Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Lo “status di vittima del dovere” e i relativi benefici


La possibilità per un militare di richiedere lo “status di vittima del dovere” e ottenere i relativi benefici previsti dalla normativa di settore
Lo “status di vittima del dovere” e i relativi benefici

Mi viene chiesto parere in merito alla possibilità, per un militare di richiedere lo “status di vittima del dovere” ed ottenere i relativi benefici previsti dalla normativa di settore.

In punto di fatto va evidenziato che il richiedente parere, maresciallo capo dell’Esercito Italiano su richiesta del Ministero della Difesa, era comandato presso un Centro Addestramento Unità Corazzata per effettuare le esercitazioni necessarie alla partecipazione alle Missioni per gli aiuti militari alle Nazioni facenti parte dell’ONU.

Il richiedente parere mentre si recava al suindicato centro di addestramento, veniva coinvolto in un gravissimo incidente stradale, nel corso del quale riportava numerose ferite e fratture.
Nello specifico il richiedente parere, come certificato dal referto medico rilasciato dall’A.S.L. territorialmente competente riportava le seguenti infermità: “frattura femorale sx, frattura trimalleolare sx, frattrua del setto nasale, ferita lacero contusa regione sopraciliare trauma cranico”.  

A seguito del descritto evento il richiedente parere subiva una limitazione funzionale della gamba sinistra e, ed una riduzione importane dell’estroflessione del piede sinistro sul piano psichico, gli veniva riscontrata l’insorgenza di uno stato di ansia ed astenia libera polarizzato su contenuti nevrotico – ipocondriaci, per i quali presentava domanda di concessione dell’equo indennizzo.   

Il richiedente parere presentava istanza al Ministero della Difesa, ai sensi dell’art.1, commi 563 e 564 della legge n. 266/2005 e del regolamento applicativo di cui al D.P.R. n. 243/2006 al fine di vedersi riconosciuti i benefici assistenziali quale vittima del dovere per le citate infermità.

Il Ministero della Difesa, ricevuta l’istanza inviava gli atti al Comitato di Verifica delle Cause di Servizio al fine di acquisirne il necessario parere di competenza, come previsto dall’art. 6, comma 8, del già citato D.P.R.  7.7.2006, n. 243.
Successivamente il Ministero della Difesa rigettava l’istanza precisando che: “quanto nel caso in esame, l’infermità riportata dalla S.V.  a seguito di un fatto traumatico avvenuto durante il servizio, sicuramente riconducibile al servizio, non può essere ricondotta alla fattispecie che la legge n.266/2005, art.1, comma 563, individua quali idonee  a qualificare i militari vittime del dovere”.

In particolare, il Ministero richiamava il parere del Comitato di Verifica delle Cause di Servizio secondo cui: “relativamente alle infermità sopracitate si esprime parere negativo ai fini del riconoscimento del diritto dei benefici previsti dal D.P.R. 7 luglio 2006 n. 243, poiché dall’esame degli atti non si evidenziano condizioni ambientali comunque implicanti l’esistenza od il sopravvenire di circostanze di servizio straordinarie e fatti di servizio che abbiamo esposto il dipendente a maggiori disagi o fatiche, in rapporto alle ordinarie condizioni di svolgimento dei compiti d’istituto”.

Chiarita la premessa di fatto occorre evidenziare la legge 23.12.2005 n. 266 prevede una “progressiva estensione dei benefìci già previsti in favore delle vittime della criminalità e del terrorismo a tutte le vittime del dovere” individuate ai sensi dei commi 563 e 564 della medesima legge.

In particolare, il comma 564 prevede che: “sono equiparati ai soggetti di cui al comma 563 coloro che abbiano contratto infermità permanentemente invalidanti o alle quali consegua il decesso, in occasione o a seguito di missioni di qualunque natura, effettuate dentro e fuori dai confini nazionali e che siano riconosciute dipendenti da causa di servizio per le particolari condizioni ambientali od operative”.

Il disposto del comma 564 dell’art. 1 accedendo ad una nuova e più ampia nozione di “vittime del dovere” rispetto a quella originariamente prevista dalla legge 13.8.1980 n. 466 risponde all’esigenza di comprendere tra le vittime anche soggetti “equiparati” che, in ragione dei compiti e funzioni espletati subiscano eventi lesivi riconducibili a situazioni ulteriori rispetto a quelle analiticamente elencate dalla lett. “a” alla lett. “f” del comma 563.

