Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Il decreto di ricostruzione della carriera dei docenti statali


Parere in merito alla possibilità per un docente immesso in ruolo di richiedere il riconoscimento del servizio pre ruolo svolto nelle scuole statali
Il decreto di ricostruzione della carriera dei docenti statali

Mi viene chiesto parere in merito alla possibilità per un docente immesso in ruolo di richiedere ed ottenere il decreto di ricostruzione della carriera.  

In punto di fatto occorre chiarire che l’Ufficio Scolastico Regionale territorialmente competente, con apposito provvedimento, contenete la proposta di assunzione, ai sensi dell’art. 399 del D.lgs. 16.4.1194 n. 297 individuava la docente, proveniente dalle graduatorie ad esaurimento di scuola primaria, quale destinataria di contratto a tempo indeterminato su posto di sostegno, classe di concorso EH “sostegno minorati psicofisici” ai fini dell’immissioni in ruolo per l’anno scolastico 2014/2015.

La docente in qualità di docente di ruolo in prova, su posto di sostegno, accettava la proposta di assunzione provvedendo altresì alla stipula del contratto individuale di lavoro a tempo indeterminato con decorrenza giuridica dall’1.9.2014 ed economica dall’1.9.2015.

La docente, dopo il periodo di formazione previsto e regolato dall’art. 438, comma 1 del D.Lgs. 16.4.1994 n. 297, a seguito della positiva valutazione da parte del tutor nonché del dirigente scolastico, sentito il comitato per la valutazione istituito ai sensi comma 4 dell’art. 438  della già citata legge, veniva definitivamente confermata in ruolo.

La docente inoltrava alla Segreteria dell’Istituto Comprensivo (scuola di titolarità della docente per l’anno scolastico 2015/2016) la “domanda di ricostruzione di carriera” chiedendo “a norma della legge 576/1970 successivamente integrata dall’art. 485 e seguenti del D.Lgs. 16.4.1994 n. 297 il riconoscimento ai fini della carriera dei seguenti servizi prestati prima della nomina a tempo indeterminato per i quali non è in godimento di pensione” .

In particolare, la docente richiedeva il riconoscimento degli anni di servizio pre ruolo prestati, ma l’Istituto comprensivo non provvedeva a dare alla detta domanda di ricostruzione della carriera alcun riscontro.

Sul punto occorre rilevare che il Decreto Ministeriale 6.4.1995, n. 190 recante il “Regolamento di attuazione dell'art. 2, secondo comma, e dell'art. 4, primo comma, della legge 7 agosto 1990, n. 241, relativo ai termini entro i quali debbono essere adottati i provvedimenti finali di competenza di organi ed uffici dell'amministrazione della P.I., e alla individuazione dei responsabili delle unità organizzative” all’art. 1 avente ad oggetto “ambito di applicazione” prevede che: “I procedimenti di competenza dell'amministrazione della P.I. devono concludersi con un provvedimento espresso nel termine stabilito, per ciascun procedimento, nella allegata tabella A, che costituisce parte integrante del presente regolamento e che contiene, altresì, l'indicazione dell'organo o ufficio competente e della fonte normativa”.

La prevista Tabella “A” prevede espressamente che per la “ricostruzione di carriera il Termine per l'adozione è di (gg.): 480” indicando tra le norme di legge cui detto termine di riferisce anche il D.lgs. 16.4.1994 n. 297 e, pertanto, il detto termine deve riferirsi anche alle domande di ricostruzione di carriera del personale scolastico.

Va altresì evidenziato che l’articolo 1, comma 209, della legge 13.7.2015, n. 107, stabilisce, che: “Le domande per il riconoscimento dei servizi agli effetti della carriera del personale scolastico sono presentate al dirigente scolastico nel periodo compreso tra il 1º settembre e il 31 dicembre di ciascun anno, ferma restando la disciplina vigente per l'esercizio del diritto al riconoscimento dei servizi agli effetti della carriera. Entro il successivo 28 febbraio, ai fini di una corretta programmazione della spesa, il Ministero dell'istruzione, dell'Università e della ricerca comunica al Ministero dell'economia e delle finanze – Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato le risultanze dei dati relativi alle istanze per il riconoscimento dei servizi agli effetti della carriera del personale scolastico”.  

