Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Ricongiungimento familiare del personale militare


Parere in merito al trasferimento per ricongiungimento familiare del personale militare
Ricongiungimento familiare del personale militare
Mi viene chiesto parere in merito al trasferimento per ricongiungimento familiare di un militare.
La normativa in ambito di ricongiungimento familiare dei militari è regolata da due leggi diverse: ovvero dall’art. 1 della legge 10.3.1987 n. 100 e dall’art. 17 della legge 28.7.1999 n. 266.
In particolare l’articolo 1 della legge n.100 del 1987, al comma 5, prevede che: "il coniuge convivente del personale militare di cui al comma primo che sia impiegato in una amministrazione statale ha diritto, all’atto del trasferimento, ad essere impiegato, in ruolo normale, in soprannumero e per comando, presso le rispettive amministrazioni site nella sede di servizio del coniuge, o, in mancanza, nella sede più vicina".
L’art. 17 della legge n.266 del 1999 prevede che "il coniuge convivente del personale in servizio permanente delle forze armate, compresa l’Arma dei carabinieri, del Corpo della Guardia di finanza e delle Forze di polizia ad ordinamento civile e degli ufficiali e sottufficiali piloti di complemento in ferma dodecennale di cui alla legge 19 maggio 1986, n. 224, nonché del Corpo nazionale dei vigili del fuoco, trasferiti d’autorità da una ad altra sede di servizio, che sia impiegato in una delle amministrazioni di cui all’articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 3 febbraio 1993, n. 29, ha diritto, all’atto del trasferimento o dell’elezione di domicilio nel territorio nazionale, ad essere impiegato presso l’amministrazione di appartenenza o, per comando o distacco, presso altre amministrazioni nella sede di servizio del coniuge o, in mancanza, nella sede più vicina.".
Le citate norme regolano, però, soltanto l’ipotesi di del trasferimento del "coniuge convivente del personale militare" che sia impiegato in un’Amministrazione dello Stato, e non regolano invece il caso in cui sia il militare a chiedere il trasferimento per "ricongiungimento familiare", laddove il coniuge sia impossibilito al trasferimento.
Sul punto occorre evidenziare che il D.Lgs. 26.3.2001, n. 151 recante il "Testo unico delle disposizioni legislative in materia di tutela e sostegno della maternità e della paternità, a norma dell'articolo 15 della legge 8.3.2000, n. 53" all’art.42 bis, avente ad oggetto "assegnazione temporanea dei lavoratori dipendenti alle amministrazioni pubbliche", prevede che "il genitore con figli minori fino a tre anni di età dipendente di amministrazioni pubbliche di cui all'articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni, può essere assegnato, a richiesta, anche in modo frazionato e per un periodo complessivamente non superiore a tre anni, ad una sede di servizio ubicata nella stessa provincia o regione nella quale l’altro genitore esercita la propria attività lavorativa, subordinatamente alla sussistenza di un posto vacante e disponibile di corrispondente posizione retributiva e previo assenso delle amministrazioni di provenienza e destinazione. L’eventuale dissenso deve essere motivato. L’assenso o il dissenso devono essere comunicati all'interessato entro trenta giorni dalla domanda".
Orbene il Decreto Legislativo 15.3.2010, n. 66 recante il "Codice dell'ordinamento militare" al Capo V recante i "diritti sociali" alla Sezione I "Tutela della maternità e della paternità" all’art. 1493 avente ad oggetto "Estensione della normativa per il personale della Pubblica Amministrazione" prevede espressamente che: "Al personale militare femminile e maschile si applica, tenendo conto del particolare stato rivestito, la normativa vigente per il personale delle pubbliche amministrazioni in materia di maternità e paternità, nonché le disposizioni dettate dai provvedimenti di concertazione".
Ad avviso della giurisprudenza, l’inciso "tenendo conto del particolare stato rivestito", contenuto nell’art. 1493, comma 1 del D.lgs. 66/2010 "comporta l’attribuzione all’Amministrazione di un peculiare potere valutativo da esercitare caso per caso e tenuto conto delle complessive esigenze degli uffici, imponendole un onere motivazionale pregnante attorno alle ragioni organizzative che, nel caso concreto, siano ostative all’accoglimento dell’istanza (quali, ad es., l’incidenza pregiudizievole sul funzionamento dell’ufficio a quo e/o l’indisponibilità di posti da ricoprire presso l’ufficio ad quem, in relazione al particolare stato rivestito dall’istante nel concreto contesto organizzativo)", Consiglio di Stato, Sez. VI, 21.5.2013, n. 2730.
