modalità stabilite dall’art. 28, comma 7, della legge.

Pertanto laddove l’Amministrazione dichiari di rinunciare al diritto di prelazione ovvero si formi un silenzio qualificato, a seguito della mancata comunicazione da parte della stessa di voler esercitare il detto diritto entro il prescritto termine di 60 giorni, il proprietario potrà liberamente alienare l’alloggio, senza vincolo alcuno.

Nel caso in esame, come chiarito in premessa, gli eredi del dipendete dell’Amministrazione P.T., proprietari dell’alloggio a seguito del trascorrere del previsto temine del 10 anni, decaduto il vincolo di inalienabilità dell’alloggio, provvedevano a comunicare all’Amministrazione P.T. Direzione Centrale Patrimonio ed Approvvigionamenti Divisione 2a Sezione 2a, con lettera raccomandata con ricevuta di ritorno debitamente pervenuta all’Amministrazione, l’intenzione di vendere l’immobile in oggetto.

La citata raccomandata era inviata all’Amministrazione al fine di compulsare la stessa all’esercizio, entro 60 giorni dal ricevimento della comunicazione del diritto di prelazione previsto dalla norma. Tuttavia l’Amministrazione P.T. non dava alla detta raccomandata alcun riscontro e, pertanto, a seguito del decorso del previsto termine di 60 giorni si formava un silenzio qualificato in ordine alla indisponibilità dell’Amministrazione all’acquisto, e conseguentemente, nell’atto di compravendita dell’alloggio il notaio dava atto, al già citato art. 3 dello stesso, dell’invio della comunicazione all’Amministrazione P.T. e del conseguente formarsi del silenzio qualificato sulla stessa.

Pertanto il Notaio all’art. 3 del già citato atto di compravendita dell’alloggio dava, indiscutibilmente atto della sussistenza, al momento della stipula, delle condizioni necessarie ai fini dell’alienabilità dell’alloggio.

Né si può in alcun modo sostenere che trovi applicazione, nella fattispecie qui in trattazione, la diversa regolamentazione dell’esercizio del diritto di prelazione previsto dalla legge 24.12.1993 n, 560.  In particolare va evidenziato che la legge 24.12.1993 n. 560 avente ad oggetto le “Norme in materia di alienazione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica” all’art. 1, comma 2,  prevede che: “Le disposizioni della presente legge, ad eccezione dei commi 5, 13 e 14, si applicano altresì: agli alloggi di proprietà dell'Amministrazione delle poste e delle telecomunicazioni costruiti od acquistati ai sensi dell'articolo 1, n. 3), delle norme approvate con decreto del Presidente della Repubblica 17.1.1959, n. 2 , come sostituito dall'articolo 1 della legge 15.2.1967, n. 42, della legge 7.6.1975, n. 227 , e della legge 10.2.1982, n. 39 , e successive modificazioni, nonché agli alloggi che, ai sensi della legge 29.1.1992, n. 58 ), sono stati trasferiti dall'Azienda di Stato per i servizi telefonici all'Amministrazione delle poste e delle telecomunicazioni”.

 Orbene dalle riportate norme risulta evidente che l’art. 1, comma 2, prevede che le disposizioni di cui alla legge 24.12.1993 n. 560 si applicano agli alloggi di proprietà dell'Amministrazione delle Poste e delle Telecomunicazioni al fine della loro alienazione ai dipendenti aventi diritto a far data dalla sua entra in vigore secondo il principio tempus regit actum.