Tale norma impone, pertanto, ai Dirigenti scolastici, di adottare il decreto entro un termine – fissato, sino alla data di entrata in vigore della legge 13.7.2015 n. 107, in 480 giorni ai sensi del D.M. 190 del 06/04/1995 – compreso tra i 30 e i 90 giorni a decorrere dalla data di presentazione della domanda di ricostruzione di carriera da parte del dipendente.

Il Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato Ispettorato Generale di Finanza – Ufficio XIII con la circolare prot. 181138 del 6.10.2017 avente ad oggetto “Decorrenza della prescrizione del diritto alla corresponsione degli arretrati stipendiali in caso di ritardo nell’emissione del provvedimento di ricostruzione di carriera” ha evidenziato che “ai fini giuridici, al diritto alla ricostruzione di carriera si applicano le disposizioni riguardanti la prescrizione ordinaria decennale, di cui all’articolo 2946 del codice civile, ai fini economici esso soggiace alla disciplina contenuta nell’articolo 2948 del medesimo codice, relativa al termine di prescrizione ridotto a cinque anni….Ciò posto, stante il termine prescrizionale quinquennale, come da consolidata giurisprudenza giuslavoristica ed amministrativa (da ultimo, Consiglio di Stato, Sez. III, sentenza n. 155/2013) e considerato che il procedimento di ricostruzione di carriera si attiva ad istanza di parte, è di tutta evidenza che, nell’ipotesi di mancata emissione del decreto di ricostruzione di carriera, occorre che l’interessato si attivi con ogni atto ed iniziativa utili ad interrompere il decorso del termine prescrizionale, avvalendosi degli strumenti previsti dall’ordinamento giuridico avverso l’inerzia della P.A”.

Per quanto concerne in particolare il termine prescrizionale occorre rilevare che la legge 7.8.1985 n. 428 recante all’art. 2, penultimo ed ultimo comma prevede che “Le rate di stipendio e di assegni equivalenti, le rate di pensione e gli assegni indicati nel decreto-legge luogotenenziale 2 agosto 1917, n. 1278, dovuti dallo Stato, si prescrivono con il decorso di cinque anni. Il termine di prescrizione quinquennale si applica anche alle rate e differenze arretrate degli emolumenti indicati nel comma precedente spettanti ai destinatari o loro aventi causa e decorre dal giorno in cui il  diritto può essere fatto valere".

Appare, quindi, evidente, che le omissioni poste in essere dalla Segreteria sono gravissime, laddove, una volta ricevuta la “domanda di ricostruzione carriera” avevano l’obbligo di portare a termine il procedimento, emettendo il relativo decreto di ricostruzione in applicazione della tempistica stabilita della normativa di settore e tra gli altri, dei principi di efficacia ed efficienza ed economicità dell’azione amministrativa.

Orbene in ragione del lungo tempo trascorso dall’inoltro della domanda di ricostruzione carriera, considerato il descritto contegno dilatorio e pretestuoso mantenuto dalla Segreteria, considerata, altresì, la non scarsa importanza degli adempimenti richiesti alle Segreterie appare evidente il diritto della docente a non dover restare sine die vincolata al libito dell’Amministrazione scolastica.

Pertanto, in caso di perdurante silenzio della Segreteria occorre diffidare l’Istituto Scolastico a provvedere alla necessaria esitazione della domanda di ricostruzione di carriera e all’emissione del relativo decreto di ricostruzione di carriera entro e non oltre il termine di 90 giorni dalla notifica dell’atto, ai sensi dell’art. 1, comma 209, della legge 13.7.2015 n. 107, con l’espressa avvertenza che, in mancanza di riscontro, si presenterà ricorso all’autorità giudiziaria competente.  