Pertanto la giurisprudenza ha ritenuto applicabile all’ordinamento militare il citato art. 42 bis del D.Lgs. 26.3.2001, n. 151 sia pure contemperato alle esigenze della Comando di appartenenza del militare (cfr. sul punto T.A.R. Lombardia - Milano sentenza n. 641 del 13.3.2014 e n. 1811 dell’11.7.2014, T.A.R. Calabria Catanzaro sentenza n. 1196 del 17.7.2014).
Appare pertanto evidente che, ai sensi del combinato disposto degli art. 42 bis D.Lgs. 26.3.2001, n. 151 e l’art. 1493, comma 1, del D.lgs. 66/2010 il militare, in costanza di matrimonio e genitore (anche in attesa) di un figlio può chiedere il trasferimento ad una sede di servizio ubicata nella stessa provincia o regione nella quale l’altro genitore esercita la propria attività lavorativa, subordinatamente alla sussistenza di un posto vacante e disponibile di corrispondente posizione retributiva e previo assenso delle amministrazioni di provenienza e destinazione.
Appare quindi evidente che il militare in caso di motivato dissenso da parte dell’Amministrazione deve provare l’esistenza di un posto vacante e disponibile nella sede presso cui chiede il trasferimento, tramite un’istanza di accesso agli atti chiedendo espressamente copia delle piante organiche.
Sul punto la giurisprudenza nel pronunciarsi in merito alla possibilità del militare che ha chiesto il trasferimento per "ricongiungimento familiare" nonché l’accesso alle piante organiche dell’Amministrazione militare di appartenenza ha chiarito che: " con gli artt. 1048 e 1049 del D.P.R. 90/2010, sono state individuate le categorie di documenti sottratte all’accesso e queste ultime, per quanto qui di interesse, fanno effettivamente riferimento anche alle "struttura ordinativa e dotazioni organiche di personale, mezzi, armamento, e munizionamento tecnico dei reparti dell'Arma dei carabinieri", tuttavia, pur concernendo la richiesta di accesso atti che hanno la medesima connotazione organizzativa contemplata dal citato D.P.R. 90/2010, la loro ostensione non avrebbe dovuto essere negata, in considerazione dell’obiettiva connessione di tali atti a una specifica esigenza di difesa del ricorrente; va rammentato, infatti, che l’art. 24. comma 7 della l. 241/1990, dopo che il precedente comma 6, già menzionato, ha enumerato i casi in cui un regolamento governativo può escludere l’accesso, stabilisce che "deve comunque essere garantito ai richiedenti l’accesso ai documenti amministrativi la cui conoscenza sia necessaria per curare o per difendere i propri interessi giuridici"; il significato della norma è inequivocamente quello di consentire "comunque" l’accesso a scopi difensivi dei propri interessi giuridici e tanto anche nei casi in cui sia stata disposta l’esclusione dell’accesso ai sensi, appunto, del comma 6 dell’art. 24 della l. 241/1990; come si è già riferito sopra, non può dubitarsi che tali siano le finalità perseguite dal ricorrente" T.A.R. Lombardia - Milano sentenza n. 2105 del 5.9.2013.
Schematizzando: il militare può richiedere il trasferimento per ricongiungimento familiare in costanza di matrimonio ed in quanto genitore di un minore.
Sul punto occorre altresì segnalare l’interessante disegno di legge n. 1469 della XVII legislatura avente ad oggetto "Disposizioni in materia di ricongiungimento familiare del personale militare legato da vincolo matrimoniale con altro appartenente alle Forze armate, al Corpo della Guardia di finanza, ovvero appartenente alle Forze
di polizia ad ordinamento militare e civile" che all’art. 2 recante il "ricongiungimento familiare" prevede espressamente che: "Al personale delle Forze armate, delle Forze di polizia ad ordinamento militare e civile, del Corpo della Guardia di finanza, nonché del Corpo nazionale dei vigili del fuoco, che contrae matrimonio con altro personale della medesima amministrazione di appartenenza, ovvero con personale di amministrazione differente, è riconosciuto il diritto, previa presentazione di domanda, di risiedere nella città ove si trova la sede dell'amministrazione di appartenenza del coniuge cui compete la scelta, secondo quanto stabilito dall'articolo 3, e di prestare servizio presso la medesima sede".
Il medesimo disegno all’art. 3 recante la "scelta della sede" prevede espressamente che: "1. La sede dell'amministrazione ove i coniugi hanno la residenza e prestano servizio coincide con quella del consorte più alto in grado ovvero, a parità di grado, con quella del consorte più anziano in servizio. 2. Le amministrazioni di appartenenza, in base alle proprie esigenze di servizio e tenuto conto degli interessi e delle esigenze personali e familiari dei coniugi, possono, a seguito di presentazione di richiesta specifica dei coniugi medesimi, destinare entrambi nella medesima località o in altre viciniori".
Tale disegno è stato assegnato in data 11 settembre 2014 alla Commissione del Senato che, tuttavia, non ha iniziato l’esame, e pertanto non è diventato legge considerata altresì la fine della legislatura.

