Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Liquidazione dell’ALSE e dell’I.S. per Esperto Nazionale distaccato presso l’AEDS


Liquidazione dell’ALSE e dell’I.S. per Esperto Nazionale distaccato presso l’AEDS
Liquidazione dell’ALSE e dell’I.S. per Esperto Nazionale distaccato presso l’AEDS

Mi viene chiesto parere in merito alla possibilità per un END Esperto Nazionale distaccato presso l’AEDS – Accademia Europea della Sicurezza di richiedere l’assegno di lungo servizio (ALSE) e l’indennità speciale (IS) di cui agli art. 1808, comma 1 e art. 2164 del D.lgs. n. 66/2010 dal momento del distacco fino al termine dello stesso.

Come previsto nella decisione dell’Alto Rappresentante dell’Unione per gli Affari Esteri e la Politica di Sicurezza del 23.3.2011 – che fissa il regime applicabile anche agli END distaccati presso l’AESD – gli END operano nel settore della politica estera e sicurezza comune, svolgendo un duplice ruolo: offrire alla Commissione l'esperienza maturata nei settori di propria competenza e, successivamente, mettere a disposizione dell’amministrazione nazionale la conoscenza delle politiche comunitarie acquisita durante il periodo di distacco.

Si tratta di dipendenti delle amministrazioni nazionali o persone comunque occupate nel settore pubblico degli Stati membri, distaccati per un determinato periodo (da un minimo di sei mesi ad un massimo di sei anni) presso una delle istituzioni dell’Unione.

Per quanto riguarda in particolare gli END, pur rimanendo, anche dal punto di vista retributivo, alle dipendenze della propria amministrazione nazionale, gli stessi sono inseriti a pieno titolo, durante il periodo di distacco, in una Direzione generale o in un Servizio dell’istituzione di accoglienza, contribuendo alla realizzazione degli obiettivi strategici assegnati a quella Direzione o a quel Servizio.

A questo fine gli END sono soggetti alle istruzioni delle gerarchie della struttura di inserimento, in base a una descrizione dettagliata del proprio incarico e nel rispetto di norme che permettono di evitare il rischio di eventuali conflitti di interesse.

Da un punto di vista generale, attraverso gli END si dà vita ad uno scambio reciproco, in termini dì conoscenze, competenze e capacità professionali, fra le amministrazioni pubbliche degli Stati membri e le istituzioni dell'Unione, avvantaggiando lo Stato d’origine.

Allo stesso tempo però, pur nel rispetto degli obblighi di indipendenza e riservatezza cui è soggetto durante l'incarico, l'END rappresenta uno strumento di contatto tra l'amministrazione nazionale e l'istituzione presso cui sono distaccati, potendo assicurare alla propria amministrazione di appartenenza, anche dopo il rientro in patria, un patrimonio di conoscenze e relazioni personali importante per una più efficace gestione dei rapporti tra quella amministrazione e gli uffici della Commissione o di altre istituzioni dell’Unione (Cfr.: Dir. Min. del 3.8.2007).

Si tratta quindi di un'attività realizzata nel duplice interesse, e dell'amministrazione europea e di quella nazionale, pertanto, l'End continua ad essere retribuito dall'amministrazione di origine e pertanto conserva il rapporto di servizio con l'amministrazione da cui dipende.

In applicazione delle direttive dell’Alto Rappresentante dell’Unione per gli Affari Esteri e la Politica di Sicurezza - come previsto nella decisione del 23.3.2001 che fissa, fra l’altro, il trattamento economico degli END distaccati agli stesi viene riconosciuta la corresponsione di un rimborso forfettario a titolo di indennità di soggiorno (indennità giornaliere e mensili) per le spese di sussistenza.

A tal proposito, l’art. 16 e ss. della citata Decisione dell’Alto Rappresentante per gli Affari Esteri e la Politica di Sicurezza del 23.3.2011 prevede che le suindicate indennità sono destinate a coprire, su base forfettaria, le spese di soggiorno degli END nei luoghi in cui vengono distaccati e non hanno natura retributiva.