A scopo cautelativo inoltre la diffida dovrà ad ogni effetto di legge interrompere i termini prescrittivi di cui all’art. 2948 c.c. e dell’art. 2 della legge 7.8.1985 n. 428, cosi come precisato dalla circolare prot. 181138 del 6.10.2017 del Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato Ispettorato Generale di Finanza – Ufficio XIII.

Orbene laddove la Segreteria non ottemperi neppure in cado di diffida occorrerà adire il Tribunale Civile in funzione di Giudice del Lavoro per chiedere l’accertamento del diritto all’ emissione del decreto di ricostruzione della carriera.

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

L'obiezione di coscienza dei medici anestesisti

Parere in merito all'obiezione di coscienza di un medico anestesista rispetto alla visita per un intervento di interruzione volontaria di gravidanza

Continua

L'ipotesi di silenzio di cui all’art.8 DPR 339/82

Transito del dipendente di Polizia Stato non idoneo nei ruoli civili dell'Amministrazione per silenzio assenso di cui all'art. 8 del DPR 339/1982

Continua

L`aspettativa per assegno di ricerca

Parere sulla possibilità di richiedere l’aspettativa per la sottoscrizione di un contratto per “assegno di ricerca” presso Università Straniere

Continua

L'attività libero professionale dei docenti MIUR

Parere in merito all'incompatibilità dell’attività libero professionale di un docente rispetto allo svolgimento dell’attività libero professionale

Continua

La sospensione del nulla osta della scuola guida

Possibile impugnativa di un provvedimento di sospensione del nulla osta per 30 giorni per l’effettuazione di corsi di recupero punti sulla patente

Continua

Il servizio preruolo degli insegnanti

Parere in merito alla richiesta di riconoscimento come servizio di ruolo dell’intero servizio di insegnamento non di ruolo degli insegnati

Continua

La video sorveglianza del territorio comunale

Parere in merito alla video sorveglianza del territorio comunale per il contrasto dell’abbandono dei rifiuti

Continua

Ricongiungimento familiare del personale militare

Ecco qual è la normativa in merito al trasferimento per ricongiungimento familiare del personale militare

Continua

Ordine di servizio orale del dirigente scolastico

Impugnativa di una sanzione disciplinare per il mancato rispetto dell’ordine di servizio orale dalla dirigente scolastica ad un’insegnate di sostegno

Continua

Assegno di ricerca per il personale militare

Parere in merito al periodo di aspettativa per la sottoscrizione di un contratto per “assegno di ricerca” da parte del personale militare

Continua

Valutazione del servizio nella scuola paritaria

Parere in merito possibilità di richiedere il riconoscimento del servizio prestato nelle scuole paritarie ai fini della mobilità territoriale

Continua

Concorso a cattedra 2018

Parere sulla possibilità di impugnare il bando del concorso a cattedra 2018 per i dottori di ricerca non abilitati

Continua

Trasferimento dei militari, ricongiungimento familiare

Trasferimento per ricongiungimento familiare di due militari coniugati appartenenti a diverse Amministrazioni del comparto Difesa

Continua

Trasformazione di un B&B in affittacamere

Parere in merito alla trasformazione di un B&B in affittacamere nel Comune di Anancapri in assenza del certificato di agibilità

Continua

Posizione del proprietario rispetto all’abuso edilizio commesso dall’inquilino

Gli obblighi del proprietario rispetto all’abuso edilizio commesso dall’inquilino in zona vincolata

Continua

Trasferimento di un Sergente dell’Esercito per ricongiungimento alla coniuge agente di polizia

La disciplina del trasferimento di un Sergente dell’Esercito per ricongiungimento

Continua

La posizione degli idonei delle graduatorie AA.SS.LL.

Prevalenza dell’utilizzazione delle graduatorie AA.SS.LL. rispetto all’indizione di un concorso .