Orbene da quanto chiarito è evidente che la legge 24.12.1993 n. 560 si applica agli alloggi proprietà dell'Amministrazione delle Poste e delle Telecomunicazioni al fine della loro alienazione ai dipendenti aventi diritto solo nelle parte regolante le modalità di vendita ai dipendenti o di tutela degli stessi in caso di mancata vendita. In particolare per i detti alloggi trovano applicazione le sole norme che prevedono particolari requisiti soggettivi ed oggettivi in capo agli acquirenti dipendenti, regolati dai commi 6 e 7 e ss dell’art.1 della legge 560/1993.  Inoltre ai fini dell’acquisto da parte dei dipendenti degli immobili di proprietà di Amministrazioni ed enti diversi dagli I.A.C.P. (oggi ATER) tra cui rientra certamente l’Amministrazione delle Poste e delle Telecomunicazioni (già Ente Poste Italiane oggi Poste Italiane s.p.a.) non trova applicazione né il comma 20, avente ad oggetto l’esercizio del diritto di prelazione, né il successivo comma 25 avente ad oggetto le modalità di estinzione del diritto medesimo. Il comma 20, della legge prevede che: “Gli alloggi e le unità immobiliari acquistati ai sensi  della presente legge non possono essere alienati, anche  parzialmente,  ne' può essere modificata la destinazione d'uso, per un periodo di dieci anni dalla data di registrazione del contratto di acquisto e comunque fino a quando non sia  pagato  interamente  il  prezzo. 

In  caso  di vendita  gli  IACP  e  i  loro  consorzi,   comunque   denominati e disciplinati con legge regionale, hanno diritto di prelazione”.   Il diritto di prelazione previsto dall’art. 1, comma 20, è regolato dal successivo comma 25, secondo cui: “Il diritto di prelazione di cui al nono comma dell'articolo 28 della legge 8 agosto 1977, n. 513, e successive  modificazioni,  si estingue qualora l'acquirente dell'alloggio  ceduto  in  applicazione del medesimo articolo 28 versi all'ente cedente un importo pari al 10 per cento del valore calcolato sulla base degli estimi catastali”.  

Orbene è evidente che il diritto di prelazione di cui al comma 20 della legge e la sua estinzione, regolata dal successivo comma 25, sono previsti solo per la vendita degli alloggi di edilizia residenziale pubblica a favore degli I.A.C.P. Istituti Autonomi di Case Popolari “e i loro consorzi, comunque denominati e disciplinati” e non per la vendita di alloggi appartenenti ad altri Enti Pubblici.

Ne è riprova non solo il dato letterale della norma, che attribuisce la titolarità del diritto di prelazione agli I.A.C.P. e i loro consorzi, ma altresì la considerazione per cui il comma 2 esclude dall’applicazione alle vendite degli alloggi degli altri enti pubblici gli artt. 5, 13, e 14.  In particolare le dette norme prevedono che l’alienazione degli alloggio è consentita esclusivamente per la realizzazione di programmi finalizzati allo sviluppo dell’attività di realizzazione di edilizia residenziale pubblica ponendo dei vincoli di destinazione delle somme ricavate con i piani di vendita.  

Di contro gli Enti di cui al citato comma 2 non sono vincolati non solo a reinvestire il ricavato della vendita nella realizzazione di edilizia residenziale pubblica né a richiedere una somma per l’estinzione del diritto di prelazione che resta regolata, per questi Enti, ove previsto, dall’art. 28 della legge 513 dell’8.8.1977.  Da quanto detto il sottoscritto Avv. esprime un favorevole parere in merito alla possibilità di vendere l’alloggio non sussistendo nella maniera più assoluta, alcuna causa ostativa alla sua valida alienazione.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

L'obiezione di coscienza dei medici anestesisti

Parere in merito all'obiezione di coscienza di un medico anestesista rispetto alla visita per un intervento di interruzione volontaria di gravidanza

Continua

L'ipotesi di silenzio di cui all’art.8 DPR 339/82

Transito del dipendente di Polizia Stato non idoneo nei ruoli civili dell'Amministrazione per silenzio assenso di cui all'art. 8 del DPR 339/1982

Continua

L`aspettativa per assegno di ricerca

Parere sulla possibilità di richiedere l’aspettativa per la sottoscrizione di un contratto per “assegno di ricerca” presso Università Straniere

Continua

L'attività libero professionale dei docenti MIUR

Parere in merito all'incompatibilità dell’attività libero professionale di un docente rispetto allo svolgimento dell’attività libero professionale