Tuttavia nei paesi in cui il carovita è particolarmente rilevante le suindicate indennità di soggiorno non sono sufficienti a coprire le spese di sussistenza degli END e per tale ragione sono, pertanto, previste dallo stato di origine del pubblico dipendente indennità aggiuntive a carattere accessorio finalizzate ad integrare quella di soggiorno per far fronte al sostentamento del dipendente.

In particolare, per i dipendenti della Polizia di Stato è prevista un’indennità sotto forma di “assegno di lungo servizio all’estero – ALSE – corrisposta in misura mensile ragguagliata a 30 diarie intere.

Qualora l’ALSE non fosse sufficiente in relazione alle particolari condizioni di servizio, alla situazione familiare e al costo della vita, è riconosciuta, altresì, al personale della Polizia di Stato (come per tutti i corpi di polizia) una “indennità speciale” (IS).

L’END ha, quindi, diritto a percepire le indennità di soggiorno riconosciute e versate in applicazione della decisione dell’Alto Rappresentante dell’Unione per gli Affari Esteri e la Politica di Sicurezza del 23.3.2011 nonché le indennità accessorie previste dallo Stato italiano per le Forze di Polizia ovvero l’ALSE e dell'IS di cui all'articolo 1808 D.Lgs 66 del 2010 (la cui applicazione è stesa dall'art. 2164 anche agli appartenenti alla Polizia di Stato e alle Forze di polizia a ordinamento militare).

In particolare l’art. 1808 del D.Lgs. n. 66/2010 prevede che “al personale dell’Esercito Italiano, della Martina Militare e dell’Aeronautica Militare destinato isolatamente a prestare servizio per un periodo superiore a sei mesi presso delegazioni o rappresentanze militari nazionali costituite all’estero, ovvero presso enti, comandi od organismi internazionali,  dai quali non sono corrisposti stipendi o paghe, competono, oltre allo stipendio e agli altri assegni a carattere fisso e continuativo previsti per l’interno: a) un assegno di lungo servizio all’estero in misura mensile  ragguagliata a 30 diarie intere come stabilito dalle norme in vigore per il paese di destinazione; b) un’indennità speciale eventualmente riconosciuta se l’assegno di lungo servizio all’estero non è ritenuto sufficiente in relazione a particolari condizioni di servizio, in misura da fissarsi con decreto del Ministro della difesa, di concerto con i Ministri degli affari esteri e dell’economia e delle finanze, sentita la commissione permanente di finanziamento di cui all’articolo 172 del decreto del Presidente della repubblica 5 gennaio 1967, n. 18; c) il rimborso delle spese effettivamente sostenute per il trasporto con i mezzi usuali e più economici del bagaglio e per la spedizione di mobili e masserizie secondo le misure vigenti per i dipendenti dello Stato, fatte salve le disposizioni dettate in sede di Unione europea. 2. L’assegno di lungo servizio e l’indennità speciale hanno natura accessoria e sono erogati per compensare disagi e rischi collegati all’impiego, obblighi di reperibilità e disponibilità ad orari disagevoli, nonché in sostituzione dei compensi per il lavoro straordinario. Eventuali particolari indennità o contributi alle spese connesse alla missione, direttamente corrisposti ai singoli dai predetti enti, comandi od organismi, sono detratti dal trattamento di cui al comma 1. 3. L’assegno di lungo servizio all’estero compete dal giorno successivo a quello di arrivo nella sede di servizio all’estero a quello di cessazione dalla destinazione. Le disposizioni  di cui all’art. 1808 si applicano anche agli appartenenti alla Polizia di Stato e alle Forze di Polizia a ordinamento militare”.

Alla luce della esaminata normativa risulta evidente che le indennità di cui agli art. 1808 D.Lgs 66 del 2010 (ALSE e IS) hanno diversa finalità rispetto alle indennità di soggiorno, sono infatti erogate in relazione a particolari condizioni di servizio, al costo della vita etc., allorquando quelle già erogate non siano sufficienti e adeguate alle effettive esigenze di vita nella nuova sede di servizio.

Più specificamente l’indennità prevista alla lettera a) del comma 1 dell’art. 1808 del citato D.lgs. – ALSE – va riconosciuta per differenza rispetto alla indennità giornaliera di soggiorno erogata dall’organismo internazionale in applicazione dell’art. 16, paragrafo 1, della decisione del 23/03/2011.