Articolo del:



Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

L'obiezione di coscienza dei medici anestesisti

Parere in merito all'obiezione di coscienza di un medico anestesista rispetto alla visita per un intervento di interruzione volontaria di gravidanza

Continua

L'ipotesi di silenzio di cui all’art.8 DPR 339/82

Transito del dipendente di Polizia Stato non idoneo nei ruoli civili dell'Amministrazione per silenzio assenso di cui all'art. 8 del DPR 339/1982

Continua

L`aspettativa per assegno di ricerca

Parere sulla possibilità di richiedere l’aspettativa per la sottoscrizione di un contratto per “assegno di ricerca” presso Università Straniere

Continua

L'attività libero professionale dei docenti MIUR

Parere in merito all'incompatibilità dell’attività libero professionale di un docente rispetto allo svolgimento dell’attività libero professionale

Continua

La sospensione del nulla osta della scuola guida

Possibile impugnativa di un provvedimento di sospensione del nulla osta per 30 giorni per l’effettuazione di corsi di recupero punti sulla patente

Continua

Il servizio preruolo degli insegnanti

Parere in merito alla richiesta di riconoscimento come servizio di ruolo dell’intero servizio di insegnamento non di ruolo degli insegnati

Continua

La video sorveglianza del territorio comunale

Parere in merito alla video sorveglianza del territorio comunale per il contrasto dell’abbandono dei rifiuti

Continua

Ordine di servizio orale del dirigente scolastico

Impugnativa di una sanzione disciplinare per il mancato rispetto dell’ordine di servizio orale dalla dirigente scolastica ad un’insegnate di sostegno

Continua

Assegno di ricerca per il personale militare

Parere in merito al periodo di aspettativa per la sottoscrizione di un contratto per “assegno di ricerca” da parte del personale militare

Continua

Valutazione del servizio nella scuola paritaria

Parere in merito possibilità di richiedere il riconoscimento del servizio prestato nelle scuole paritarie ai fini della mobilità territoriale

Continua

Concorso a cattedra 2018

Parere sulla possibilità di impugnare il bando del concorso a cattedra 2018 per i dottori di ricerca non abilitati

Continua

Trasferimento dei militari, ricongiungimento familiare

Trasferimento per ricongiungimento familiare di due militari coniugati appartenenti a diverse Amministrazioni del comparto Difesa

Continua

Trasformazione di un B&B in affittacamere

Parere in merito alla trasformazione di un B&B in affittacamere nel Comune di Anancapri in assenza del certificato di agibilità

Continua

Posizione del proprietario rispetto all’abuso edilizio commesso dall’inquilino

Gli obblighi del proprietario rispetto all’abuso edilizio commesso dall’inquilino in zona vincolata

Continua

Trasferimento di un Sergente dell’Esercito per ricongiungimento alla coniuge agente di polizia

La disciplina del trasferimento di un Sergente dell’Esercito per ricongiungimento

Continua

La posizione degli idonei delle graduatorie AA.SS.LL.

Prevalenza dell’utilizzazione delle graduatorie AA.SS.LL. rispetto all’indizione di un concorso .

Continua

Accesso al ruolo di Agente di Polizia Municipale per gli aspiranti con lenti intraoculari ICL

Accesso ai ruolo di Agente di Polizia Municipale per gli aspiranti con lenti intraoculari ICL

Continua

Liquidazione dell’ALSE e dell’I.S. per Esperto Nazionale distaccato presso l’AEDS

Liquidazione dell’ALSE e dell’I.S. per Esperto Nazionale distaccato presso l’AEDS

Continua

Graduatorie di circolo ed istituto e controlli sulle dichiarazioni

L'impugnativa della risoluzione anticipata del contratto di lavoro sottoscritto da un collaboratore scolastico supplente per irregolarità della posizione previdenziale

Continua

Il diritto di prelazione dello I.A.C.P. sulla vendita degli alloggi

La vendita un alloggio di edilizia residenziale pubblica decorsi 10 anni dall'acquisto a seguito del mancato esercizio del diritto di prelazione da parte dello I.A.C.P.

Continua

L'accertamento del diritto al mantenimento dei figli maggiorenni

La possibilità per un genitore di richiedere al Tribunale territorialmente competente l’accertamento negativo del diritto al mantenimento dei figli maggiorenni

Continua