In altri termini i soggetti equiparati costituiscono una nuova categoria di beneficiari non più ancorata al collegarsi dell’episodio lesivo rispetto ad una delle specifiche attività elencate nel comma 563, ritenute di per se stesse pericolose dal legislatore, bensì ad un concetto di “missioni di qualunque natura” che siano state caratterizzate da “particolari condizioni”.

Sul punto va altresì precisato che con il D.P.R. 7.7.2006 n, 243 è stato emanato il “Regolamento concernente termini e modalità di corresponsione delle provvidenze alle vittime del dovere ed ai soggetti equiparati, ai fini della progressiva estensione dei benefici già previsti in favore delle vittime della criminalità e del terrorismo, a norma dell'articolo 1, comma 565, della legge 23 dicembre 2005, n. 266” che all’art. 1 prevede espressamente che: “ai fini del presente regolamento, si intendono: a) per  benefici  e  provvidenze  le  misure di sostegno e tutela previste dalle leggi 13 agosto 1980, n. 466, 20 ottobre 1990, n. 302, 23 novembre 1998, n. 407, e loro successive modificazioni, e 3 agosto 2004, n. 206; b) per  missioni  di  qualunque natura, le missioni, quali che ne siano   gli   scopi,  autorizzate  dall’autorità  gerarchicamente  o funzionalmente sovraordinata al dipendente ;c) per   particolari   condizioni  ambientali  od  operative, le condizioni  comunque  implicanti l'esistenza od anche il sopravvenire di circostanze straordinarie e fatti di servizio che hanno esposto il dipendente  a  maggiori  rischi o fatiche, in rapporto alle ordinarie condizioni di svolgimento dei compiti di istituto”.

Tracciato il quadro normativo di riferimento occorre in primo luogo chiarire che la giurisprudenza, nel riferirsi al comma 564 dell’art. 1 della legge 266/2005 ha superato ogni questione sull’origine dell’invalidità ed ha ritenuto che nella categoria di soggetti “che abbiano contratto infermità permanentemente invalidanti” possano rientrare sia soggetti che abbiano contratto una patologia che soggetti che abbiano subito una lesione traumatica, ammettendo che l’invalidità, prevista dalla norma, possa derivare indistintamente da lesioni o infermità (Cfr. sul punto Suprema Corte di Cassazione Sezioni Unite sentenza n. 759 del 31.1.2017).

Inoltre, va evidenziato che per ottenere i benefici riservati alle vittime del dovere sarà sufficiente provare che l’operatore sia rimasto invalido in conseguenza di una delle attività codificate dal Legislatore al comma 563, ovvero dimostrare che durante una missione di “qualunque natura” “le particolari condizioni ambientali od operative” siano risultate tali da innalzare i rischi di invalidità rispetto a quelli insiti negli ordinari compiti d’istituto.

Per quanto concerne il termine missione va evidenziato che deve attribuirsi  a tale termine il significato di attività istituzionali di servizio proprie delle Forze armate, visto che il citato comma 564, con l‘espressione  “missioni di qualunque natura”  non può che riferirsi ad un’ampia gamma di ipotesi di impiego che hanno riguardo a tutti i compiti e le attività istituzionali svolte dal personale militare che si attuano nello svolgimento di funzioni o compiti operativi addestrativi o logistici sui mezzi o nell’ambito di strutture stabilimenti e siti militari entro o fuori i confini nazionali (Cfr. sul punto Suprema Corte di Cassazione Sezioni Unite sentenza n. 759 del 31.1.2017).

Inoltre, nelle “condizioni ambientali” ovvero nelle “circostanze di servizio straordinarie” previste dall’art. 1 del D.P.R. n. 243/2006 rientra qualsiasi evento, anche traumatico idoneo ad essere qualificato “causa” ovvero “concausa” efficiente e determinante dell’insorgenza e/o del determinismo di infermità permanentemente invalidante contratta dal soggetto richiedente l’equiparazione alle “vittime del dovere”.

La giurisprudenza, ha chiarito la portata della previsione normativa primaria precisando che: "la condizione ambientale ed operativa “particolare” è quella collocantesi al di fuori del modo di svolgimento dell’attività “generale” in quanto corrispondente a come l’attività era previsto si svolgesse. E’ sufficiente, pertanto, un’evenienza che non sia contemplata dalla previsione relativa al normale modo di svolgimento di una determinata funzione” Suprema Corte di Cassazione Sezioni Unite sentenza n. 21969 del 21.9.2017.