Invece l'indennità speciale (art. 1808, c. 1 lett. b) - da riconoscersi in misura da fissarsi con decreto del Ministro per la difesa di concerto con i Ministri per gli Affari Esteri e per il Tesoro, sentita la commissione permanente di finanziamento di cui all'articolo 172 del decreto del Presidente della Repubblica 5 gennaio 1967, n. 18 - è dovuta in relazione alle particolari condizioni esistenti nel paese di destinazione e al costo della vita particolarmente alto.

Le invocate indennità, infatti, si cumulano a quelle riconosciute specificamente all’END che lavora presso Enti della Comunità Europea, ai sensi dell’art. 16 della decisione dell’Alto Rappresentante (che sono l’indennità di soggiorno giornaliera, pari ad € 127,65 e l’indennità di soggiorno mensile). Ferma restando la possibilità di detrarre tra loro le indennità che hanno la stessa finalità.

Quanto detto trova conferma nel paragrafo 5 dell’art. 16 della più volte citata decisione del 23/03/2011 che prevede “In occasione dello scambio di lettere di cui all’art. 1, paragrafo 6, il dipartimento per le risorse umane viene informato dal datore di lavoro dell’END in merito ad eventuali indennità analoghe a quelle di cui al paragrafo 1 e 2 del presente articolo percepite dall’END. Gli importi di tali indennità vengono detratti dalle corrispondenti indennità versate” dall’organismo internazionale.

Non sussiste, pertanto, alcun motivo per il quale l’END non debba beneficiare delle indennità accessorie riconosciute agli altri funzionari dipendenti pubblici dello stato italiano, in caso di missione all’estero.

 Pertanto il richiedente parere END – Esperto Nazionale Distaccato pur percependo la corresponsione di un rimborso forfettario a titolo di indennità di soggiorno (indennità giornaliere e mensili) per le spese di sussistenza, può richiedere, in costanza dei chiariti presupposti, la liquidazione dell’ALSE e dell’I.S.  di cui agli art. 1808, comma 1 e art. 2164 del D.lgs. n. 66/2010.

In particolare, nella domanda dovrà individuare puntualmente le ragioni sottese alla richiesta di attribuzione delle indennità in citate, ovvero l’ALSE e dell'IS, evidenziando ad esempio che il carovita nel paese di destinazione  è nettamente superiore a quello dell’Italia, oltre ad altre comprovate difficoltà quali ad esempio: le spese di trasloco, la necessità di trovare un domicilio adeguato, la necessità di pagare l’utenza telefonica privata per esigenze di servizio, la necessità di acquistare e mantenere, a proprie spese un computer portatile, un cellulare, la necessità di sostenere spese per poter fruire del Servizio Sanitario del paese di destinazione, la necessità di effettuare frequenti spostamenti per esigenze di servizio, non rimborsati, la necessità di provvedere, a proprio carico, alle spese relative ai pasti, stante l’assenza di una mensa di servizio o di buoni pasto, la necessità di sostenere il costo per raggiungere la propria città di residenza etc...

Orbene in caso di mancata risposta ovvero di risposta negativa sarà necessario adire il T.A.R. Lazio Roma per impugnare il provvedimento di diniego e per chiedere l’accertamento del diritto del ricorrente a percepire l’Assegno di lungo servizio (ALSE) e l’indennità speciale (IS) di cui agli art. 1808, comma 1 e art. 2164 del D.lgs. n. 66/2010 dal momento del distacco fino al termine dello stesso.

Dal quadro fattuale e normativo sopra delineato e pur in assenza di formante giurisprudenziale, sia positivo che negativo, esprimo parere positivo in ordine alla presentazione della domanda di liquidazione dell’ALSE e dell’I.S.  di cui all’oggetto.