Continua

Accesso al ruolo di Agente di Polizia Municipale per gli aspiranti con lenti intraoculari ICL

Accesso ai ruolo di Agente di Polizia Municipale per gli aspiranti con lenti intraoculari ICL

Continua

Liquidazione dell’ALSE e dell’I.S. per Esperto Nazionale distaccato presso l’AEDS

Liquidazione dell’ALSE e dell’I.S. per Esperto Nazionale distaccato presso l’AEDS

Continua

Graduatorie di circolo ed istituto e controlli sulle dichiarazioni

L'impugnativa della risoluzione anticipata del contratto di lavoro sottoscritto da un collaboratore scolastico supplente per irregolarità della posizione previdenziale

Continua

Il diritto di prelazione dello I.A.C.P. sulla vendita degli alloggi

La vendita un alloggio di edilizia residenziale pubblica decorsi 10 anni dall'acquisto a seguito del mancato esercizio del diritto di prelazione da parte dello I.A.C.P.

Continua

L'accertamento del diritto al mantenimento dei figli maggiorenni

La possibilità per un genitore di richiedere al Tribunale territorialmente competente l’accertamento negativo del diritto al mantenimento dei figli maggiorenni

Continua

Ricorso contro il rigetto della domanda di assegno di invalidità

Ricorso amministrativo avverso il provvedimento di rigetto della domanda di assegno ordinario di invalidità nelle gestione FPLD

Continua

Vincolo di permanenza quinquennale nella sede di prima nomina: deroghe

Deroga al vincolo di permanenza quinquennale nelle sede di prima nomina a seguito della vincita di un concorso da parte di una candidata coniugata con un militare

Continua

I requisiti morali del direttore didattico di scuola guida

L'annullamento della SCIA per l’apertura di una scuola guida per carenza del requisito di "buona condotta" in capo al “direttore didattico".

Continua

L’impugnativa di un Piano di Governo ad opera di un comitato locale

Parere sull’impugnativa di un Piano di Governo del Territorio ad opera di un Comitato locale per la salvaguardia di un nucleo rurale storico

Continua

L'iperbilirubinemia indiretta nei concorsi nelle FFA

La possibile impugnativa del decreto di inidoneità al concorso per la riscontrata iperbilirubinemia indiretta

Continua

Lo “status di vittima del dovere” e i relativi benefici

La possibilità per un militare di richiedere lo “status di vittima del dovere” e ottenere i relativi benefici previsti dalla normativa di settore

Continua

Il riconoscimento del servizio pre-ruolo svolto nelle scuole statali

Ecco come si calcola il riconoscimento del servizio pre-ruolo svolto nelle scuole statali

Continua

Lavori su un immobile vincolato in pendenza del'istanza di condono

Parere in merito alla presentazione un’istanza ex art. 35, comma 13, della L.28.2.1985 n. 47 con riferimento ad un immobile sottoposto ad un vincolo archeologico

Continua

Il condono edilizio su un immobile vincolato

Parere in merito al prevedibile esito dell’istanza di condono con riferimento ai lavori abusivi su un immobile vincolato

Continua

Ricorso gerarchico, l'impugnativa delle note caratteristiche

L'impugnativa di un decreto della D.P.G.M. del Ministero della Difesa con il quale è stato respinto il ricorso gerarchico proposto avverso il rapporto informativo

Continua

Immobile con vincolo archeologico, presentazione di istanza di sanatoria

Parere in merito alla possibilità di presentare un’istanza di sanatoria per abusi edilizi con riferimento ad un immobile sottoposto a vincolo archeologico

Continua

Impugnativa del decreto di inidoneità al concorso per allievi carabinieri

Parere in merito alla possibilità, per un candidato al concorso per allievi carabinieri di impugnare il decreto con il quale è stato dichiarato “inidoneo”

Continua

L'equo indennizzo e tempestività della domanda

Parere in merito alla possibilità per un Capo di 2a classe di impugnare il decreto di diniego dell’equo indennizzo per intempestività della domanda

Continua