Orbene nella fattispecie in esame deve ritenersi che la partecipazione all’attività di addestramento da parte del richiedente parere – allorquando si è verificato l’evento traumatico dell’incidente stradale – sia riconducibile integralmente alla previsione del riferito comma 564 dell’art. 1 della legge 266/2005 che ha esteso, come detto, la portata delle condizioni di cui al comma 563  a coloro che abbiano contratto infermità permanentemente invalidanti di origine patologia ovvero traumatica in occasione di “missioni di qualunque natura” e che siano riconosciute dipendenti da causa di servizio per le “particolari condizioni ambientali od operative”.

In particolare il sicuro riconoscimento dello “status” di soggetto equiparato alle “vittime del dovere” comporterà il conseguente diritto del ricorrente alla liquidazione di tutti i benefici previsti dalla normativa di settore con particolare riferimento alla “speciale elargizione” di cui all’art. 1, comma 1, della legge 20.10.1990 n. 302 e succ. mod ed int, all’assegno vitalizio di cui all’art. 2 della legge 23.11.1998 n. 407 e succ.mod ed int., nonché ai benefici  previsti della Legge 3.8.2004 n. 206.

Da tutto quanto detto e specificato il sottoscritto Avv. esprime un favorevole parere in merito per un militare di richiedere lo “status di vittima del dovere” ed ottenere i relativi benefici previsti dalla normativa di settore, secondo le indizioni di cui al presente parere.

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

L'obiezione di coscienza dei medici anestesisti

Parere in merito all'obiezione di coscienza di un medico anestesista rispetto alla visita per un intervento di interruzione volontaria di gravidanza

Continua

L'ipotesi di silenzio di cui all’art.8 DPR 339/82

Transito del dipendente di Polizia Stato non idoneo nei ruoli civili dell'Amministrazione per silenzio assenso di cui all'art. 8 del DPR 339/1982

Continua

L`aspettativa per assegno di ricerca

Parere sulla possibilità di richiedere l’aspettativa per la sottoscrizione di un contratto per “assegno di ricerca” presso Università Straniere

Continua

L'attività libero professionale dei docenti MIUR

Parere in merito all'incompatibilità dell’attività libero professionale di un docente rispetto allo svolgimento dell’attività libero professionale

Continua

La sospensione del nulla osta della scuola guida

Possibile impugnativa di un provvedimento di sospensione del nulla osta per 30 giorni per l’effettuazione di corsi di recupero punti sulla patente

Continua

Il servizio preruolo degli insegnanti

Parere in merito alla richiesta di riconoscimento come servizio di ruolo dell’intero servizio di insegnamento non di ruolo degli insegnati

Continua

La video sorveglianza del territorio comunale

Parere in merito alla video sorveglianza del territorio comunale per il contrasto dell’abbandono dei rifiuti

Continua

Ricongiungimento familiare del personale militare

Ecco qual è la normativa in merito al trasferimento per ricongiungimento familiare del personale militare

Continua

Ordine di servizio orale del dirigente scolastico

Impugnativa di una sanzione disciplinare per il mancato rispetto dell’ordine di servizio orale dalla dirigente scolastica ad un’insegnate di sostegno

Continua

Assegno di ricerca per il personale militare

Parere in merito al periodo di aspettativa per la sottoscrizione di un contratto per “assegno di ricerca” da parte del personale militare

Continua

Valutazione del servizio nella scuola paritaria

Parere in merito possibilità di richiedere il riconoscimento del servizio prestato nelle scuole paritarie ai fini della mobilità territoriale

Continua

Concorso a cattedra 2018

Parere sulla possibilità di impugnare il bando del concorso a cattedra 2018 per i dottori di ricerca non abilitati

Continua

Trasferimento dei militari, ricongiungimento familiare

Trasferimento per ricongiungimento familiare di due militari coniugati appartenenti a diverse Amministrazioni del comparto Difesa

Continua

Trasformazione di un B&B in affittacamere

Parere in merito alla trasformazione di un B&B in affittacamere nel Comune di Anancapri in assenza del certificato di agibilità

Continua

Posizione del proprietario rispetto all’abuso edilizio commesso dall’inquilino

Gli obblighi del proprietario rispetto all’abuso edilizio commesso dall’inquilino in zona vincolata

Continua

Trasferimento di un Sergente dell’Esercito per ricongiungimento alla coniuge agente di polizia

La disciplina del trasferimento di un Sergente dell’Esercito per ricongiungimento

Continua

La posizione degli idonei delle graduatorie AA.SS.LL.