Avv. Leonardo Sagnibene  

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

L'obiezione di coscienza dei medici anestesisti

Parere in merito all'obiezione di coscienza di un medico anestesista rispetto alla visita per un intervento di interruzione volontaria di gravidanza

Continua

L'ipotesi di silenzio di cui all’art.8 DPR 339/82

Transito del dipendente di Polizia Stato non idoneo nei ruoli civili dell'Amministrazione per silenzio assenso di cui all'art. 8 del DPR 339/1982

Continua

L`aspettativa per assegno di ricerca

Parere sulla possibilità di richiedere l’aspettativa per la sottoscrizione di un contratto per “assegno di ricerca” presso Università Straniere

Continua

L'attività libero professionale dei docenti MIUR

Parere in merito all'incompatibilità dell’attività libero professionale di un docente rispetto allo svolgimento dell’attività libero professionale

Continua

La sospensione del nulla osta della scuola guida

Possibile impugnativa di un provvedimento di sospensione del nulla osta per 30 giorni per l’effettuazione di corsi di recupero punti sulla patente

Continua

Il servizio preruolo degli insegnanti

Parere in merito alla richiesta di riconoscimento come servizio di ruolo dell’intero servizio di insegnamento non di ruolo degli insegnati

Continua

La video sorveglianza del territorio comunale

Parere in merito alla video sorveglianza del territorio comunale per il contrasto dell’abbandono dei rifiuti

Continua

Ricongiungimento familiare del personale militare

Ecco qual è la normativa in merito al trasferimento per ricongiungimento familiare del personale militare

Continua

Ordine di servizio orale del dirigente scolastico

Impugnativa di una sanzione disciplinare per il mancato rispetto dell’ordine di servizio orale dalla dirigente scolastica ad un’insegnate di sostegno

Continua

Assegno di ricerca per il personale militare

Parere in merito al periodo di aspettativa per la sottoscrizione di un contratto per “assegno di ricerca” da parte del personale militare

Continua

Valutazione del servizio nella scuola paritaria

Parere in merito possibilità di richiedere il riconoscimento del servizio prestato nelle scuole paritarie ai fini della mobilità territoriale

Continua

Concorso a cattedra 2018

Parere sulla possibilità di impugnare il bando del concorso a cattedra 2018 per i dottori di ricerca non abilitati

Continua

Trasferimento dei militari, ricongiungimento familiare

Trasferimento per ricongiungimento familiare di due militari coniugati appartenenti a diverse Amministrazioni del comparto Difesa

Continua

Trasformazione di un B&B in affittacamere

Parere in merito alla trasformazione di un B&B in affittacamere nel Comune di Anancapri in assenza del certificato di agibilità

Continua

Posizione del proprietario rispetto all’abuso edilizio commesso dall’inquilino

Gli obblighi del proprietario rispetto all’abuso edilizio commesso dall’inquilino in zona vincolata

Continua

Trasferimento di un Sergente dell’Esercito per ricongiungimento alla coniuge agente di polizia

La disciplina del trasferimento di un Sergente dell’Esercito per ricongiungimento

Continua

La posizione degli idonei delle graduatorie AA.SS.LL.

Prevalenza dell’utilizzazione delle graduatorie AA.SS.LL. rispetto all’indizione di un concorso .

Continua

Accesso al ruolo di Agente di Polizia Municipale per gli aspiranti con lenti intraoculari ICL

Accesso ai ruolo di Agente di Polizia Municipale per gli aspiranti con lenti intraoculari ICL

Continua

Graduatorie di circolo ed istituto e controlli sulle dichiarazioni

L'impugnativa della risoluzione anticipata del contratto di lavoro sottoscritto da un collaboratore scolastico supplente per irregolarità della posizione previdenziale

Continua

Il diritto di prelazione dello I.A.C.P. sulla vendita degli alloggi

La vendita un alloggio di edilizia residenziale pubblica decorsi 10 anni dall'acquisto a seguito del mancato esercizio del diritto di prelazione da parte dello I.A.C.P.

Continua

L'accertamento del diritto al mantenimento dei figli maggiorenni

La possibilità per un genitore di richiedere al Tribunale territorialmente competente l’accertamento negativo del diritto al mantenimento dei figli maggiorenni

Continua

Ricorso contro il rigetto della domanda di assegno di invalidità

Ricorso amministrativo avverso il provvedimento di rigetto della domanda di assegno ordinario di invalidità nelle gestione FPLD

Continua

Vincolo di permanenza quinquennale nella sede di prima nomina: deroghe

Deroga al vincolo di permanenza quinquennale nelle sede di prima nomina a seguito della vincita di un concorso da parte di una candidata coniugata con un militare

Continua