Continua

La sospensione del nulla osta della scuola guida

Possibile impugnativa di un provvedimento di sospensione del nulla osta per 30 giorni per l’effettuazione di corsi di recupero punti sulla patente

Continua

Il servizio preruolo degli insegnanti

Parere in merito alla richiesta di riconoscimento come servizio di ruolo dell’intero servizio di insegnamento non di ruolo degli insegnati

Continua

La video sorveglianza del territorio comunale

Parere in merito alla video sorveglianza del territorio comunale per il contrasto dell’abbandono dei rifiuti

Continua

Ricongiungimento familiare del personale militare

Ecco qual è la normativa in merito al trasferimento per ricongiungimento familiare del personale militare

Continua

Ordine di servizio orale del dirigente scolastico

Impugnativa di una sanzione disciplinare per il mancato rispetto dell’ordine di servizio orale dalla dirigente scolastica ad un’insegnate di sostegno

Continua

Assegno di ricerca per il personale militare

Parere in merito al periodo di aspettativa per la sottoscrizione di un contratto per “assegno di ricerca” da parte del personale militare

Continua

Valutazione del servizio nella scuola paritaria

Parere in merito possibilità di richiedere il riconoscimento del servizio prestato nelle scuole paritarie ai fini della mobilità territoriale

Continua

Concorso a cattedra 2018

Parere sulla possibilità di impugnare il bando del concorso a cattedra 2018 per i dottori di ricerca non abilitati

Continua

Trasferimento dei militari, ricongiungimento familiare

Trasferimento per ricongiungimento familiare di due militari coniugati appartenenti a diverse Amministrazioni del comparto Difesa

Continua

Trasformazione di un B&B in affittacamere

Parere in merito alla trasformazione di un B&B in affittacamere nel Comune di Anancapri in assenza del certificato di agibilità

Continua

Posizione del proprietario rispetto all’abuso edilizio commesso dall’inquilino

Gli obblighi del proprietario rispetto all’abuso edilizio commesso dall’inquilino in zona vincolata

Continua

Trasferimento di un Sergente dell’Esercito per ricongiungimento alla coniuge agente di polizia

La disciplina del trasferimento di un Sergente dell’Esercito per ricongiungimento

Continua

La posizione degli idonei delle graduatorie AA.SS.LL.

Prevalenza dell’utilizzazione delle graduatorie AA.SS.LL. rispetto all’indizione di un concorso .

Continua

Accesso al ruolo di Agente di Polizia Municipale per gli aspiranti con lenti intraoculari ICL

Accesso ai ruolo di Agente di Polizia Municipale per gli aspiranti con lenti intraoculari ICL

Continua

Liquidazione dell’ALSE e dell’I.S. per Esperto Nazionale distaccato presso l’AEDS

Liquidazione dell’ALSE e dell’I.S. per Esperto Nazionale distaccato presso l’AEDS

Continua

Graduatorie di circolo ed istituto e controlli sulle dichiarazioni

L'impugnativa della risoluzione anticipata del contratto di lavoro sottoscritto da un collaboratore scolastico supplente per irregolarità della posizione previdenziale

Continua

Il diritto di prelazione dello I.A.C.P. sulla vendita degli alloggi

La vendita un alloggio di edilizia residenziale pubblica decorsi 10 anni dall'acquisto a seguito del mancato esercizio del diritto di prelazione da parte dello I.A.C.P.

Continua

L'accertamento del diritto al mantenimento dei figli maggiorenni

La possibilità per un genitore di richiedere al Tribunale territorialmente competente l’accertamento negativo del diritto al mantenimento dei figli maggiorenni

Continua

Ricorso contro il rigetto della domanda di assegno di invalidità

Ricorso amministrativo avverso il provvedimento di rigetto della domanda di assegno ordinario di invalidità nelle gestione FPLD

Continua

Vincolo di permanenza quinquennale nella sede di prima nomina: deroghe

Deroga al vincolo di permanenza quinquennale nelle sede di prima nomina a seguito della vincita di un concorso da parte di una candidata coniugata con un militare

Continua

I requisiti morali del direttore didattico di scuola guida

L'annullamento della SCIA per l’apertura di una scuola guida per carenza del requisito di "buona condotta" in capo al “direttore didattico".