Prevalenza dell’utilizzazione delle graduatorie AA.SS.LL. rispetto all’indizione di un concorso .

Continua

Accesso al ruolo di Agente di Polizia Municipale per gli aspiranti con lenti intraoculari ICL

Accesso ai ruolo di Agente di Polizia Municipale per gli aspiranti con lenti intraoculari ICL

Continua

Liquidazione dell’ALSE e dell’I.S. per Esperto Nazionale distaccato presso l’AEDS

Liquidazione dell’ALSE e dell’I.S. per Esperto Nazionale distaccato presso l’AEDS

Continua

Graduatorie di circolo ed istituto e controlli sulle dichiarazioni

L'impugnativa della risoluzione anticipata del contratto di lavoro sottoscritto da un collaboratore scolastico supplente per irregolarità della posizione previdenziale

Continua

Il diritto di prelazione dello I.A.C.P. sulla vendita degli alloggi

La vendita un alloggio di edilizia residenziale pubblica decorsi 10 anni dall'acquisto a seguito del mancato esercizio del diritto di prelazione da parte dello I.A.C.P.

Continua

L'accertamento del diritto al mantenimento dei figli maggiorenni

La possibilità per un genitore di richiedere al Tribunale territorialmente competente l’accertamento negativo del diritto al mantenimento dei figli maggiorenni

Continua

Ricorso contro il rigetto della domanda di assegno di invalidità

Ricorso amministrativo avverso il provvedimento di rigetto della domanda di assegno ordinario di invalidità nelle gestione FPLD

Continua

Vincolo di permanenza quinquennale nella sede di prima nomina: deroghe

Deroga al vincolo di permanenza quinquennale nelle sede di prima nomina a seguito della vincita di un concorso da parte di una candidata coniugata con un militare

Continua

I requisiti morali del direttore didattico di scuola guida

L'annullamento della SCIA per l’apertura di una scuola guida per carenza del requisito di "buona condotta" in capo al “direttore didattico".

Continua

L’impugnativa di un Piano di Governo ad opera di un comitato locale

Parere sull’impugnativa di un Piano di Governo del Territorio ad opera di un Comitato locale per la salvaguardia di un nucleo rurale storico

Continua

L'iperbilirubinemia indiretta nei concorsi nelle FFA

La possibile impugnativa del decreto di inidoneità al concorso per la riscontrata iperbilirubinemia indiretta

Continua

Il riconoscimento del servizio pre-ruolo svolto nelle scuole statali

Ecco come si calcola il riconoscimento del servizio pre-ruolo svolto nelle scuole statali

Continua

Il decreto di ricostruzione della carriera dei docenti statali

Parere in merito alla possibilità per un docente immesso in ruolo di richiedere il riconoscimento del servizio pre ruolo svolto nelle scuole statali

Continua

Lavori su un immobile vincolato in pendenza del'istanza di condono

Parere in merito alla presentazione un’istanza ex art. 35, comma 13, della L.28.2.1985 n. 47 con riferimento ad un immobile sottoposto ad un vincolo archeologico

Continua

Il condono edilizio su un immobile vincolato

Parere in merito al prevedibile esito dell’istanza di condono con riferimento ai lavori abusivi su un immobile vincolato

Continua

Ricorso gerarchico, l'impugnativa delle note caratteristiche

L'impugnativa di un decreto della D.P.G.M. del Ministero della Difesa con il quale è stato respinto il ricorso gerarchico proposto avverso il rapporto informativo

Continua

Immobile con vincolo archeologico, presentazione di istanza di sanatoria

Parere in merito alla possibilità di presentare un’istanza di sanatoria per abusi edilizi con riferimento ad un immobile sottoposto a vincolo archeologico

Continua

Impugnativa del decreto di inidoneità al concorso per allievi carabinieri

Parere in merito alla possibilità, per un candidato al concorso per allievi carabinieri di impugnare il decreto con il quale è stato dichiarato “inidoneo”

Continua

L'equo indennizzo e tempestività della domanda

Parere in merito alla possibilità per un Capo di 2a classe di impugnare il decreto di diniego dell’equo indennizzo per intempestività della domanda

Continua