Continua

L’impugnativa di un Piano di Governo ad opera di un comitato locale

Parere sull’impugnativa di un Piano di Governo del Territorio ad opera di un Comitato locale per la salvaguardia di un nucleo rurale storico

Continua

L'iperbilirubinemia indiretta nei concorsi nelle FFA

La possibile impugnativa del decreto di inidoneità al concorso per la riscontrata iperbilirubinemia indiretta

Continua

Lo “status di vittima del dovere” e i relativi benefici

La possibilità per un militare di richiedere lo “status di vittima del dovere” e ottenere i relativi benefici previsti dalla normativa di settore

Continua

Il riconoscimento del servizio pre-ruolo svolto nelle scuole statali

Ecco come si calcola il riconoscimento del servizio pre-ruolo svolto nelle scuole statali

Continua

Il decreto di ricostruzione della carriera dei docenti statali

Parere in merito alla possibilità per un docente immesso in ruolo di richiedere il riconoscimento del servizio pre ruolo svolto nelle scuole statali

Continua

Lavori su un immobile vincolato in pendenza del'istanza di condono

Parere in merito alla presentazione un’istanza ex art. 35, comma 13, della L.28.2.1985 n. 47 con riferimento ad un immobile sottoposto ad un vincolo archeologico

Continua

Il condono edilizio su un immobile vincolato

Parere in merito al prevedibile esito dell’istanza di condono con riferimento ai lavori abusivi su un immobile vincolato

Continua

Ricorso gerarchico, l'impugnativa delle note caratteristiche

L'impugnativa di un decreto della D.P.G.M. del Ministero della Difesa con il quale è stato respinto il ricorso gerarchico proposto avverso il rapporto informativo

Continua

Immobile con vincolo archeologico, presentazione di istanza di sanatoria

Parere in merito alla possibilità di presentare un’istanza di sanatoria per abusi edilizi con riferimento ad un immobile sottoposto a vincolo archeologico

Continua

Impugnativa del decreto di inidoneità al concorso per allievi carabinieri

Parere in merito alla possibilità, per un candidato al concorso per allievi carabinieri di impugnare il decreto con il quale è stato dichiarato “inidoneo”

Continua

L'equo indennizzo e tempestività della domanda

Parere in merito alla possibilità per un Capo di 2a classe di impugnare il decreto di diniego dell’equo indennizzo per intempestività della domanda

Continua

Impugnazione per mancato rinnovo del permesso di soggiorno

Il rinnovo del permesso di soggiorno in presenza di precedenti penali per maltrattamenti in famiglia a carico del richiedente

Continua

Trattenimento in servizio fino al 70° anno degli Ufficiali giudiziari

L’applicazione dell’art. 99 del D.P.R. 1229/1959 agli Ufficiali giudiziari risultati idonei nelle procedure selettive avviate con “gli avvisi pubblici del 19.9.2016”

Continua

Correzione della domanda di partecipazione al concorso a cattedra

E' possibile richiedere la correzione della domanda di partecipazione al concorso a cattedra 2022 se si sbaglia la classe di concorso?

Continua

Il personale ATA e il riconoscimento del servizio nelle AA.SS.LL.

La valutazione del servizio prestato presso le AA.SS.LL. al fine dell’Inclusione nelle graduatorie di Circolo e di Istituto di Terza Fascia del personale ATA

Continua

Trasferimento del militare ai sensi della legge 5.2.1992, n. 104

Trasferimento del militare ai sensi delle legge 5.2.1992, n. 104 per assistenza al padre malato di alzheimer in fase avanzata in assenza di altri congiunti idonei

Continua

Ricorso gerarchico avverso il rapporto informativo

L'impugnativa di un rapporto informativo con un ricorso gerarchico ai sensi e per gli effetti dell’art. 1 D.P.R. 24.11.1971 n. 1199.

Continua